Collocamento transfrontaliero di un minore, compresa la famiglia affidataria

Austria
Contenuto fornito da
European Judicial Network
Rete giudiziaria europea (in materia civile e commerciale)

1 La legislazione nazionale impone una consultazione preventiva e l'ottenimento del consenso prima del collocamento transfrontaliero di un minore? Indicare le eventuali eccezioni

1. Trasferimento all’estero

Nel caso di affidamento congiunto, i due affidatari, in linea di principio, sono tenuti a stabilire di comune accordo anche il luogo di residenza. Tale principio del mutuo accordo si applica senza limitazioni, vale a dire anche nel caso in cui il minore effettui un trasferimento all’interno dell’Austria, soprattutto se questo comporta un cambiamento significativo della sua vita. Inoltre, in particolare nel caso di un trasferimento di residenza all’estero, il genitore che intende trasferirsi fuori dai confini nazionali avrà bisogno del consenso dell’altro o dell’approvazione del tribunale, il quale deve tener conto sia del benessere del bambino che degli interessi dei genitori.

Nel caso di affidamento esclusivo, a seguito di decisione del tribunale o di accordo, il genitore affidatario ha il diritto esclusivo di determinare il luogo di residenza, in conformità all’articolo 162, comma 2, dell’Allgemeines bürgerliches Gesetzbuch (ABGB) (codice civile generale austriaco). Di conseguenza, per i trasferimenti all’interno dei confini austriaci non è necessaria alcuna approvazione.

Tuttavia, secondo l’attuale giurisprudenza applicabile in tali circostanze – soprattutto quando il trasferimento di residenza del bambino sia una questione importante — il genitore affidatario è tenuto a informare anche l’altro genitore e a tenere conto del benessere del bambino. Inoltre, un cambio di residenza non dovrebbe incidere significativamente sull’esercizio della potestà genitoriale da parte dell’altro genitore. Questa limitazione si applica in particolare nel caso di un trasferimento all’estero.

Lo stesso vale per i genitori affidatari che hanno l’affidamento; tuttavia, questa circostanza si verifica raramente nella pratica, poiché l’affidamento resta di solito in capo all’autorità preposta al benessere dei giovani.

2. Collocamento in un istituto o presso genitori affidatari

Il collocamento con il consenso del o dei soggetti affidatari (il più delle volte i genitori) non richiede alcuna azione ulteriore. Il collocamento senza il consenso del o dei soggetti affidatari è tuttavia soggetto al controllo giudiziario del tribunale, in quanto misura d’urgenza ai sensi della legge.

2 Se sono richiesti la consultazione e il consenso preventivi, quale autorità deve essere consultata e dare il consenso?

Cfr. domanda n. 1.

3 Descrivere brevemente la procedura di consultazione e ottenimento del consenso (compresi i documenti richiesti, i termini, le modalità della procedura e gli altri dettagli pertinenti)

La procedura di consultazione deve essere indirizzata al tribunale o alla Kinder- und Jugendhilfeträger (autorità preposta al benessere dei giovani) competente attraverso l’autorità centrale. Se la procedura di consultazione è affidata a un’autorità preposta al benessere dei giovani, si applicano le condizioni seguenti:


Condizioni

Documenti richiesti

Magistrat der Stadt Wien (autorità comunale della città di Vienna)

Amt für Jugend und Familie (ufficio per la gioventù e la famiglia)

Gruppe Recht (servizi legali)

Rüdengasse 11

1030 Vienna, Austria

  • Necessaria per il benessere del minore
  • L’autorità richiedente accetta di sostenere i costi

Riferimento all’articolo 46 della Internationales Familienrechtsverfahrensgesetz (IntFamRVG, legge sulla procedura in materia di diritto di famiglia internazionale)

Amt der Ober-österreichischen Landesregierung (ufficio del governo regionale dell’Alta Austria)

Direktion Gesellschaft, Soziales und Gesundheit

(dipartimento società, affari sociali e salute)

Abteilung Kinder- und Jugendhilfe (dipartimento per il sostegno ai minori e ai giovani)

Bahnhofplatz 1

4021 Linz, Austria

kjh.post@ooe.gv.at

https://www.kinder-jugendhilfe-ooe.at/

  • Necessaria per il benessere del minore
  • Accordo per sostenere i costi
  • Disponibilità di un istituto
  • Consenso dell’istituto specifico
  • Status di residenza prestabilito
  • Chiara divisione delle responsabilità tra lo Stato membro richiedente (tipo, entità e pagamento) e lo Stato membro che riceve la richiesta (controllo dell’istituto)
  • Riconoscimento degli standard professionali dell’Alta Austria da parte dell’autorità richiedente
  • Indicazione dell’autorità competente dello Stato membro richiedente e delle informazioni di contatto
  • Istituto in cui il minore sarà collocato (indirizzo)
  • Scheda contenente dati sul minore, sui genitori, su fratelli e sugli affidatari
  • Panoramica dell’assistenza fornita finora con l’educazione
  • Tipologia e motivi del collocamento proposto
  • Risultati, diagnosi, rapporti, valutazioni
  • Verbale dell’audizione con il minore
  • Sintesi dei diritti di contatto dei genitori biologici
  • Consenso formale del o dei soggetti titolari del diritto di affidamento
  • Prova dell’assicurazione sanitaria o della copertura sociale esistente

Amt der Salzburger Landesregierung (ufficio del governo regionale di Salisburgo)

Referat Kinder- und Jugendhilfe (unità per il sostegno ai minori e ai giovani)

Fanny-von-Lehnert-Strasse 1

Postfach 527

5010 Salisburgo, Austria

soziales@salzburg.gv.at

  • Accordo dell’istituto di collocamento
  • Accordo scritto per l’assunzione dei costi da parte dell’autorità richiedente
  • Consenso del tutore e dell’autorità preposta al benessere dei giovani locale competente in caso di collocamento
  • Indicazione dell’autorità competente dello Stato membro richiedente e delle informazioni di contatto
  • Istituto in cui il minore sarà collocato (indirizzo, informazioni di contatto)
  • Scheda contenente dati sul minore, sui genitori, su fratelli e sugli affidatari
  • Panoramica dell’assistenza fornita finora con l’educazione
  • Informazioni sui motivi del collocamento proposto, comprese la storia del caso e una descrizione del problema
  • Risultati di visite, diagnosi, valutazioni mediche/psichiatriche
  • Verbale dell’audizione con il minore
  • Sintesi dei diritti di contatto dei genitori biologici
  • Consenso formale del soggetto titolare del diritto di affidamento
  • Decisioni del tribunale
  • Modulo E109 (prova dell’assicurazione sanitaria) o prova della copertura sociale esistente
  • Copia della carta elettronica del minore
  • Data di collocamento e durata prevista

Amt der Steiermärkischen (ufficio del governo regionale della Stiria)

A11 Fachabteilung (dipartimento per la politica A11) — Soziales und Arbeit, Referat Kinder- und Jugendhilfe (unità affari sociali e lavoro, supporto ai bambini e giovani), Bereich Recht und Gewaltschutz (team per la legge e la tutela contro la violenza)

Hofgasse 12/1/115

8010 Graz, Austria

abteilung11@stmk.gv.at

  • Necessaria per il benessere del minore
  • Lo Stato membro richiedente accetta di sostenere i costi
  • Consenso dato dai tutori legali
  • Decisioni del tribunale
  • Risultati medici
  • Relazione di consegna da parte dell’autorità richiedente competente (storia, situazione sociale e familiare attuale, descrizione dei problemi e delle risorse, conclusioni e previsioni dell’assistente sociale, raggiungimento degli obiettivi, breve valutazione)

Amt der Tiroler Landesregierung (ufficio del governo regionale del Tirolo)

Abteilung Kinder und Jugendhilfe (dipartimento per il sostegno ai minori e ai giovani)

Leopoldstrasse 3

6020 Innsbruck, Austria

  • Lo Stato membro richiedente accetta di sostenere i costi
  • Consenso dell’istituto
  • Il piano di sostegno, la storia del caso e la descrizione del problema sono assolutamente fondamentali.

- dati del minore

- dati dei genitori

- dati dei fratelli

- soggetto titolare del diritto di affidamento

- sostegno fornito finora

  • Eventuali rapporti, valutazioni psicologiche pertinenti, ecc.
  • Consenso scritto dei soggetti titolari del diritto di affidamento
  • Comprovato consenso da parte del minore collocato fuori dalla famiglia – a meno che un’audizione non sembri inappropriata a causa dell’età del bambino o del suo (comprovato) grado di maturità
  • Prova dell’assicurazione sanitaria del minore
  • Copia del documento d’identità del minore
  • Consenso scritto dell’istituto di collocamento
  • Motivi forniti:

- perché proprio questo istituto?

- se del caso, la ragione del bisogno urgente di assistenza

  • Data di inizio e durata prevista dell’assistenza
  • Situazione futura del minore al ritorno

Amt der Vorarlberger Landesregierung (ufficio del governo regionale di Vorarlberg)
Landhaus
Römerstrasse 15
6901 Bregenz, Austria

Abteilung Soziales und Integration (dipartimento affari sociali e integrazione)

soziales-integration@vorarlberg.at

  • Consenso dell’istituto di collocamento/famiglia affidataria
  • Accordo per sostenere i costi
  • Autorità richiedente competente e informazioni di contatto
  • Istituto/famiglia adottiva desiderati (indirizzo)
  • Dati del minore e dei genitori
  • Decisione di affidamento con l’annotazione: Con il collocamento di ...in ..., la responsabilità della cura e dell’educazione è trasferita all’istituto/famiglia affidatari.
  • Sostegno fornito finora con l’educazione
  • Motivi del collocamento; Accordo sul piano di sostegno; Prospettive future
  • Risultati/diagnosi dello psichiatra/psicologo dell’età infantile e adolescenziale

Osservazioni

  • Audizione del minore
  • Consenso dei soggetti titolari del diritto di affidamento
  • Prova dell’assicurazione sanitaria

Amt der Niederösterreichischen Landesregierung (ufficio del governo regionale della Bassa Austria)

Gruppe Gesundheit und Soziales (salute e affari sociali)

Abteilung Jugendwohlfahrt (dipartimento preposto al benessere dei giovani)

Landhausplatz 1,

3109 St. Poelten, Austria

  • Necessarie per il benessere del bambino e/o è presente una persona di riferimento in Bassa Austria per il benessere del bambino
  • Accordo scritto per l’assunzione dei costi
  • Collocamento adeguato fuori dalla famiglia
  • Accordo dell’istituto specifico
  • Riconoscimento degli standard professionali della Bassa Austria
  • Revisione regolare del piano di sostegno, compresi gli obiettivi educativi, da parte dell’autorità richiedente
  • Dichiarazione di una persona da contattare nel caso in cui sia necessario porre fine alla misura
  • Rapporti attuali sullo sviluppo fisico, emotivo, sociale, scolastico/professionale
  • Risultati medici attuali
  • Copia dei documenti essenziali per il minore, carta elettronica
  • Informazioni sulle terapie farmacologiche
  • Piano di sostegno, compreso il sostegno fornito finora
  • Descrizione del problema, diagnosi socio-psicologica, definizione degli obiettivi, durata e previsione della misura
  • Verbale dell’audizione del minore in relazione alla misura prevista
  • Consenso scritto del soggetto titolare del diritto di affidamento
  • Accordo sulle modalità di organizzazione dei potenziali diritti di visita

Amt der Burgenländischen Landesregierung (ufficio del governo regionale del

Burgenland)

Landesregierung

Abteilung 6 – Soziales, Gesundheit, Familie, Sport (dipartimento 6 –

affari sociali, salute, famiglia, sport)

Europaplatz 1,

7000 Eisenstadt, Austria

  • Necessaria per il benessere del minore
  • Accordo per sostenere i costi
  • Consenso dell’istituto o del tutore
  • Specificazione dell’autorità competente e dichiarazione di competenza
  • Dati del minore
  • Informazioni sul problema in questione (motivo del collocamento, obiettivi, risultati, valutazioni, certificati, decisioni del tribunale)
  • Consenso scritto dei soggetti titolari del diritto di affidamento

4 Che cosa si intende per "famiglia affidataria" ai sensi del diritto nazionale?

Nel diritto austriaco è opportuno sottolineare due aspetti relativi al concetto di “genitore affidatario”. Laddove si intenda la responsabilità genitoriale, i genitori affidatari sono le persone che (in parte o del tutto) si occupano della cura e dell’educazione del minore e con le quali esiste o si prevede un rapporto simile a quello tra genitori biologici e figli (articolo 184 dell’ABGB). Le condizioni e le misure per verificare a quali persone (o coppie) le autorità preposte al benessere dei giovani possono affidare (solo) la cura e l’educazione sono stabilite nelle leggi di ciascuna delle nove regioni austriache.

5 Il concetto di "famiglia affidataria" comprende anche i parenti? In caso di risposta affermativa, quali?

Nella legislazione austriaca, il concetto di “genitore affidatario” può essere intenzionalmente interpretato in modo molto ampio. A parte i nonni, che godono di uno status speciale ai sensi dell’articolo 178 dell’ABGB, qualsiasi (altro) parente può essere un genitore affidatario se si prende cura del bambino e lo cresce (in parte o del tutto) e se, come minimo, ha l’intenzione di stabilire un rapporto figlio-genitore vicino a quello di un genitore biologico. Le leggi di ciascuna delle nove regioni austriache stabiliscono anche se tali persone siano soggette a controlli da parte delle autorità preposte al benessere dei giovani. In generale, i parenti stretti come i nonni e i fratelli dei genitori sono esenti da tali controlli.

Ultimo aggiornamento: 28/01/2022

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata al rispettivo punto di contatto della Rete giudiziaria europea (RGE). Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea e l'RGE declinano ogni responsabilità per quanto riguarda le informazioni o i dati contenuti nel presente documento. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.