La versione originale in lingua olandese di questa pagina è stata modificata di recente. La versione linguistica visualizzata è attualmente in fase di traduzione.
Swipe to change

Collocamento transfrontaliero di un minore, compresa la famiglia affidataria

Paesi Bassi
Contenuto fornito da
European Judicial Network
Rete giudiziaria europea (in materia civile e commerciale)

1 Quale autorità deve essere consultata e dare il suo consenso preliminare prima del collocamento transfrontaliero di un minore?

Per il collocamento di un minore in un altro Stato membro nei Paesi Bassi l'Autorità centrale deve dare il beneplacito. Essa consulta un operatore sociale affinché svolga un'indagine sull'idoneità della famiglia affidataria presso la quale si prevede il collocamento.

2 Descrivere brevemente la procedura di consultazione e ottenimento del consenso (compresi i documenti richiesti, i termini, le modalità della procedura e gli altri dettagli pertinenti) del collocamento transfrontaliero di minori nel vostro territorio.

Se intende collocare un minore nei Paesi Bassi, il giudice di un altro Stato membro deve trasmettere una richiesta motivata all'Autorità centrale. La richiesta deve essere corredata di una relazione sul minore. L'Autorità centrale consulta quindi un operatore sociale affinché svolga un'indagine sull'idoneità della famiglia affidataria presso la quale si prevede il collocamento. Il Consiglio per la tutela dell'infanzia svolge un'indagine su richiesta dell'Autorità centrale per accertare che non sussistano obiezioni.

3 Il vostro Stato membro ha deciso che il consenso non è necessario per i collocamenti transfrontalieri di minori nel vostro territorio nel caso in cui il minore deve essere collocato presso determinate categorie di prossimi congiunti? Se sì, quali sono le categorie di prossimi congiunti?

No, non esistono eccezioni all'esigenza di previa approvazione. Per tutti i collocamenti presso persone diverse dai genitori del minore deve essere seguita la procedura di approvazione.

4 Il vostro Stato membro dispone di accordi o disposizioni per semplificare la procedura di consultazione per ottenere l'approvazione del collocamento transfrontaliero di minori?

No.

Ultimo aggiornamento: 09/05/2023

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata al rispettivo punto di contatto della Rete giudiziaria europea (RGE). Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea e l'RGE declinano ogni responsabilità per quanto riguarda le informazioni o i dati contenuti nel presente documento. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.