Assumere prove mediante videoconferenza

Bulgaria
Contenuto fornito da
European Judicial Network
Rete giudiziaria europea (in materia civile e commerciale)

1 È possibile assumere prove tramite videoconferenza con la partecipazione di un’autorità giudiziaria dello Stato membro richiedente, o direttamente da parte di un’autorità giudiziaria dello Stato membro richiedente? In caso affermativo, quali sono le procedure o leggi nazionali applicabili?

Sì, è possibile assumere prove secondo entrambe le modalità. Le procedure sono sviluppate su base ad hoc. La legislazione bulgara non prevede disposizioni in materia di videoconferenza, tuttavia non la vieta nemmeno. Le richieste di assunzione di prove, anche mediante videoconferenza, sono presentate al tribunale distrettuale nella cui competenza deve essere effettuata tale assunzione [articolo 617, primo comma, del Grazhdanski protsesualen kodeks (GPK, codice di procedura civile) del 2008]. In Bulgaria il tribunale provinciale avente competenza territoriale per il luogo presso il quale si devono assumere direttamente le prove è competente per consentire tale assunzione diretta delle prove (articolo 617, secondo comma, del GPK del 2008). L'organo giurisdizionale competente viene individuato utilizzando lo strumento di ricerca disponibile nel portale europeo della giustizia elettronica/nell'Atlante giudiziario europeo. Una richiesta deve contenere dettagli quali il nome e l'indirizzo delle parti del procedimento, la natura e l'oggetto della controversia, una descrizione dell'assunzione delle prove da effettuare, ecc. Occorre utilizzare i seguenti moduli: modulo A: richiesta di assunzione di prove (ai sensi degli articoli da 10 a 12); modulo I: richiesta di assunzione diretta di prove (ai sensi dell'articolo 17). La Bulgaria non mantiene in vigore e non ha concluso accordi o intese con altri Stati membri dell'UE per facilitare l'assunzione di prove compatibili con il regolamento (CE) n. 1206/2001. L'applicazione del regolamento (CE) n. 1206/2001 prevale sugli accordi conclusi dalla Bulgaria con altri Stati membri per quanto riguarda l'assunzione delle prove in materia civile e commerciale.

2 Vi sono restrizioni relative alla categoria di persone che possono essere sentite in videoconferenza? Ad esempio, possono essere interrogati solo testimoni o anche altre persone, quali esperti o parti in causa?

No, non vi sono restrizioni di questo tipo. Il codice di procedura civile bulgaro, a differenza del Nakazatelen protsesualen kodeks (NPK, codice di procedura penale), non contiene disposizioni specifiche in materia di assunzione di prove tramite videoconferenza e l'organo giurisdizionale pertinente nella cui competenza deve essere effettuata l'assunzione di prove ha la facoltà di decidere quali persone devono essere escusse in tal modo (articolo 617, primo e secondo comma, del GPK). Conformemente al GPK, è possibile escutere tanto testimoni ed esperti quanto le stesse parti in causa. I minori possono essere escussi soltanto in presenza del loro rappresentante legale e non possono essere esaminati se hanno meno di 10 anni [articolo 15 della Zakon za zakrila na deteto (legge sulla protezione dei minori)].

3 Quali sono le eventuali restrizioni sul tipo di prove che possono essere acquisite tramite videoconferenza?

No, non vi sono disposizioni che impongono tali restrizioni. Se l'autorità giudiziaria richiedente o l'autorità giudiziaria richiesta non ha accesso ad attrezzature di videoconferenza, queste ultime possono essere fornite agli organi giurisdizionali mediante accordo.

4 Esistono restrizioni circa il luogo in cui la persona dev’essere sentita in videoconferenza? Deve trattarsi di un tribunale?

Di norma le persone sono solitamente escusse presso l'edificio dell'organo giurisdizionale competente, ai sensi dell'articolo 163, primo comma, del GPK. Per motivi importanti, l'esame può in alternativa essere svolto al di fuori dell'edificio dell'organo giurisdizionale, a condizione che sia disponibile l'attrezzatura tecnica per l'assunzione di prove in videoconferenza, nonché previa convocazione delle parti in causa.

5 È consentito registrare le audizioni mediante videoconferenza? In caso affermativo, è disponibile l’apposita apparecchiatura?

Udienze in videoconferenza possono aver luogo soltanto con il consenso delle parti (articolo 148 del GPK). Soltanto il gruppo che effettua la videoconferenza ha il diritto di registrare l'udienza. L'organo giurisdizionale avente competenza per l'udienza ha la facoltà di decidere se un'udienza in videoconferenza deve essere registrata. È possibile effettuare una registrazione audio dell'udienza. Tale registrazione audio è memorizzata su un supporto dati che costituisce parte del materiale incluso nel fascicolo.

6 In quale lingua devono essere svolte le audizioni a) in caso di richieste presentate ai sensi degli articoli 10, 11 e 12 e b) in caso di assunzione diretta di prove ai sensi dell’articolo 17?

Tutti gli organi giurisdizionali bulgari conducono le udienze nella loro lingua ufficiale (ossia in lingua bulgara) e, se necessario, viene fornito un interprete. In caso di richieste di assunzione indiretta di prove ai sensi degli articoli da 10 a 12, si utilizza la lingua dell'autorità giudiziaria richiesta. In caso di richieste di assunzione diretta di prove ai sensi dell'articolo 17, si utilizza la lingua dell'autorità giudiziaria richiedente nel rispetto delle condizioni stabilite dal tribunale provinciale competente.

7 A chi spetta la responsabilità di procurare gli interpreti, in caso di necessità, in entrambi i tipi di audizione? In quale luogo devono operare gli interpreti?

La legislazione bulgara non disciplina questa materia. Gli interpreti sono forniti su base ad hoc e, a tal fine: l'autorità giudiziaria richiedente garantisce la presenza di un interprete per la persona da escutere, se necessario. Nella richiesta, l'autorità giudiziaria richiedente specifica la lingua da utilizzare e informa l'autorità giudiziaria richiesta. L'autorità giudiziaria richiedente e l'autorità giudiziaria richiesta, se del caso, possono chiedere che il procedimento giudiziario si svolga in tutto o in parte in una lingua straniera. Su richiesta dello Stato membro richiedente o della persona da escutere, lo Stato membro richiesto garantisce la presenza di un interprete, se necessario.

8 Quali procedure si applicano alle intese relative alle audizioni e per quanto riguarda l’obbligo di notificare alle persone da sentire la data e il luogo del procedimento? Al momento di fissare la data dell’audizione, quanto tempo occorre prevedere affinché la persona da sentire possa essere informata con sufficiente anticipo?

Quanto tempo occorre prevedere affinché la persona da sentire possa essere informata con sufficiente anticipo? La legge bulgara non disciplina specificamente questa materia, tuttavia dovrebbero essere applicate le norme generali ai sensi del GPK in materia di svolgimento di udienze giudiziarie e di notificazione o comunicazione a testimoni, parti ed esperti dell'avviso di convocazione. Alle persone va concesso un preavviso sufficiente che deve essere di almeno sette giorni prima della data prevista per l'udienza (articolo 56, terzo comma, del GPK). La procedura per lo svolgimento di un esame in videoconferenza è organizzata secondo la legislazione dello Stato richiesto.

9 Quali sono i costi collegati all’uso della videoconferenza e quali le modalità di pagamento?

L'organo giurisdizionale bulgaro non applica diritti per il ricorso alla videoconferenza. L'autorità giudiziaria richiedente garantisce il rimborso degli onorari pagati ad esperti e interpreti e delle spese sostenute per organizzare il collegamento in videoconferenza. Su richiesta dell'autorità giudiziaria richiesta, l'autorità giudiziaria richiedente dovrebbe garantire il rimborso dei costi derivanti dall'uso di attrezzature di videoconferenza.

10 Quali sono gli eventuali requisiti applicabili per garantire che la persona sentita direttamente dall’autorità giudiziaria richiedente sia a conoscenza del fatto che l’assunzione delle prove viene eseguita su base volontaria?

Il diritto processuale bulgaro prevede disposizioni specifiche in materia. In linea di principio, le richieste di assunzione diretta di prove ai sensi dell'articolo 17 del regolamento (CE) n. 1206/2001 possono essere eseguite soltanto su base volontaria, senza l'applicazione di misure coercitive. All'inizio dell'udienza per l'esame di un testimone, l'organo giurisdizionale bulgaro chiarisce loro i loro diritti e obblighi procedurali se il testimone non è rappresentato da un avvocato. Un testimone da esaminare ha il diritto di rifiutarsi di testimoniare ai sensi dell'articolo 166 del GPK.

11 Quali procedure si applicano per verificare l’identità della persona da sentire?

Si applica la legge dello Stato richiesto. Ai sensi dell'articolo 170 del GPK, se una persona è esaminata in qualità di testimone o esperto, la sua identità è stabilita producendo un documento di identificazione personale, si chiariscono informazioni circa la possibilità che tale persona sia interessata e le si ricorda la responsabilità nella quale può incorrere ai sensi di legge in caso di falsa testimonianza (articolo 290 del NPK).

12 Quali requisiti si applicano alla prestazione di giuramenti e quali informazioni deve fornire l’autorità giudiziaria richiedente quando è richiesto un giuramento durante l’assunzione diretta di prove ai sensi dell’articolo 17?

Quando le prove vengono assunte direttamente da un'autorità giudiziaria richiedente bulgara ai sensi dell'articolo 17, si applica l'articolo 170, secondo comma, del GPK e il testimone o l'esperto esaminato promette di dire la verità, dopo essere stato avvertito della responsabilità penale in cui può incorrere in caso di falsa testimonianza o di preparazione di una perizia falsa (articoli 290 e 291 dell'NPK).

13 Quali sono le disposizioni in vigore per garantire che nel luogo in cui si svolge la videoconferenza vi sia una persona da contattare a cui l’autorità giudiziaria richiedente possa rivolgersi il giorno dell’audizione per mettere in funzione le apparecchiature di videoconferenza e per risolvere eventuali problemi tecnici?

Gli organi giurisdizionali bulgari dispongono di amministratori di sistema con le competenze informatiche necessarie, i quali possono partecipare agli accordi per la videoconferenza, assolvendo le loro rispettive responsabilità. In caso di problemi tecnici, l'amministratore di sistema mantiene i contatti con l'organo giurisdizionale interessato e garantisce il regolare svolgimento dell'esame in videoconferenza delle persone in questione.

14 Quali eventuali informazioni aggiuntive deve fornire l’autorità giudiziaria richiedente?

Potrebbero essere necessarie ulteriori informazioni tecniche per stabilire il collegamento in videoconferenza tra l'autorità giudiziaria richiedente e l'autorità giudiziaria richiesta.

Ultimo aggiornamento: 30/08/2021

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata al rispettivo punto di contatto della Rete giudiziaria europea (RGE). Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea e l'RGE declinano ogni responsabilità per quanto riguarda le informazioni o i dati contenuti nel presente documento. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.