If my claim is to be sent from this country to another EU country

Information on the procedure for sending a compensation application

If you fell victim to a crime while you were abroad (in an EU country in which you do not live) you can submit the application to the assisting authority of the country in which you live. The assisting authority translates and transmits the application to the deciding authority of the EU country where the crime was committed. The deciding authority is responsible for assessing the application and payment of the compensation.

Here you can find information about the procedure you need to follow to have your application sent from your country of residence to the EU country where the crime was committed. According to EU law, the EU country in which the crime was committed is the one that is responsible for paying the compensation.

In order to find the procedure to follow you should look at information for your country of residence.

Please select the relevant country's flag to obtain detailed national information.

Last update: 08/10/2020

This page is maintained by the European Commission. The information on this page does not necessarily reflect the official position of the European Commission. The Commission accepts no responsibility or liability whatsoever with regard to any information or data contained or referred to in this document. Please refer to the legal notice with regard to copyright rules for European pages.

Se la mia domanda debba essere inviata da questo paese in un altro paese dell'UE - Belgio

Quale autorità mi aiuterà a trasmettere una domanda in un altro paese dell’UE?

a) La Commission pour l’aide financière aux victimes d’actes intentionnels de violence (Commissione per l’aiuto finanziario alle vittime di atti intenzionali di violenza) può assistere le vittime, sia belghe che residenti in Belgio, nelle loro pratiche per ottenere un risarcimento in un altro Stato dell’UE.

Indirizzo:

Commission d’aide financière aux victimes d’actes intentionnels de violence
SPF Justice

Boulevard de Waterloo 115
1000 BRUXELLES

b) In caso di vittime del terrorismo, contattare la “Division Terrorisme” (sezione Terrorismo) in seno alla Commissione di cui sopra.

Indirizzo postale:

Commission d'aide financière aux victimes d'actes intentionnels de violence – Division Terrorisme
SPF Justice

Boulevard de Waterloo 115
1000 BRUXELLES
Indirizzo e-mail: Il link si apre in una nuova finestraterrorvictims@just.fgov.be

Qual è il ruolo delle autorità incaricate di prestare assistenza?

Ai sensi dell’articolo 40 della legge del 1° agosto 1985, in qualità di autorità di assistenza in un caso transfrontaliero, la Commissione è incaricata di:

1° fornire al richiedente le informazioni essenziali sulla possibilità di chiedere un risarcimento nello Stato membro in cui l’atto è stato commesso, oltre a fornirgli i moduli di domanda necessari in base a un manuale messo a punto dalla Commissione europea;

2° fornire al richiedente, su sua richiesta, indicazioni e informazioni generali sulla maniera in cui il modulo deve essere compilato e sui documenti giustificativi che potrebbero essergli richiesti;

3° trasmettere tempestivamente la domanda e i documenti giustificativi all’autorità decisionale dello Stato membro dell’Unione in cui l’atto è stato commesso utilizzando il modulo tipo messo a punto dalla Commissione europea;

4° fornire, ove necessario, al richiedente indicazioni generali per aiutarlo a rispondere a qualsiasi richiesta di informazioni aggiuntive presentata dall’autorità decisionale e, su richiesta del richiedente, trasmettere quanto prima queste informazioni direttamente all’autorità decisionale allegandovi, se del caso, l’elenco dei documenti giustificativi trasmessi;

5° prendere le misure necessarie, qualora l’autorità decisionale decida di ascoltare il richiedente o qualsiasi altra persona, come un testimone o un perito.

Quest’autorità si occuperà di far tradurre i documenti giustificativi se la domanda deve essere tradotta? Se sì, chi paga il servizio?

La questione non si è ancora posta ed è tuttora in esame.

Sono previsti oneri amministrativi o di altro tipo per trasmettere la domanda all’estero?

No.

Ultimo aggiornamento: 14/01/2020

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Se la mia domanda debba essere inviata da questo paese in un altro paese dell'UE - Bulgaria

Quale autorità può aiutarmi a inoltrare una richiesta in un altro paese dell'UE?

МИНИСТЕРСТВО НА ПРАВОСЪДИЕТО НА РЕПУБЛИКА БЪЛГАРИЯ (MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DELLA REPUBBLICA DI BULGARIA)

Национален съвет за подпомагане и компенсация на пострадали от престъпления (Consiglio nazionale per l'assistenza e il risarcimento a favore di vittime di reati)

Indirizzo: 1 Slavyanska Street, Sofia 1040, Repubblica di Bulgaria

Sito web: Il link si apre in una nuova finestrahttps://www.compensation.bg.

Qual è il ruolo dell'autorità di assistenza?

Il Consiglio nazionale per l'assistenza e il risarcimento a favore di vittime di reati chiede assistenza alle autorità competenti di altri paesi nei casi in cui cittadini bulgari siano stati vittime di reati all'estero. Inoltre fornisce assistenza ai cittadini stranieri che risiedono legalmente nella Repubblica di Bulgaria al fine di mettere a disposizione misure di sostegno.

Il Consiglio nazionale assiste i cittadini bulgari che sono stati vittime di reati in un altro Stato membro dell'UE nella compilazione delle domande di risarcimento e trasmette i moduli compilati all'autorità competente dell'altro Stato membro interessato.

L'autorità di assistenza si occupa anche della traduzione dei documenti giustificativi, se la presentazione dell'istanza lo richiede? In caso affermativo, chi sostiene queste spese?

Sì. Il Consiglio nazionale per l'assistenza e il risarcimento a favore di vittime di reati traduce i documenti giustificativi, se necessario. Le vittime di reato non pagano per questa traduzione.

Vi sono spese amministrative o di altra natura da pagare quando una domanda è inviata in un altro paese?

No, non ve ne sono.

Ultimo aggiornamento: 25/07/2022

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Se la mia domanda debba essere inviata da questo paese in un altro paese dell'UE - Repubblica ceca

Quale autorità può aiutarmi a inoltrare una richiesta in un altro paese dell'UE?

Ministerstvo spravedlnosti ČR, Odbor odškodňování (ministero della Giustizia della Repubblica ceca, dipartimento Risarcimenti)

Vyšehradská 16
CZ-128 00
Praga 2

Tel: (420) 221997966
Fax: (420) 221997967

E-mail: Il link si apre in una nuova finestraodsk@msp.justice.cz

Qual è il ruolo dell'autorità di assistenza?

Stabilire un contatto e gestire la comunicazione con l'autorità avente facoltà di decisione.

L'autorità di assistenza si occupa anche della traduzione dei documenti giustificativi, se la presentazione dell'istanza lo richiede? In caso affermativo, chi si assume queste spese?

I documenti saranno tradotti dall'autorità di assistenza a sue spese.

Vi sono spese amministrative o di altra natura da pagare quando una domanda è inviata in un altro paese?

No.

Ultimo aggiornamento: 15/06/2020

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Se la mia domanda debba essere inviata da questo paese in un altro paese dell'UE - Danimarca

Quale autorità può aiutarmi a inoltrare una domanda in un altro paese dell'UE?

L'Erstatningsnævnet (commissione danese per il risarcimento delle vittime di reato).

Qual è il ruolo dell'autorità di assistenza?

In qualità di autorità di assistenza, la commissione danese per il risarcimento delle vittime di reato assiste i richiedenti con la traduzione e la presentazione della domanda in un altro paese dell'UE e, durante i procedimenti, con la traduzione dei documenti ricevuti da un altro paese dell'UE o da trasmettere a un altro paese dell'UE.

Tale autorità si occupa anche della traduzione dei documenti giustificativi se la presentazione dell'istanza lo richiede? In caso affermativo, chi si assume queste spese?

Sì. La commissione danese per il risarcimento delle vittime di reato provvede a contattare un traduttore e sostiene le spese di traduzione dei documenti necessari.

Vi sono spese amministrative o di altra natura da pagare quando la domanda viene inviata all'estero?

No. Tutte le spese comportate dalla presentazione della domanda all'estero sono a carico dalla commissione danese per il risarcimento delle vittime di reato.

Ultimo aggiornamento: 04/05/2022

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Se la mia domanda debba essere inviata da questo paese in un altro paese dell'UE - Germania

Quale autorità può aiutarmi a inoltrare una domanda in un altro paese dell'UE?

Bundesministerium für Arbeit und Soziales (Ministero federale del lavoro e degli affari sociali)
Rochusstr. 1
53123 Bonn

Tel.: +49 228 99527 0
Fax: +49 228 99527 4134

E-Mail: Il link si apre in una nuova finestradub@bmas.bund.de

Per maggiori informazioni si veda:

Il link si apre in una nuova finestraAnspruch auf Entschädigung bei Gewalttaten im europäischen Ausland

Il link si apre in una nuova finestraCompensation for victims of violent crimes committed in another EU Member State

Qual è il ruolo dell'autorità di assistenza?

L'autorità di assistenza presso il Ministero federale del lavoro e degli affari sociali aiuta le vittime di reato residenti in Germania a far valere il loro diritto all'indennizzo nello Stato membro dell'UE in cui è stato commesso il reato.

Le autorità hanno in particolare i seguenti compiti:

  • dare alle vittime di reato informazioni sulle possibilità per richiedere un indennizzo all'estero (in particolare per quanto riguarda lo svolgimento del procedimento nello Stato interessato, i termini della domanda, i requisiti delle prestazioni, i documenti probatori da allegare alla domanda);
  • fornire i moduli per presentare domanda;
  • individuare, nello Stato in cui è stato commesso il reato, l'autorità competente per la domanda di indennizzo;
  • trasmettere alla succitata autorità la domanda di indennizzo corredata dai documenti probatori prodotti;
  • tradurre gratuitamente i documenti e la corrispondenza nella lingua nazionale;
  • seguire l'andamento del procedimento di indennizzo e informarne l'interessato.

Gli Stati membri dell'UE decidono in merito alle domande esclusivamente secondo il proprio diritto nazionale. L'autorità di assistenza tedesca non può influire sul procedimento né sulla decisione dello Stato interessato.

L'autorità di assistenza si occupa anche della traduzione dei documenti giustificativi, ove questa sia necessaria? In caso affermativo, chi si assume le spese?

Il richiedente può trasmettere i documenti occorrenti nella sua lingua nazionale. Questi saranno poi tradotti gratuitamente.

Vi sono spese amministrative o di altra natura da pagare per l'invio della domanda in un altro paese?

Le autorità tedesche non addebitano alcuna spesa. È tuttavia possibile che altri Stati membri dell'UE richiedano il versamento di spese amministrative prima di trattare la domanda.

Ultimo aggiornamento: 16/10/2020

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Se la mia domanda debba essere inviata da questo paese in un altro paese dell'UE - Estonia

Quale autorità può aiutarmi a inoltrare una domanda in un altro paese dell'UE?

Il Comitato delle assicurazioni sociali

Endla 8
15092
TALLINN

Telefono: +372 612 1360
Fax: +372 640 8155

E-mail: Il link si apre in una nuova finestrainfo@sotsiaalkindlustusamet.ee
Sito web: Il link si apre in una nuova finestrahttp://www.sotsiaalkindlustusamet.ee/

Osservazioni:

l'autorità avente facoltà di decisione è il Comitato delle assicurazioni sociali unitamente ai suoi dipartimenti pensionistici locali.

Qual è il ruolo dell'autorità di assistenza?

Fornire assistenza nella compilazione e nella presentazione di domande di risarcimento e documenti giustificativi all'autorità competente di un altro paese.

L'autorità di assistenza si occupa anche della traduzione dei documenti giustificativi, se la presentazione della domanda lo richiede? In caso affermativo, chi sostiene queste spese?

Se una persona si rivolge direttamente all'autorità competente di un altro paese, i costi saranno a carico di tale persona. Se i documenti vengono presentati tramite il Comitato delle assicurazioni sociali, i moduli richiesti saranno compilati e, se necessario, verrà allegata una traduzione non ufficiale. Il servizio di traduzione sarà a carico del Comitato delle assicurazioni sociali.

Vi sono spese amministrative o di altra natura da pagare quando una domanda è inviata in un altro paese?

No.

Ultimo aggiornamento: 28/08/2019

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Se la mia domanda debba essere inviata da questo paese in un altro paese dell'UE - Grecia

Quale autorità mi assisterà per inviare una domanda in un altro paese dell'UE?

L'autorità greca di assistenza.

Λεωφ. Avenue Mesogeion, 96
11527, Αtene

Telefono: 0030 213 130 7056

Indirizzo elettronico: Il link si apre in una nuova finestraassistingauthority@justice.gov.gr
Il link si apre in una nuova finestrahttps://www.ministryofjustice.gr/English/?page_id=762

Qual è il ruolo delle autorità incaricate dell'assistenza?

L'Autorità greca di assistenza può inviare un formulario di domanda da compilare per informarvi su questioni procedurali e sulla legislazione dell'altro Stato. Eventualmente, potrà anche fungere da intermediario per fornire chiarimenti relativamente alla vostra domanda.

L'autorità riceverà la vostra domanda e la trasmetterà alla sua omologa senza esaminarla, e vi terrà informato sul seguito dato alla pratica.

L'autorità collabora con l'Autorità per l'indennizzo dello Stato membro interessato in occasione dell'audizione del richiedente o del terzo e in particolare dei testimoni o degli esperti.

Su richiesta dell'Autorità per l'indennizzo dello Stato membro interessato: a) la assisterà in occasione dell'audizione che si svolge direttamente per telefono o per teleconferenza, conformemente al diritto greco, dando e garantendo l'infrastruttura materiale e tecnica necessaria, o b) svolgerà essa stessa l'audizione, conformemente al diritto greco, successivamente trasmettendo il verbale all'Autorità per l'indennizzo dello Stato membro interessato. In quest'ultimo caso, il verbale dell'audizione, redatto in greco, viene tradotto nella lingua o in una delle lingue ufficiali dello Stato membro o in qualsiasi altra lingua dell'Unione che lo Stato membro ha dichiarato di accettare.

Le spese per l'attività di suddetta Autorità sono a carico del bilancio pubblico greco.

La suddetta Autorità farà tradurre i documenti giustificativi, nel caso in cui la domanda debba essere tradotta? In caso affermativo chi dovrà corrispondere il relativo importo?

Il formulario di domanda e i giustificativi eventualmente necessari vengono tradotti a cura e con spese a carico dell'Autorità greca per l'indennizzo nella lingua o in una delle lingue ufficiali dello Stato membro o nella sede dell'autorità competente per la concessione dell'indennizzo, alla quale sono stati inviati, oppure in qualsiasi altra lingua dell'Unione che lo Stato membro ha dichiarato di accettare.

Occorre pagare oneri amministrativi o oneri di altro tipo per l'invio della domanda all'estero?

No, salvo il caso in cui tali spese siano previste nel paese destinatario della domanda.

Ultimo aggiornamento: 18/04/2022

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Se la mia domanda debba essere inviata da questo paese in un altro paese dell'UE - Spagna

Come posso chiedere un risarcimento o altri mezzi di riparazione all'autore del reato nell'ambito di un procedimento penale, e a chi devo rivolgere questa istanza?

Nella fase antecedente il processo penale la vittima dovrà dichiarare, al momento della presentazione della denuncia alla procura di Stato competente o alle autorità di polizia, di volere proporre un'azione civile nell'ambito del procedimento penale (politikós enágon). In questo caso la dichiarazione dovrà essere inclusa nella denuncia stessa. La dichiarazione può altresì essere presentata durante la fase istruttoria, in un documento a parte (dikógrafo) trasmesso alla polizia, alla procura o alle autorità inquirenti, oppure direttamente dinanzi al giudice, purché l'esame delle prove non sia ancora iniziato (articoli 82 e 83 del codice di procedura civile).

In quale fase del procedimento penale devo presentare la domanda?

A) Nella fase antecedente il processo, come precisato sopra (articolo 83 del codice di procedura civile)

B) In tribunale, con una semplice dichiarazione prima che l'esame delle prove abbia inizio, senza che sia necessaria una procedura scritta precedente il processo, se la domanda di risarcimento riguarda il dolore e le sofferenze nonché i danni morali subiti a causa del reato di cui si è stati vittima, oppure con notificazione all'imputato almeno cinque giorni prima dell'udienza, se la domanda di risarcimento è relativa a danni materiali (articolo 68 del codice di procedura penale).

Cosa posso chiedere e come devo presentare la domanda (devo indicare un importo totale e/o specificare le singole perdite subite, mancato guadagno e interessi?)?

In generale, la dichiarazione di costituzione di parte civile nel procedimento penale deve includere una sintesi del caso, i motivi per cui si ritiene di avere il diritto di partecipare al procedimento e la nomina di un rappresentante ad litem nel luogo in cui ha sede il tribunale, se si è ivi residenti a tutti gli effetti.

Nei casi in cui la dichiarazione di costituzione di parte civile nel procedimento penale riguarda una domanda di risarcimento dei danni causati da dolore e sofferenze e dei danni morale non è necessaria alcuna procedura scritta. In questi casi, la parte civile chiede in genere una somma simbolica (44 EUR a titolo di provvisionale (me epifýlaxi)) e non l'intero importo della domanda. Laddove dichiari l'imputato colpevole, il giudice disporrà che venga corrisposto l'importo simbolico a titolo di risarcimento Per la parte restante sarà necessario proporre un'azione legale autonoma dinanzi ai tribunali civili. Se la domanda riguarda il risarcimento di danni materiali subiti in seguito al reato, sarà necessario informarne il convenuto almeno cinque giorni prima del processo, precisando i singoli elementi della domanda (articolo 68 del codice di procedura penale).

Esiste un modulo specifico per queste domande?

Non è previsto un modulo specifico. La dichiarazione deve contenere tutte le informazioni summenzionate. Come precisato sopra, è necessaria una procedura antecedente al processo soltanto quando il tribunale penale è adito per il risarcimento di danni materiali. In tal caso l'imputato dovrà ricevere una comunicazione al riguardo cinque giorni prima dell'udienza.

Quali prove devo presentare a sostegno della mia richiesta?

Prima dell'esame del caso occorre presentare tutti i documenti a disposizione che giustifichino la domanda, quali ad esempio, certificati medici, dichiarazioni, testimonianze e altri elementi di prova.

Vi sono spese di giudizio o di altra natura relative alla mia domanda?

La quota da versare per un'azione civile è di 40 EUR (articolo 63 del codice di procedura penale, applicabile dal 23 gennaio 2017, in seguito alla modifica apportata con la legge n. 4446/2016).

Posso ottenere assistenza legale prima e/o durante il procedimento? Posso ottenerla anche se non vivo nel paese in cui si svolge il procedimento?

La legge (articolo 1 della legge n. 3226/2004) garantisce l'assistenza legale ai cittadini con basso reddito di uno Stato membro dell'UE, ai cittadini di paesi terzi e agli apolidi se legalmente residenti o con dimora abituale nell'Unione europea. I cittadini con basso reddito aventi diritto sono coloro il cui reddito familiare annuo non supera i due terzi del reddito personale annuo minimo definito nel contratto collettivo nazionale di lavoro. Nel caso di controversie a livello nazionale, il reddito dell'altra parte non viene preso in considerazione. Possono accedere all'assistenza legale nell'ambito di azioni penali o civili tutte le vittime dei reati di cui agli articoli 323 (tratta di schiavi), 323bis (tratta di essere umani), 323ter, lettera a), (organizzazione di viaggi volti a consumare rapporti sessuali o partecipare ad altri atti osceni con il coinvolgimento di minori (turismo sessuale), 348bis (pedopornografia) e 351bis (atti osceni che coinvolgono un minore dietro pagamento) del codice penale e agli articoli 87, commi 5 e 6 (favoreggiamento dell'ingresso in Grecia, dell'uscita della Grecia o del soggiorno illegale in Grecia di cittadini di paesi terzi) e 88 (trasporto illegale in Grecia di cittadini di paesi terzi) della legge n. 3386/2005, nonché ai minori vittime degli atti di cui agli articoli 336 (stupro di minore), 338 (abuso sessuale), 343 (atti osceni con abuso di autorità), 345 (incesto), 346 (atti osceni tra familiari), 347 (atti osceni contrari alla natura - reato ora abolito), 348 (favoreggiamento della depravazione di altre persone), 348ter (adescamento di minori a fini sessuali), 348quater (rappresentazioni pornografiche di minori) e 349 (sfruttamento della prostituzione) del codice penale.

In quali casi il giudice penale può respingere la mia richiesta nei confronti dell'autore del reato o non darvi seguito?

Il tribunale penale non potrà accogliere l'azione civile qualora decida di non proseguire l'azione penale o di respingerla per qualsiasi motivo. Saranno respinte anche le azioni civili non presentate legalmente come descritto sopra e prive di fondamento giuridico oppure qualora la domanda sia infondata nel merito, ad esempio perché il richiedente non ha subito nessun danno, in prima persona, a causa del reato oppure se non è titolare dell'interesse legale in questione.

Posso impugnare questa decisione o cercare altri mezzi di riparazione?

È possibile presentare un ricorso ordinario (éfesi) avverso una sentenza di assoluzione emessa dal tribunale penale distrettuale, dal tribunale di primo grado in composizione monocratica o di tre membri oppure dalla Corte di appello per un reato di gravità media (plimmélima), laddove al richiedente sia imposto di corrispondere il risarcimento e le spese, ma soltanto riguardo a tali punti (articolo 486, comma 1bis, del codice di procedura civile). È altresì possibile presentare un ricorso ordinario contro una sentenza di condanna dell'imputato se e nella misura in cui la sentenza comporti il rigetto della domanda perché priva di fondamento giuridico o garantisca al richiedente il risarcimento finanziario o materiale, a condizione che l'importo reclamato sia superiore a 100 EUR se il ricorso è presentato avverso una sentenza di un tribunale penale distrettuale, a 250 EUR se è presentato avverso una sentenza del tribunale di primo grado in composizione monocratica o del tribunale minorile in composizione monocratica oppure a 500 EUR se è presentato contro una sentenza di primo grado del tribunale di primo grado composto da tre membri o del tribunale minorile composto da tre membri (articolo 488 del codice di procedura penale). Può essere presentato un ricorso su una questione di diritto (anaíresi) avverso una sentenza di condanna dell'imputato che respinge la domanda perché priva di fondamento giuridico (articolo 505, comma1ter, del codice di procedura civile) oppure avverso una sentenza di assoluzione che imponga al richiedente il pagamento di indennizzo e spese (articolo 505, comma 1ter, del codice di procedura penale).

Se il giudice mi concede il risarcimento, come viene garantito che la sentenza nei confronti dell'autore del reato sia eseguita, e che aiuto posso ottenere per assicurare che ciò avvenga?

Il risarcimento concesso dal tribunale penale è essenzialmente un risarcimento per un'azione civile. L’esecuzione avviene mediante il relativo procedimento previsto per le sentenze di diritto civile (anankastikí ektélesi).

Ultimo aggiornamento: 29/06/2022

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Se la mia domanda debba essere inviata da questo paese in un altro paese dell'UE - Francia

Quale autorità mi aiuterà a trasmettere una domanda in un altro paese dell’UE?

Il Il link si apre in una nuova finestraBureau de l’Aide aux Victimes et de la Politique Associative o BAVPA (Ufficio per l’assistenza alle vittime e per la politica associativa) del ministero della Giustizia è l’autorità che può fornire assistenza nel trasmettere una domanda a un altro Stato membro dell’Unione Europea.

Qual è il ruolo delle autorità incaricate di prestare assistenza?

L’autorità di assistenza può fornire informazioni al richiedente sulle possibilità di chiedere un risarcimento, oltre ai moduli necessari; essa trasmette poi la domanda e i documenti giustificativi all’autorità di assistenza o direttamente all’autorità decisionale dello Stato membro in cui si è verificato il reato.

Quest’autorità si occuperà di far tradurre i documenti giustificativi se la domanda deve essere tradotta? Se sì, chi paga il servizio?

L’autorità di assistenza non traduce i documenti. Bisogna provvedere autonomamente alla traduzione dei documenti necessari.

Sono previsti oneri amministrativi o di altro tipo per trasmettere la domanda all’estero?

No.

Ultimo aggiornamento: 05/11/2019

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Se la mia domanda debba essere inviata da questo paese in un altro paese dell'UE - Croazia

Quale autorità può aiutarmi a inoltrare una richiesta in un altro paese dell'UE?

Ministarstvo pravosuđa (ministero della Giustizia)
Ulica Grada Vukovara 49
Zagabria

Telefono: +385 1 371 40 00
Fax : +385 1 371 45 07

Sito Internet: Il link si apre in una nuova finestrahttps://pravosudje.gov.hr/o-ministarstvu/djelokrug-6366/iz-pravosudnog-sustava-6372/podrska-zrtvama-i-svjedocima/6156

Qual è il ruolo dell'autorità di assistenza?

  • L'autorità di assistenza è il Ministarstvo pravosuđa Republike Hrvatske (ministero della Giustizia della Repubblica di Croazia) e il richiedente può presentare la domanda di indennizzo presso tale autorità nei casi seguenti.
  • Secondo il diritto croato, si tratta di casi transfrontalieri (prekogranični slučajevi).
  • L'autorità di assistenza provvederà a trasmettere senza ritardo la domanda, insieme alla relativa documentazione, alla competente autorità del paese in cui il richiedente chiede l'indennizzo, nella lingua ufficiale del paese o in un'altra lingua accettata dal paese in questione.
  • La richiesta di cui sopra sarà presentata utilizzando il modulo predisposto dalla Commissione europea.
  • Qualora l'autorità responsabile della decisione sulla domanda del paese in questione chieda che il richiedente, i testimoni, i periti designati dal tribunale o altre persone siano sentite nella Repubblica di Croazia, le audizioni saranno condotte dalla Odbor za novčanu naknadu žrtvama kaznenih djela (commissione per il risarcimento delle vittime di reato), che invierà in seguito una relazione in merito all'autorità competente per la decisione sulla domanda dell'altro paese.
  • Se l'autorità dell'altro paese responsabile per la decisione sulla domanda chiede che l'audizione si tenga avvalendosi di ausili tecnici, l'audizione si svolgerà in cooperazione con il ministero della Giustizia della Repubblica di Croazia, previo accordo della persona da sentire in merito alla procedura.

L'autorità di assistenza si occupa anche della traduzione dei documenti giustificativi, se la presentazione dell'istanza lo richiede? In caso affermativo, chi si assume queste spese?

Il ministero della Giustizia della Repubblica di Croazia, quale autorità di assistenza, provvede a tradurre la domanda nella lingua del paese cui è chiesto l'indennizzo o in un'altra lingua scelta come lingua di comunicazione dal paese in questione.

Vi sono spese amministrative o di altra natura da pagare quando la domanda viene inviata all'estero?

  • Non vi sono spese amministrative o di altra natura da pagare inviando la domanda in un altro paese.
Ultimo aggiornamento: 09/01/2019

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Se la mia domanda debba essere inviata da questo paese in un altro paese dell'UE - Italia

Quale autorità può aiutarmi a inoltrare una richiesta in un altro paese dell'UE?

La procura della Repubblica presso il tribunale del luogo in cui risiede il richiedente, è l’autorità di assistenza italiana.

Qual è il ruolo dell'autorità di assistenza?

La procura della Repubblica presso il tribunale del luogo in cui risiede il richiedente, è l’autorità di assistenza italiana.

Questi i suoi compiti:

  • dà al richiedente le informazioni essenziali relative al sistema di indennizzo previsto dallo Stato membro dell'Unione europea in cui è stato commesso il reato;
  • fornisce al richiedente i moduli per presentare la domanda;
  • a richiesta del richiedente, gli fornisce orientamento e informazioni generali sulle modalità di compilazione della domanda e sulla documentazione eventualmente richiesta;
  • riceve le domande di indennizzo e provvede a trasmetterle senza ritardo, insieme alla relativa documentazione, alla competente autorità di decisione dello Stato membro dell'Unione europea in cui e' stato commesso il reato;
  • fornisce assistenza al richiedente sulle modalita' per soddisfare le richieste di informazioni supplementari da parte dell'autorita' di decisione dello Stato membro dell'Unione europea in cui e' stato commesso il reato;
  • a richiesta del richiedente, provvede a trasmettere all'autorita' di decisione le informazioni supplementari e l'eventuale documentazione accessoria.
  • Qualora l'autorita' di decisione dello Stato membro dell'Unione europea in cui e' stato commesso il reato decida di ascoltare il richiedente o qualsiasi altra persona, la procura della Repubblica presso il tribunale, quale autorita' di assistenza, predispone quanto necessario affinche' l'autorita' di decisione proceda direttamente all'audizione secondo le leggi di quello Stato membro. Se si procede a videoconferenza, si applicano le disposizioni della legge 7 gennaio 1998, n. 11.
  • A richiesta dell'autorita' di decisione dello Stato membro dell'Unione europea, la procura della Repubblica presso il tribunale, quale autorita' di assistenza, provvede all'audizione del richiedente o di qualsiasi altra persona e trasmette il relativo verbale all'autorita' medesima.

L'autorità di assistenza si occupa anche della traduzione dei documenti giustificativi, se la presentazione dell'istanza lo richiede? In caso affermativo, chi si assume queste spese?

Le attivita' svolte dalla procura della Repubblica presso il tribunale, quale autorita' di assistenza possono prevedere anche traduzioni e non comportano alcuna spesa a carico del richiedente.

Le informazioni sono trasmesse dalla procura della Repubblica presso il tribunale all'autorita' di decisione di altro Stato membro dell'Unione europea e sono redatte nella lingua ufficiale o in una delle lingue ufficiali dello Stato membro alla cui autorita' di decisione l'informazione e' diretta, ove corrisponda a una delle lingue delle istituzioni comunitarie, ovvero in un'altra lingua delle istituzioni comunitarie che tale Stato membro abbia dichiarato di poter accettare.

I verbali delle audizioni, ove espletate dall’autorità di assistenza, sono trasmessi in lingua italiana.

Vi sono spese amministrative o di altra natura da pagare quando la domanda è inviata in un altro paese?

No

Ultimo aggiornamento: 16/06/2021

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Se la mia domanda debba essere inviata da questo paese in un altro paese dell'UE - Cipro

Quale autorità può aiutarmi a inoltrare una domanda in un altro paese dell'UE?

Nessuna informazione disponibile.

Qual è il ruolo dell'autorità di assistenza?

Il ruolo dell'autorità di assistenza è quello di aiutare gli interessati a trovare le informazioni necessarie per presentare la domanda insieme a tutti i documenti pertinenti, al fine di ottenere un risarcimento, superando così le difficoltà pratiche e linguistiche.

Tale autorità si occupa anche della traduzione dei documenti giustificativi, se la presentazione della domanda lo richiede? In caso affermativo, chi si assume queste spese?

I servizi di previdenza sociale fungono da autorità di assistenza, ma non sono responsabili della traduzione dei documenti giustificativi.

Vi sono spese amministrative o di altra natura da pagare quando la domanda viene inviata all'estero?

Non vi sono spese amministrative o di altra natura da pagare quando la domanda è inviata all'estero.

Ultimo aggiornamento: 11/04/2022

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Se la mia domanda debba essere inviata da questo paese in un altro paese dell'UE - Lettonia

Quale autorità può aiutarmi a inoltrare una domanda in un altro paese dell'UE?

Juridiskās palīdzības administrācija (Autorità competente per il patrocinio gratuito)
Pils laukums 4
Riga

Telefono: +371 67514208
Numero verde: +371 80001801
Fax: +371 67514209

E-mail: Il link si apre in una nuova finestrajpa@jpa.gov.lv
Sito web: Il link si apre in una nuova finestrahttps://www.jpa.gov.lv/par-mums-eng

Qual è il ruolo dell'autorità di assistenza?

La vittima può presentare una domanda di risarcimento da parte dello Stato all'autorità competente dello Stato membro dell'Unione europea interessato ricorrendo all'assistenza dell'Il link si apre in una nuova finestraAutorità competente per il patrocinio gratuito.

L'Autorità competente per il patrocinio gratuito fornisce alla vittima informazioni sulle disposizioni relative al pagamento, all'iter da seguire e ai requisiti supplementari per il risarcimento da parte dello Stato stabiliti dalle autorità competenti di altri Stati membri dell'Unione europea. Essa garantisce inoltre che le persone coinvolte nel procedimento penale possano essere ascoltate, su richiesta dell'autorità competente dello Stato membro dell'Unione europea che esamina la domanda di risarcimento da parte dello Stato.

L'autorità di assistenza si occupa anche della traduzione dei documenti giustificativi, se la presentazione della domanda lo richiede? In caso affermativo, chi sostiene queste spese?

Occorre presentare la domanda di risarcimento da parte dello Stato nella lingua che lo Stato membro dell'Unione europea interessato ha dichiarato di accettare.

L'Autorità competente per il patrocinio gratuito garantirà la traduzione dei documenti necessari che invierà all'autorità competente di un altro Stato membro dell'Unione europea e i costi di traduzione sono coperti dal bilancio nazionale.

Vi sono spese amministrative o di altra natura da pagare quando una domanda è inviata in un altro paese?

Se la domanda di risarcimento da parte dello Stato viene inviata all'autorità competente di un altro Stato membro dell'Unione europea attraverso l'Autorità competente per il patrocinio gratuito, la vittima non deve pagare alcun costo associato all'invio della domanda.

Ultimo aggiornamento: 12/07/2021

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Se la mia domanda debba essere inviata da questo paese in un altro paese dell'UE - Lituania

Quale autorità mi aiuterà a trasmettere una domanda in un altro paese dell’UE?

Il ministero della Giustizia della Repubblica di Lituania (Lietuvos Respublikos teisingumo ministerija),
Gedimino pr. 30,
Vilnius

Qual è il ruolo delle autorità incaricate di prestare assistenza?

Il ministero della Giustizia della Repubblica di Lituania è autorizzato a presentare alle autorità competenti degli altri Stati membri dell'Unione europea le domande dei cittadini della Repubblica di Lituania e di altre persone che risiedono regolarmente nella Repubblica di Lituania al fine di ottenere un indennizzo per i danni subiti a causa di reati violenti commessi nel territorio di un altro Stato membro dell'Unione europea. Il ministero della Giustizia fornisce inoltre informazioni sulle condizioni e le procedure per l'indennizzo dei danni subiti a causa di reati violenti stabilite dalle autorità competenti di altri Stati membri dell'Unione europea.

Quest’autorità si occuperà di far tradurre i documenti giustificativi se la domanda deve essere tradotta? Se sì, chi paga il servizio?

Sì, se necessario, il ministero della Giustizia della Repubblica di Lituania aiuterà a tradurre i documenti da presentare. La vittima di un reato non è obbligata a sostenere i costi della traduzione.

Sono previsti oneri amministrativi o di altro tipo per trasmettere la domanda all’estero?

No, non vi sono altri oneri da pagare.

Ultimo aggiornamento: 22/10/2019

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Se la mia domanda debba essere inviata da questo paese in un altro paese dell'UE - Lussemburgo

Quale autorità mi aiuterà a trasmettere una domanda in un altro paese dell’UE?

Ministère de la Justice (ministero della Giustizia)

13, rue Erasme
L-2934
LUSSEMBURGO

Tel.: (352)2478 45 27, (352) 2478 45 17
Fax: (352) 26 68 48 61, (352) 22 52 96

E-mail: Il link si apre in una nuova finestrainfo@mj.public.lu
Sito internet: Il link si apre in una nuova finestrahttp://www.mj.public.lu/services_citoyens/indemnisation/index.html

Qual è il ruolo delle autorità incaricate di prestare assistenza?

Il ministero della Giustizia lussemburghese assiste la vittima nell’ottenere le informazioni essenziali sulla possibilità che ha di chiedere un risarcimento nell’altro Stato membro e nel trasmettere il fascicolo della domanda di risarcimento all’autorità competente di tale altro Stato membro affinché si pronunci sulla domanda in questione.

Il ministero della Giustizia assiste la vittima anche in caso di richiesta di ulteriori informazioni da parte dell’autorità decisionale dell’altro Stato membro.

Ove opportuno, il ministero della Giustizia collabora all’audizione della vittima effettuata dall’autorità decisionale, segnatamente attraverso la teleconferenza. Detto ministero può inoltre essere incaricato dall’autorità decisionale di raccogliere, in un verbale che verrà poi trasmesso a quest’ultima, le dichiarazioni rese oralmente della vittima.

Quest’autorità si occuperà di far tradurre i documenti giustificativi se la domanda deve essere tradotta? Se sì, chi paga il servizio?

La domanda può essere presentata in tedesco, francese o inglese, per cui in linea di principio non è necessaria la traduzione.

Sono previsti oneri amministrativi o di altro tipo per trasmettere la domanda all’estero?

No.

Ultimo aggiornamento: 19/03/2019

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

La versione originale in lingua ungherese di questa pagina è stata modificata di recente. La versione linguistica visualizzata è attualmente in fase di traduzione.

Se la mia domanda debba essere inviata da questo paese in un altro paese dell'UE - Ungheria

Quale autorità può aiutarmi a inoltrare una domanda in un altro paese dell'UE?

Gli uffici distrettuali degli uffici governativi di Budapest o della contea (servizi locali di assistenza alle vittime), in veste di autorità di assistenza.

Qual è il ruolo dell'autorità di assistenza?

L'autorità di assistenza fornisce i moduli di domanda e assistenza nella loro compilazione, oltre a trasmettere tali moduli.

L'autorità di assistenza si occupa anche della traduzione dei documenti giustificativi, se la presentazione della domanda lo richiede? In caso affermativo, chi sostiene queste spese?

Sì, e i costi sono sostenuti dallo Stato.

Vi sono spese amministrative o di altra natura da pagare quando una domanda è inviata in un altro paese?

No, la trasmissione della domanda è gratuita.

Ultimo aggiornamento: 11/03/2019

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Se la mia domanda debba essere inviata da questo paese in un altro paese dell'UE - Malta

Quale autorità può aiutarmi a inoltrare una domanda in un altro paese dell'UE?

The Ministry for Justice, Culture and Local Government (ministero della Giustizia, della cultura e del governo locale)

30, Old Treasury Street
Valletta (La Valletta)

Qual è il ruolo dell'autorità di assistenza?

Il suo ruolo consiste nell'occuparsi del trattamento e della valutazione preliminari della domanda.

L'autorità di assistenza si occupa anche della traduzione dei documenti giustificativi, se la presentazione della domanda lo richiede? In caso affermativo, chi sostiene queste spese?

Sì, l'autorità si occupa della traduzione dei documenti giustificativi. L'agenzia Legal Aid Malta copre le spese ed eventuali altri costi correlati.

Vi sono spese amministrative o di altra natura da pagare quando una domanda è inviata in un altro paese?

Non vengono addebitate altre spese.

Ultimo aggiornamento: 04/05/2021

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

La versione originale in lingua olandese di questa pagina è stata modificata di recente. La versione linguistica visualizzata è attualmente in fase di traduzione.

Se la mia domanda debba essere inviata da questo paese in un altro paese dell'UE - Paesi Bassi

Caso in cui la mia domanda debba essere inviata da questo paese in un altro paese dell'UE - Paesi Bassi

Quale autorità può aiutarmi a inoltrare una richiesta in un altro paese dell'UE?

Schadefonds Geweldsmisdrijven (Fondo risarcimenti per reati violenti)

Indirizzo:
Kneuterdijk 1
2514 EM L'Aia

Telefono: 070-4142000
E-mail: Il link si apre in una nuova finestrainfo@schadefonds.nl

Indirizzo postale:
Postbus 71
2501 CB Den Haag

Qual è il ruolo dell'autorità di assistenza?

Su richiesta, lo Il link si apre in una nuova finestraSchadefonds Geweldsmisdrijven invia agli interessati un modulo di domanda per il fondo estero pertinente. Dopo aver ricevuto il modulo di domanda compilato e gli eventuali allegati procede se necessario a farli tradurre e invia successivamente tutta questa documentazione all’autorità interessata.

L'autorità di assistenza si occupa anche della traduzione dei documenti giustificativi, se la presentazione dell'istanza lo richiede? In caso affermativo, chi si assume queste spese?

Lo Schadefonds Geweldsmisdrijven, traduce se necessario i documenti giustificativi e sostiene le spese.

Vi sono diritti amministrativi o di altra natura da pagare quando la domanda è inviata in un altro paese?

No.

Ultimo aggiornamento: 28/04/2020

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Se la mia domanda debba essere inviata da questo paese in un altro paese dell'UE - Austria

Quale autorità può aiutarmi a inoltrare una domanda in un altro paese dell'UE?

Bundesamt für Soziales und Behindertenwesen - Sozialministeriumservice (Ufficio federale degli affari sociali e delle persone con disabilità, ministero per gli Affari sociali) - Ufficio di Vienna
Babenbergerstraße 5
A-1010 Wien (Vienna)

Tel.: 0043 158831
Fax: 0043(0)10599882516

e-mail: Il link si apre in una nuova finestrapost.wien@sozialministeriumservice.at

Qual è il ruolo dell'autorità di assistenza?

I compiti dell'autorità di assistenza sono stabiliti nella direttiva 2004/80/CE del Consiglio. Essi sono definiti altresì dall'articolo 9a della Verbrechensopfergsetz (legge sulle vittime di reati).

L'autorità di assistenza si occupa anche della traduzione dei documenti giustificativi, se la presentazione della domanda lo richiede? In caso affermativo, chi sostiene queste spese?

Conformemente all'articolo 11 della direttiva 2004/80/CE del Consiglio la vittima non è tenuta a pagare per tale servizio.

Vi sono spese amministrative o di altra natura da pagare quando una domanda è inviata in un altro paese?

La vittima non dovrà sostenere alcun costo.

Ultimo aggiornamento: 19/08/2020

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Se la mia domanda debba essere inviata da questo paese in un altro paese dell'UE - Polonia

Quale autorità può aiutarmi a inoltrare una domanda in un altro paese dell'UE?

Queste informazioni non sono al momento disponibili.

Qual è il ruolo dell'autorità di assistenza?

L'autorità di assistenza fornirà le informazioni necessarie alla vittima su come ottenere un risarcimento, renderà disponibile il modello di modulo di domanda appropriato e assisterà la vittima nella compilazione di tale modulo; successivamente invierà il modulo senza indugio all'autorità di decisione competente in un altro Stato membro dell'UE.

L'autorità di assistenza collabora con le autorità di decisione di altri Stati membri dell'UE che esaminano le domande di risarcimento da parte di persone il cui luogo di residenza permanente è sito in Polonia. Nell'ambito della cooperazione, l'autorità di assistenza fornisce, in consultazione con le persone che chiedono un risarcimento, informazioni e documenti supplementari, ascolta le persone indicate dalle autorità di assistenza e contribuisce a organizzare l'udienza delle persone indicate, utilizzando attrezzature tecniche che rendono possibile un'udienza a distanza.

L'autorità di assistenza si occupa anche della traduzione dei documenti giustificativi, se la presentazione della domanda lo richiede? In caso affermativo, chi sostiene queste spese?

Se i documenti inviati alle autorità di decisione di altri Stati membri dell'UE devono essere tradotti, l'autorità di assistenza decide se devono essere tradotti a spese della tesoreria dello Stato.

Vi sono spese amministrative o di altra natura da pagare quando una domanda è inviata in un altro paese?

Non è previsto alcun addebito di spese per l'invio della domanda di risarcimento all'estero.

Ultimo aggiornamento: 11/03/2019

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Se la mia domanda debba essere inviata da questo paese in un altro paese dell'UE - Portogallo

Quale autorità può aiutarmi a inoltrare la domanda in un altro paese dell'UE?

La Il link si apre in una nuova finestracommissione per la protezione delle vittime di reati (Comissão de Proteção às Vítimas de Crimes, CPVC).

Qual è il ruolo dell'autorità di assistenza?

L'autorità di assistenza in Portogallo è la predetta commissione e ha le seguenti funzioni:

  • aiuta a raccogliere le informazioni necessarie a compilare la domanda;
  • trasmette le domande all'autorità di decisione dello Stato membro in cui è stato commesso il reato;
  • assiste e indirizza il richiedente nel caso in cui siano necessari documenti supplementari;
  • fissa un'udienza se ritenuto opportuno dall'autorità di decisione dell'altro Stato membro dell'UE.

L'autorità può occuparsi anche della traduzione dei documenti giustificativi, se la presentazione della domanda lo richiede? In caso affermativo, chi sostiene queste spese?

I documenti devono essere presentati in portoghese o in inglese. Se è necessario tradurli, le spese sono sostenute dalla CPVC.

Vi sono spese amministrative o di altra natura da pagare quando la domanda è inviata in un altro paese?

No.

Ultimo aggiornamento: 04/10/2021

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Se la mia domanda debba essere inviata da questo paese in un altro paese dell'UE - Romania

Quale autorità può aiutarmi a inoltrare una richiesta in un altro paese dell'UE?

L'autorità di assistenza rumena designata conformemente all'articolo 3, paragrafo 1, della direttiva 2004/80/CE è:

Ministero della giustizia
Direcția Drept International și Cooperare Judiciară (Direzione diritto internazionale e cooperazione giudiziaria)
Serviciul Cooperare judiciară internațională în materie civilă și comercială (Servizio di cooperazione giudiziaria internazionale in materia civile e commerciale)

str. Apolodor nr. 17, Sector 5 Bucarest, 050741
Tel.: + 40372041077
Fax: + 40372041079
Email: Il link si apre in una nuova finestradreptinternational@just.roIl link si apre in una nuova finestraddit@just.ro

Qual è il ruolo dell'autorità di assistenza?

I cittadini rumeni, gli apolidi o i cittadini stranieri che risiedono legalmente in Romania, vittime di un reato intenzionale violento sul territorio di un altro Stato membro dell'Unione europea, possono chiedere, con il sostegno dell'autorità di assistenza rumena, un indennizzo da parte dello Stato sul cui territorio è stato commesso il reato, alle condizioni previste dal diritto di quest'ultimo Stato.

I cittadini rumeni, gli apolidi o i cittadini stranieri che risiedono legalmente in Romania, vittime di un reato intenzionale violento sul territorio di un altro Stato membro dell'Unione europea, possono presentare presso il Ministero di giustizia domanda di indennizzo finanziario da parte dello Stato sul cui territorio è stato commesso il reato, corredata dalla documentazione a sostengo necessaria.

Il Ministero della giustizia fornisce al richiedente le informazioni necessarie sulla possibilità di chiedere un indennizzo finanziario da parte dello Stato sul cui territorio è stato commesso il reato, i moduli di domanda necessari, nonché informazioni e indicazioni sulla modalità di compilazione dei moduli di domanda e sulla documentazione a sostegno necessaria.

L'autorità di assistenza si occupa anche della traduzione dei documenti giustificativi, se la presentazione dell'istanza lo richiede? In caso affermativo, chi si assume queste spese?

Le spese connesse alla traduzione degli atti possono essere sostenute dal Ministero della giustizia solo se il loro importo potrebbe mettere a rischio il sostentamento della vittima o della sua famiglia.

Vi sono spese amministrative o di altra natura da pagare quando la domanda è inviata in un altro paese?

No

Ultimo aggiornamento: 15/10/2020

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Se la mia domanda debba essere inviata da questo paese in un altro paese dell'UE - Slovenia

Quale autorità può aiutarmi a inoltrare una domanda in un altro paese dell'UE?

Ministrstvo za pravosodje (ministero della Giustizia) della Repubblica di Slovenia
Župančičeva 3
Ljubljana (Lubiana)

Telefono: +386 1 369 53 38
Fax: +386 1 369 53 06

E-mail: Il link si apre in una nuova finestragp.mp@gov.si
Sito web: Il link si apre in una nuova finestrahttp://www.mp.gov.si

Qual è il ruolo dell'autorità di assistenza?

Il ministero della Giustizia (in qualità di autorità di assistenza) è competente per la cooperazione e lo scambio di informazioni tra il Comitato (che decide in merito al risarcimento), la polizia e le autorità competenti di altri paesi e fornisce assistenza nell'individuazione di soluzioni appropriate in casi transfrontalieri (quando uno straniero è una vittima nella Repubblica di Slovenia o quando un cittadino sloveno è vittima all'estero).

Il ministero della Giustizia fornisce ai richiedenti informazioni di base sulle possibilità e sulle condizioni per presentare una domanda di risarcimento in altri Stati membri dell'UE e, a tal fine, richiede altresì informazioni alle autorità di altri Stati membri. Il ministero della Giustizia è altresì competente per la ricezione e l'inoltro di domande di risarcimento in casi transfrontalieri.

L'autorità di assistenza si occupa anche della traduzione dei documenti giustificativi, se la presentazione della domanda lo richiede? In caso affermativo, chi sostiene queste spese?

Sì, i costi di traduzione sono coperti dalla Repubblica di Slovenia.

Vi sono spese amministrative o di altra natura da pagare quando una domanda è inviata in un altro paese?

No. Non viene addebitata alcuna spesa per domande, azioni e decisioni nel contesto di procedimenti di risarcimento ai sensi della Zakon o odškodnini žrtvam kaznivih dejanj (legge sul risarcimento delle vittime di reati – ZOZKD).

Ultimo aggiornamento: 12/03/2019

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Se la mia domanda debba essere inviata da questo paese in un altro paese dell'UE - Slovacchia

Quale autorità può aiutarmi a inoltrare una domanda in un altro paese dell'UE?

Il ministero della Giustizia della Repubblica slovacca — Dipartimento competente in materia di riabilitazione e risarcimento

Telefono: +421288891225
Fax: +4212888 91 579

E-mail: Il link si apre in una nuova finestravictims@justice.sk
Sito Internet: Il link si apre in una nuova finestrahttps://www.justice.gov.sk

Qual è il ruolo dell'autorità di assistenza?

Il ministero della Giustizia della Repubblica slovacca fornisce alle vittime informazioni sulle condizioni per ottenere il risarcimento in vigore nello Stato membro in cui è stato commesso il reato che ha causato danni fisici nonché sui moduli necessari per richiedere tale risarcimento. Su richiesta, offre anche assistenza nella relativa compilazione. Il ministero della Giustizia della Repubblica slovacca consegna le domande.

Tale autorità si occupa anche della traduzione dei documenti giustificativi, se la presentazione della domanda lo richiede? In caso affermativo, chi si assume queste spese?

Il ministero della Giustizia della Repubblica slovacca non provvede alla traduzione dei documenti necessari. Le spese di traduzione e i costi associati sono a carico della vittima di reato.

Vi sono spese amministrative o di altra natura da pagare quando la domanda viene inviata in un altro paese?

No.

Ultimo aggiornamento: 09/04/2021

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Se la mia domanda debba essere inviata da questo paese in un altro paese dell'UE - Finlandia

Quale autorità può aiutarmi a inoltrare una richiesta in un altro paese dell'UE?

Valtiokonttori (Tesoreria dello Stato)
P.O. Box (Casella postale) 50
00054 State Treasury, Finlandia

E-mail: Il link si apre in una nuova finestrarikosvahingot@valtiokonttori.fi

Il link si apre in una nuova finestrahttps://www.valtiokonttori.fi/en/service/compensation-to-crime-victims/

Qual è il ruolo dell'autorità di assistenza?

Se si è stati vittima di un reato commesso intenzionalmente e violento in un altro Stato membro dell'Unione europea, è possibile ottenere informazioni dalla tesoreria dello Stato sul proprio diritto a chiedere un risarcimento all'autorità che si occupa del risarcimento danni in ambito di diritto penale del paese in cui è stato commesso il reato. È inoltre possibile ottenere i necessari moduli di domanda presso la tesoreria dello Stato, nonché indicazioni e informazioni generali sulle modalità di compilazione della domanda e sui documenti da allegare alla stessa.

La domanda può essere presentata alla tesoreria dello Stato, che la invierà, con i relativi allegati, all'autorità competente in materia di risarcimenti per il luogo in cui è stato commesso il reato.

Laddove l'autorità competente in materia di risarcimenti di un altro Stato membro richieda informazioni supplementari, la tesoreria dello Stato fornirà, se necessario, orientamenti generali su come rispondere alla richiesta e trasmetterà le informazioni supplementari all'autorità competente in materia di risarcimenti che le ha richieste.

La tesoreria dello Stato fornirà inoltre un'assistenza ufficiale all'autorità competente in materia di risarcimenti dell'altro Stato membro offrendo a quest'ultima la possibilità di consultare il richiedente, i testimoni, i periti o altre persone che si trovano in Finlandia. In alternativa, la tesoreria dello Stato può anche consultare direttamente tali persone e trasmettere all'autorità competente in materia di risarcimenti la relazione elaborata in merito a tale consultazione.

Tale autorità si occupa anche della traduzione dei documenti giustificativi, se la presentazione della domanda lo richiede? In caso affermativo, chi si assume queste spese?

La tesoreria dello Stato si occupa di tradurre la domanda e i documenti a essa allegati in una lingua approvata dal paese in cui è stato commesso il reato. Non sono previste spese per la traduzione dei documenti.

Vi sono spese amministrative o di altra natura da pagare quando la domanda viene inviata in un altro paese?

Non sono previste spese per l'invio della domanda.

Ultimo aggiornamento: 12/03/2019

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Se la mia domanda debba essere inviata da questo paese in un altro paese dell'UE - Svezia

Quale autorità può aiutarmi a inoltrare una domanda in un altro paese dell'UE?

L'autorità svedese per il sostegno e l'indennizzo delle vittime di reato.

Storgatan 49
Umeå, Svezia

Telefono: +(46)90708200
Fax: +(46)90178353

E-mail: Il link si apre in una nuova finestraregistrator@brottsoffermyndigheten.se
Sito Internet: Il link si apre in una nuova finestrahttps://www.brottsoffermyndigheten.se/eng

Indirizzo postale
P.O. Box 470
SE-901 09
UMEÅ, Svezia

Qual è il ruolo dell'autorità di assistenza?

In qualità di autorità di assistenza, l'autorità svedese per il sostegno e l'indennizzo delle vittime di reato può contribuire a garantire che una richiesta presentata all'autorità competente per la decisione di un altro paese dell'UE sia formulata correttamente e che la richiesta sia inviata all'autorità competente. L'autorità svedese per il sostegno e l'indennizzo delle vittime di reato trasmette anche informazioni e messaggi tra l'attore e l'autorità competente per la decisione, ad esempio quando, per prendere una decisione, è necessario che il richiedente fornisca informazioni o prove supplementari.

Tale autorità si occupa anche della traduzione dei documenti giustificativi, se la presentazione della domanda lo richiede? In caso affermativo, chi si assume queste spese?

Sì, le traduzioni saranno eseguite ove necessario. Le spese di traduzione sono a carico dell'autorità svedese per il sostegno e l'indennizzo delle vittime di reato.

Vi sono spese amministrative o di altra natura da pagare quando la domanda viene inviata in un altro paese?

No.

Ultimo aggiornamento: 26/03/2020

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Se la mia domanda debba essere inviata da questo paese in un altro paese dell'UE - Inghilterra e Galles

Quale autorità può aiutarmi a inoltrare una domanda in un altro paese dell'UE?

Criminal Injuries Compensation Authority (CICA) (Autorità per il risarcimento dei danni derivanti da reato)

Alexander Bain House
Atlantic Quay
15 York Street
G2 8JQ
Glasgow

Telefono: 0300 003 3601

Sito web: Il link si apre in una nuova finestrahttps://www.gov.uk/government/organisations/criminal-injuries-compensation-authority

Qual è il ruolo dell'autorità di assistenza?

Tale autorità assisterà i residenti del Regno Unito che hanno subito danni in un altro paese dell'UE a presentare domanda di risarcimento da tale paese.

L'autorità di assistenza si occupa anche della traduzione dei documenti giustificativi, se la presentazione della domanda lo richiede? In caso affermativo, chi sostiene queste spese?

L'autorità di assistenza può ottenere la traduzione di documenti giustificativi e sostenerne i costi.

Vi sono spese amministrative o di altra natura da pagare quando una domanda è inviata in un altro paese?

L'autorità di assistenza non addebita costi per i servizi prestati, tuttavia non sosterrà i costi per la presentazione di una domanda qualora un altro paese dell'UE addebiti tali costi.

Ultimo aggiornamento: 16/10/2019

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Se la mia domanda debba essere inviata da questo paese in un altro paese dell'UE - Irlanda del Nord

Le seguenti questioni non sono pertinenti, considerata la legislazione dell'Irlanda del Nord.


Quale autorità può aiutarmi a inoltrare una richiesta in un altro paese dell'UE?

-

Qual è il ruolo dell'autorità di assistenza?

-

L'autorità di assistenza si occupa anche della traduzione dei documenti giustificativi, se la presentazione dell'istanza lo richiede? In caso affermativo, chi si assume queste spese?

-

Vi sono spese amministrative o di altra natura da pagare quando la domanda è inviata in un altro paese?

-

Ultimo aggiornamento: 15/10/2019

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Se la mia domanda debba essere inviata da questo paese in un altro paese dell'UE - Scozia

Quale autorità può aiutarmi a inoltrare una domanda in un altro paese dell'UE?

Criminal Injuries Compensation Authority (CICA) (Autorità per il risarcimento dei danni derivanti da reato)

Alexander Bain House
Atlantic Quay
15 York Street
G2 8JQ
Glasgow

Telefono: 0044 0300 003 3601

Sito web: Il link si apre in una nuova finestrahttps://www.gov.uk/government/organisations/criminal-injuries-compensation-authority

Qual è il ruolo dell'autorità di assistenza?

Tale autorità assisterà i residenti del Regno Unito che hanno subito danni in un altro paese dell'UE a presentare domanda di risarcimento da tale paese.

L'autorità di assistenza si occupa anche della traduzione dei documenti giustificativi, se la presentazione della domanda lo richiede? In caso affermativo, chi sostiene queste spese?

L'autorità di assistenza può ottenere la traduzione di documenti giustificativi e sostenerne i costi.

Vi sono spese amministrative o di altra natura da pagare quando una domanda è inviata in un altro paese?

L'autorità di assistenza non addebita costi per i servizi prestati, tuttavia non sosterrà i costi per la presentazione di una domanda qualora un altro paese dell'UE addebiti tali costi.

Ultimo aggiornamento: 14/11/2019

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.