Documenti pubblici

Romania

Contenuto fornito da
Romania

Articolo 24, paragrafo 1, lettera a) - lingue accettate dallo Stato membro per i documenti pubblici da presentare alle sue autorità ai sensi dell'articolo 6, paragrafo 1, lettera a)

Rumeno

Articolo 24, paragrafo 1, lettera b) - un elenco indicativo di documenti pubblici che rientrano nell'ambito di applicazione del presente regolamento

La versione originale in lingua rumeno di questa pagina è stata modificata di recente. La versione linguistica visualizzata è attualmente in fase di traduzione.
Il nuovo testo è stato già tradotto nelle lingue seguenti: tedescoinglesefrancese.

I documenti pubblici che rientrano nell'ambito di applicazione del regolamento sono per esempio certificati di nascita, di matrimonio, di decesso, di domicilio registrati nel registro nazionale delle persone (Registrul Național de Evidență a Persoanelor, RNEP), certificati del casellario giudiziale (o attestati con valore legale di un certificato del casellario giudiziale, rilasciati da missioni diplomatiche o uffici consolari), certificati di esistenza in vita, di cittadinanza, decisioni giurisdizionali in materia di stato civile (divorzio, adozione ecc.).

Articolo 24, paragrafo 1, lettera c) - l'elenco dei documenti pubblici cui possono essere allegati i moduli standard multilingue come supporto appropriato per la traduzione

I documenti pubblici cui possono essere allegati i moduli standard multilingue come supporto appropriato per la traduzione sono i seguenti: certificati di nascita, cui è allegato il modulo standard multilingue dell'allegato I; certificati di esistenza in vita, cui è allegato il modulo standard multilingue dell'allegato II; certificati di decesso, cui è allegato il modulo standard multilingue dell'allegato III; certificati di matrimonio, cui è allegato il modulo standard multilingue dell'allegato IV; certificati di domicilio registrato nell'RNEP, cui è allegato il modulo standard multilingue dell'allegato X; e certificati del casellario giudiziale, cui è allegato il modulo standard multilingue dell'allegato XI.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera d) - gli elenchi di persone qualificate, in base alla propria legislazione nazionale, per effettuare traduzioni certificate, laddove detti elenchi esistano

Un elenco aggiornato di interpreti e traduttori autorizzati è disponibile sul sito web del ministero della Giustizia qui.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera e) - un elenco indicativo dei tipi di autorità abilitate dal diritto nazionale a produrre copie autentiche

I seguenti tipi di autorità sono abilitati dal diritto nazionale a produrre copie autentiche: notai, consigli notarili (i consigli possono rilasciare copie di atti notarili redatti da notai che esercitano o hanno esercitato nella loro zona di competenza territoriale, i cui archivi sono stati acquisiti dai rispettivi consigli in conformità della legge), uffici consolari e missioni diplomatiche della Romania all'estero, segretari dei consigli comunali in municipi e città in cui non esistono uffici notarili.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera f) - informazioni relative ai mezzi attraverso i quali possono essere identificate le traduzioni certificate e le copie autentiche

La versione originale in lingua rumeno di questa pagina è stata modificata di recente. La versione linguistica visualizzata è attualmente in fase di traduzione.
Il nuovo testo è stato già tradotto nelle lingue seguenti: tedescoinglesefrancese.

I. Le copie autentiche (secondo la legge rumena, "copii legalizate") sono contraddistinte dai seguenti elementi, compresi nell'autenticazione della copia:

  • numero e data di compilazione;
  • nome e cognome del notaio/dello studio notarile che ha preparato la copia.

II. Le traduzioni certificate sono contraddistinte dai seguenti elementi:

II.A. se la traduzione è stata svolta da un interprete e traduttore/traduttrice giurato/giurata la cui firma sia stata autenticata da un notaio:

  • alla fine della traduzione, l'interprete e traduttore autorizzato inserisce la seguente dichiarazione di asseverazione: "Io sottoscritto/sottoscritta, ........................... (nome e cognome come compaiono nell'autorizzazione), interprete e traduttore/traduttrice di lingue straniere autorizzato/autorizzata con autorizzazione n. .............. del ..................., rilasciata dal ministero della Giustizia rumeno, certifico di aver svolto con cura la traduzione da .......... a ......... e che ho tradotto il testo presentatomi completamente, senza omissioni e senza falsare il contenuto o il significato del documento. Il documento di cui è stata richiesta la traduzione per intero/di un estratto ha in totale ... pagine, è denominato/intitolato ......., è stato rilasciato da .......... e mi è stato presentato in forma integrale/in estratto. La traduzione del documento consta in totale di .... pagine e l'ho svolta in conformità della richiesta scritta archiviata col n. ......./GG.MM.AAAA, e conservata nel mio archivio. Ho ricevuto un onorario di ...........RON a fronte di una ricevuta/ricevuta fiscale/ordine di pagamento n.... /GG.MM.AAAA. INTERPRETE E TRADUTTORE/TRADUTTRICE GIURATO/GIURATA .......................... (Firma e timbro)".

Una copia del documento tradotto è allegata alla traduzione. Il timbro e la firma dell'interprete e traduttore giurato si applicano sui margini alla giuntura tra una pagina e l'altra, in modo che il timbro sia applicato a tutte le pagine del documento che sono numerate, unite con punti metallici, cucite o rilegate.

  • Segue l'autenticazione della firma dell'interprete/traduttore giurato, eseguita da un notaio, da una missione diplomatica o da una missione consolare, attestante che le condizioni essenziali sono state soddisfatte; recante la data (anno, mese, giorno), il nome e il cognome dell'interprete e traduttore giurato; attestante che l'interprete e traduttore giurato è comparso di persona/ha presentato il facsimile della firma presso lo studio notarile, contenente la classificazione del documento presentato per la traduzione a norma di legge, l'attestazione che la firma del traduttore sulla traduzione è autentica; la firma e il timbro del notaio. Il timbro del notaio è applicato sui margini alla giuntura tra una pagina e l'altra, in modo da essere applicato a tutte le pagine del documento.

Nota: Se il documento è tradotto dal rumeno in una lingua straniera o da una lingua straniera in un'altra lingua straniera, sia l'asseverazione della traduzione sia l'autenticazione della firma del traduttore da parte del notaio sono effettuate anche nella lingua straniera in cui è stato tradotto il testo.

II.B. qualora la traduzione sia stata effettuata da un notaio (se la lingua straniera è la sua lingua materna o se il notaio è interprete o traduttore giurato, autorizzato dal ministero della Giustizia):

  • numero e data della certificazione della traduzione, nome e cognome del notaio che ha svolto la traduzione, la sua lingua materna o, se del caso, il numero della certificazione dell'interprete e traduttore giurato, rilasciata dal ministero della Giustizia.

Altre caratteristiche ed elementi identificativi delle traduzioni svolte da notai:

  • Una copia del documento tradotto è allegata alla traduzione. Il timbro del notaio si applica sui margini alla giuntura tra una pagina e l'altra, in modo che il timbro sia applicato a tutte le pagine del documento che sono numerate, unite con punti metallici, cucite o rilegate;
  • alla fine della traduzione si inserisce l'asseverazione della traduzione (espressamente disciplinata per legge in conformità dell'allegato seguente). Si certifica in tal modo l'accuratezza della traduzione, il fatto che il testo di partenza è stato tradotto completamente, senza omissioni, e che la traduzione non ha falsato il contenuto o il significato del testo. L'asseverazione specifica anche la lingua materna o, se del caso, numero e data del rilascio della certificazione del traduttore e interprete, lingua della certificazione, classificazione del documento presentato per la traduzione a norma della legge ecc.;
  • segue la firma e il timbro del notaio;

Articolo 24, paragrafo 1, lettera g) - informazioni sulle caratteristiche specifiche delle copie autentiche

  • Si possono produrre copie autentiche di un documento originale o, se del caso, un suo duplicato (nei casi in cui la legge preveda che alle parti di un atto notarile siano rilasciati duplicati dei documenti in luogo degli originali);
  • si può produrre una copia autentica dell'intero documento oppure, se del caso, di sue specifiche parti. In quest'ultimo caso si appone la parola "ESTRATTO" sulla copia, al di sopra della riproduzione del contenuto del documento, e nell'autenticazione della copia si introduce un riferimento corrispondente;
  • il contenuto dell'autenticazione di una copia è disciplinato per legge e comprende: a) un'attestazione di conformità della copia al documento presentato; b) lo stato del documento; c) la firma del funzionario che ha effettuato il confronto; d) la denominazione del documento che compare nel documento stesso oppure, se tale denominazione non è presente, una denominazione...... giuridica...il documento;
  • sulla fotocopia del documento, subito dopo il testo, si applica un timbro con il testo seguente: "autenticazione sul retro" oppure, se del caso "per l'autenticazione vedere sotto";
  • l'autenticazione è inserita, a seconda dei casi, sul retro del documento che viene autenticato (se si tratta di un documento di una sola pagina), oppure a piè di pagina (se il testo del documento continua sul retro della pagina o su più pagine);
  • i documenti che comprendono più pagine sono cuciti o rilegati. In questo caso, come nel caso in cui l'autenticazione è aggiunta come supplemento, il timbro del notaio è apposto tra le pagine del documento oppure in parte su una pagina del documento e in parte sul supplemento);
  • le copie autentiche rilasciate da archivi notarili sono valide per sei mesi (l'autenticazione fa riferimento all'origine del documento: archivio notarile o, se del caso, fornito dalle parti); la validità delle copie autentiche dei documenti forniti dalle parti non ha scadenza;
  • l'autenticazione reca la firma del notaio oppure di un segretario dello studio notarile che ha confrontato la copia con l'originale oppure, se del caso, la firma del console;
  • la copia autentica reca il timbro del notaio o, se del caso, del console, nonché una goffratura.
Ultimo aggiornamento: 03/08/2023

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.