Richiesta di risarcimento all'autore del reato

Észtország

Tartalomszolgáltató:
Észtország

Come posso chiedere un risarcimento o altri mezzi di riparazione all'autore del reato nell'ambito di un procedimento penale, e a chi devo rivolgere questa istanza?

Lei ha il diritto di intentare un'azione civile per il risarcimento del danno nei confronti dell'imputato nell'ambito di un procedimento penale. L'organo inquirente o l'ufficio del pubblico ministero deve spiegare alla vittima la procedura per intentare un'azione civile, i requisiti essenziali per un'azione civile, il termine per la presentazione di un'azione civile e le conseguenze di un superamento di tale termine.

In quale momento del procedimento penale devo presentare una domanda?

Puoi intentare un'azione civile entro 10 giorni dall'esame del fascicolo penale. Puoi anche chiedere alla procura di prorogare tale termine. Se il pubblico ministero ritiene possibile applicare la procedura di concordato, il pubblico ministero fissa un termine ragionevole per la presentazione della domanda di azione civile.

Se il termine è superato, l'azione civile sarà restituita, ma in questo caso puoi intentare un'azione di risarcimento dinanzi a un tribunale civile.

Cosa posso chiedere e come devo presentare la richiesta (devo indicare un importo totale e/o specificare le singole poste di danno, il mancato guadagno e gli interessi?)

Nell'ambito di un'azione civile, Lei può far valere un credito il cui obiettivo è ripristinare o sanare lo stato di benessere violato dal fatto oggetto del procedimento penale. Le circostanze di fatto alla base di tale domanda devono coincidere sostanzialmente con i fatti del reato in esame e deve essere possibile conoscere di tale domanda anche nell'ambito di un procedimento civile.

L'azione civile deve essere presentata per iscritto, deve fornire informazioni dettagliate sull'attore e sul convenuto ed esporre la richiesta chiaramente espressa della vittima, nonché le circostanze di fatto e gli elementi di prova su cui si fonda la domanda della vittima. La richiesta deve essere completa (ossia deve comprendere gli importi di tutti i tipi di danni per i quali la vittima chiede il risarcimento). Nell'ambito di un'azione di risarcimento del danno morale, l'importo del risarcimento richiesto può essere lasciato indefinito e può essere richiesto un equo risarcimento a discrezione del giudice.

Il giudice può fissare un termine per rimediare alle carenze di un'azione civile.

Esiste un modulo specifico per queste domande?

Non è stata istituita alcuna forma specifica per le azioni civili.

Di quali prove ho bisogno a sostegno della mia richiesta?

L'azione civile deve essere accompagnata dalla prova dei fatti che costituiscono il fondamento della domanda della vittima e sui quali quest'ultima intende fare affidamento indipendentemente dall'insieme delle prove presentate dal pubblico ministero.

La mia richiesta comporta spese legali o di altro tipo?

L'udienza di un'azione civile in un procedimento penale è esente dagli onorari dello Stato, ad eccezione di un'azione civile per il risarcimento di un danno morale, se la domanda di risarcimento si basa su motivi diversi dalla causa di lesioni personali o altri disturbi della salute o dalla morte di un prestatore.

In caso di rigetto dell'azione civile, le spese relative al procedimento civile o alla prova della pretesa di diritto pubblico sono a carico della vittima. Se l'azione civile è parzialmente accolta, il giudice ripartisce le spese relative al procedimento civile tra la vittima, l'imputato e l'imputato, tenendo conto di tutte le circostanze. Il giudice può inoltre decidere che le spese della vittima relative al procedimento civile siano sostenute in tutto o in parte dalla vittima, se ordinare il pagamento delle spese da parte della parte avversa sarebbe estremamente iniquo o irragionevole nei confronti di quest'ultima.

Se il giudice rifiuta di conoscere dell'azione civile a causa di una sentenza di assoluzione o di archiviazione del procedimento penale, le spese relative al procedimento civile sono a carico dello Stato. Se il giudice rifiuta di conoscere dell'azione civile per altri motivi, il giudice ripartisce le spese relative al procedimento civile tra la vittima e lo Stato, tenendo conto di tutte le circostanze.

Posso ottenere il patrocinio a spese dello Stato prima e/o nel corso del procedimento? Posso ottenerla anche se non vivo nel paese in cui si svolge il procedimento?

Riceverai il patrocinio a spese dello Stato se sussistono i motivi previsti dalla legge sul patrocinio a spese dello Stato. Se ritiene che i vostri interessi essenziali possano non essere sufficientemente tutelati senza l'assistenza di un avvocato, il tribunale può decidere, di propria iniziativa, di concederLe il patrocinio a spese dello Stato sulla base e secondo la procedura prevista dalla legge sul patrocinio a spese dello Stato.

Una persona può beneficiare del patrocinio a spese dello Stato se la sua situazione finanziaria al momento in cui ha bisogno di tale patrocinio significa che non è in grado di pagare i servizi legali competenti o se è in grado di pagare i servizi legali solo parzialmente o a rate o se la sua situazione finanziaria non consente di provvedere al sostentamento di base dopo aver pagato i servizi legali.

Il patrocinio a spese dello Stato è concesso alle persone che, al momento della presentazione della domanda di aiuto di Stato, risiedono nella Repubblica di Estonia o in un altro Stato membro dell'Unione europea o sono cittadini della Repubblica di Estonia o di un altro Stato membro dell'Unione europea. Ad altre persone è concesso il patrocinio a spese dello Stato solo se ciò deriva da un obbligo internazionale vincolante per l'Estonia.

La legge stabilisce i motivi di rifiuto del patrocinio a spese dello Stato. Il patrocinio a spese dello Stato non è concesso se, ad esempio, il richiedente è in grado di tutelare i propri diritti da solo; se il richiedente possiede beni che possono essere venduti senza grandi difficoltà per coprire i costi dei servizi legali; e se i costi dei servizi legali non sono presumibilmente più del doppio del reddito mensile medio del richiedente, al netto delle imposte e delle indennità di assicurazione obbligatoria, gli importi destinati all'adempimento di un obbligo di mantenimento derivante dalla legge, nonché le spese di alloggio e di trasporto ragionevoli. Il patrocinio a spese dello Stato non è concesso nemmeno se, in determinate circostanze, è chiaramente improbabile che il richiedente sia in grado di tutelare i propri diritti; se il patrocinio a spese dello Stato è richiesto al fine di presentare una domanda di risarcimento del danno morale e non vi sono motivi pubblici prevalenti nella causa; o se i possibili vantaggi per il richiedente al momento della decisione della causa sono irragionevolmente modesti, rispetto alle spese stimate per il patrocinio a spese dello Stato.

Il patrocinio a spese dello Stato è concesso sulla base della domanda dell'interessato. Se una persona presenta domanda di aiuto di Stato in qualità di vittima in un procedimento penale, la concessione del patrocinio a spese dello Stato alla persona è decisa dal giudice investito della questione o, durante le indagini preliminari su una causa penale, dall'autorità giudiziaria competente a conoscere della causa penale.

La domanda di patrocinio a spese dello Stato deve essere presentata in estone utilizzando il relativo modulo di domanda. Una domanda può essere presentata anche in inglese se il patrocinio a spese dello Stato è richiesto da una persona fisica che risiede in un altro Stato membro dell'Unione europea o che è cittadina di un altro Stato membro dell'Unione europea.

Chi chiede il patrocinio a spese dello Stato deve allegare alla domanda una dichiarazione debitamente eseguita e firmata della situazione finanziaria del richiedente e, se possibile, altre prove di tale situazione. Se una persona non risiede in Estonia, deve allegare alla domanda una dichiarazione relativa ai redditi e ai redditi dei familiari degli ultimi tre anni, rilasciata dall'autorità competente del paese di residenza dell'interessato. Se tale dichiarazione non può essere presentata per ragioni indipendenti dal richiedente, la concessione del patrocinio a spese dello Stato può essere decisa senza la dichiarazione.

In quali casi il giudice penale può respingere la mia richiesta nei confronti dell'autore del reato o non darvi seguito?

L'azione civile sarà respinta, in particolare, se la domanda non soddisfa i requisiti, se il procedimento penale è chiuso o se è stata pronunciata un'assoluzione, nonché se Lei non ha pagato le spese di giudizio (a condizione che fosse obbligatorio per legge). Un giudice può anche rifiutare di conoscere di un'azione civile se la vittima o l'imputato civile non compare in udienza e la causa non può essere giudicata senza la loro presenza. Inoltre, un tribunale può rifiutare di conoscere di un'azione civile in caso di condanna penale.

Un'azione civile è respinta se non vi è motivo di accoglierla.

Posso impugnare questa decisione o cercare altri mezzi di riparazione?

Se il tribunale si è rifiutato di conoscere della tua azione civile, puoi chiedere il risarcimento dei danni dinanzi a un tribunale civile. Hai il diritto di presentare ricorso contro la sentenza del tribunale di primo grado dinanzi a un tribunale distrettuale.

Se il giudice mi concede il risarcimento, come viene garantito che la sentenza nei confronti dell'autore del reato sia eseguita, e che aiuto posso ottenere a tal fine?

Se l'autore del reato non paga l'importo concesso con la sentenza, hai il diritto di rivolgersi a un ufficiale giudiziario sulla base della sentenza e l'ufficiale giudiziario organizzerà il procedimento di esecuzione.

Ultimo aggiornamento: 01/10/2020

Questa è una traduzione automatica del contenuto. ll proprietario della pagina non si assume alcuna responsabilità circa la qualità della traduzione automatica del testo.