Schließen

DIE BETAVERSION DES PORTALS IST JETZT ONLINE!

Besuchen Sie die Betaversion des Europäischen Justizportals und lassen Sie uns wissen, was Sie darüber denken!

 
 

Navigationsleiste

  • Home
  • Zugang zu Gerichten in Umweltangelegenheiten

menu starting dummy link

Page navigation

menu ending dummy link

Accesso alla giustizia per questioni ambientali - Austria

Diese Seite wurde maschinell übersetzt. Für die Qualität kann keine Gewähr gegeben werden.

Die Qualität dieser Übersetzung wurde wie folgt bewertet: durchschnittlich

Finden Sie die Übersetzung nützlich?


  1. Le fondamenta costituzionali
  2. Sistema giudiziario
  3. #II
  4. L’accesso alle informazioni sui casi
  5. L’accesso alla giustizia nella partecipazione pubblica
  6. L’accesso alla giustizia nei confronti degli atti o delle omissioni
  7. Altri mezzi di accesso alla giustizia
  8. Legittimazione ad agire
  9. Assistenza legale
  10. Prove
  11. Provvedimenti inibitori
  12. Sulle spese
  13. I meccanismi di assistenza finanziaria
  14. Tempestività
  15. Altre questioni
  16. Uno straniero
  17. Casi transfrontalieri

I. Le fondamenta costituzionali

La costituzione federale austriaca non sanciscono un diritto soggettivo a pulito, sano, favorevole all’ambiente, ecc.).

Austria integri pienamente l’obiettivo generale di tutela dell’ambiente. Dal 1984 tale confessione è sancito dalla legge costituzionale federale (Bundes-Verfassungsgesetz (B-VG), per la protezione globale dell’ambiente (B-VG über den umfassenden Umweltschutz), ma non prevede un diritto fondamentale alla tutela dell’ambiente. La legge costituzionale federale di nonnuclear Austria (B-VG über ein atomfreies Österreich) si riferisce al divieto di produzione di energia nucleare in Austria. La legge costituzionale federale prevede la ripartizione delle competenze tra lo Stato federale, le regioni e le autorità locali in materia di protezione dell’ambiente.

Secondo la legge costituzionale federale austriaca (B-VG), la tutela dell’ambiente rappresenta un tema interdisciplinare che è suddivisa tra il governo federale e i Länder. Pertanto, la normativa federale (ad esempio, gestione dei rifiuti, industria del codice 1994, la valutazione dell’impatto ambientale Act 2000, legge sulle risorse idriche, Act (legge in materia di silvicoltura) esiste accanto alla normativa provinciale (ad esempio atti concernenti la protezione della natura o della legislazione in materia edilizia) per disciplinare la protezione dell’ambiente.

La Convenzione europea dei diritti dell’uomo (CEDU) di rango costituzionale in Austria, il diritto a un processo equo per tutti i cittadini sui loro diritti e obblighi di carattere civile, nonché le procedure penali (art. 6 della CEDU). Ogni individuo ha il diritto di accedere alla giustizia — stabilito da un tribunale indipendente e imparziale, costituito per legge. Le procedure si svolgono in pubblico e oralmente. La disposizione prevede inoltre il diritto di durata ragionevole delle procedure. Art. 13 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo garantisce il diritto a un ricorso effettivo.

Per i cittadini austriaci non è possibile invocare direttamente un diritto all’ambiente in un procedimento amministrativo o giudiziario. Né la Costituzione austriaca né la Convenzione europea dei diritti dell’uomo e la Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea sanciscono il diritto fondamentale.

Le parti possono invocare direttamente accordi internazionali qualora abbiano uno status di diritto costituzionale o e se il loro contenuto sia sufficientemente determinata (art. 18, legge costituzionale federale). Se le istanze competenti (Parlamento, governo federale, presidente federale) decidono di adottare un accordo internazionale da atti distinti, regolamenti, ecc. non è possibile invocare direttamente (art. 50, par. 2, punto 4, legge costituzionale federale).

La convenzione sull’accesso alle informazioni, la partecipazione del pubblico ai processi decisionali e l’accesso alla giustizia in materia ambientale (convenzione di Aarhus) è stato ratificato senza indicare ad adottare l’accordo con atti distinti, regolamenti, ecc. nel quadro giuridico austriaco. Se il contenuto delle sue disposizioni sarebbe stata sufficientemente determinata direttamente invocazione sarebbe possibile.

II. Sistema giudiziario

L’Austria applica il principio della separazione dei poteri esecutivo e giudiziario, e per tale motivo occorre distinguere

a.) il ramo giudiziario, civile e penale e

b) il ramo giudiziario amministrativo.

In materia civile e penale quattro diversi tipi di giudici (elencati dal più basso al più alto livello giudiziario):

  • Tribunali distrettuali
  • Tribunali regionali
    • Fungono da tribunali di primo grado nei casi più importanti
    • Agire anche in appello per quanto riguarda i tribunali distrettuali
  • Quattro corti d’appello
    • Funzione di corti d’appello solennemente nei confronti dei tribunali distrettuali
  • Corte suprema per gli affari civili e penali

Tribunali civili e penali non hanno competenza per esaminare le decisioni e le decisioni emesse da autorità amministrative.

Essenzialmente in materia amministrativa non esiste un sistema giudiziario. Solo alcune decisioni adottate da organi amministrativi possono essere oggetto di riesame da parte dei tribunali amministrativi indipendenti nei Laender Unabhängige Verwaltungssenate (UVS). Se siano state esperite tutte le vie di ricorso amministrativo straordinario una denuncia a un tribunale di ultima istanza (Corte amministrativa (Verwaltungsgerichtshof) è l’unica possibilità di accesso alla Corte in materia amministrativa. La Corte costituzionale (Verfassungsgerichtshof) è competente per il riesame in sede giurisdizionale della legittimità delle decisioni amministrative o decisioni, regolamenti amministrativi e la costituzionalità delle leggi. Ad esempio in caso di violazione dei diritti fondamentali da parte delle autorità pubbliche, la Corte costituzionale è competente.

Gli organi amministrativi generali decidere questioni ambientali (ad esempio ministri federali, i governatori regionali CE.) e le autorità amministrative speciali sono istituite per decidere in merito a tali questioni. Le summenzionate dei tribunali amministrativi indipendenti fungono da organi di ricorso in alcuni casi federale o ambientali a livello regionale e agiscono come organi di ricorso nei procedimenti sanzionatori. Una distinta autorità ambientale può essere invocata esclusivamente nelle valutazioni di impatto ambientale — il Senato ambientale indipendente (unabhängiger Umweltsenat (Stati Uniti) funziona come autorità d’appello.

In generale, il «forum shopping» (la scelta del giudice competente da una parte del procedimento) non è possibile in Austria, deve presentare il caso alla competente amministrazione generale (ad esempio o), del livello giusto e nel luogo giusto (città). In ogni caso, in alcune procedure civili possibilità è che le parti possono stabilire di comune accordo l’autorità giurisdizionale competente nel caso in cui sia intentata un’azione giudiziaria.

Un ricorso è descritta come una sfida di governo, nella maggior parte dei casi le decisioni giuridiche (ad esempio, sentenze). Si utilizza un mezzo ordinario di impugnazione contro le decisioni che non sono state ancora giuridicamente vincolante (vale a dire il termine di ricorso sarebbe scaduto). Diversi tipi di impugnazione ordinari previsti nell’ambito del quadro giuridico austriaco, in quanto vi sono

  • Berufung
  • Rekurs e
  • Revisione.

Mezzi di ricorso straordinari sono intesi a contestare decisioni giuridicamente vincolanti. La legge stabilisce a quali condizioni particolari tale ricorso straordinario che può essere applicata.

La court. amministrativa può respingere l’impugnazione in quanto infondata, di rinviare la decisione ovvero di compiere un esame contenuto (SEC. 42, punto 1 — Tribunale amministrativo atto Verwaltungsgerichtshofgesetz — VwGG). Tale obiettivo può essere raggiunto se il caso esaminato sia maturo per la decisione e se è una migliore presa in considerazione dei fattori di semplicità, l’idoneità allo scopo e il risparmio di spese (art. 42, comma 3 bis della Corte amministrativa) che la decisione è presa dal tribunale amministrativo. In caso di custodia cautelare l’autorità amministrativa, in tal caso, è vincolata dal parere della Corte.

Principalmente la maggior parte delle questioni ambientali sono sottoposte alle procedure amministrative, tuttavia alcune questioni ambientali devono essere decise nel quadro della giurisdizione civile e penale.

Nel quadro di un processo penale, chiunque è autorizzato a notificare atti criminali (ad esempio, l’abuso di potere da parte di talune autorità) al pubblico ministero. Possono partecipare e assistere al processo, ma non hanno autorità per decidere se adire al giudice. Mezzi di ricorso contro le decisioni del Tribunale sono limitati al pubblico ministero ed imputato.

Diritto civile austriaco fornisce solo per alcune disposizioni in materia ambientale. Sul controllo delle immissioni è concesso da SEC. 364 e 364 bis del codice civile austriaco (Allgemeines Bürgerliches Gesetzbuch (ABGB). La legittimazione ad agire è ammesso di «vicini» — vicino sono definiti come tutte le persone che vivono all’interno di un’area colpita da un’immissione o meccanismo. Essi hanno diritto a un risarcimento permanente di un provvedimento ingiuntivo e, se il funzionamento dell’impianto è coperto da un’autorizzazione amministrativa, quest’ultimo deve tollerare le immissioni provenienti dal Fondo (anche se ha diritto a un indennizzo). Solo nel caso in cui i due prodotti dall’impianto autorizzato, mettere in pericolo la vita o la salute dei vicini ulteriori restrizioni possono essere stabiliti.

In via principale, l’accesso alla giustizia sia garantito a ogni persona i cui diritti siano stati violati dall’azione dello Stato. Un diritto soggettivo è garantita da tali norme, destinate a servire e tutelare, tra l’altro, oltre interessi individuali. In tale contesto un ruolo speciale è dedicata ai diritti fondamentali il cui unico fine è proteggere gli interessi delle persone nei confronti dell’azione dello Stato.

Secondo le suddette norme, una persona sia legittimata nelle procedure amministrative riguardanti le questioni ambientali solo se è direttamente interessata, di un «diritto soggettivo» deve essere colpite e che la legge deve concedere una specifica parte del diritto, una persona può avviare o partecipare a una procedura amministrativa.

In particolare, i giudici sono vincolati dal contenuto delle proposte presentate dalle parti del procedimento, il che significa che essi non agiscono di propria iniziativa.

III. L’accesso alle informazioni sui casi

Le informazioni ambientali devono essere fornite da organi amministrativi e altre istituzioni con competenze in materia di ambiente. Se tali organismi rifiutano di fornire informazioni ambientali o di fornire informazioni o non sufficientemente ingiustamente il richiedente o la persona direttamente interessata dal rifiuto o informazione illecita può chiedere l’approvazione di una decisione negativa (SEC. 8 Informazioni ambientali atto/Umweltinformationsgesetz — UIG). In seguito, il richiedente ha il diritto di ricorrere contro le decisioni negative formalmente emesso con il Tribunale amministrativo indipendente. Successivamente, la ricorrente possa lamentarsi (bescheidbeschwerde) con il giudice costituzionale o amministrativo.

Il rifiuto o inadeguato rispetto della richiesta di informazioni deve essere motivata (SEC. 5 UIG) e richiedente le informazioni deve essere informata in merito ai mezzi di ricorso disponibili previsti dal SEC. 8 informazioni ambientali (UIG).

Le norme procedurali applicabili per le informazioni ambientali richieste sono essenzialmente fissate nelle informazioni ambientali (UIG) stesso. Per tutte le questioni non disciplinate dal presente atto, le disposizioni procedurali dell’atto di procedura amministrativa generale (Allgemeines Verwaltungsverfahrensgesetz — media) devono essere applicate.

Per l’adozione di una decisione formale dell’atto di procedura amministrativa generale deve essere applicato controllata, qualora disposizioni settoriali per la materia in questione non prevedono norme procedurali speciali (SEZ. 8/2 UIG).

Secondo l’atto di procedura amministrativa generale dei requisiti formali di ricorso sono i seguenti:

  • forma scritta
  • Fondamentalmente, redatte in tedesco
  • termine di due settimane dopo la pronuncia della decisione negativa
  • L’impugnazione deve essere depositata presso l’organismo amministrativo che ha rilasciato la decisione negativa

Nelle procedure amministrative obbligatorie non sono coinvolti difensori. Ma i ricorsi presso la Corte amministrativa o la Corte costituzionale, devono essere presentate da un consulente legale (obbligatoria) (SEC. 24, comma 2, del Tribunale amministrativo atto e SEC. 17 punto 2 della Corte Costituzionale — atto Verfassungsgerichtshofgesetz — vfgg).

I tribunali hanno accesso alle informazioni sull’accessibilità di cui è controversa. La Corte fondi la sua decisione sulla base delle informazioni che è contestato — quindi di compensare le ragioni favorevoli e in contra fornite dal richiedente e l’autorità.

Se il Tribunale amministrativo indipendente ritiene il ricorso fondato, la decisione di diniego è annullata. L’autorità è vincolata dalla decisione della Corte e le interpretazioni, e l’obbligo di comunicare le informazioni.

Il sistema di informazioni ambientali disciplinate dal diritto pubblico (öffentliches Recht) consiste di una informazione ambientale (legge federale bundes-umweltinformationsgesetz — UIG) e nove atti dell’informazione in materia ambientale (landes-umweltinformationsgesetze — l-uigs), relativo alle richieste di informazioni ambientali nell’ambito delle competenze legislative dei nove Länder austriaci (protezione della natura).

IV. L’accesso alla giustizia nella partecipazione pubblica

Va osservato che l’Austria non ha un unico atto normativo il diritto ambientale né una singola autorità competente responsabile del procedimento di diritto ambientale. Le disposizioni austriache in materia di protezione ambientale possono essere presenti in diversi atti giuridici nel settore del diritto civile, in particolare il cosiddetto ambientale) di diritto privato, il diritto penale e — nella maggior parte dei casi — diritto amministrativo (ad es. la gestione delle risorse idriche — wasserrechtsgesetz — wrg, della legge sulla gestione dei rifiuti (Abfallwirtschaftsgesetz _awg, del commercio e dell’industria (Gewerbeordnung — Atto GewO ecc.). La quota più rilevante della normativa austriaca relativa alla protezione dell’ambiente esiste nel settore del diritto amministrativo. Diritto amministrativo austriaco fa parte di diritto pubblico (öffentliches Recht) che disciplina le relazioni tra le persone (cittadini, imprese) e lo Stato. Va sottolineato che la Repubblica d’Austria è uno Stato federale. Ciò significa che la legislazione e l’esecuzione delle leggi sono ripartite tra il governo federale e i nove province federali (Länder), conformemente alle rispettive competenze che le sono state assegnate. La legge costituzionale federale austriaca (B-VG) disciplina le competenze legislative ed esecutive attribuite al governo federale, da un lato, e le province, dall’altro. A meno che le normative settoriali contengono disposizioni speciali per il procedimento amministrativo, l’atto di procedura amministrativa generale (Allgemeines Verwaltungsverfahrensgesetz — AVG) si applica all’attuazione di tali leggi.

Le procedure in materia di diritto civile e di diritto amministrativo sono separati. Entrambi i sistemi funzionano in modo indipendente. Tuttavia, i loro ricorsi giuridici integrano e si rafforzano reciprocamente. Per la protezione dell’ambiente, di diritto privato, il codice civile austriaco (ABGB) prevede una serie di norme generali e specifiche. In generale, chiunque sia o timore di essere messo a rischio da inquinamento è legittimata ad adire le vie legali contro chi inquina e di chiedere un provvedimento inibitorio. In particolare, l’art. 364 e seguenti del codice civile austriaco (ABGB) prevedono la possibilità per i vicini di depositare una domanda relativa alla difesa contro irricevibile in materia di immissioni provenienti da proprietà adiacenti. Inoltre vicini abbiano il diritto di vietare immissioni che superino un determinato livello. In tale contesto, diretti o indiretti, che abbiano un impatto in materia di immissioni da un immobile a un altro (ad esempio, acque reflue, odori, rumore, luce e delle radiazioni) sono considerate come riduzioni di valore.

Accanto al concetto generale di diritti vicini» nel codice civile e la possibilità di presentare un reclamo su tale base, vicini e loro attribuiti diritti in qualità di parti nella procedura spesso siano esplicitamente incluse nel contesto amministrativo distinte leggi (ad es.. Via Act, legge sulla gestione dei rifiuti del codice del lavoro).

Primo grado delle decisioni amministrative possa essere citata in giudizio direttamente. Tuttavia in alcuni casi un ricorso presso i tribunali amministrativi indipendenti [Unabhängige Verwaltungssenate) installati in secondo grado, giuridicamente previsto.

I mezzi di ricorso amministrativi devono essere esauriti prima parti possano contestare le decisioni presso il tribunale amministrativo o la Corte costituzionale presentando un reclamo (ricorso straordinario).

Il Tribunale amministrativo non è solo un cassational Corte — si può controllare la legittimità sostanziale e procedurale di decisioni amministrative e i rispettivi casi di custodia cautelare e l’autorità che ha adottato la decisione può effettuare una nuova procedura e prendere una decisione adeguata, ma il giudice amministrativo è competente a statuire sulla fondatezza di tali cause (SEC. 42 punto 1 e 3 bis Administrative Court Act).

Un importante strumento giuridico che copre una vasta gamma di attività di interesse ambientale è la legge sulla valutazione dell’impatto ambientale — VIA (Umweltverträglichkeitsprüfungsgesetz — UVP-G 2000). Essa stabilisce le proprie norme procedurali sull’impatto ambientale dei progetti pubblici e privati che devono essere sottoposti a una valutazione d’impatto ambientale (VIA).

Tutte le parti del procedimento via sono legittimate a proporre ricorso contro la decisione finale VIA. Oltre al progetto richiedente le seguenti persone possono essere parti di procedure di VIA (via, paragrafo 19 della legge):

  • I paesi vicini
  • Il mediatore per l’ambiente
  • Autorità preposte alla cooperazione
  • Gruppi di cittadini
  • Organizzazioni ambientaliste
  • L’organismo di pianificazione della gestione delle risorse idriche
  • Parti stabilite dalle pertinenti disposizioni amministrative

Valutazione di impatto ambientale finale le autorizzazioni possono essere riesaminate dal Senato ambientale indipendente (unabhängiger Umweltsenat) in secondo grado (SEC. 40) via, che è competente per esaminare la decisione di primo grado in ogni direzione, e infine da parte del giudice costituzionale o amministrativo. Soltanto il giudice costituzionale o del tribunale amministrativo può riesaminare la via autorizzazioni rilasciate dal ministro federale per i trasporti, l’innovazione e la tecnologia. Ricorsi contro le decisioni VIA devono essere presentate entro quattro settimane. La decisione della prima camera ambientale indipendente possono essere sia reformatory o cassatorio. Il ricorso ha effetto sospensivo (SEC. 64 atto di procedura amministrativa generale). La prova è adottata dal Tribunale stesso (immediatezza dell’istruzione) — pertanto un’audizione orale può essere effettuata se il Senato ritiene necessario ambientale indipendente o di una parte del procedimento lo richiede. Sostanzialmente le audizioni devono avvenire nell’ambito di partecipazione pubblica.

Con l’ultima modifica della legge nel 2012, un ulteriore ricorso è stato stabilito per le organizzazioni ambientaliste che hanno ora il diritto di presentare una domanda di revisione della decisione di screening per stabilire se è necessario effettuare una VIA per un progetto o meno.

Per quanto riguarda decisioni di indagine sulle strade federali e linee ferroviarie ad alta velocità, rilasciato dal ministro federale per i trasporti, l’innovazione e la tecnologia, il Senato ambientali indipendenti non agisce come organo di appello. Un reclamo avverso tali decisioni possono essere depositate presso il tribunale amministrativo per il richiedente, l’autorità che ha collaborato all’inchiesta, il Mediatore per l’ambiente e il comune ospitante.

Il reclamo al tribunale amministrativo deve essere presentata per iscritto da un avvocato entro sei settimane dalla decisione definitiva. Esso non ha effetto sospensivo, ma il tribunale può concedere il TI nel caso in cui non vi siano interessi pubblici in gioco e se ciò è necessario per evitare un danno sproporzionato per il ricorrente. La decisione del tribunale amministrativo può essere cassatorio o una decisione in base al merito del caso (SEC. 42 punto 1 e 3 bis Administrative Court Act).

Come regola generale, i provvedimenti ingiuntivi è concesso in Austria per le procedure in materia ambientale — e alle procedure VIA. L’attuale autorizzazione o procedura d’appello impediscano l’avvio del progetto.

Le eccezioni sono via i procedimenti in materia di strade nazionali e linee ferroviarie ad alta velocità, in quanto il ministro federale dei trasporti, dell’innovazione e della tecnologia è competente in prima istanza, l’organo di appello è la Corte amministrativa, e non dinanzi al giudice amministrativo, sia concesso l’effetto sospensivo. Il progetto può essere avviato in seguito ad un procedimento dinanzi al Tribunale amministrativo. Ciò non si applica se il Tribunale amministrativo conferisce espressamente l’effetto sospensivo all’interno della procedura di ricorso.

Per quanto riguarda le attività industriali nell’ambito della prevenzione e riduzione integrate dell’inquinamento, sono possibili due diverse fasi di appello nelle procedure IPPC:

  • Se l’installazione IPPC soddisfa le condizioni per l’esecuzione di una via, un ricorso può essere presentato con il Senato ambientale indipendente in secondo grado.
  • Le autorizzazioni IPPC finale — non soggetto a VIA autorizzazioni — possono essere riesaminate dal tribunale amministrativo indipendente — che deve essere classificato simili alle qualità organizzative del Senato ambientale indipendente.
  • Inoltre la Corte costituzionale o amministrativo possono essere affrontati con azioni straordinarie.

In linea di principio, le autorizzazioni IPPC devono essere messi a disposizione del pubblico, che deve avere la possibilità di esprimere il suo parere prima che l’autorità amministrativa riconosce la licenza industriale.

Accreditato a livello nazionale o internazionale, alcune organizzazioni ambientali hanno nel corso delle procedure di autorizzazione IPPC (SEC. 356B, codice dell’industria e del commercio (Gewerbeordnung)

Il Tribunale amministrativo indipendente e il Senato ambientali indipendenti hanno il diritto di riesame della legalità procedurale e sostanziale delle decisioni IPPC e verifica materiale e risultati tecnici e i calcoli e la documentazione IPPC.

Nelle decisioni IPPC:

  • Al fine di preservare i diritti delle parti in ulteriori procedure IPPC e nel procedimento d’appello vicini alle strutture previste fondamentalmente devono dar obiezioni contro il progetto entro l’audizione orale — in caso contrario i loro diritti impedisce. Oggetto delle loro obiezioni devono essere una violazione del loro diritto soggettivo.
  • La parte i diritti di cui sopra esclude le organizzazioni ambientali se non sollevare le loro obiezioni per iscritto entro sei settimane dalla pubblicazione della domanda.

In sostanza, l’avvio di una procedura di ricorso inibisce l’inizio del progetto autorizzato in prima istanza (effetto sospensivo del ricorso).

Tuttavia nel corso delle procedure di autorizzazione IPPC viene in determinate circostanze (se il procedimento pregiudiziale avrà una durata e un’autorizzazione è prevedibile) autorizzati ad emanare una licenza di esercizio prima dell’autorizzazione definitiva entrata in vigore (SEC. 354 codice dell’industria e del commercio). Nel procedimento di impugnazione tale autorizzazione preventiva termina con l’adozione della decisione in merito all’impugnazione.

Quando il giudice amministrativo annulla un impianto IPPC, l’autorizzazione IPPC possono essere ancora utilizzati fino ad un anno dopo la decisione del giudice amministrativo (SEC. 359c Codice dell’industria e del commercio). Ciò non si applica se il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo all’interno della procedura di ricorso.

V. l’accesso alla giustizia nei confronti degli atti o delle omissioni

In Austria un regime generale di responsabilità civile ambientale non esisteva. Oltre alla già citata

a) neighbourly responsabilità e sul controllo delle immissioni (SEC. 364 e 364 bis codice civile) ha chiesto al giudice civile, anche

b) la responsabilità civile per colpa (artt. 1293 e segg. codice civile) ha sostenuto in tribunali civili,

C particolarità delle norme ambientali (ad esempio la gestione idrica Act, Act (legge in materia di silvicoltura) ha sostenuto in tribunali civili vanno qui menzionati.

Ad bis)

In base alle regole in materia di responsabilità civile — l’obbligo di risarcimento inviti colpevolezza sulla parte del principio «chi inquina. L’atto o l’omissione deve essere illegale e deve essere causale del danno prodotto. Il ricorso a tali procedure tocca la restituzione fisica o, se non possibile, il risarcimento dei danni prodotti.

Per quanto riguarda il quesito b):

Per l’immissione di responsabilità di controllo non è richiesto un atto colposo, quest’ultimo ha diritto a un risarcimento — provvedimenti ingiuntivi permanenti e un’eccezione Stati membri SEC. 364 bis del codice civile austriaco, in assenza di provvedimenti ingiuntivi se la perturbazione è il risultato di un impianto approvato dall’autorità amministrativa. In tal caso quest’ultimo deve tollerare l’impatto (anche se ha diritto a un indennizzo)

Ad c)

Le disposizioni in materia di responsabilità ambientale nelle leggi specifiche e, pertanto, applicate di preferenza rispetto al regime di responsabilità civile. Questo prevede una responsabilità assoluta a prescindere dalla colpa e comporti l’inversione dell’onere della prova a favore del ricorrente nell’ambito del procedimento.

Secondo la responsabilità di organismi pubblici austriaci, crediti nei confronti di organismi statali di azioni illegali e colpevole dei loro organi nell’ambito delle loro funzioni possono essere depositate presso il tribunale regionale competente (responsabilità degli enti pubblici»). Per quanto riguarda le questioni ambientali, ad esempio, il responsabile dell’illecito disposizione informazioni ambientali possono essere elencate qui.

La parte lesa può reclamare il rimborso dei danni causati (SEC. 1 GRUPPO AD HOC).

Inoltre, se lo Stato non è possibile applicare il diritto dell’Unione in modo adeguato per far valere la responsabilità dello Stato presso il tribunale regionale di competenza. Se il legislatore austriaco responsabile per il «danno» causato (ad esempio, per ritardi nell’attuazione del diritto dell’UE), il reclamo deve essere presentato alla Corte costituzionale.

Il regime di responsabilità ambientale disciplinate dal diritto pubblico federale sia composto da una legge sulla responsabilità per danni all’ambiente (b-uhg) e nove atti di responsabilità ambientale regionale (l-uhg).

Secondo l’Austria la responsabilità ambientale atti amministrativi competenti territorialmente distrettuali (Bezirksverwaltungsbehörde) è l’autorità competente a decidere in materia di responsabilità ambientale.

La denuncia (SEC. 11 — Responsabilità ambientale — - bundes-umwelthaftungsgesetz b-uhg) può essere presentata da qualsiasi persona fisica o giuridica i cui diritti sarebbero stati violati dal danno ambientale si è verificato o da organizzazioni ambientali e il Mediatore per l’ambiente. Tali persone possono indirizzare una richiesta scritta su misure di risanamento all’autorità regionale competente. L’autore della denuncia può dimostrare le sue affermazioni fornendo informazioni o prove Sec.11/3 (legge sulla responsabilità per danni all’ambiente).

Collocando la denuncia o la presentazione di una dichiarazione entro due settimane dall’annuncio del danno ambientale da parte dell’autorità le persone di cui al SEC. 11 (1) Legge federale sulla responsabilità ambientale sono — oltre all’operatore — Legittimazione ad agire nel procedimento amministrativo di bonifica.

Le decisioni prese dall’autorità competente in applicazione della legge sulla responsabilità per danni all’ambiente può essere impugnata presso il Tribunale amministrativo indipendente a livello locale dalle parti — ad esempio le decisioni con cui la competente autorità ha negato il diritto di presentare una denuncia.

Il Tribunale amministrativo indipendente ha diritto al riesame della legalità procedurale e sostanziale delle decisioni sulla responsabilità ambientale. Se tale organismo rende reformatory decisioni si può condurre una procedura di taking-evidence ed è abilitato a verificare, accertamenti tecnici ecc.

La Corte costituzionale e amministrativo possono essere estratte diritti soggettivi della ricorrente siano stati violati dal Tribunale amministrativo indipendente della decisione. Il Ministro federale dell’agricoltura, delle foreste, dell’ambiente e delle risorse idriche ha il diritto di presentare un reclamo ufficiale presso il tribunale amministrativo per quanto riguarda i procedimenti di recupero dei costi.

Il mediatore per l’ambiente e le organizzazioni ambientaliste non abbiano accesso al tribunale amministrativo in materia di responsabilità ambientale.

Processo di presentarsi in tribunale per far valere la responsabilità ambientale:

  • La persona deve essere stata parte (suoi diritti soggettivi sono state colpite) alla procedura di cui sopra con la competente autorità.
  • Il ricorso scritto per il comitato di revisione deve essere presentata presso l’autorità di primo grado.
  • Il ricorso deve essere presentato entro due settimane dopo la decisione di primo grado è stata emanata.
  • I motivi del ricorso devono essere spiegati e le azioni richieste in modo esplicito. Inoltre, la decisione contro la quale è presentata deve essere citati.
  • Il Tribunale amministrativo, possono essere consultati da rimedio straordinario.
  • La denuncia deve essere presentata con
  • Il reclamo deve essere presentato entro un termine di sei settimane dopo l’entrata in vigore della decisione di ultimo grado

La denuncia deve essere presentata da un avvocato autorizzato

VI. Altri mezzi di accesso alla giustizia

Altri:

  • Il compito generale di difensori civici è di controllare le azioni degli organi amministrativi.
  • Il Mediatore può agire di propria iniziativa o a seguito di una denuncia da parte di una persona colpita da un punto di vista soggettivo di cattiva amministrazione:
  • Il Mediatore può formulare una raccomandazione all’organo amministrativo.
  • Il Mediatore presenta al Parlamento una relazione annuale sulle sue attività.
  • Il Mediatore è legittimata ad impugnare un regolamento amministrativo di presentare una denuncia presso la Corte costituzionale (artt. 139 e 148 sexies, diritto costituzionale).

Il mediatore per l’ambiente è legittimata diritti pertinenti dal punto di vista ambientale in particolare procedure amministrative: essi operano nell’ambito di tutela dell’ambiente procedure. Esse si sono inoltre parte diritti in via o le procedure di smaltimento dei rifiuti.

  • Il loro compito è quello di chiedere il rispetto dell’obiettivo del diritto ambientale. Sono formali e ufficiali di una parte del procedimento (formalpartei).
  • In quanto parti nelle summenzionate procedure ambientali sono competenti per contestare tali decisioni amministrative.
  • In sostanza, essi non sono autorizzati a presentare denuncia presso i tribunali amministrativi che non basano il loro status di un diritto soggettivo. In alcuni casi sono stati legalmente dato il diritto di presentare reclami (ad esempio nelle procedure VIA le procedure di smaltimento dei rifiuti)
  • Non sono autorizzati ad avere accesso al tribunale amministrativo nelle procedure di responsabilità per danni all’ambiente.
  • Come hanno lo status di una parte non ha la competenza per presentare denunce presso la Corte costituzionale.

Il pubblico ministero è responsabile della pubblica accusa nel procedimento penale. Egli/ella dirige le indagini nell’ambito del procedimento. Egli è tenuto a seguire le istruzioni del proprio organo amministrativo. Questi poteri non variano all’interno di un procedimento penale in materia ambientale.

Né il codice penale austriaco né la sanzione amministrativa (Verwaltungsstrafgesetz) prevedono un’azione penale privata in materia ambientale. Tuttavia chiunque sospetti che siano stati commessi reati è autorizzato a notificare la presente alle rispettive agenzie preposte all’applicazione della legge.

Gli organi amministrativi sono sotto la direzione e il controllo della Corte, gli organi amministrativi e le loro istruzioni. Il Tribunale amministrativo esegue il controllo giurisdizionale superiore. In determinati casi il ministro federale competente sia abilitato a depositare una denuncia (amtsbeschwerde) presso il tribunale amministrativo contro un atto illegittimo di una decisione amministrativa. Il Mediatore può rivolgersi, competenti ad agire per azioni od omissioni amministrative inadeguate.

Inoltre vi è il funzionario e la responsabilità dello Stato (S.O. V/2) in relazione ai crediti nei confronti di organismi statali di azioni illegali e colpevole dei loro organi.

Procuratore per le questioni legate alla corruzione sono competenti in materia di corruzione dei funzionari.

VII. Legittimazione ad agire

Legittimazione ad agire

Procedimento amministrativo

Procedimento dinanzi al Tribunale

Persone

Devono dimostrare di avere un interesse legittimo previsto dalla legge

Parte diritti impedisce se il non agire tempestivamente

Devono dimostrare di avere un interesse legittimo previsto dalla legge).

Diritti se i loro diritti di parti non osta, nell’ambito del procedimento amministrativo (ha)

Denuncia alla Corte costituzionale e amministrativo

ONG

Le ONG hanno la legittimazione ad agire se soddisfano determinate condizioni,

previsto dalla legge — Riconoscimento

(ad esempio, nei procedimenti di VIA)

Necessità di dimostrare un interesse pubblico

Parte diritti impedisce se il non agire tempestivamente

Legittimazione ad agire attraverso la rappresentanza degli interessi pubblici.

Non parte esclusa se i loro diritti nel corso del procedimento amministrativo (ha)

Non sono autorizzati a presentare una denuncia alla Corte costituzionale o amministrativo (ad eccezione di alcuni casi via)

Altri soggetti giuridici

Il comune ospitante e di altri comuni interessati

Chiedere il rispetto delle disposizioni giuridiche e degli interessi pubblici (come diritto soggettivo)

La città di arrivo o di altri comuni interessati hanno il diritto di presentare una denuncia presso il tribunale amministrativo

Gruppi ad hoc

I gruppi di cittadini devono soddisfare determinate norme —

(numero di persone, residenza, ecc.)

Devono dimostrare di avere un interesse legittimo previsto dalla legge

Parte diritti impedisce se il non agire tempestivamente

Legittimazione ad agire nei procedimenti dinanzi alla Corte costituzionale e amministrativo garantito, in quanto questi gruppi possono dimostrare un diritto soggettivo.

Le ONG straniere

Progetti con riferimento internazionale

Membro delle ONG straniere ha la sede legale deve essere stata notificata dall’Austria in merito al progetto.

Il progetto e i suoi potenziali effetti dovranno essere coperti dall’ONG ambito di attività.

(PC. Posizione delle ONG austriaca)

Potenziale parte diritti nel loro paese di origine

PC. Di cui sopra: Posizione delle ONG austriaca

Altri [1]#_ftn1

Difensore civico per l’ambiente

Agisce nell’interesse della conformità alla normativa ambientale (formale)

Nessuna preclusione di parte dei diritti

Ha il diritto di presentare un reclamo presso il tribunale amministrativo

(1) Le ONG ambientali hanno legittimazione ad agire unicamente nell’ambito di un procedimento di VIA, alla procedura di autorizzazione IPPC (umweltsanierungsverfahren e risanamento ambientale). Procedimento in via hanno diritto all’accesso al giudice amministrativo. Nelle procedure di screening VIA e, nel caso che l’Autorità ha deciso che un progetto non deve essere oggetto di una valutazione di impatto ambientale, un’organizzazione ambientale legalmente riconosciuto, ha il diritto di presentare una domanda di controllo del rispetto del Senato via obblighi ambientali.

(2) Gruppi di cittadini hanno la legittimazione ad agire esclusivamente in via di causa — ulteriore legislazione settoriale non prevede alcuna parte dei diritti di gruppi di cittadini.

(3) Quadro giuridico austriaco non prevede la possibilità di una actio popularis.

(4) Il Mediatore ha la legittimazione all’impugnazione di regolamenti amministrativi presso la Corte costituzionale (artt. 139 e 148 sexies, diritto costituzionale).

(5) La legittimazione ad agire è ammesso al Mediatore per l’ambiente

  • Procedimento di conservazione della natura regolamentati da leggi regionali [Landesgesetze) e
  • in taluni procedimenti disciplinati dalla legge federale (Bundesgesetz) — procedura VIA in base alla legge sulla gestione dei rifiuti o procedimenti di recupero ambientale

Esse hanno la legittimazione ad agire in un procedimento presso il tribunale amministrativo in via e aspetti relativi alla gestione dei rifiuti.

(6) I pubblici ministeri hanno privato la legittimazione ad agire nell’ambito di un procedimento penale o sanzione amministrativa se è fornito da leggi sostanziali.

(7) L’organismo di pianificazione della gestione delle acque è legittimato ad agire nell’ambito delle procedure VIA. Tutelare gli interessi della gestione delle risorse idriche (formale). La parte dei diritti non può escludere e ha il diritto di presentare un reclamo presso il tribunale amministrativo.

In sostanza, VIA e IPPC norme eccezionali, almeno per quanto riguarda la legittimazione delle organizzazioni non governative. L’atto di procedura amministrativa generale contiene la regola generale relativa alla legittimazione ad agire. La parte diritti sono vincolati a interessi legittimi per quanto riguarda il caso in oggetto. I diritti soggettivi o gli interessi legittimi di cui sono indicati nel contesto della normativa settoriale. In materia ambientale fondamentalmente la «vicini» dispongono di legittimazione — ma il concetto di «vicino» è interpretata in modo diverso nei rispettivi ordinamenti.

VIII. Assistenza legale

L’avvocato agisca come consulente legale in materia giuridica. A tale scopo essi offrono consulenze legali e rappresentano i loro clienti in un procedimento giudiziario o amministrativo. La rappresentanza da parte di un avvocato è possibile nei procedimenti dinanzi ad autorità giudiziarie o amministrative. Nel corso di un procedimento penale, l’avvocato agisce in qualità di difensore. Nei procedimenti civili dinanzi i tribunali regionali e la Corte suprema, la rappresentanza di un avvocato è obbligatoria.

Consulente legale non è obbligatoria in procedure amministrative ambientali — l’atto di procedura amministrativa generale prevede solo la possibilità di determinare liberamente la rappresentanza legale (rappresentanza).

Nell’ambito di un procedimento dinanzi alla Corte costituzionale e amministrativa di un consulente legale è obbligatoria per tutte le questioni.

L’ordine austriaco degli avvocati fornisce informazioni per iscritto, per regione e settore di attività [2].#_ftn2

In Austria, in generale, gli avvocati specializzati in determinati settori giuridici, come il diritto ambientale e gli avvocati e gli uffici esistenti in tutto il paese.

IX. Prove

Parti di procedimenti amministrativi può avviare una visita sul posto effettuata dal giudice, può presentare pareri e chiedere la nomina di un esperto interno. Essi possono inoltre offrire registri pubblici o privati o testimonianze.

Libera riflessione delle prove (Freie beweiswürdigung) è il principio fondamentale in procedure di assunzione dei mezzi di prova. L’autorità o il giudice deve prendere in considerazione di propria persuasione se un fatto deve essere considerato come dato o meno. In tal modo l’autorità o autorità giurisdizionale deve applicare la normativa considerata empiriche (scienze naturali o psicologia ecc.). Principalmente per ogni tipo di prova di cui sopra devono essere trattate allo stesso modo, tutto dipende dal suo contenuto convincente.

L’unica eccezione è la prova dei registri pubblici — si basano tutte le prove sull’esattezza del loro contenuto.

Le parti possono presentare nuovi elementi di prova in primo grado di procedure amministrative, nonché le procedure di secondo grado. Essi hanno il diritto di fornire informazioni su tutti gli aspetti pertinenti del caso e hanno il diritto di chiedere la presentazione di prove (SEC. 43/4 atto di procedura amministrativa generale). L’autorità è legittimata a respingere la domanda se si valuta che in quanto irrilevante per la causa.

La regola di base come elementi di prova nell’ambito di procedimenti (ambientali e generali in procedimenti amministrativi) è emerso dagli Stati dovere individuare tutti i fatti pertinenti in un determinato caso (Offizialmaxime). L’Autorità è tenuta a svolgere procedure di prove d’ufficio. Questa regola va seguita anche da tribunali indipendenti che agiscono come «organi» court-like nelle procedure amministrative.

Procedure di assunzione dei mezzi di prova dinanzi ai tribunali civili ordinari sono regolati dal principio della disposizione (dispositionsgrundsatz). Ciò significa che in sostanza è per le parti ad avviare un processo di porvi fine o di modificare l’oggetto del procedimento che ha avviato.

L’utilizzo delle perizie è ammessa se ciò è assolutamente necessario nell’ambito della procedura:

  • È questo il caso se la legge prevede un parere di esperti, o
  • Se la soluzione delle questioni decision-relevant dipende dalle conoscenze specializzate, l’Autorità non dispone

Se una perizia sia necessaria ai fini della decisione della causa, la principale autorità ha accesso ufficiale di esperti (che contrariamente agli esperti privati sono nominati a vita dalle autorità amministrative).

Il parere di esperti non è vincolante per le autorità, in applicazione del principio di libera considerando gli elementi di prova. L’Autorità possa verificare il parere sull’accuratezza, l’attendibilità e la completezza. Se l’autorità non è convinta della qualità del parere, una controperizia deve essere sollecitati.

Provvedimenti ingiuntivi X.

Il ricorso presso il Tribunale amministrativo indipendente non ha effetto sospensivo, mentre nella denuncia presso il tribunale amministrativo, essenzialmente, non hanno effetto sospensivo, salvo che l’effetto sospensivo è esplicitamente riconosciuto.

L’effetto sospensivo del ricorso è esclusa se l’esecuzione immediata della decisione amministrativa

  • soddisfa l’interesse di una delle parti del procedimento, o
  • soddisfa l’interesse pubblico a causa di pericoli imminenti (SEC. 64, comma 2, legge sulle procedure amministrative generali). Tuttavia, la presenza di interesse pubblico non è l’unico caso in cui l’esistenza di un pericolo imminente viene preso in considerazione.

L’Autorità deve procedere a una ponderazione degli interessi, l’interesse della ricorrente riguardante la protezione giuridica contro altri interessi pubblici o privati) al fine di adottare una decisione relativa all’esclusione dell’effetto sospensivo.

Fondamentalmente nell’ambito delle procedure di primo grado il progetto previsto non può essere realizzato fino alla vincolante di concedere l’autorizzazione.

Attraverso la garanzia di effetto sospensivo dei ricorsi nell’ambito di procedure amministrative (SEC. 64 atto di procedura amministrativa generale) nel tempo è prevista una protezione giuridica. Inoltre, se nell’ambito di un procedimento giurisdizionale (anche in questo caso il procedimento presso i tribunali amministrativi indipendenti) il diritto comunitario potrebbe essere applicato abusivamente, l’esclusione di effetto sospensivo di un’impugnazione non è consentito. Il Tribunale ad adottare misure provvisorie, se necessario, anche se la legislazione nazionale non prevede provvedimenti ingiuntivi/misure provvisorie.

Diritto civile austriaco fornisce solo per alcune disposizioni in materia ambientale. Sul controllo delle immissioni è concesso da SEC. 364 e 364 bis del codice civile austriaco (Allgemeines Bürgerliches Gesetzbuch (ABGB). La legittimazione ad agire è ammesso di «vicini» — vicino sono definiti come tutte le persone che vivono all’interno di un’area colpita da un’immissione o meccanismo. Essi hanno diritto a un risarcimento permanente di un provvedimento ingiuntivo e, se il funzionamento dell’impianto è coperto da un’autorizzazione amministrativa, quest’ultimo deve tollerare le immissioni provenienti dal Fondo (anche se ha diritto a un indennizzo). Solo nel caso in cui i due prodotti dall’impianto autorizzato, mettere in pericolo la vita o la salute dei vicini ulteriori restrizioni possono essere stabiliti.

Inoltre un’ingiunzione preliminare è garantito contro gli atti o le omissioni sul controllo delle immissioni nell’ambito civile, vale a dire quando un credito su un’omissione è presentato e il credito deve essere risarcito. Oltre a svolgere tale funzione, il richiedente ha il diritto di presentare un ricorso per violazione di domicilio, nel corso di un procedimento sul controllo delle immissioni — che si caratterizza per la sua breve durata dei procedimenti.

Azioni di violazione di domicilio:

  • Il reclamo deve essere presentato entro un termine di 30 giorni dall’emergenza della violazione.
  • Nel corso dell’udienza, il solo fatto di detenzione e le interferenze (ad esempio, accesso non autorizzato).
  • Il testo definitivo della decisione contiene un comando o divieto ed eventualmente misure di salvaguardia sono ordinati.
  • La decisione può essere eseguita prima che diventi valida.

Nel procedimento sul controllo delle immissioni che quest’ultimo ha diritto al risarcimento permanente e provvedimenti ingiuntivi. Condizioni per chiedere provvedimenti ingiuntivi superiori alla normale è quella in materia di immissioni a livello locale e di compromettere l’uso della proprietà del vicino in modo sostanziale.

Un’eccezione Stati membri SEC. 364 bis del codice civile austriaco, in assenza di provvedimenti ingiuntivi se la perturbazione è il risultato di un impianto approvato dall’autorità amministrativa. In tal caso quest’ultimo deve tollerare l’impatto (anche se ha diritto a un indennizzo). Condizione preliminare per chi vuole fare affidamento sulle SEC. 364 bis codice civile è che quest’ultimo ha partecipato al precedente procedimento amministrativo relativo alla licenza di esercizio dell’impianto o impianto.

Un’ingiunzione preliminare è rilasciato solo su richiesta. Responsabile dell’emissione di un provvedimento cautelare è la Corte qualora la procedura principale sono detenuti. Condizione di provvedimenti cautelari, che la sostanza o condizioni dell’oggetto del procedimento cross-undertaking circa sono in pericolo e di risarcimento è prestata. La domanda di misure cautelari diretta su misura per preservare lo stato effettivo per riduzione di valore non avrà luogo.

Nelle procedure a tal fine provvedimenti ingiuntivi con sentenza (ingiunzione permanente — unterlassungsurteil, il ricorso deve essere presentato al tribunale regionale.

Nella fase preliminare di procedimenti ingiuntivi due mezzi di ricorso — senza effetto sospensivo — qualità:

  • L’antimonio (Widerspruch)
  • Il ricorso (Rekurs)

L’ingresso non consentito in un procedimento di diritto processuale civile, debba essere applicata. Il ricorso può essere presentato entro un termine di quattro settimane presso il tribunale regionale. L’ulteriore impugnazione non è possibile (terzo grado).

L’ingiunzione permanente potrebbe essere contestata (ricorsi) presso il tribunale regionale di competenza.

XI. Sulle spese

Per le procedure amministrative vi è una categoria di costo per ogni proposta. Il catalogo è piuttosto ampio. Le categorie di costi sono indicati nel regolamento tributario (bundesverwaltungsabgabenverordnung ufficiale austriaca). Il presente regolamento stabilisce ambientali Categorie di costi pertinenti, ad esempio:

  • Le autorizzazioni d’acqua
  • Campo industriale e commerciale
  • Elettricità
  • Questioni riguardanti le caldaie a vapore
  • Questioni ferroviarie

Inoltre le disposizioni della legge sui tributi pubblici (Gebührengesetz) si applicano alle pubblicazioni ufficiali e gli atti compiuti dagli organi amministrativi e il regolamento sulle commissioni (kommissionsgebührenverordnung 2007) si applica agli atti stabilita da un organo amministrativo all’esterno del suo ufficio.

  • Le spese di giudizio nei procedimenti civili dipendono dal valore del contenzioso giudiziario austriaco (legge sui tributi gerichtsgebührengesetz — ggg) stabiliscono che le tasse — qui di seguito alcuni esempi:

Valore del contenzioso

Spese processuali

Spese di giudizio nelle procedure di ricorso

700 EUR,

58 EUR,

37 EUR,

7,000 EUR,

285 EUR,

518 EUR,

70,000 EUR,

1,322 EUR

1,945 EUR,

Sic. dei S.d’I. 32 Spese giudiziarie austriache (ggg)

  • La tassa di ricorso con il Senato ambientale indipendente, è pari a 14,30 EUR.
  • La tassa per la presentazione di un ricorso al Tribunale amministrativo indipendente è

a) EUR 14,30 in materia amministrativa e le questioni ambientali,

b) 20 % della sanzione irrogata, in una procedura di sanzione amministrativa.

  • La tassa per la presentazione di un ricorso al tribunale amministrativo è pari a 240,00 EUR.
  • La tassa per il deposito di un ricorso presso la Corte costituzionale è pari a 240,00 EUR

Onorari di esperti sono soggetti ad ampie fluttuazioni, in funzione di ogni singolo caso:

Le spese di consulenza per la valutazione dei grandi progetti in diversi settori (ad esempio un progetto con un’ampiezza di 10 acri di terreno o in infrastrutture di trasporto di almeno 10 km di lunghezza) senza dettagliate in loco la ricerca può essere stimato come segue:

L’inquinamento atmosferico:

15.000 — 40.000, — EUR

Rumore:

20.000 — 50.000, — EUR (per i progetti nel settore dei trasporti)

10.000 — 40.000 (per gli altri grandi progetti)

Le piante, gli animali, gli habitat:

25.000 — 50.000, — EUR (per i progetti nel settore dei trasporti)

10.000 — 30.000, — (per gli altri grandi progetti)

Spese legali sempre in funzione, essenzialmente, la durata e la complessità dei procedimenti in questione. Di modo che le stime si riferiscono a casi singoli e pertanto non possono essere generalizzate:

a) prima esempio procedura VIA:

Il compenso per gli avvocati che compongono una dichiarazione e partecipare all’audizione sono state 2.500, —

Secondo grado dinanzi al Senato ambientale indipendente:

Per la presentazione del ricorso, un’ulteriore comunicazione scritta e due dichiarazioni scritte — 4.130, —

b) eia primo grado interno su strada nazionale:

Per contro un regolamento — 5.400, —

Procedura presso il tribunale amministrativo:

Per la presentazione di un reclamo contro la decisione di secondo grado — 5.000, —

I costi di provvedimenti provvisori nei procedimenti civili sono calcolate in base alle disposizioni di diritto civile austriaco — il pagamento. Le spese dipendono dal valore del contenzioso:

Valore del contenzioso

Spese processuali

700 EUR,

28 EUR,

7,000 EUR,

142,50 EUR

70,000 EUR,

661 EUR,

Sic. dei S.d’I. 32 Spese giudiziarie austriache (ggg)

L’atto di esecuzione austriaco richiede cross-undertaking in materia di danni nel procedimento sommario (SEC. 390 Exekutionsordnung — EO)

Cross-undertaking a titolo di risarcimento sia tenuto in determinate circostanze nell’ambito di una procedura di sanzione amministrativa all’indagato.

Per le procedure amministrative (comprese le procedure VIA e il procedimento di appello dinanzi al Senato ambientale indipendente, l’atto di procedura amministrativa generale contiene disposizioni sulle quali spese sono a carico di chi. Fondamentalmente, ciascuna parte deve sopportare le proprie spese (ad esempio per pareri di esperti). Le spese di cassa dell’Autorità (che sono le spese sostenute in una procedura specifica che si estendono oltre le normali spese di amministrazione dell’Autorità — ad es. le spese per le perizie non ufficiali) sono a carico del richiedente.

La norma per l’assunzione dei costi praticati in procedimenti dinanzi alla Corte amministrativa o costituzionale, il cosiddetto principio «chi perde paga»: La parte soccombente sopporta le spese della parte vincente.

Richieste di informazioni ambientali sono esenti dall’imposta di bollo e tasse e pertanto esenti da imposte (SEC. 16 Informazioni ambientali atto/Umweltinformationsgesetz — UIG e SEC. 14 Tarifpost 6 Eingaben par. 5 (23) oneri pubblici (Gebührengesetz)).

XII. I meccanismi di assistenza finanziaria

Il gratuito patrocinio è previsto dal diritto processuale civile.

Procedimento dinanzi alla Corte costituzionale e amministrativa:

Se una persona ha un basso reddito e si trova in una situazione finanziaria precaria, è possibile chiedere il patrocinio a spese dello Stato. Parte del patrocinio a spese dello Stato può essere altresì l’esenzione temporanea delle spese procedurali. Il patrocinio a spese dello Stato deve essere applicato dal deposito della denuncia al più tardi.

In sostanza, la domanda di gratuito patrocinio nell’ambito di procedimenti amministrativi, non è possibile:

Via:

Per evitare che il Mediatore per l’ambiente non è in grado di partecipare o avviare una procedura VIA a causa dei costi elevati (ad esempio spese di cassa elevate — Sez. 76 atto di procedura amministrativa generale) sono espressamente esentati dall’obbligo di sostituire le agevolazioni di tesoreria (SEC. 3 via).

In Austria, il «BIV — grün-alternativer Verein zur Unterstützung von bürgerinnen-initiativen alternativa verde» (associazione per il sostegno dei gruppi di cittadini) sostiene le iniziative cittadine finanziariamente in procedure ambientali.Il link si apre in una nuova finestrahttp://www.gruene.at/index.php?id=69849

La ökobüro è l’unica ONG ambientali austriache e interesse pubblico ambientale organizzazione dello studio legale che fornisce consulenza legale in materia ambientale:

  • Gli avvocati possano ambientali giuridicamente forniscono consulenza alle persone, ma non forniscono giuridica
  • rappresentanza in procedure ambientali.

Non ci sono le condizioni per l’accesso alla consulenza legale — ogni singola persona può avere accesso e le ONG e il Mediatore per l’ambiente.

Il mediatore per l’ambiente fornisce consulenze gratuite in materia ambientale, ma è principalmente in qualità di istituzione rispettando la conformità all’obiettivo di diritto ambientale nell’ambito di procedure ambientali.

Pro bono l’assistenza legale è garantita unicamente nell’ambito di procedimenti civili e penali (verfahrenshilfe), nonché in un procedimento dinanzi alla Corte costituzionale e amministrativo. Oltre a questo, in materia ambientale, il patrocinio può essere richiesto.

Il mediatore per l’ambiente si occupa di casi in materia ambientali rispettando la conformità all’obiettivo di diritto ambientale nell’ambito di procedure ambientali.

XIII. Tempestività

Gli organi amministrativi sono tenuti a prendere una decisione sulle domande e ricorsi senza inutili ritardi e devono rendere una decisione al più tardi entro sei mesi dalla presentazione di una domanda o di ricorso (PC. Sic. dei S.d’I. 73 atto di procedura amministrativa generale e SEC. 27, comma 1, del tribunale amministrativo; la violazione dell’obbligo di decidere possono dare luogo a richieste in base alla responsabilità degli enti pubblici» (Amtshaftungsgesetz — gruppo ad hoc). I limiti di tempo, ma possono essere disciplinati in modo diverso all’interno delle rispettive leggi settoriali.

  • Se l’organo di amministrazione non ha ancora deciso, dopo sei mesi, la parte della controversia può presentare una richiesta di decentramento (devolutionsantrag) con il prossimo esempio autorità. Questa autorità deve pronunciare una decisione senza indebito ritardo e al più tardi alla fine del periodo di sei mesi la decisione.
  • Se una parte ha chiesto la massima autorità amministrativa in un procedimento amministrativo (in appello o entro il decentramento delle procedure) e tale autorità non è tale da rendere la decisione in tempo utile la parte ha il diritto di presentare un reclamo in caso di inadempimento (säumnisbeschwerde) presso il tribunale amministrativo. Il Tribunale amministrativo fissa un termine di 3 mesi per il rinvio di pronunciare una decisione. Dopo questo periodo di competenza decisionale si spinge oltre al tribunale amministrativo.

Sostanzialmente le suddette scadenze sono la loro validità per procedimenti amministrativi generale e controllata (se il diritto materiale non differiscono dalla legge sulle procedure amministrative generali) in materia ambientale:

  • In determinate procedure via il principio generale è modificato e l’autorità deve pronunciare una decisione entro nove mesi (SEC. Legge 7/2 sulla VIA).
  • Il termine per l’esecuzione delle procedure di valutazione dell’impatto ambientale per quanto riguarda le strade nazionali e linee ferroviarie ad alta velocità è di dodici mesi (SEC. Legge 24b/2 sulla VIA).
  • Screening VIA le procedure devono essere realizzate entro sei settimane (SEC. 3/7 — via relative alla strada statale o linea ferroviaria ad alta velocità progetti otto settimane (SEC. Legge 24/5 sulla VIA).
  • Nelle procedure VIA le parti sono tenuti a presentare i loro ricorsi entro quattro settimane dopo la decisione amministrativa sia stata adottata.

Durata tipica:

  • Nel 2011 la durata media delle procedure VIA è stata regolarmente in merito a diciassette mesi.
  • Nell’ambito delle procedure semplificate via la durata media è stata poco meno di dieci mesi.
  • La durata media delle procedure di screening VIA si è un pò più di quattro mesi.
  • La durata media dei procedimenti presso il Senato ambientale indipendente è stata inferiore a sei mesi.

Nelle procedure civili, se la Corte non renda una decisione entro un termine ragionevole — Domanda (fristsetzungsantrag) possono essere presentati con la tardiva court- questa Corte dispone di quattro settimane per consegnare la decisione o intraprendere un’altra azione richiesta al richiedente. Se la Corte ancora inattivo dopo quattro settimane, la domanda è trasmessa al giudice di istanza superiore, che fissa un nuovo termine per il Tribunale di primo grado di decidere il caso . Oltre a tali mezzi progettati per costringere la consegna delle decisioni, non sono previste sanzioni contro le giurisdizioni che formula le decisioni tardive.

L’autorità ha essenzialmente per pronunciare una decisione senza indebito ritardo e al più tardi dopo sei mesi dall’apertura del procedimento (SEC. 73 atto di procedura amministrativa generale). Nel corso del procedimento amministrativo la devoluzione richiesta e standard di denuncia presso il tribunale amministrativo sono gli unici termini giuridicamente vincolanti/termini gli organi amministrativi sono tenuti a.

XIV. Altre questioni

Un ricorso può essere presentato solo dopo che il procedimento di primo grado sono finiti con una decisione formale.

La ökobüro fornisce informazioni sull’accesso alla giustizia in materia di ambiente — il materiale informativo è sulla legittimazione ad agire e il diritto di ricorso nelle procedure amministrative, delle dichiarazioni di parte dei diritti, condizione procedurale e il contenuto delle procedure di VIA e IPPC. Inoltre, le informazioni sulla responsabilità ambientale e informazioni ambientali, alcune legislazioni ambientali settoriali sulle modalità di presentazione di un’iniziativa dei cittadini europei, ecc.). Inoltre importanti collegamenti sulle norme ambientali e i contatti con le istituzioni interessate sono fornite sul loro sito web:

Il link si apre in una nuova finestrahttp://www.oekobuero.at/

Inoltre l’Agenzia federale dell’ambiente fornisce informazioni sull’accesso alla giustizia:

Il link si apre in una nuova finestrahttp://www.umweltbundesamt.at/umweltsituation/uvpsup/uvpoesterreich1/verfahrensablauf/beteiligung/

Il ministero federale dell’agricoltura, delle foreste, dell’ambiente e delle risorse idriche fornisce informazioni sulla partecipazione del pubblico, le informazioni in materia di ambiente, la direttiva VIA e la convenzione di Aarhus ai seguenti siti web:

Il link si apre in una nuova finestrahttp://www.partizipation.at/

http://www.lebensministerium.at/umwelt/betriebl_umweltschutz_uvp/kontrolle-info.html

Il link si apre in una nuova finestrahttp://www.lebensministerium.at/umwelt/betriebl_umweltschutz_uvp/uvp.html

http://www.lebensministerium.at/umwelt/eu-international/umweltpolitik_internat/aarhus-konvention.html

Il quadro giuridico austriaco in materia penale e civile utilizzare metodi alternativi di risoluzione delle controversie o moduli modificati, ma nell’ambito di procedure amministrative del presente strumento in via principale non viene applicata.

Un settore in cui la risoluzione alternativa delle controversie (ADR) sono accessibili sono le valutazioni d’impatto ambientale (SEC. 16/2 UVP -G). ADR può essere utilizzato durante la normale procedura di VIA — non è possibile con la procedura semplificata di VIA.

La mediazione è effettivamente utilizzato per la risoluzione dei conflitti in Austria. Un’indagine empirica sulle esperienze pratiche ambientali in materia di mediazione in Austria hanno affermato che le procedure di mediazione sono utilizzati in materia ambientale e che tali procedure possono avere risultati produttivi.Il link si apre in una nuova finestrahttp://www.oegut.at/de/

Come indicato in precedenza, la legge austriaca sulla valutazione d’impatto ambientale prevede esplicitamente un’interruzione della procedura VIA per una procedura di mediazione su richiesta del candidato (SEC. 16/2 eia-act)

XV. Uno straniero

Il principio di uguaglianza è sancito dalla costituzione austriaca. Ciò significa che l’organo legislativo possa non pregiudichino un cittadino di un altro (art. 7 B -VG). Inoltre la legge costituzionale federale sul divieto di discriminazione razziale (BVG betreffend das Verbot rassischer Diskriminierung) non consente una discriminazione tra gli stranieri. Una distinzione per il solo motivo di razza, colore, ascendenza o origine nazionale o etnica è vietata. Anche in tal caso il potere esecutivo/organi di amministrazione sono vincolati dal principio della parità di trattamento.

  • Diverse decisioni su casi analoghi sono solo tollerato in caso vi è un fondamento fattuale.
  • Gli organi amministrativi non possono decidere arbitrariamente
  • Violano il principio della parità di trattamento se si baserebbero su una legge che contraddice la BVG sulla discriminazione razziale

Nei procedimenti giudiziari il tedesco è la lingua ufficiale. Se le parti e le testimonianze che la procedura non parla tedesco, un traduttore saranno fornite. La traduzione è fornita dal governo nei procedimenti giudiziari — possibile traduttori sono ufficialmente accreditate e inserite nell’elenco. Il costo di un traduttore dev’essere pagata con la rispettiva parte — e, in definitiva, dalla parte soccombente (a meno che non aveva diritto al patrocinio a spese dello Stato).

XVI. Casi transfrontalieri

Per le procedure di VIA transfrontaliere soggetti stranieri interessati devono essere informati su

  • L’attività proposta
  • Il possibile impatto ambientale transfrontaliero
  • la natura delle possibili decisioni che possono essere adottate nella procedura VIA

Il richiedente deve assicurarsi che la documentazione VIA è stata completata. L’autorità competente è tenuta a fornire tali informazioni alle parti interessate esteri.

Tale documentazione deve avere il seguente contenuto:

  • Descrizione del progetto
  • Alternative ragionevoli,
  • Descrizione delle condizioni ambientali effettive sul sito del progetto
  • Elenco delle misure di attenuazione

Conformemente alla convenzione sulla valutazione dell’impatto ambientale in un contesto transfrontaliero (convenzione di Espoo) la definizione di «pubblico» va intesa come «una o più persone fisiche o giuridiche nonché, ai sensi della legislazione o prassi nazionale, le associazioni, le organizzazioni o i gruppi di tali persone. (PC. Artt. 1/x Convenzione ESPOO).»

Le ONG e i vicini del paese colpito legittimati nella Austrian procedure VIA, a determinate condizioni che si applicano anche ai loro omologhi «austriaci».

Le ONG del paese colpito, sono legittimati in base al SEC. 19/11 Atto via se:

  • lo Stato estero è stato notificato per l’attività prevista
  • la parte dell’ambiente nell’altro Stato potrebbero essere interessate dall’impatto dell’attività proposta, la cui tutela viene perseguita dalla ONG, e
  • se le ONG possano partecipare a una procedura VIA, se il progetto è stato realizzato in tale altro Stato.

Inoltre vicini stranieri e i comuni, in qualità di vicini) è garantita la legittimazione ad agire in base al SEC. 19/1/1 Atto via.

Le suddette parti godano degli stessi diritti di ONG o di parte austriaca sono vicini.

I gruppi di cittadini stranieri non hanno legittimazione ad agire in via transfrontaliera che non soddisfano i criteri previsti per i gruppi di cittadini stranieri — vale a dire la mancanza del diritto di voto in Austria.

Non è garantita l’assistenza legale nei procedimenti amministrativi in Austria.

Non vi è più possibilità di scegliere tra giudici di paesi diversi.


Questa è una traduzione automatica del contenuto. ll proprietario della pagina non si assume alcuna responsabilità circa la qualità della traduzione automatica del testo.

Ultimo aggiornamento: 14/09/2016