Sluiten

BÈTAVERSIE VAN HET PORTAAL NU BESCHIKBAAR!

Bezoek de bètaversie van het Europees e-justitieportaal en vertel ons wat u ervan vindt!

 
 

Kruimelpad

  • Home
  • Mogelijkheden om naar de rechter te stappen ter bescherming van het milieu

menu starting dummy link

Page navigation

menu ending dummy link

Accesso alla giustizia per questioni ambientali - Estonia

De tekst op deze pagina is een automatische vertaling. De kwaliteit wordt niet gegarandeerd.

De kwaliteit van deze vertaling werd beoordeeld als: middelmatig

Vindt u deze vertaling nuttig?


  1. Le fondamenta costituzionali
  2. Sistema giudiziario
  3. L’accesso alle informazioni sui casi
  4. L’accesso alla giustizia nella partecipazione pubblica
  5. L’accesso alla giustizia nei confronti degli atti o delle omissioni
  6. Altri mezzi di accesso alla giustizia
  7. Legittimazione ad agire
  8. Assistenza legale
  9. Prove
  10. Provvedimenti inibitori
  11. Sulle spese
  12. I meccanismi di assistenza finanziaria
  13. Tempestività
  14. Altre questioni
  15. Uno straniero
  16. Casi transfrontalieri

I. Le fondamenta costituzionali

La Costituzione estone non prevede un diritto all’ambiente con una determinata qualità che possano essere invocate dai singoli dinanzi agli organi giurisdizionali o ai procedimenti amministrativi.Il link si apre in una nuova finestrahttp://www.legaltext.ee/et/andmebaas/tekst.asp?loc=text&dok=X0000K1&keel=en&pg=1&ptyyp=RT&tyyp=X&query=p%F5hiseadus Essa precisa, tuttavia, che ogni persona è tenuta a preservare l’ambiente e a risarcire i danni causati a quest’ultimo (punto 53). Le risorse naturali sono considerati patrimonio nazionale e, in quanto tale, deve essere usato con economicità conformemente al punto 5. La Costituzione stabilisce che ogni individuo ha il diritto di essere protetto dallo Stato e le sue leggi. Conformemente al punto 15, ogni individuo ha il diritto di accedere alla giustizia se i loro diritti sono violati. La legislazione e le varie azioni possono essere impugnate in quanto anticostituzionali e i tribunali sono tenuti a riesaminare tali sfide. La sezione 24 contiene norme più dettagliate per quanto riguarda i procedimenti giudiziari (Corte). Le udienze sono aperte al pubblico in generale e le decisioni sono resi disponibili al pubblico. Il procedimento non può essere trasferita ad un giudice diverso da quello prescritto dalla legge qualora una delle parti di una controversia non concorda con essa. Ogni individuo ha il diritto di partecipare a procedimenti giudiziari di cui sono firmatarie, nonché il diritto di impugnare dinanzi a un giudice di grado superiore in base alle condizioni previste dalla legislazione.

Parti del procedimento amministrativo o giudiziario può basarsi direttamente sugli accordi internazionali, se:

  • Esse sono sufficientemente precise (fornisce tutti i dettagli necessari), e;
  • non esiste una legislazione nazionale in materia, o;
  • La legislazione nazionale è in contrasto con l’accordo.

Gli organi amministrativi e giurisdizionali hanno applicato anche la convenzione di Aarhus e la sua normativa in materia di accesso alla giustizia direttamente in assenza di legislazione nazionale in merito a una data questione (per esempio, piedi). Ciò è stato fatto dalla Corte suprema (decisione n. 3-3-1-43-06). Nuovo codice di un procedimento amministrativo (applicabile dal 1º gennaio 2012) contiene norme relative all’accesso alla giustizia (in particolare in piedi) con le ONG ambientalistiche basati sulle prassi in materia.

II. Sistema giudiziario

Sistema giudiziario estone ha tre livelli più elevati (più basso):

  • I tribunali amministrativi e i tribunali di contea;
  • I tribunali distrettuali (Tallinn e Tartu);
  • Il link si apre in una nuova finestraLa Corte suprema.

Sul livello più basso, le cause amministrative, ossia i casi nei confronti delle attività della pubblica amministrazione (ciò comprende la maggior parte delle controversie in materia ambientale) sono trattati in un tribunale specializzato. Le prossime due livelli, gli stessi giudici conoscere di controversie di diritto amministrativo basato sul diritto privato, e penali. Tribunale distrettuale e i giudici della Corte suprema, tuttavia, si specializzano in uno dei tre settori (amministrativa, civile o penale). Il livello più basso dei tribunali (amministrativi e i tribunali di contea), i tribunali si dividono in tribunali — vi sono 4 tribunali per i tribunali amministrativi e i tribunali di contea per il 15 (una per ogni provincia in Estonia). Il link si apre in una nuova finestraCamera di revisione costituzionale della Corte suprema esamina la costituzionalità delle leggi e delle decisioni di:

  • Il Parlamento (Riigikogu);
  • Consiglio di amministrazione del Parlamento;
  • Il presidente dell’Estonia e
  • comitato elettorale

Controllo di costituzionalità delle leggi e decisioni di cui sopra può essere avviato da:

I singoli non hanno il diritto di avviare direttamente la revisione costituzionale della legislazione. Essi possono tuttavia presentare domanda per un procedimento giudiziario in un altro procedimento giudiziario o i singoli cittadini possono rivolgersi al ministro della giustizia. Costituzionalità delle decisioni summenzionate, invece, possono essere impugnate direttamente dai singoli i cui diritti siano lesi dalle decisioni. I tribunali sono i principali organismi indipendenti per la risoluzione delle controversie; vi è solo un numero limitato di tribunali arbitrali in aggiunta ad essi. Non esistono organi giurisdizionali o altri organismi di risoluzione delle controversie in materia ambientale diverse dagli organi giurisdizionali. Il sistema giudiziario è indipendente. I giudici dei tribunali amministrativi, i tribunali di contea e i tribunali distrettuali sono nominati dal presidente dell’Estonia in base a proposte formulate dai giudici della Corte suprema. I giudici della Corte suprema sono nominati dal Parlamento. Risoluzione delle controversie nei tribunali estoni è per lo più in contraddittorio, vale a dire il tribunale decida che una delle parti sia (almeno in parte) e l’altra sia (almeno in parte) fatto qualcosa illegali. In materia civile e amministrativa, le parti possono raggiungere un accordo in tribunale. La mediazione da parte della Corte è inoltre un’opzione per le questioni amministrative (non disponibile in materia penale) se tutte le parti della controversia convengono di applicarlo.

Non vi sono particolari organi giurisdizionali, ecc. che si sono specializzate in materia ambientale. Nella maggior parte dei casi, controversie in materia ambientale comporta un’attività di un organismo della pubblica amministrazione e sono pertanto sentita in primo luogo agli organi giurisdizionali amministrativi e poi da giudici specializzati nei tribunali distrettuali e Corte suprema. Se una persona o una società abbia gravemente danneggiato l’ambiente o ha violato gli obblighi importanti per la protezione dell’ambiente (ad esempio ha illegalmente i rifiuti trattati e creato un pericolo per l’ambiente), ora è possibile avviare procedimenti penali da parte della procura.Il link si apre in una nuova finestrahttp://www.prokuratuur.ee/en Le cause penali sono esaminate dai tribunali di contea, tribunali distrettuali e infine alla Corte suprema da giudici specializzati in materia. Il forum shopping, ovvero la scelta del tribunale più favorevole alla persona che richiede un’azione presso un tribunale, è limitata in materia ambientale in Estonia. Un caso amministrativo venga ascoltato dal giudice nella cui giurisdizione l’organismo amministrativo la cui attività è minacciata (la resistente) è situato. Se vi sono due o più partecipanti con sede nella giurisdizione di giurisdizioni diverse, la persona che effettua il ricorso è consentito di scegliere liberamente tra i giudici, a meno che le regole di competenza esclusiva di favorire uno dei tribunali sono reperibili in un procedimento amministrativo atto. Tribunale amministrativo che riceve un ricorso da parte di una persona deve in primo luogo verificare se l’azione è stata intentata presso la Corte. Se il ricorso è stato presentato al tribunale sbagliato, tale giudice lo trasferiscono ai corretta.

Se la persona che richiede un’azione o il convenuto non è soddisfatto della sentenza (kohtuotsus) del tribunale amministrativo (1º grado) può presentare ricorso al tribunale distrettuale (2º grado). Il diritto di presentare ricorso alla District Court può anche essere utilizzato da parte di una persona che non ha depositato il ricorso iniziale, ma i cui diritti la decisione del Tribunale di primo grado ha un impatto. Le medesime persone hanno il diritto di ricorrere in appello dinanzi alla Supreme Court (3º e ultimo grado) se non sono soddisfatti della sentenza del Tribunale. Per proporre un ricorso, la persona che presenta un ricorso devono quindi dimostrare che il Tribunale ha:

  • applicato in modo sbagliato la legislazione (sostanziale);
  • La Corte ha commesso una violazione grave delle norme di procedura o
  • non corretto utilizzo dei dati (che può essere utilizzato per ragioni di un ricorso al Tribunale, ma non dinanzi alla Supreme Court).

In alcune situazioni, il giudice può porre fine al procedimento con una decisione giudiziaria (kohtumäärus) invece di una sentenza. In una situazione di questo tipo, una sentenza della Corte di appello può essere presentata dalla persona colpita dalla pronuncia del giudice che l’ha adottata. Tale giudice prenderà in considerazione il ricorso e può soddisfare; Qualora constati che il ricorso soddisfa tutti i requisiti, ma non è d’accordo con il contenuto della sentenza della Corte su impugnazione, saranno trasferiti al Tribunale per riesame. Nel caso di specie, ricorsi sulle sentenze dei tribunali di primo grado (tribunali amministrativi) sono risolti da una decisione del giudice del tribunale distrettuale. Ricorso a tale sentenza della Corte, nonché di altre decisioni giudiziarie dei tribunali distrettuali (2º grado) possono essere depositate presso la Corte suprema da parte delle persone colpite dalle sentenze della Corte.

Nell’adottare una decisione circa le decisioni amministrative, giudici estoni sono autorizzati a controllare la legittimità di una decisione amministrativa e annullare la decisione nel suo complesso o parte di esso. I giudici non sono autorizzati a modificare il contenuto delle decisioni amministrative; Ciò può essere realizzato tramite gli organi amministrativi se decidono di adottare una nuova decisione in materia. La Corte può parimenti richiedere all’organo amministrativo di svolgere una determinata attività o prendere una decisione, ma non è in grado di prescrivere l’esatto contenuto di tali attività o la decisione se esiste un margine di discrezionalità a nome dell’organo di amministrazione. Vi è un certo numero di specificità in materia ambientale rispetto ai procedimenti giudiziari in altre cause di diritto amministrativo, per quanto riguarda:

  • accesso alla giustizia (legittimazione) e
  • diritto di impugnare gli atti procedurali (menetlustoimingud) degli organi amministrativi.

In primo luogo, il codice di procedura amministrativa contiene una disposizione speciale (sezione 292), relativa alla posizione in materia ambientale. Secondo le norme contenute in tale disposizione, la legittimazione delle organizzazioni non governative (ONG), se l’attività dell’organismo amministrativo contestato è connessa alla tutela dell’ambiente o agli obiettivi di una precedente attività di tali ONG. Secondo la definizione, una ONG ambientale è:

  • un’organizzazione senza fini di lucro, per cui la tutela dell’ambiente è un obiettivo obbligatorio e la cui attività è finalizzata a promuovere la tutela dell’ambiente;
  • un’associazione di persone che non è un’entità distinta che secondo un contratto scritto di associazione è promuovere la protezione dell’ambiente e rappresenta il punto di vista di una parte sostanziale della popolazione locale.

Promozione della tutela ambientale è utilizzato in un senso più ampio, compresa la protezione di elementi di natura ai fini della protezione della salute umana e della ricerca e dell’istruzione in materia di patrimonio culturale. In secondo luogo, la possibilità di impugnare atti procedurali degli organi amministrativi, è più ampio in materia ambientale. Gli atti procedurali (menetlustoimingud) sono attività di organo amministrativo svolta in vista della decisione finale — atto amministrativo (haldusakt), ad esempio decisioni di indagine VIA. È possibile impugnare atti procedurali in due casi conformemente alla sezione 45(3) del codice di procedura amministrativa:

  • I tuoi diritti (diversi da diritti procedurali) sono violati indipendentemente dalla decisione finale;
  • illegittimità dell’atto procedurale avrebbero inevitabilmente causato una decisione definitiva o altra attività la violazione di diritti

Prassi antecedente della Suprema Corte ha riconosciuto che la normativa ambientale è un’area del diritto in cui norme procedurali hanno un ruolo importante nel raggiungimento di una decisione legittima; Pertanto, gli atti processuali possono, in linea di principio, essere rimessa in discussione. Se una delle due condizioni necessarie per impugnare gli atti procedurali che è soddisfatta sarà decisa caso per caso.

In materia amministrativa (comprese le questioni ambientali), il giudice può prendere una serie di provvedimenti di propria iniziativa. In primo luogo, i tribunali sono tenuti a garantire che tutte le circostanze pertinenti devono essere esaminati. Se necessario, il Tribunale può raccogliere riscontri su propria iniziativa. I giudici possono includere i terzi di contestare, se ritengono che i loro diritti possono essere interessati dalla sentenza. I giudici possono anche di propria iniziativa, modificare le date di scadenza per gli atti processuali che devono essere assunti dalle parti (ad esempio, la traduzione di un documento, risponde all’azione ecc.), fare un ulteriore sentenza che precisa o completa la sentenza iniziale o di non applicare i provvedimenti ingiuntivi.

III. L’accesso alle informazioni sui casi

Se un organo amministrativo si rifiuta di divulgare le informazioni da Lei richieste, deve informare il richiedente della propria decisione e la relativa motivazione entro 5 giorni lavorativi. Questo periodo può essere esteso a 15 giorni se la richiesta deve essere specificato o la raccolta di informazioni è molto dispendioso in termini di tempo. Il rifiuto di fornire informazioni su richiesta, sono considerati atti amministrativi e deve contenere informazioni sulle possibilità, luogo, termine e procedura per impugnare il rifiuto, secondo il codice di procedura amministrativa, Sezione 57(1). Qualora sia richiesta l’accesso alle informazioni ambientali e di rifiuto di accesso o se siete erroneamente o non abbia ricevuto una risposta adeguata, hai il diritto di:

a) presentare una sfida con l’Ispettorato nazionale per la protezione dei dati estone o;Il link si apre in una nuova finestrahttp://www.aki.ee/en

b) di presentare un ricorso presso il tribunale amministrativo.

In entrambi i procedimenti, hai il diritto di contestare la legittimità del rifiuto o di insufficiente risposta e chiedono l’annullamento della decisione e/o richiesta di emanare una nuova decisione. Presentare una sfida con l’Ispettorato nazionale per la protezione dei dati estone non impedisce di dopo il deposito della domanda presso il giudice per contestare il rifiuto iniziale o ingiusta/inadeguata risposta o la decisione adottata dall’Ispettorato per la sua contestazione. Al fine di presentare una sfida con l’Ispettorato nazionale per la protezione dei dati estone, devi fare una dichiarazione orale o scritta entro 30 giorni dalla data in cui Lei è stato informato del rifiuto ecc. sfide orali saranno registrate dall’Ispettorato per la protezione dei dati estone. La sfida deve comprendere un certo numero di elementi, ad es., nome e dati di contatto della persona di presentare una contestazione, motivazione del ricorso, chiara indicazione, ecc. (l’elenco completo degli elementi richiesti si rinvia alla sezione 76 della legge sulle procedure amministrative).Il link si apre in una nuova finestrahttp://www.legaltext.ee/et/andmebaas/tekst.asp?loc=text&dok=X40071K4&keel=en&pg=1&ptyyp=RT&tyyp=X&query=haldusmenetluse L’interessato può presentare un ricorso presso il tribunale amministrativo per posta, mediante il ricorso al Palazzo di Giustizia per iscritto o per via elettronica (posta elettronica o sistema di informazione elettronico (e-toimik)).Il link si apre in una nuova finestrahttp://www.e-toimik.ee/ Il termine per la registrazione varia in funzione delle conclusioni:

  • 30 giorni nel caso in cui una persona chiede l’annullamento della decisione di rifiutare la richiesta;
  • 1 anno se l’interessato chiede di risolvere, a causa del ritardo da parte delle autorità amministrative;
  • 3 anni se l’interessato chiede alla Corte di dichiarare l’attività dell’organo di amministrazione illegali (dichiarazione di illegittimità, tuttavia, non comporta automaticamente l’annullamento della decisione).

Per entrambe le sfide dell’estone Ispettorato nazionale per la protezione dei dati e le azioni con i tribunali amministrativi, può utilizzare un rappresentante legale (o patrocinante), ma ciò non è richiesto. Giudici (nonché l’Ispettorato nazionale per la protezione dei dati estone) abbiano accesso alle informazioni che è oggetto di controversia. Ciò è necessario per valutare la legalità delle attività dell’amministrazione interessata. I giudici non possono divulgare tali informazioni da sole, ma possono chiedere le informazioni che devono essere comunicate in caso d’assenza di restrizioni (ad esempio, una minaccia per la sicurezza nazionale o vi sono specie protette).

IV. L’accesso alla giustizia nella partecipazione pubblica

Le procedure amministrative in materia ambientale si svolgono abitualmente nell’avvio del procedimento. Ciò significa che il pubblico sarà informato dei procedimenti stessi e l’applicazione di un atto amministrativo, nonché il progetto di legge sarà messo a disposizione del pubblico. In caso di autorizzazioni ambientali e procedure di VIA, ognuno ha diritto di presentare osservazioni orali o scritte. Nell’ambito di un altro procedimento, ha il diritto di formulare osservazioni se avete un interesse legittimo nel settore o i tuoi diritti possono essere lesi da un atto amministrativo. In casi più importanti, sarà inoltre organizzata un’audizione pubblica. Norme generali di avviare procedimenti amministrativi sono trattate nelle sezioni 46-50 della legge sulle procedure amministrative.Il link si apre in una nuova finestrahttp://www.legaltext.ee/et/andmebaas/tekst.asp?loc=text&dok=X40071K4&keel=en&pg=1&ptyyp=RT&tyyp=X&query=haldusmenetluse Per ulteriori specifiche procedure amministrative in materia ambientale si trovano in numerosi atti speciali che riguardano autorizzazioni ambientali, la valutazione dell’impatto ambientale e la pianificazione territoriale, ad esempio aria ambiente Act, legge sulle risorse idriche, valutazione dell’impatto ambientale e di sistemi di gestione ambientale, la pianificazione territoriale ecc.),

Se non sei soddisfatto di una decisione amministrativa, è possibile presentare un ricorso presso un giudice o un fascicolo, una sfida sul piano amministrativo (vaie). Sfide amministrative siano esaminati dall’organo amministrativo di controllo dell’autore della decisione iniziale. In alcuni casi, i ricorsi sono esaminate dallo stesso organo che ha formulato la decisione iniziale, vale a dire se:

  • L’organo amministrativo è sotto il diretto controllo di un ministro;
  • La legge non prevede un supervisore a tale organo amministrativo.

Sfide amministrative sono facoltativi, cioè non è necessario sottoporlo al fine di poter presentare alla Corte un ricorso in seguito. Si è tuttavia ancora il diritto di intentare una causa presso la Corte dopo la sfida amministrativa è stata esaminata e la decisione adottata. Organi giurisdizionali controllano la legittimità sostanziale e procedurale di decisioni amministrative. Riesame della legittimità procedurale significa che i giudici devono controllare se i vostri diritti procedurali siano stati violati. Ciò può in alcuni casi essere anche alla base di annullamento delle decisioni adottate in esito a tale procedimento (in caso di irregolarità procedurali possono avere influenzato la decisione). Riesame della legittimità sostanziale significa che i tribunali verificare se le leggi sono state correttamente applicate da parte delle autorità amministrative nell’adottare la decisione impugnata. I giudici hanno inoltre il diritto di verificare se i dati utilizzati dagli organi amministrativi, quale base per le loro decisioni fosse corretta e se gli organismi amministrativi aveva acquistato tutte le informazioni necessarie. Inoltre, il giudice può controllare se le decisioni siano proporzionali e non evidenti errori di valutazione, ad esempio, è data priorità a interessi economici senza o quasi alcun riferimento a conflitti di interesse sociale o ambientale. D’altro canto, se le evidenti errori di potere discrezionale, la Corte non può decidere se è stato utilizzato il margine di discrezionalità nel migliore (più mirato, efficiente, ecc.).

È possibile impugnare i piani territoriali di livelli diversi (nazionale, di contea, globale e dei piani dettagliati) nei tribunali amministrativi. Tutti i membri del pubblico sono legittimati a contestare in giudizio; Criteri supplementari normalmente applicabili in procedimenti giudiziari amministrativi (soprattutto la violazione dei suoi diritti) non sono applicate. Per contestare una decisione che si deve presentare un ricorso presso un tribunale amministrativo, ove i normali procedimenti giudiziari amministrativi devono essere effettuati.Il link si apre in una nuova finestrahttp://www.kohus.ee/et/kohtusse-poordumine/haldusasjadIl link si apre in una nuova finestrahttp://www.kohus.ee/en/estonian-courts/contacts È possibile utilizzare un rappresentante (o patrocinante in giudizio), ma ciò non è obbligatorio. In sede di riesame di una decisione di pianificazione dello spazio, il giudice verifica che la decisione era legale, vale a dire procedura amministrativa è stata eseguita correttamente e tutte le altre leggi (sostanziale) sono applicate correttamente. I tribunali valutano inoltre se l’organo amministrativo aveva tutti i dati necessari e ha preso in considerazione tutti gli elementi pertinenti. Come organi amministrativi dispongono di un ampio margine di discrezionalità in materia di assetto territoriale, il giudice non può annullare una decisione per motivi di efficienza, la determinazione, ecc., a meno che un errore manifesto di valutazione è stata effettuata. Questo sarebbe, ad esempio, il caso in cui l’organismo amministrativo attribuisce la priorità a considerazioni di carattere economico o quasi senza alcun riferimento a esigenze di protezione della natura senza un’adeguata spiegazione.

Provvedimenti di natura inibitoria (protezione provvisoria dei diritti delle persone) possono essere applicate dal giudice in qualsiasi fase del procedimento. Solo norme generali in materia di provvedimenti ingiuntivi si applicano ai casi relativi ai piani di gestione dello spazio. I giudici possono chiedere un provvedimento ingiuntivo sulla base di una domanda di una delle parti di una controversia, ma anche di propria iniziativa. Allo stesso tempo è applicata soltanto i casi in cui l’esecuzione della sentenza è in pericolo, per esempio l’attività del titolare del permesso cambierebbe/dannose per l’ambiente in modo irreversibile. Non si applicano norme speciali di provvedimenti ingiuntivi in cause riguardanti le autorizzazioni IPPC.

Decisioni di indagine VIA (decisioni sull’opportunità o meno di avviare la procedura di VIA) sono considerati atti procedurali (menetlustoimingud). Ciò significa che è possibile solo contestarle separatamente dalle decisioni finali (ad esempio, i permessi ambientali), se:

  • esse violino i suoi diritti (diversi da diritti procedurali) indipendentemente dalla decisione finale;
  • illegittimità dell’atto procedurale avrebbero inevitabilmente causato una decisione definitiva o altra attività che violano i suoi diritti.

Secondo la recente giurisprudenza della Corte suprema (ad es. casi 3-3-1-63-11 e 3-3-1-101-09) decisioni di indagine VIA può essere censurato separatamente solo se l’organo amministrativo aveva l’obbligo giuridico di avviare il processo di valutazione dell’impatto ambientale.Il link si apre in una nuova finestrahttp://www.nc.ee/?id=142 Se la decisione di screening è basato sulla discrezionalità (organo amministrativo avrebbe la possibilità di avviare il processo) non può essere impugnata separatamente dalla decisione finale (ad esempio l’inquinamento dell’aria ambiente permesso o autorizzazione IPPC). Per contestare un’indagine via separatamente, Lei deve presentare un ricorso presso un tribunale amministrativo, ove i normali procedimenti giudiziari amministrativi devono essere effettuati.Il link si apre in una nuova finestrahttp://www.kohus.ee/et/kohtusse-poordumine/haldusasjadIl link si apre in una nuova finestrahttp://www.kohus.ee/en/estonian-courts/contacts La legittimazione della Corte, l’offerente dovrà dimostrare che i propri diritti siano lesi o i legittimi interessi siano direttamente interessati. Violazione dei diritti di tutela dell’ambiente alle ONG è presunta. Giudice verificherà se la procedura è stata svolta in modo corretto e la decisione è stata presa in conformità con la legge. I tribunali sono limitati nella loro revisione discrezionale degli enti amministrativi di evidenti abusi soltanto.

Le decisioni in via di definizione dell’ambito di applicazione (decisioni circa il contenuto e la portata della VIA) sono considerati atti procedurali (menetlustoimingud). In altre parole, si può solo opporsi a prescindere da decisioni finali (ad esempio, i permessi ambientali), se:

  • esse violino i suoi diritti (diversi da diritti procedurali) indipendentemente dalla decisione finale;
  • illegittimità dell’atto procedurale avrebbero inevitabilmente causato una decisione definitiva o altra attività la violazione di diritti

Via preliminare per impugnare separatamente, Lei deve presentare un ricorso presso un tribunale amministrativo, ove i normali procedimenti giudiziari amministrativi devono essere effettuati. Avere un punto permanente all’interno della Corte, l’offerente dovrà dimostrare che i propri diritti siano lesi o i legittimi interessi direttamente interessati. Violazione dei diritti di tutela dell’ambiente alle ONG è presunta. Giudice verificherà se la procedura è stata svolta in modo corretto e la decisione è stata presa in conformità con la legge. I tribunali sono limitati nella loro revisione discrezionale degli enti amministrativi di evidenti abusi soltanto.

Le decisioni in via definitiva (approvazione della dichiarazione via dall’organo amministrativo) sono considerati atti procedurali (menetlustoimingud). In altre parole, si può solo opporsi a prescindere da decisioni finali (ad esempio, i permessi ambientali), se:

  • esse violino i suoi diritti (diversi da diritti procedurali) indipendentemente dalla decisione finale;
  • illegittimità dell’atto procedurale avrebbero inevitabilmente causato una decisione definitiva o altra attività la violazione di diritti

Le autorizzazioni sono rilasciate separatamente dall’approvazione di dichiarazioni via e sono considerati atti amministrativi che possono essere impugnate in tribunale se violano i suoi diritti. Per contestare le decisioni VIA separatamente o di contestare l’autorizzazione definitiva, si deve presentare un ricorso presso un tribunale amministrativo, ove i normali procedimenti giudiziari amministrativi devono essere effettuati. Avere un punto permanente all’interno della Corte, l’offerente dovrà dimostrare che i propri diritti siano lesi o i legittimi interessi direttamente interessati. Violazione dei diritti di tutela dell’ambiente alle ONG è presunta. È possibile utilizzare un rappresentante (o patrocinante in giudizio), ma ciò non è obbligatorio. Non sei tenuto a partecipare attivamente alla consultazione pubblica, formulare osservazioni, ecc. Una permanente se i vostri diritti sono stati violati direttamente. Tuttavia, in pratica, la partecipazione attiva al procedimento potrebbe essere importante sfida di minore entità, meno evidenti carenze con le procedure VIA e dichiarazione VIA. Pertanto, Lei dovrebbe partecipare in una fase quanto più precoce possibile del processo decisionale. Violazioni dei diritti processuali, tuttavia, non conferisce il diritto di contestare ‘screening’ del campo di applicazione o le decisioni di approvazione, in quanto questi sono atti procedurali (menetlustoimingud). Giudice verificherà se la procedura è stata svolta in modo corretto e la decisione è stata presa in conformità con la legge. I tribunali sono limitati nella loro revisione discrezionale degli enti amministrativi di evidenti abusi soltanto. Nel riesaminare le decisioni VIA separatamente o con le autorizzazioni, i tribunali sono altresì autorizzati a verificare i materiali e gli accertamenti tecnici. Tuttavia, esse non possono sostituire il contenuto dell’atto amministrativo, ma sono ammessi solo ad annullarla se tali risultati sono reputati scorretti.

Provvedimenti di natura inibitoria (protezione provvisoria dei diritti delle persone) possono essere applicate dal giudice in qualsiasi fase del procedimento e, in linea di principio, anche nei casi in materia di V.I.A. in base alle norme generali. I giudici possono chiedere un provvedimento ingiuntivo sulla base di una domanda di una delle parti di una controversia, ma anche di propria iniziativa. Tuttavia, i tribunali applicano provvedimenti ingiuntivi solo nei casi in cui l’esecuzione della sentenza è in pericolo, ad esempio danni irreversibili causati all’ambiente. In via definitiva le decisioni di non consentire a una persona di iniziare con un’evoluzione che potrebbe danneggiare l’ambiente (per lo svolgimento di attività, un permesso deve essere rilasciato sulla base della decisione finale VIA), i tribunali non applicano generalmente i provvedimenti ingiuntivi in tali procedimenti.

È possibile impugnare le decisioni di rilascio di autorizzazioni IPPC dal Consiglio per l’ambiente (keskkonnaamet) nei tribunali amministrativi.Il link si apre in una nuova finestrahttp://www.keskkonnaamet.ee/eng Avere una posizione nei tribunali, occorre dimostrare che la decisione viola i suoi diritti; per le ONG ambientalistiche, violazione dei diritti è presunta. Per contestare una decisione che si deve presentare un ricorso presso un tribunale amministrativo, ove i normali procedimenti giudiziari amministrativi devono essere effettuati.Il link si apre in una nuova finestrahttp://www.just.ee/10165 È possibile utilizzare un rappresentante (o patrocinante in giudizio), ma ciò non è obbligatorio. Non sei tenuto a partecipare attivamente alla consultazione pubblica, formulare osservazioni, ecc. Una permanente se i vostri diritti sono stati violati direttamente dalla decisione. D’altro canto, se sono violati i diritti procedurali e la vostra, si tratterebbe di un motivo distinto per il fatto di avere una posizione nei tribunali estoni. Inoltre, in pratica, la partecipazione a un procedimento amministrativo può essere importante sfida di minore entità, meno evidenti violazioni di legge. Pertanto, Lei dovrebbe partecipare in una fase quanto più precoce possibile del processo decisionale. Giudice verificherà se il procedimento sia stato correttamente effettuato dal Consiglio per l’ambiente e la decisione di rilasciare l’autorizzazione IPPC è stata effettuata in conformità della legge. È anche consentito di verificare i materiali e risultati tecnici ecc.; tuttavia, esse non possono sostituire il contenuto della decisione di rilascio del permesso o dell’autorizzazione stessa, ma sono ammessi solo per annullare la decisione se ritengono che ciò sia illegittimo. Annullamento della decisione rende il permesso rilasciato valido. Provvedimenti di natura inibitoria (protezione provvisoria dei diritti delle persone) possono essere applicate dal giudice in qualsiasi fase del procedimento. Solo norme generali in materia di provvedimenti ingiuntivi si applica ai casi concernenti le autorizzazioni IPPC. I giudici possono chiedere un provvedimento ingiuntivo sulla base di una domanda di una delle parti della controversia o di propria iniziativa. Al tempo stesso si applica esclusivamente nel caso in cui l’esecuzione della sentenza è in pericolo, per esempio l’attività del titolare del permesso cambierebbe/dannose per l’ambiente in modo irreversibile. Non si applicano norme speciali di provvedimenti ingiuntivi in cause riguardanti le autorizzazioni IPPC.

V. l’accesso alla giustizia nei confronti degli atti o delle omissioni

In materia ambientale, puoi presentare una richiesta direttamente all’autorità giudiziaria nei confronti di privati o di persone giuridiche solo per il risarcimento dei danni o di proteggere i vostri diritti di proprietà. Tali affermazioni sono disciplinati da atti di diritto privato, soprattutto del diritto delle obbligazioni e legge sul ripristino dei diritti patrimoniali.Il link si apre in una nuova finestrahttp://www.legaltext.ee/et/andmebaas/tekst.asp?loc=text&dok=X30085K4&keel=en&pg=1&ptyyp=RT&tyyp=X&query=V%F5la%F5igusseadus+%28seisuga+18%2E07%2E2011%29Il link si apre in una nuova finestrahttp://www.legaltext.ee/et/andmebaas/tekst.asp?loc=text&dok=X0004K11&keel=en&pg=1&ptyyp=RT&tyyp=X&query=asja%F5igusseadus Richieste di risarcimento e di protezione della proprietà sono in primo grado dinanzi a tribunali di contea. Qualora i danni siano causati da attività pericolose per l’ambiente, si può chiedere un risarcimento per:

  • i danni alla tua persona (danni alla salute ecc.);
  • danni alla proprietà;
  • il risarcimento del danno causato dal deterioramento della qualità dell’ambiente;
  • le spese relative al contenimento dei danni;
  • le spese relative all’attenuazione delle conseguenze dei danni;
  • danno derivante dall’applicazione delle misure di attenuazione.

Avete diritto a un risarcimento se il danno è stato arrecato un danno extracontrattuale illegittimamente e che la persona sia colpevole, vale a dire danni siano stati causati per negligenza o intenzionalmente. In alcuni casi, la responsabilità oggettiva, vale a dire il risarcimento è corrisposto anche nel caso in cui la persona non ha causato danni deliberatamente o per negligenza. Al fine di proteggere la sua proprietà, Lei può chiedere l’eliminazione della violazione dei suoi diritti di proprietà.

Se una questione sia collegata a una decisione amministrativa, si può presentare una domanda (un’azione) a un tribunale amministrativo direttamente nei confronti dell’organismo dello Stato membro che ha preso la decisione (ad esempio ambientali). In tali procedure, è possibile richiedere:

  • annullamento di tutto o parte dell’atto amministrativo (decisione definitiva);
  • emissione di un atto amministrativo o l’esecuzione di un’attività;
  • divieto di emettere un atto amministrativo o l’esecuzione di un’attività;
  • i danni causati nell’ambito del diritto pubblico;
  • eliminazione delle conseguenze illecite di un atto amministrativo o attività;
  • istituzione di nullità di un atto amministrativo, l’illiceità di un atto amministrativo o di attività o di altre circostanze di fatto relative a un rapporto di diritto pubblico.

È importante osservare che l’annullamento di un atto amministrativo da parte del giudice vi ponga fine e pertanto non sarà più stabilire diritti e obblighi. Istituzione di illegittimità di un atto amministrativo da parte del giudice, d’altro canto, non risolve automaticamente — l’atto deve essere abrogata dall’amministrazione stessa.

In materia di responsabilità ambientale l’autorità che individua il danno e persone responsabili e può adottare le misure necessarie, è il Consiglio per l’ambiente.Il link si apre in una nuova finestrahttp://www.keskkonnaamet.ee/eng Il ministero dell’Ambiente è responsabile per le autorità di notifica degli altri Stati membri dell’UE nei casi in cui il danno è di natura transfrontaliera.Il link si apre in una nuova finestrahttp://www.envir.ee/?set_lang_id=2 Per far valere la responsabilità ambientale dovrebbero innanzitutto presentare una richiesta d’azione al Consiglio per l’ambiente. Le richieste di intervento possono essere presentate se:

  • che sono o possono essere interessati dal danno all’ambiente;
  • avete interesse legittimo nel settore; o
  • i suoi diritti sono violati dalla danni all’ambiente o la minaccia di grave pregiudizio.

Per quanto concerne le ONG ambientali, violazione dei diritti e legittimi interessi è presunta. Se la Commissione rifiuta di adottare misure ambientali e per far valere la responsabilità ambientale nei tribunali, è prima necessario esaurire tutti i procedimenti amministrativi. Ciò significa che occorre presentare una sfida sul piano amministrativo (vaie) al Ministero dell’ambiente entro un termine di 30 giorni. Il Ministero si pronuncia sul ricorso entro 30 giorni. Dopo aver esaurito il procedimento amministrativo di impugnazione, l’interessato può presentare un ricorso al Tribunale amministrativo. Al fine di impugnare la decisione in merito alla sua domanda di ricorso, la decisione deve essere violato i suoi diritti o interessi legittimi. I giudici hanno il diritto di esigere che la Commissione fa rispettare la vostra richiesta di responsabilità ambientale.

VI. Altri mezzi di accesso alla giustizia

Se una persona violazioni del diritto ambientale, possono essere istituiti procedimenti penali da parte delle autorità statali. Penalizzati gli atti sono divisi in due categorie:

  • reati; e
  • reati.

Reati in materia ambientale trattate dal Keskkonnainspektsioon (Environmental Inspectorate) considerando che accuse penali siano assicurati alla giustizia da parte della procura (prokuratuur).Il link si apre in una nuova finestrahttp://kki.ee/eng/Il link si apre in una nuova finestrahttp://www.prokuratuur.ee/en Se intendete impugnare l’attività, l’inattività o l’omissione da parte di un’autorità pubblica, Lei ha il diritto di presentare un reclamo (vaie). Sfide amministrative sono per lo più un’alternativa facoltativa ad azioni giudiziarie; Essi non dovranno essere esauriti prima di intentare una causa; In alcuni casi, tuttavia, ad esempio in materia di responsabilità ambientale, a difficoltà amministrative devono essere utilizzati prima che l’interessato può presentare un ricorso alla Corte. Se si ritiene che un atto legislativo è incostituzionale o alcune attività, l’inattività o l’omissione da parte di un’autorità pubblica viola i diritti costituzionali, potete anche presentare una domanda all’Õiguskantsler (Cancelliere di giustizia).Il link si apre in una nuova finestrahttp://oiguskantsler.ee/en Il cancelliere di giustizia controlla la costituzionalità dell’atto legislativo o dell’attività di un’autorità pubblica e può formulare raccomandazioni e proposte per risolvere la situazione.

Il cancelliere della giustizia è un funzionario indipendente che svolge due funzioni:Il link si apre in una nuova finestrahttp://oiguskantsler.ee/en è la massa della petizione (contro le autorità pubbliche) e custode di costituzionalità, riesaminando gli atti legislativi. Qualora un atto legislativo (nazionali o locali) incostituzionale del governo, il candidato può presentare una domanda al ministro della giustizia. Il cancelliere può:

  • propone che l’emittente di legislazione per metterla in conformità con la Costituzione;
  • presentare un memorandum per il preparatore della legislazione (se la legislazione è tuttora in fase di elaborazione);
  • presentare una relazione al Parlamento (Riigikogu) di mettere in luce i problemi.

Se ritenete che i vostri diritti costituzionali siano stati violati da una pubblica autorità, potete anche presentare una domanda al ministro della giustizia. Il cancelliere può presentare:

  • una raccomandazione di agire in modo legale e rispettino i principi di buona amministrazione;
  • Il suggerimento di eliminare la violazione.

Se le raccomandazioni o suggerimenti non sono presi in considerazione, il cancelliere della giustizia può presentare una relazione all’autorità di vigilanza dell’agenzia in questione, il governo della Repubblica e del Parlamento (Riigikogu). Le raccomandazioni e i suggerimenti sono definitive e non possono essere impugnate in tribunale. Pur non essendo giuridicamente vincolanti per le autorità in questione, essi sono generalmente presi in considerazione dalle autorità pubbliche o dalle loro autorità di vigilanza.

Il link si apre in una nuova finestraIspettorato dell’ambiente è la principale agenzia di Stato responsabile per l’applicazione della normativa ambientale. Ciò comprende l’indagine di reati e di reati commessi da persone o imprese nell’ambito del diritto ambientale. Nel caso di reati, l’Ispettorato dell’Ambiente ha anche la facoltà di imporre ammende. Per reati, il trattenimento (arest) possono essere inflitte dai tribunali in merito alle domande per l’Ispettorato dell’ambiente. Se si individuano l’inquinamento ambientale o incidenti, dovete avvisarne l’Ispettorato dell’ambiente, che provvederà ad approfondire la questione.»

Il link si apre in una nuova finestraUfficio del pubblico ministero ha il diritto esclusivo di esercitare l’azione penale per reati commessi da persone o imprese di tribunali. Ciò vale anche per i reati ambientali; L’indagine di tali reati è svolta dall’Ispettorato dell’ambiente. Per quanto riguarda i reati, sanzioni pecuniarie (rahaline karistus) o la reclusione possono essere inflitte dai tribunali. Accusa privata non è disponibile in Estonia; accuse penali possono essere proposte solo ai tribunali da parte della procura.Il link si apre in una nuova finestrahttp://www.prokuratuur.ee/en Ciò vale anche nell’ambito del diritto ambientale.

VII. Legittimazione ad agire

Secondo il codice di procedura amministrativa e del codice di procedura amministrativa, le seguenti norme generali si utilizzano per stabilire chi sia legittimato ad impugnare le attività delle autorità pubbliche. Queste regole non si applicano a contestare le decisioni di pianificazione territoriale, che possono essere impugnate da chiunque sulla base dei motivi di illegittimità.

Legittimazione ad agire

Procedimento amministrativo

Procedimento dinanzi al Tribunale

Persone

Violazione dei diritti individuali o la restrizione delle libertà individuali per attività di pubblica autorità. Diritti o libertà possono derivare direttamente dalla Costituzione o da altre leggi.

Violazione di diritti individuali per l’attività delle autorità pubbliche. In materia ambientale, le persone direttamente interessate dall’attività amministrativa può inoltre presentare una domanda. Interesse diretto devono essere correlati ai legittimi interessi della persona; attività dell’autorità pubblica deve avere un significativo e concreto l’impatto su tali interessi.

ONG

Violazione dei diritti individuali o la restrizione delle libertà individuali per attività di pubblica autorità. Diritti o libertà possono derivare direttamente dalla Costituzione o da altre leggi.

Per le ONG nel settore della tutela dell’ambiente, la violazione di diritti o libertà dovrebbe essere presunto.

Violazione di diritti individuali per l’attività delle autorità pubbliche. In materia ambientale, le persone direttamente interessate dall’attività amministrativa può inoltre presentare una domanda. Interesse diretto devono essere correlati ai legittimi interessi della persona; attività dell’autorità pubblica deve avere un significativo e concreto l’impatto su tali interessi.

Per le ONG nel settore della tutela dell’ambiente, la violazione di diritti o un interesse diretto è presunta.

Altri soggetti giuridici

Violazione dei diritti individuali o la restrizione delle libertà individuali per attività di pubblica autorità. Diritti o libertà possono derivare direttamente dalla Costituzione o da altre leggi.

Violazione di diritti individuali per l’attività delle autorità pubbliche. In materia ambientale, le persone direttamente interessate dall’attività amministrativa può inoltre presentare una domanda. Interesse diretto devono essere correlati ai legittimi interessi della persona; attività dell’autorità pubblica deve avere un significativo e concreto l’impatto su tali interessi.

Gruppi ad hoc

I gruppi ad hoc hanno soltanto il diritto di contestare l’attività amministrativa in materia ambientale e se sono attive nel campo della protezione ambientale. Violazione di diritti o libertà è obbligatoria, ma si presume che per tali gruppi ad hoc per essere legittimata a contestare le procedure amministrative.

I gruppi ad hoc sono solo il diritto di presentare ricorso con gli organi giurisdizionali in materia ambientale e se sono attive nel campo della protezione ambientale. Violazione dei diritti o un interesse diretto è obbligatoria, ma si presume che per tali gruppi ad hoc di legittimazione.

Le ONG straniere

Violazione dei diritti individuali o la restrizione delle libertà individuali per attività di pubblica autorità. Diritti o libertà possono derivare direttamente dalla Costituzione o da altre leggi.

Violazione di diritti individuali per l’attività delle autorità pubbliche. In materia ambientale, le persone direttamente interessate dall’attività amministrativa può inoltre presentare una domanda. Interesse diretto devono essere correlati ai legittimi interessi della persona; attività dell’autorità pubblica deve avere un significativo e concreto l’impatto su tali interessi.

Per le organizzazioni non governative (ONG) con sede nell’UE nel settore della tutela dell’ambiente, la violazione di diritti o un interesse diretto è presunto in settori disciplinati dal diritto dell’UE (ad es. l’IPPC, VIA, sulla base del principio di non discriminazione.

Per ogni altro uso

Le autorità statali non possono contestare l’attività di altre autorità statali, in quanto non sono entità giuridiche distinte. Allo stesso tempo, i comuni locali possono impugnare le attività delle altre autorità pubbliche qualora i loro diritti siano violati o libertà limitata. Lo stesso vale per altre persone giuridiche di diritto pubblico (ad esempio università, fondazioni pubbliche ecc.)

Le autorità statali non possono contestare l’attività di altre autorità statali, in quanto non sono entità giuridiche distinte. Al tempo stesso, altre persone giuridiche di diritto pubblico (ad esempio università, fondazioni pubbliche ecc.) può impugnare le attività delle altre autorità pubbliche qualora i loro diritti siano violati.

I comuni possono inoltre contestare le attività delle altre autorità pubbliche qualora i loro diritti siano violati o ostacola le attività contestate di ostacola l’esercizio delle loro funzioni.

La maggior parte della normativa settoriale e regolamentare nel settore del diritto ambientale non contiene disposizioni speciali in materia di legittimazione ad agire. Ciò vale anche nel campo delle valutazioni di impatto ambientale e la prevenzione e la riduzione integrate dell’inquinamento. Di conseguenza, avete diritto a intentare un’azione in base alle norme generali contenute nel codice di procedura amministrativa. Norme speciali sono, tuttavia, riscontrate in materia di assetto territoriale. In materia di assetto territoriale, di legittimazione norme sono diverse rispetto ad altri settori del diritto amministrativo, comprese norme ambientali. Secondo la legge sulla pianificazione territoriale, hai il diritto di presentare un ricorso presso il tribunale amministrativo, di contestare la decisione di istituire un piano territoriale se:

  • I tuoi diritti siano stati violati o libertà limitata;
  • ritiene che la decisione sia contraria alle leggi o altri atti giuridici.

Ciò significa che è possibile contestare la decisione amministrativa definitiva per quanto riguarda un piano territoriale per motivi di legittimità, senza dover dimostrare di preoccupazione. Il cancelliere della giustizia è considerato un’entità giuridica separata; Pertanto essa ha il diritto di contestare l’attività delle autorità pubbliche per tutelare i propri diritti mediante due sfide amministrative e presentando un ricorso alla Corte. Oltre a ciò, il cancelliere della giustizia ha il diritto di avviare procedimenti disciplinari nei confronti dei giudici. Il procedimento disciplinare può essere avviato se il giudice ha illegittimamente non ha rispettato gli obblighi professionali o che abbia adempiuto in modo inappropriato. I procedimenti disciplinari sono discusse da un collegio giudicante composto di giudici disciplinari a diversi livelli del sistema giudiziario. I pubblici ministeri hanno esclusiva posizione nei procedimenti penali, vale a dire solo esse possono formulare accuse penali (kuriteod). L’Ispettorato dell’Ambiente ha la legittimazione ad agire in giudizio in caso di reati ambientali (väärteod). Per reati, l’Ispettorato può infliggere ammende per proprio conto; Il trattenimento, dall’altro, può essere imposto solo da tribunali sull’applicazione dell’ispettorato.

VIII. Assistenza legale

Nell’ambito di procedimenti giurisdizionali in materia ambientale è possibile scegliere di rappresentare se stessi, o rivolgersi a un professionista legale rappresentante. Lei può affidare le seguenti persone per rappresentarli in giudizio:

Solo gli avvocati giurati possono rappresentare per il tribunale di ultimo grado — Corte suprema dell’Estonia. I rappresentanti legali sono abilitati ad agire a suo nome e costituiscono anche nella vostra assenza. Al tempo stesso, anche la possibilità di limitare i poteri del vostro rappresentante contrattuale. Restrizione dei poteri è esaminato dalla Corte unicamente in caso di informare la Corte e le altre parti di esso. Giudice solo prendere in considerazione restrizioni a:

  • fine del procedimento con un compromesso; o
  • sospendere un’azione.

Si può anche usare difensori nei procedimenti giudiziari in materia ambientale. A differenza dei rappresentanti legali, consulenti legali, in generale, non sono autorizzati ad agire a suo nome e senza la sua presenza. Tuttavia, essi hanno diritto a far parte del procedimento con Lei e fare dichiarazioni e affermazioni ecc. tali dichiarazioni, domande, ecc. sono attribuiti a te, a meno che tu non immediatamente a correggerli. Anche gli organi giudiziari spiegare tale diritto ai candidati che decidono di avvalersi di un difensore. Un elenco di tutti gli studi legali associati all’ordine degli avvocati estoni in funzione del luogo in cui sono reperibili qui.Il link si apre in una nuova finestrahttps://www.advokatuur.ee/eng/advocates/find-advocates?attorney_filter%5Bregion%5D=&attorney_filter%5Bletter%5D=&attorney_filter%5Btype%5D%5B%5D=Assotsieerunud+liige Diversi uffici di diritto più importante anche un elenco di diritto ambientale come un settore in cui offrono i servizi legali (compresa la rappresentanza in giudizio), ad esempio:

Assistenza legale (compresa la rappresentanza in giudizio) in materia ambientale proviene inoltre da centro estone di diritto ambientale.Il link si apre in una nuova finestrahttp://k6k.ee/en Quest’ultima è una ONG di interesse pubblico; Essi quindi non fornire assistenza giuridica nei casi in cui ciò sia in contrasto con gli interessi pubblici.

IX. Prove

In materia ambientale, così come in altre questioni amministrative, che sono tenute a fornire elementi di prova a sostegno della domanda. Occorre fornire prove né con la sua azione o nella fase precontenziosa del procedimento (prima dell’udienza di merito) al più tardi. Se non siete in grado di fornire prove (per esempio quando i dati sono detenuti da un privato che si rifiuta di condivisione), si prega di spiegare il motivo per cui ciò non è possibile e se la prova è stato possibile individuare. Se il giudice ritiene che non vi siano prove sufficienti, esse possono chiedere al suo governo di trasmetterle o di acquisirli in proprio. Se Lei non ha fornito elementi di prova a sostegno di una denuncia e la Corte non è in grado di raccogliere elementi di prova, la Corte può decidere che la sua argomentazione è priva di fondamento. Nessun tipo di prove è in linea di principio preferibile dal Tribunale. Inoltre, le parti non possono limitare i tipi di prova ammissibili o dare priorità a un certo tipo di prova. Tutti gli elementi di prova è valutata da tutti i punti di vista, come un insieme e in modo obiettivo, tenendo anche conto dei legami esistenti tra i vari elementi di prova. Giudici adotterà la decisione finale sulla questione se una domanda sia stata dimostrata dagli elementi di prova in base alla loro coscienza. Occorre fornire prove nel corso del procedimento pregiudiziale (prima dell’udienza di merito) al più tardi. È possibile introdurre nuovi elementi di prova dopo l’udienza della Corte è iniziato solo nei seguenti casi eccezionali:

  • La Corte di giustizia non organizza una sessione (ad esempio, in caso di procedura scritta) e non è previsto alcun termine per fornire la prova fosse stata stabilita prima di procedere all’audizione ha avuto inizio;
  • fornire nuovi elementi di prova non ritardare il procedimento giudiziario; o
  • è possibile dimostrare che aveva una buona ragione per il ritardo.

I giudici possono chiedere una parte del procedimento o il suo dipendente, qualsiasi autorità pubblica, impresa di assicurazione o un ente creditizio (ad esempio, banca, fondo) di fornire informazioni che sono necessarie per la risoluzione della controversia e si presume che nelle mani di tale persona. Giudice fisserà un termine e siano tenuti a fornire informazioni entro tale termine. In caso di inosservanza di tale obbligo, la Corte può infliggere un’ammenda. Se si desidera utilizzare un parere di esperti nell’ambito di un procedimento giurisdizionale come elementi di prova che si può incaricare un perito e fornire il proprio parere, come elementi di prova. In alternativa, Lei può anche chiedere alla Corte di organizzare una perizia nella fase precontenziosa del procedimento (prima dell’udienza). I giudici possono chiedere una perizia per determinare una questione che è importante per il caso e richiede conoscenze specifiche. Pareri di esperti sono considerati altri tipi di prove, ossia sono valutati insieme con altre informazioni pertinenti per stabilire se una richiesta sia stata dimostrata o meno. Pertanto essi non sono direttamente vincolanti per i giudici. D’altro canto, le autorità giurisdizionali non possono contestare i risultati della perizia d’ufficio.

Provvedimenti ingiuntivi X.

Se impugnate la decisione amministrativa, in tribunale o tramite sfida amministrativa (vaie), esso non pregiudica automaticamente i suoi effetti giuridici. Questo significa che, nonostante le difficoltà, la decisione può ancora essere eseguita. Per esempio, se la decisione consente a un’impresa di emissioni di inquinanti nell’aria ambiente, può farlo anche se hanno presentato ricorso contro la decisione al Tribunale. Le decisioni amministrative possono in linea di principio essere eseguiti dal momento in cui diventano validi. Se la decisione non è stata annunciata pubblicamente, essa sarà valida non appena la persona a cui è destinata si notificati. Se la decisione è annunciata pubblicamente, diventa di solito valida il 10º giorno dopo la pubblicazione. Avverso l’atto di sfida amministrativa (vaie) o in tribunale non pregiudica automaticamente la validità della decisione. Ciò significa che esse possono essere attuate immediatamente dopo la loro entrata in vigore. Se impugnate la decisione amministrativa in materia ambientale e in tribunale può chiedere provvedimenti ingiuntivi. Allo stesso tempo, provvedimenti ingiuntivi possano, in qualsiasi momento, essere applicata dal giudice anche di sua iniziativa. Provvedimenti ingiuntivi possono assumere varie forme: può chiedere alla Corte di:

  • sospendere la validità o l’esecuzione della decisione amministrativa;
  • vietare l’organo amministrativo a rendere la decisione contestata;
  • richiedere all’organo amministrativo di subordinare la decisione contestata;
  • sequestro dei beni;
  • vietare la persona oggetto della decisione (ad esempio, società mineraria che ha ricevuto un’autorizzazione mineraria) di svolgere attività disciplinate dalla decisione o li obbliga a procedere o obblighi supplementari a tale attività, ad esempio prevedere cauzioni a lei.

Se decidete di impugnare una decisione amministrativa mediante reclamo (vaie), potete anche chiedere un provvedimento ingiuntivo debba essere applicato dalla Corte. Puoi chiedere provvedimenti ingiuntivi o in qualsiasi momento nel corso del procedimento amministrativo di impugnazione (vaie), pertanto non è prevista alcuna scadenza. Non è necessario fornire una garanzia per gli eventuali danni o perdite economiche che possono derivare dall’applicazione dei provvedimenti ingiuntivi. Allo stesso tempo, il paziente deve pagare un canone demaniale per l’applicazione. Nella sua richiesta di provvedimenti ingiuntivi, Lei dovrebbe fornire almeno le seguenti informazioni:

  • l’oggetto della controversia;
  • Motivazione (da circostanze che comportano);
  • sistema preferito per misurare i provvedimenti ingiuntivi;
  • identificazione personali e informazioni di contatto.

Provvedimenti ingiuntivi solo applicata dal giudice se la protezione dei suoi diritti o la realizzazione dell’obiettivo della sua impugnazione sarebbe impraticabile o impossibile. Giudice statuisce su provvedimenti ingiuntivi da una sentenza del Tribunale. Per impugnare tale sentenza della Corte per presentare ricorso entro 15 giorni dalla data della sua consegna. Deve trattare il ricorso alla District Court e presentarli al tribunale amministrativo che ha formulato la decisione che lei contesta. Il Tribunale esaminerà la ricevibilità del ricorso e di preparare il riesame della stessa al tribunale distrettuale o soddisfare essa stessa.

XI. Sulle spese

Chi desidera presentare alla Corte un ricorso prenda in considerazione due categorie di costi: spese giudiziarie (kohtukulud) e spese extragiudiziali (kohtuvälised kulud). Spese giudiziarie sono i costi che sono essenziali per l’esame della questione, vale a dire imposta statale (riigilõiv), sicurezza e spese essenziali del procedimento (ad esempio, i costi relativi ai testimoni, esperti, acquisizione delle prove, ecc.). Spese extragiudiziali sono i costi che non sono essenziali per adito, ad es. le spese per i consulenti legali e rappresentanti contrattuali, le spese di viaggio dei partecipanti del procedimento, le retribuzioni non percepite a causa della controversia ecc. per avviare un procedimento contro una decisione amministrativa, l’interessato deve pagare il rispettivo canone demaniale. Devi pagare un’altra tassa di ricorso al tribunale distrettuale a una decisione giudiziaria o una sentenza del Tribunale amministrativo. Ulteriori informazioni si trovano qui.https://e-justice.europa.eu/content_costs_of_proceedings-37-ee-en.do?init=true&member=1

XII. I meccanismi di assistenza finanziaria

Tribunali amministrativi possono essere esentate dal pagamento delle tasse e la sicurezza nonché le spese indispensabili per il procedimento (ad esempio, i costi relativi ai testimoni, esperti, acquisizione delle prove, ecc.). Si può essere esentati da tali costi nel suo complesso o solo in parte. Un’altra opzione consiste nel fatto che non devi pagare in anticipo alla volta (come è stato), ma può pagare per essi a rate. Per ottenere l’esenzione è necessario farne apposita richiesta. Nella domanda, i candidati devono fornire le seguenti informazioni:

  • Ai fini dei procedimenti per i quali sia richiesta l’esenzione;
  • Il suo ruolo nel presente procedimento nonché le sue principali rivendicazioni;
  • base per la domanda o opposizione.

In caso di domanda di esenzione come persona fisica (singolo), è necessario aggiungere una dichiarazione sulla sua situazione finanziaria (nonché quelli dei tuoi familiari) e altri documenti comprovanti tale dichiarazione. I formulari per la dichiarazione e la domanda di deroga, con informazioni aggiuntive possono essere reperite sulla pagina web del Ministero della giustizia.Il link si apre in una nuova finestrahttps://www.just.ee/en/state-legal-assistance-0 La domanda deve essere redatta in estone o in inglese. In caso di domanda di esenzione come rappresentante di una persona giuridica (organizzazione) occorre aggiungere una copia dello statuto dell’organizzazione e la copia autenticata del rapporto annuale dell’anno precedente. Dopo aver ricevuto la domanda e i documenti complementari, la Corte dovrà stabilire se possono essere esentate dai costi e in quale misura. L’esenzione è accordata solo se non è in grado di pagare i costi dovuti alla sua situazione economica e la sua partecipazione può essere considerato positivo. L’esenzione non è concessa se:

  • chiaramente non sono legittimati;
  • eventuali vantaggi derivanti da tale sentenza non sarebbe proporzionale ai costi ai costi, o
  • L’obiettivo non può essere conseguito con la sfida.

L’assistenza finanziaria diretta non è disponibile per i procedimenti giudiziari. Hai la possibilità di essere esonerati dai costi che devono essere pagate in anticipo (v. sopra) o ricevere assistenza legale finanziata dallo Stato. Oltre ad essere esentate dai costi Puoi inoltre ricevere assistenza legale finanziata dallo Stato. Membro sia fornita assistenza legale da parte degli avvocati (ordine degli avvocati membri) che sono inizialmente versata dallo Stato. Ciò non significa, tuttavia, che l’assistenza dovrebbe essere fornita incondizionatamente a titolo gratuito. In alcuni casi, i consumatori continuano a pagare una parte dei costi o di farlo a rate prima o dopo la sentenza. Le condizioni per le domande e l’esame delle domande sono identici a quelli per l’esenzione delle spese da parte del Tribunale (cfr. supra). Forme supplementari e le informazioni possono essere consultate sul sito web del Ministero della giustizia.Il link si apre in una nuova finestrahttps://www.just.ee/en/state-legal-assistance-0 Studi legali generalmente non forniscono l’assistenza legale gratuita, sebbene vi possano essere situazioni eccezionali. Vi sono due principali consultori giuridici in cui gli studenti di diritto a fornire l’assistenza legale al pubblico gratuitamente a Tallinn e Tartu. Nessuno dei consultori giuridici ha definito gli ambiti in cui forniscono assistenza. Allo stesso tempo, come studenti, la loro conoscenza di settori specifici come il diritto ambientale potrebbe essere limitata. Oltre agli studenti le cliniche legali, «farmacie legali» operano a Tallinn e Tartu jõhvi (attualmente noti a farlo fino al 15 dicembre). Avvocati di professione l’assistenza legale gratuita, ma nessuno di essi è specializzato in diritto ambientale. Il Centro di giurisprudenza estone dell’ambiente è un interesse pubblico al diritto ambientale l’organizzazione che gestisce a Tartu. In passato esse hanno fornito assistenza legale gratuita per progetto al pubblico. Inoltre, essi forniscono l’assistenza legale prestata in materia ambientale al pubblico su base regolare. Maggiori informazioni sulle condizioni del servizio sono disponibili sulla loro pagina web.Il link si apre in una nuova finestrahttp://k6k.ee/activities/legal-services

XIII. Tempestività

In Estonia non esiste un termine di applicazione generale per tutte le decisioni amministrative. Vi sono, tuttavia, i termini specifici per alcuni tipi di decisioni. Ad esempio, il Consiglio per l’ambiente ha l’obbligo di assumere una decisione in merito alla domanda di autorizzazione integrata ambientale entro 120 giorni. Se l’organo di amministrazione ritenga di non poter emettere la propria decisione entro il termine previsto dalla legge, deve informare il richiedente probabile dei tempi, precisando i motivi del ritardo. Se i vostri diritti sono lesi a causa del ritardo, hai diritto al risarcimento del danno causato da ritardi o si può contestare il ritardo in un tribunale amministrativo o per mezzo di reclamo (vaie). Nei casi in cui ciò sia previsto dalla legge, di ritardo può essere considerata come un’approvazione implicita ad una domanda di decisione favorevole (ad esempio, circa). Chi desidera presentare un ricorso contro un atto amministrativo, dovresti fare ciò entro 30 giorni. Il termine decorre dalla data in cui le è stata notificata la decisione. In via eccezionale, il termine per presentare ricorso è di tre anni, se:

  • chiedere il risarcimento dei danni causati da un organo amministrativo;
  • chiede l’eliminazione degli effetti di un atto amministrativo illegale;
  • Si desidera che l’atto amministrativo possa essere dichiarata illegittima.

Occorre in primo luogo rivedere l’azione e dare un termine di 15 giorni per modificare o completare, se essa contiene lacune di secondaria importanza. La sessione è organizzata, il termine per l’azione di altre parti e la sessione deve essere di almeno 30 giorni. Si possono presentare nuovi fatti o richieste dopo la presentazione di un ricorso solo se possono essere consegnati alle altre parti della Corte almeno 7 giorni prima dell’udienza. In caso di procedura scritta, sono autorizzati se ne può essere distribuito ad altre parti almeno 7 giorni prima della data prevista per la fornitura di documenti. La Corte deve procedere e proclama la propria sentenza entro 30 giorni dalla data dell’ultima udienza (dalla data prevista per la fornitura di documenti in caso di procedura scritta). In casi eccezionali (ad esempio quando il volume di materiale eccezionalmente elevato o il caso particolarmente complesse) tale termine può essere prorogato fino a 60 giorni. Presentare un ricorso in appello contro la decisione della Administrative Court presso la District Court, devi farlo entro 30 giorni dalla sua comunicazione. Rivolge un appello alla Corte suprema sulla sentenza del Tribunale distrettuale, inoltre, devono essere presentate entro 30 giorni. Se intendete impugnare una sentenza del Tribunale, devi presentare ricorso entro 15 giorni. Le questioni ambientali possono essere molto diversi per complessità, sia in fatto sia in diritto, è difficile dire per quanto tempo il caso per ultima. Un altro fattore che rende difficile valutare quanto tempo alle questioni ambientali in un tribunale è il numero limitato di pratiche in questo settore. Tuttavia, il tempo medio di procedimento in primo grado nel 2013 è stato:

Le cause civili — 168 giorni

Cause penali — 262 giorni

Casi di infrazione — 62 giorni

Cause amministrative — 144 giorni

Nel settore dell’ambiente sono piuttosto complesse rispetto a molte altre cause di diritto amministrativo, potrebbero richiedere più tempo rispetto alla media proposto in precedenza. Non vi è alcun termine stabilito per risolvere un caso in quanto tali, soltanto un obbligo generale di risolverlo entro un «termine ragionevole». Tuttavia, vi è un termine per formulare una sentenza dopo che la Corte ha raccolto informazioni sufficienti. Dopo l’ultima udienza o data prevista per la presentazione di documenti in caso di procedimento scritto, il Tribunale è tenuto a pronunciare la sentenza entro 30 giorni. Solo in casi eccezionali (ad esempio, quando vi è una grande quantità di materiali o il caso è estremamente complesso materialmente o giuridicamente), tale termine può essere prorogato fino a 60 giorni. Non è possibile presentare ricorso contro una sentenza solo perché è stato consegnato in ritardo. Non potete neanche richiedere il risarcimento dei danni causati da un ritardo, a meno che un giudice ha commesso un reato (ad esempio ha accettato un indebito vantaggio per ritardare la sentenza). Tuttavia, può essere avviata un’azione disciplinare nei confronti di un giudice, se non riesce a conseguire la sentenza nei tempi previsti e ciò, intenzionalmente o per negligenza. Può essere avviata un’azione disciplinare nei confronti di un giudice solo dai presidenti dei tribunali amministrativi, corti distrettuali e presidente della Corte suprema e cancelliere della giustizia.Il link si apre in una nuova finestrahttp://oiguskantsler.ee/en

XIV. Altre questioni

In linea di principio, contestare le decisioni in materia ambientale è possibile soltanto dopo la decisione definitiva — Atto amministrativo (haldusakt), ad esempio permesso ambientale, piano di gestione, ecc. — è stato rilasciato. Pertanto, le decisioni in materia ambientale sono di norma messa a dura prova dopo il procedimento amministrativo volto a rendere una decisione amministrativa che possa pregiudicare i diritti degli individui è terminata. Completo, dettagliato e facilmente comprensibile informazioni sull’accesso alla giustizia in materia ambientale non è disponibile. Inoltre, la maggior parte dei materiali disponibili sono state elaborate prima dell’adozione del nuovo codice di procedura amministrativa e alcune informazioni potrebbero essere superate. Vi sono, tuttavia, alcune fonti di informazioni che possono essere di una qualche utilità:

Vi sono due metodi ufficiali della risoluzione alternativa delle controversie è possibile utilizzare in materia ambientale. In primo luogo, una causa può essere posto termine mediante un compromesso. In secondo luogo, la conciliazione come un tipo specifico di un procedimento è disponibile a partire dal 1º gennaio 2012 (dopo l’entrata in vigore del nuovo codice di procedura amministrativa). Le parti possono raggiungere un compromesso a seguito di negoziazione stragiudiziale tra di loro. Se il compromesso sui diritti dei terzi, la loro approvazione è necessaria. Al fine di presentare ricorso entro il compromesso, la Corte deve approvarla. Tribunale può rifiutare l’approvazione se è illegale, impossibile da soddisfare e viola i diritti dei terzi che non sono state incluse nel procedimento. La conciliazione è un tipo particolare di un procedimento amministrativo in cui le parti risolvono le controversie mediante negoziati sotto la direzione di un giudice. La procedura di conciliazione si usano solo se delle parti e dei terzi interessati concordano con quest’ultimo. Potete decidere di abbandonare la procedura di conciliazione in qualsiasi momento; In tal caso la consueta contraddittorio saranno utilizzati per comporre la controversia. La conciliazione è disponibile solo nei tribunali amministrativi (tribunali di primo grado.

XV. Uno straniero

In generale, stesse regole procedurali si applichino al tuo caso Se sei straniero e intendono contestare una decisione amministrativa in tribunali amministrativi estoni . Se si intende agire come rappresentante di una persona giuridica straniera (organizzazione), deve inoltre fornire prova della sua capacità giuridica e l’elenco dei rappresentanti autorizzati. I procedimenti giudiziari sono effettuate soltanto in estone, ciò significa che tutti i documenti e le dichiarazioni devono di norma essere tradotta o interpretata. In via eccezionale, i candidati possono fare dichiarazioni in un’altra lingua senza traduzione o interpretazione se non parla estone e tutte le altre parti di comprendere le dichiarazioni. Qualora si presenti una dichiarazione scritta o un documento in una lingua straniera, la Corte richiede la traduzione da voi o organizzare la traduzione. Non è necessario tradurre il documento purché esso sia eccessivamente complicato o impossibile. Se è richiesta la traduzione e non è possibile fornire una traduzione entro la data di scadenza fissata dalla Corte, il documento o di una dichiarazione scritta potranno non essere prese in considerazione. Puoi anche chiedere alla Corte di organizzare la traduzione (in tal caso si continuerebbero a dover pagare per la traduzione). Se possibile, i traduttori della Corte sono utilizzati. Per i loro servizi, dovete pagare un canone demaniale. Se non parli estone, la Corte comprenderà un traduttore nel procedimento sulla vostra domanda o per proprio conto. Se questo non può essere fatto immediatamente, la Corte occorre trovare un interprete o di un rappresentante che parla estone. Se non intende farlo entro il termine fissato dalla Corte, la sua azione non saranno prese in considerazione. Se è eccessivamente complicato o impossibile, la Corte può cercare un traduttore in sé. In ogni caso, dovrai pagare per i costi associati. Se la Corte organizza di traduzione, i traduttori della Corte, è possibile.

XVI. Casi transfrontalieri

Se sei straniero come intendono contestare una decisione amministrativa che ha conseguenze per l’ambiente in Estonia è possibile farlo secondo le stesse norme di cittadini estoni e le imprese. In particolare:

  • solo le attività di enti amministrativi estoni possono essere impugnate dinanzi ai giudici estoni;
  • sia procedurali e di merito della legittimità delle attività amministrative possono essere contestati;
  • di norma, siete autorizzati a contestare un atto amministrativo (haldusakt) in caso di violazione dei loro diritti;
  • in materia ambientale, è anche possibile impugnare un atto amministrativo che riguarda i suoi interessi legittimi;
  • per la tutela dell’ambiente, le ONG e le associazioni di persone, la violazione di diritti e interessi sono presunte legittime;
  • In via eccezionale si può inoltre contestare atti di procedura amministrativa (menetlustoimingud) degli organi amministrativi (se questi violano i suoi diritti indipendentemente dall’atto finale o sarebbero comunque comportare un illecito atto finale);
  • sia persone che organizzazioni (persone giuridiche) possono intentare un’azione legale; in materia ambientale, un’associazione di persone che non sia una persona giuridica possono anche eccezionalmente intentare un’azione legale.

Non esistono norme specifiche in merito ai casi che riguardano le questioni ambientali in un altro paese. Tuttavia, i principi di non discriminazione, siano applicate nel diritto dell’Unione. Ciò significa che se un determinato problema ambientale è disciplinata dal diritto dell’Unione europea (ad esempio la valutazione di impatto ambientale, qualità dell’aria ambiente ecc.), l’accesso alla giustizia per i cittadini di altri paesi dell’UE deve essere equivalente a quella della popolazione locale. Pertanto, i candidati in quanto straniero in un altro paese dell’UE può presentare un ricorso presso un giudice estone nei casi in cui un’attività amministrativa (decisione) dà esito a questioni ambientali nel vostro paese. Come di consueto, la legalità procedurale e sostanziale dell’attività può essere impugnata. Avere un punto permanente, devi dimostrare che i propri diritti siano stati violati o il vostro interesse legittimo oggetto dell’attività amministrativa. Il principio di non discriminazione si applica anche ad altre norme procedurali oltre a piedi. Lei ha il diritto di presentare domanda di assistenza giudiziaria dello Stato (si può anche compilare i moduli in inglese, ulteriori informazioni disponibili sulla home page del sito del Ministero della giustizia.Il link si apre in una nuova finestrahttps://www.just.ee/en/state-legal-assistance-0 Avete inoltre diritto di richiesta di protezione provvisoria dei suoi diritti. Tuttavia, la preghiamo di notare che si svolge il procedimento in estone; Pertanto, potrebbe essere necessario un interprete se non parli la lingua in questione. Costi per interprete può anche essere coperti dallo Stato l’assistenza legale. Sulla base del principio di non discriminazione, in sede di impugnazione l’attività amministrativa si basa sulla legislazione dell’UE, regole identiche a quelle dei cittadini locali sono applicati per determinare quali persone straniere possono impugnarla. Ciò significa che un’attività può essere impugnata da esteri:

  • persone fisiche;
  • organizzazioni (persone giuridiche);
  • contrattuali le associazioni di persone che non sono entità giuridiche (non registrato come tale),

Qualora:

  • i loro diritti sono stati violati, o
  • i loro legittimi interessi.

In caso di le ONG ambientalistiche e le associazioni contrattuali, violazione di diritti o di interessi legittimi, è presunta. Non puoi scegliere il paese per un deposito la sua azione in materia ambientale secondo il codice di procedura amministrativa. A suo avviso, non è possibile presentare ricorso contro gli organi amministrativi di altri paesi con i giudici estoni. D’altro canto, potete intentare un’azione legale contro un organo amministrativo con il Tribunale che ha la giurisdizione amministrativa estone nella posizione di tale organo amministrativo.

Link correlati

Legislazione

Altre informazioni


Questa è una traduzione automatica del contenuto. ll proprietario della pagina non si assume alcuna responsabilità circa la qualità della traduzione automatica del testo.

Ultimo aggiornamento: 14/09/2016