Затваряне

БЕТА ВЕРСИЯТА НА ПОРТАЛА ВЕЧЕ Е НА РАЗПОЛОЖЕНИЕ!

Посетете БЕТА версията на Европейския портал за електронно правосъдие и дайте мнение за вашето посещение!

 
 

Навигационна пътека

  • Начало
  • Достъп до правосъдие по въпроси на околната среда

menu starting dummy link

Page navigation

menu ending dummy link

Accesso alla giustizia per questioni ambientali - Malta

Тази страница е машинно преведена и качеството ѝ не може да бъде гарантирано.

Качеството на този превод е оценено като: средно

Мислите ли, че този превод е полезен?


  1. Le fondamenta costituzionali
  2. Sistema giudiziario
  3. #II
  4. L’accesso alle informazioni sui casi
  5. L’accesso alla giustizia nella partecipazione pubblica
  6. L’accesso alla giustizia nei confronti degli atti o delle omissioni
  7. Altri mezzi di accesso alla giustizia
  8. Legittimazione ad agire
  9. Assistenza legale
  10. Prove
  11. Provvedimenti inibitori
  12. Sulle spese
  13. I meccanismi di assistenza finanziaria
  14. Tempestività
  15. Altre questioni
  16. Uno straniero
  17. Casi transfrontalieri

I. Le fondamenta costituzionali

Il termine ambiente non figura in nessuna disposizione della Costituzione di Malta e vi sono poche disposizioni che possono essere rilevanti e applicabili per la protezione dell’ambiente e l’accesso alla giustizia in materia ambientale. Essi sono:

  • Articolo 9: Membro deve salvaguardare il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione.
  • Articolo 33: Il diritto alla vita di ogni cittadino sia garantita come diritto umano fondamentale. La formulazione letterale della disposizione è ampia e può essere interpretata nel senso di ricomprendere anche il diritto a un ambiente sano, un aspetto del diritto alla vita. Un caso che chiede una siffatta interpretazione tuttavia non si è mai presentata dinanzi ai giudici maltesi.
  • L’articolo 46 fa riferimento a un cittadino ha il diritto di avviare un procedimento contro il governo costituzionale dinanzi ai tribunali, sostenendo che quest’ultimo viola i diritti umani né rispetto all’interessato o qualsiasi altra persona.

Come indicato nei paragrafi precedenti, la citata disposizione sono abbastanza ampia e i giudici maltesi in una situazione analoga potrebbe esaminare la giurisprudenza comparabile in altri paesi europei e la Corte europea dei diritti dell’uomo che accettare l’interpretazione secondo cui il diritto alla vita comprende il diritto a un ambiente sano.

II. Sistema giudiziario

Malta è basato sul sistema giuridico continentale modello di diritto civile. Diritto maltese deve le sue radici al diritto romano, nel diritto pubblico è stata fortemente influenzata dal diritto britannico. Le uniche fonti di diritto maltese sono la costituzione, i codici, gli atti del Parlamento e legislazione secondaria che può essere pubblicato in conformità a tali atti. La Corte superiore di Malta è la Corte costituzionale che si pronuncia controversie specifiche, compresa la violazione dei diritti umani. Tutte le cause relative alla violazione dei diritti umani siano sentite prima che il primo Hall del giudice civile e la Corte costituzionale può quindi agire come un organo giurisdizionale di ultimo grado. Esiste una distinzione tra giurisdizioni penali, sia i giudici civili e, in definitiva, entrambi i giudici sono suddivisi in inferiore e giudici di livello superiore. Il potere giudiziario è composta di due uffici:

  • Giudici che presiede alle giurisdizioni di grado superiore, così come i giudici di secondo grado (Corte d’appello) e i magistrati che presiede al giudice inferiore e condurre un’indagine penale. Giudici inferiori sono meno formali rispetto Superior Courts e trattano controversie civili, penali e reati di minore entità.
  • Il reato o l’azione civile è proposta dinanzi agli organi giurisdizionali competenti di primo grado. Entrambe le parti della controversia possono impugnare la decisione del giudice di primo grado.

Un singolo può impugnare la decisione della Corte d’appello, solo in due casi:

  • (a) Un cittadino dell’UE può far valere la violazione del diritto dell’Unione a Malta dinanzi alla Corte di giustizia dell’UE.
  • (b) Solo in casi riguardanti i diritti umani, un singolo può portare il suo caso dinanzi alla Corte europea dei diritti dell’uomo se egli non è soddisfatto della decisione della Corte costituzionale.

Non esistono organi giurisdizionali specializzati sui temi ambientali. Non vi sono organi amministrativi. Il «forum shopping» non è veramente una possibilità in quanto legislazione maltese indicare in modo chiaro le domande giudiziarie dovrebbero essere presentati e una competenza concorrente non si pone. L’unica eccezione è il governo che ha la facoltà di scegliere se il contenzioso civile in cui è parte dovrebbe essere trattata dal primo giudice civile Hall (Corte superiore o alla Corte una competenza civile dei magistrati (giudici inferiori). Il primo Hall del giudice civile è competente anche a conoscere di controversie che non può essere quantificato. È molto raro che un ricorso per ottenere il risarcimento dei danni nelle controversie in materia ambientale è effettuata prima che il giudice civile inferiore a causa della quantità limite, e anche perché molto spesso il governo è parte nella controversia. La differenza principale tra i giudici civili superiore e inferiore è formale, soprattutto in materia procedurale.

Un giudice inferiore ai giudici civili presiede la Corte d’appello civile mentre tre giudici del primo Hall presiede la Corte d’appello civile. Non vi è parità di opportunità per entrambe le parti di presentare ricorso contro le decisioni indicate nell’inferiore e superiore ai tribunali civili di primo grado. Il ricorso contro la sentenza di condanna nel suo insieme o contro una parte di essa. La ricorrente può impugnare il convenuto. Il convenuto può rispondere per iscritto o avviare un ricorso contro su un’altra parte della sentenza. Quando entrambe le parti intendono ricorrere in appello contro la decisione del Tribunale di primo grado, un ricorso della controparte in primo luogo, poi l’altra controparte presenta un contatore ricorso su un’altra parte della sentenza. La Corte d’appello può confermare la sentenza in toto o in parte, o può revocare la decisione originaria del tutto. La decisione della Corte d’appello è definitiva. La procedura per il ricorso ai tribunali civili superiore è sempre più formale rispetto a quella relativa a un ricorso dalle giurisdizioni civili inferiori. Vi è anche un certo numero di tribunali che hanno una sentenza dichiarativa di fallimento, ma che non fanno parte degli organi giudiziari. Questi sono limitate e specifiche competenze. La Corte costituzionale funge da Corte d’appello per tutti i casi di violazione dei diritti umani che sono esaminate in primo luogo dai primi Hall del giudice civile nel suo assetto costituzionale di capacità. Se emergono nuovi elementi di prova o gravi difetti nei procedimenti giudiziari, si può presentare un motivo di avere un nuovo processo penale e di diritto civile. I motivi per cui tale motivo possono essere accettate sono specificate dalla legge.

Titolo IV del codice di organizzazione e procedura civile prevede un nuovo processo di una causa decisa con sentenza del tribunale civile nei casi in cui:

a) la decisione è stata ottenuta con la frode commessa da una delle parti;

b) la dichiarazione giurata richiesta non è stata notificata o comunicata alla parte espressi e tale parte non sono comparse nel procedimento giudiziario;

c) di sue parti in causa era in corso di incapacità giuridica di stare in giudizio, a condizione tuttavia che nessun motivo fosse stata sollevata e determinata;

d) la sentenza è stata pronunciata da un giudice incompetente, a condizione tuttavia che nessun motivo non era stato affrontato e risolto;

e) la sentenza contiene un’erronea applicazione della legge;

f) la sentenza è stata pronunciata in merito a qualsiasi questione non inclusi nella domanda;

g) la sentenza è stata emessa in eccesso rispetto alla domanda;

h) la decisione è in contrasto con una precedente decisione resa in una causa con lo stesso oggetto e tra le stesse parti, e che costituisca un’autorità di cosa giudicata e non ha fornito alcuna eccezione di cosa giudicata sono state rilevate e determinata;

i) se la sentenza contiene disposizioni contraddittorie;

j) in cui la sentenza si è basata su elementi di prova che, in una successiva sentenza, è stata dichiarata errata o che sia stato dichiarato in una sentenza precedente, ma la parte espressi non era a conoscenza di tale fatto;

k) dove, dopo la sentenza, alcuni documento probante è stato ottenuto e la parte contraente che produce non era a conoscenza, o che egli non poteva aver prodotto, prima della sentenza in maniera consentita dalla legge;

l) in cui la sentenza è stato la conseguenza di un errore risultante dal procedimento o i documenti di causa.

Nel superiore e inferiore, la domanda di un nuovo processo è effettuato, dinanzi a un giudice di primo grado, per mezzo di una dichiarazione sotto giuramento, dinanzi ad un organo giurisdizionale di secondo grado, per mezzo di una domanda; La domanda deve essere corredata di una cauzione per le spese di giudizio. Il termine per richiedere un nuovo processo è di tre mesi dalla data della sentenza o, se del caso, denunciata. Un nuovo processo non può, in nessun caso, essere richiesti dopo la scadenza di un termine di cinque anni, di cui la prima è stata emessa. La Corte d’appello ha reformatory diritti. Essa può modificare e sostituire la decisione del Tribunale di primo grado. Non vi sono particolari specificità dei procedimenti giudiziari in materia ambientale. Qualora sia stato violato il diritto ambientale dà luogo ad un’azione civile per il risarcimento dei danni, istituito dai pubblici poteri o da parte di terzi o di entrambi. Nel caso in cui il risarcimento richiesto sia inferiore a 1 000 EUR la domanda dinanzi ai giudici civili inferiori. La ricorrente presenta un atto di citazione che descrive i fatti della controversia e chiede quindi alla Corte di dichiarare il convenuto responsabile e valutare i danni subiti. Qualora i danni siano superiori, la domanda deve essere presentata entro i primi Hall del giudice civile. In questo caso l’atto di citazione deve essere accompagnata dalla dichiarazione giurata e l’elenco dei testimoni la ricorrente desidera ordinare. In caso di violazione di tutte le normative ambientali dell’autore del reato è applicata dalla polizia dinanzi al giudice penale. Le procedure di ricorso presso i tribunali civili e dei tribunali penali in materia ambientale non sono diverse da quelle applicate in generale. La Corte può adottare il proprio di esperti tecnici e di svolgere qualsiasi indagine che ritenga appropriato. Elenchi dei testimoni sono proposti dalle parti, ma il giudice sia libero di nominare propri esperti per disporre di informazioni.

III. L’accesso alle informazioni sui casi

Il decreto 116/2005 la libertà di accesso all’informazione in materia di ambiente Regulations 2005 recepisce la direttiva 2003/4/CE sull’accesso del pubblico all’informazione ambientale. Conformemente alle sue disposizioni, la ricorrente di informazioni ambientali può essere una persona fisica o una persona giuridica. Il richiedente può chiedere all’autorità competente, alla Malta Environment and Planning Authority (MEPA) di fornirgli tutte le informazioni ambientali detenute dalle autorità pubbliche o per essa o qualsiasi altra autorità pubblica, senza dover dichiarare un interesse diretto per cui chiede l’informazione. Egli può farlo, per iscritto o per posta elettronica. La MEPA, se non ha le informazioni ambientali richieste e in parte, fornire l’informazione al richiedente entro trenta giorni dal ricevimento della richiesta. Il termine può essere prorogato di ulteriori trenta giorni se il volume e la complessità delle informazioni non può essere fornita nel termine di trenta giorni. La MEPA informa il richiedente della proroga e spiegare perché. La MEPA può rifiutare di fornire le informazioni ambientali richieste e se le informazioni richieste:

  • Sono palesemente irragionevoli, formulate in modo troppo generico o riguarda materiale in corso di completamento ovvero documenti o dati incompleti. In quest’ultimo caso la MEPA riporta il nome dell’autorità che prepara il materiale e il tempo che si ritiene necessario per prepararlo.
  • Comunicazioni interne, tenendo conto dell’interesse pubblico tutelato dalla divulgazione.
  • Rechi pregiudizio alla riservatezza delle deliberazioni interne delle autorità pubbliche, ove sia prevista dal diritto, relazioni internazionali, difesa nazionale, pubblica sicurezza o allo svolgimento di procedimenti giudiziari, alla possibilità per ogni persona di avere un processo equo o alla possibilità per l’autorità pubblica di svolgere indagini di carattere penale o disciplinare;
  • Riguarda la riservatezza, in quanto riguarda informazioni commerciali o industriali qualora la riservatezza sia prevista dal diritto nazionale o comunitario per tutelare un legittimo interesse economico.
  • Compromettono l’interesse pubblico di mantenere la riservatezza statistica ed il segreto fiscale, i diritti di proprietà intellettuale, la riservatezza dei dati personali e/o dei dossier riguardanti una persona fisica qualora tale persona non abbia acconsentito alla divulgazione dell’informazione al pubblico, laddove detta riservatezza sia prevista dal diritto nazionale o comunitario e a meno che la persona interessata abbia acconsentito alla divulgazione delle informazioni fornite su base volontaria.
  • Può compromettere la tutela dell’ambiente (ad esempio, la localizzazione di specie rare).

I regolamenti stabiliscono che i motivi di rifiuto devono essere interpretati in modo:

  • restrittivamente,
  • caso per caso.

L’interesse pubblico tutelato dalla divulgazione è ponderato con l’interesse tutelato dal rifiuto. L’autorità competente non può rifiutare la divulgazione di informazioni ambientali qualora la richiesta riguardi informazioni sulle emissioni nell’ambiente. A norma dell’articolo 41, paragrafo 1, lettera a), dell’ambiente e della legge sulla pianificazione dello sviluppo (EDPA) se una richiesta di informazione ambientale sia respinta o erroneamente o non abbia ricevuto una risposta adeguata dalla MEPA, una persona può proporre un ricorso dinanzi al Tribunale riesaminare la pianificazione e l’ambiente. Il termine di ricorso MEPA rifiutato di rispondere ad una richiesta di informazioni ambientali, o la risposta a insufficientemente o erroneamente, è di 30 giorni a partire dalla data in cui comunica la sua decisione al richiedente. La prima udienza del tribunale si svolge entro tre mesi dal ricevimento del ricorso da parte della ricorrente. Le decisioni del Tribunale sono definitive e vincolanti, se è sostenuta dal parere di due dei suoi tre membri. Le decisioni del Tribunale sono sempre pubbliche . Il ricorso contro la decisione del Tribunale può essere effettuato solo su un punto di diritto dinanzi alla Corte di appello (giurisdizione inferiore civile) entro 20 giorni dalla decisione del Tribunale. Nessuna disposizione del regolamento obbliga MEPA includere informazioni sui mezzi di ricorso disponibili ma la notifica può contenere un riferimento. Il tribunale può ascoltare prove a porte chiuse al fine di avere accesso a informazioni che non sono state divulgate. I tribunali avrebbero il diritto di ordinare la MEPA o qualsiasi autorità di divulgare le informazioni, se giustificato dalla legge sulla base del suo diritto di riesame per quanto riguarda qualsiasi atto o omissione da parte di una pubblica autorità.

IV. L’accesso alla giustizia nella partecipazione pubblica

La MEPA è Malta dell’Agenzia per l’ambiente e l’autorità di regolamentazione per l’ambiente e lo sviluppo, questioni di pianificazione. La MEPA ha i seguenti organi che decidono in materia di procedimenti amministrativi in materia ambientale:

La MEPA è composto di almeno 13 e non oltre 15 membri, uno dei quali è il presidente. Il ruolo della Commissione è la prima di decidere in merito ad una domanda relativa a:

  • attività/gli sviluppi a livello nazionale o di importanza strategica,
  • la sicurezza nazionale o ad altri interessi nazionali o che potrebbero incidere sugli interessi degli altri Stati/enti/domande relative allo sviluppo oggetto di una VIA,
  • Reconsiderations quando la decisione di riesame è stata adottata dalla MEPA stesso.

(b) La MEPA dell’esecutivo è composto da quattro direzioni:

  • protezione dell’ambiente,
  • La pianificazione dello sviluppo,
  • servizi amministrativi e di contrasto.

(c) Le direzioni sono soggetti alla supervisione e al controllo generale dell’Autorità e dell’amministratore delegato. L’esecutivo è responsabile, tra l’altro, per il rilascio di licenze e permessi necessari in base a varie leggi in materia di ambiente e di pianificazione dello sviluppo.

D) la Commissione per l’ambiente e la pianificazione (EPC) può avere varie direzioni che si occupano di diversi tipi di applicazioni (ad esempio, zone di sviluppo urbano al di fuori delle zone di conservazione ecc.). L’EPC avrà sempre 5 membri, compreso il presidente. La MEPA organo esecutivo delega alla CBE il ruolo di decidere sulle domande di autorizzazione, fatta eccezione per quelli che La MEPA ha a decidere.

(e) L’ambiente e la pianificazione dello sviluppo giurisdizionale stabilisce le procedure per i ricorsi avverso decisioni amministrative adottate dagli organi amministrativi di cui sopra. Tale organo giudicante è istituita nell’ambito del EDPA. La conferenza è attualmente composta da 3 membri. Il presidente è un soggetto esperto e la pianificazione dello sviluppo ambientale e gli altri membri sono un avvocato e di un architetto. Vi sono pannelli con persone diverse passino ad assistere il Tribunale in qualità di presidente o di membri in base alle loro competenze a seconda della causa sottopostagli. La cancelleria è competente per scegliere i membri a seconda dei casi.

I mezzi di ricorso amministrativi devono essere esauriti prima di adottare un procedimento giudiziario. L’ambiente e la pianificazione, riesame giurisdizionale deve decidere in appello e un appello contro la decisione del Tribunale può essere adottata soltanto al Tribunale su un punto di diritto. In caso contrario, la decisione del Tribunale è definitivo. I piani di destinazione dei suoli, piani regolatori, normativi e altri tipi di decisioni pertinenti sul piano ambientale che definiscano l’utilizzo dello spazio possono essere esaminate dal giudice ai sensi di:

(a) either il diritto di rivedere le decisioni emesse da organismi pubblici, come evidenziato al punto V e/o

B) Se un richiedente ricorsi contro la decisione dell’Environment and Planning Review Tribunal su un punto di diritto.

Ciò vale per i ricorsi proposti da MEPA su:

(a) impone che l’autorità di controllo in materia di sviluppo

B) l’esecuzione di tale controllo

La lettera c) impone, realizzate dall’autorità in materia di tutela ambientale, comprese le valutazioni ambientali, IPPC, d’informazione e di riparazione del danno ambientale.

La procedura di VIA e IPPC sarebbe unicamente soggetta al sindacato del giudice della legittimità procedurale e sostanziale quando il giudice può intervenire come illustrato sopra. Occorre rilevare tuttavia che, sebbene l’IPPC costituisce di per sé una VIA non costituisce l’autorizzazione. Anche nel caso in cui la VIA sia approvato è un processo di preparazione, richiesto dalla legge e MEPA dovrebbe comunque valutare la valutazione d’impatto ambientale presentata e tenerne conto al momento di decidere se rilasciare o meno un’autorizzazione. Legittimazione ad agire dinanzi ai giudici nazionali stabilire se il processo di cui sopra è soddisfatta. Il giudice può riesaminare le decisioni amministrative in caso di MEPA permesso soltanto dopo che il ricorrente abbia esaurito i mezzi di ricorso amministrativo e applicato prima che il Tribunale di cui sopra. In tutti gli altri casi, se vi è stato un atto o un’omissione che è oggetto di riesame conformemente alla parte V della presente relazione. Il giudice determinare se la ricorrente avrebbe preso parte come un opponente o una parte interessata. Tuttavia, le ONG ambientali hanno costituito per legge a tutela dell’ambiente, nell’ambito delle loro competenze, in base alla normativa VIA e IPPC hanno valore giuridico.

Non vi sono provvedimenti ingiuntivi nella procedura di VIA, perché la valutazione d’impatto ambientale non è un’autorizzazione in sé. Non si può contestare una procedura di VIA, dinanzi al giudice, salvo che non si può affermare che, in qualche modo, il processo è stato operato in contrasto con la legge e può avviare un’azione per l’accesso alla giustizia nei confronti degli atti o omissioni. Questa situazione non si è mai presentata. Non vi sono regole specifiche applicabili alle procedure VIA. Non vi è alcun riferimento ai provvedimenti inibitori in legislazione IPPC. La stessa procedura descritta per via possono applicarsi. Tuttavia, dal momento che la direttiva IPPC è un’autorizzazione, la MEPA può imporre una garanzia finanziaria che avrebbe incamerato se l’autorizzazione non è rispettato e che la Comunità ha il potere di chiedere all’operatore di adottare tutte le misure necessarie in caso di emergenza, potrebbe quindi anche una diffida di chiudere lo stabilimento.

V. l’accesso alla giustizia nei confronti degli atti o delle omissioni

Il codice di organizzazione e procedura civile (cocp), vale a dire l’articolo 469 bis, prevede il controllo giurisdizionale di qualsiasi atto dal solo settore pubblico. I tribunali di giurisdizione civile possono esaminare la validità di un atto amministrativo da un’autorità pubblica e dichiararla nulla e non avvenuta, senza effetto nullo, o nel caso in cui l’atto amministrativo violi la costituzione e il momento in cui l’atto amministrativo è ulteriormente al di là del campo di applicazione del potere dell’autorità pubblica per le seguenti ragioni:

(a) detto atto promana da una pubblica autorità che non è autorizzato a svolgere;

B) una pubblica autorità abbia omesso di osservare i principi di equità e di requisiti procedurali obbligatori nell’esecuzione dell’atto amministrativo o nelle sue precedenti discussioni al riguardo; o

(c) quando l’atto amministrativo costituisce un abuso del potere dell’autorità pubblica in quanto si è fatto per fini impropri o sulla base di considerazioni irrilevanti; o quando l’atto amministrativo è altrimenti contrari alla legge.

La nozione di «atto amministrativo» include l’emissione da parte di una pubblica autorità di:

  • qualsiasi ordinanza, una licenza, un permesso, giustifichino, decisione, o il rifiuto di una domanda del richiedente, ma non comprende le misure destinate alla loro organizzazione interna o amministrazione interna delle suddette autorità.
  • «autorità pubblica» si intende il governo di Malta, compresi i suoi ministeri e dipartimenti, e le autorità locali delle imprese, organismo istituito dalla legge.

Ai sensi dell’articolo 469 bis, un’azione cocp nell’impugnare un atto amministrativo deve essere:

  • Proposta entro un termine di sei mesi dalla data in cui la «persona interessata» sia a conoscenza o abbia potuto avere conoscenza di un atto amministrativo siffatto, qualora quest’ultima data sia precedente.
  • Le disposizioni del presente articolo non si applicano se la modalità di contestazione o di ricorso sia prevista da altre leggi.
  • La ricorrente nella causa principale può chiedere il pagamento di risarcimento fondate sulla pretesa competenza delle pubbliche autorità, a titolo di responsabilità extracontrattuale per fatto illecito o quasi, derivanti da un atto amministrativo.
  • Esso non concede tale risarcimento nel caso in cui, nonostante l’annullamento dell’atto amministrativo, l’autorità pubblica non ha agito in mala fede, o irragionevolmente, o qualora l’elemento richiesto dall’attrice avrebbe potuto legittimamente e ragionevolmente essere rifiutato ai sensi di qualsiasi altro potere.

La cocp prevede quindi un diritto generale di accesso alla giustizia a qualsiasi «parte interessata» a chiedere al giudice di valutare la validità dell’atto amministrativo o la violazione di un diritto.

  • Una persona può presentare ricorso contro la decisione della Corte allorché essa esamina la validità di un atto amministrativo ai sensi dell’articolo 469 bis del cocp.
  • Il periodo di tempo per la presentazione di un ricorso è lo stesso degli altri ricorsi dinanzi ai giudici civili. Nel caso di ricorsi contro decisioni delle corti supreme dinanzi alla Court of Appeal, il tempo è di venti giorni, che decorre dalla data in cui la sentenza è stata pronunciata.
  • L’impugnazione è apposto per mezzo di un atto deve essere presentato nella cancelleria del Tribunale con cui la decisione impugnata è stata pronunciata.
  • Il ricorso può essere contabilizzate per l’intero o solo alcune parti della decisione giudiziaria e l’attore e il convenuto può presentare ricorso.

Ln 126/2008 in materia di prevenzione e riparazione del danno ambientale, 2008, istituisce un quadro di responsabilità ambientale. L’autorità competente e l’organismo di regolamentazione è MEPA. Queste norme si applicano solo al danno ambientale o alla minaccia imminente di tale danno causati da inquinamento di carattere diffuso, laddove sia possibile accertare un nesso causale tra il danno e le attività di singoli operatori. La MEPA ha il diritto di avviare un procedimento di recupero dei costi nei confronti dell’operatore o di un terzo che ha causato il danno o la minaccia imminente di danno, in relazione a tutte le misure adottate nell’ambito del presente regolamento entro cinque anni dalla data in cui tali misure sono state portate a termine o l’operatore responsabile o il terzo cui sia stato identificato, se quest’ultima data è posteriore. LN 126/2008 definisce «costi» i costi giustificati dalla necessità di assicurare un’attuazione corretta ed efficace di detti regolamenti, tra cui:

  • i costi della valutazione del danno ambientale,
  • una minaccia imminente di tale danno,
  • le alternative d’intervento,
  • le spese amministrative, legali e di applicazione, i costi,
  • i costi di raccolta dei dati e altri costi generali, i costi di controllo e di sorveglianza.

Il termine «danno» è definito come un mutamento negativo misurabile di una risorsa naturale o un deterioramento misurabile di un servizio di una risorsa naturale, che può prodursi direttamente o indirettamente. La MEPA è:

  • individuare l’operatore che ha causato il danno o la minaccia imminente di danno,
  • valutare la gravità del danno e determinare le misure di riparazione da prendere a norma dell’elenco II.

La MEPA può chiedere all’operatore interessato di effettuare la propria valutazione e di fornire tutte le informazioni e i dati necessari. La MEPA possa delegare o chiedere a terzi di attuare le misure di prevenzione o di riparazione necessarie. Ogni decisione adottata a norma di detti regolamenti che impongono misure di prevenzione o di riparazione sono motivate con precisione. Tali decisioni sono notificate senza indugio all’operatore interessato, il quale è contestualmente informato dei mezzi di ricorso previsti dalla legislazione in questione e dei limiti di tempo cui sono soggetti tali mezzi di ricorso. Le persone fisiche o giuridiche interessate o che possono essere interessate da danni ambientali o che vantino un interesse sufficiente nel processo decisionale in materia di ambiente concernente il danno, sono legittimate a presentare all’autorità competente osservazioni concernenti qualsiasi caso di danno ambientale di cui siano a conoscenza. Hanno il diritto di richiederne la MEPA ad agire ai sensi di tali regolamenti.

  • Una persona è considerata avere un «interesse sufficiente» se è registrato secondo l’opponente EDPA o se è assimilabile ad una consultazione delle parti interessate o una determinata secondo le disposizioni della valutazione d’impatto ambientale, 2007.
  • L’interesse di qualsiasi organizzazione non governativa che promuove la protezione ambientale e che rispetta i requisiti della legislazione nazionale è considerato sufficiente ai fini della qualificazione come una persona con un «interesse sufficiente».
  • La richiesta di azione è corredata di tutti i dati e le informazioni pertinenti a sostegno delle osservazioni presentate in relazione al danno ambientale in questione.

Se la richiesta di azione e le osservazioni allegate risulti verosimilmente l’esistenza del danno, la MEPA tiene conto delle richieste di azione. In tali circostanze la MEPA dà la possibilità all’operatore interessato di far conoscere il proprio punto di vista, riguardo alla richiesta di azione e alle osservazioni allegate. La MEPA, quanto prima possibile e conformemente alle pertinenti disposizioni della legislazione nazionale, l’autorità competente informa le persone con un interesse sufficiente, che hanno presentato osservazioni all’autorità, della sua decisione di accogliere o rifiutare la richiesta di azione e indica i motivi della decisione. La MEPA è poi che continua a deferire il caso al giudice sostenendo che l’operatore deve essere riconosciuto colpevole di responsabilità ambientale. La MEPA ha finora non ha avuto la possibilità di avviare un’azione siffatta dinanzi ai giudici maltesi.

VI. Altri mezzi di accesso alla giustizia

Il pubblico può ricorrere al Mediatore europeo a norma della legge sul mediatore, al fine di ottenere il suo parere quanto al fatto che un ministero o altro ente pubblico esercita le sue funzioni in modo giusto ed equo. La decisione del Mediatore non è vincolante. Vi è inoltre un revisore per la MEPA in seno all’Ufficio del Mediatore, che è in particolare incaricata di MEPA questioni connesse. Ogni singolo può adire il comitato degli utenti, dove è possibile consultare le pratiche intraprese dalla MEPA nell’esercizio dei suoi poteri e chiedere al presidente del comitato degli utenti per indagare su di essa e di emettere il suo parere in merito. Le decisioni del presidente del comitato degli utenti non sono vincolanti. Un’azione penale privata non sono disponibili in materia ambientale.

VII. Legittimazione ad agire

Legittimazione ad agire

Procedimento amministrativo

Procedimento dinanzi al Tribunale

Persone

X

Deve dimostrare un interesse diretto, tranne in violazione dei diritti umani in virtù della Costituzione. È un opponente di pianificazione dello sviluppo o un’autorizzazione o di una consultazione di soggetti interessati individuato ai sensi delle disposizioni della normativa in materia di valutazione dell’impatto ambientale, 2007.

ONG

X

Ma devono essere registrate come obiettori di coscienza.

Esiste solo in via e IPPC e il diritto di accesso alle informazioni per quanto riguarda il diritto di riesaminare una decisione da parte dell’autorità di vigilanza. In via di responsabilità ambientale IPPC organizzazione non governativa che promuove la protezione ambientale e che rispetta i requisiti della legislazione nazionale è considerato sufficiente ai fini della qualificazione come una persona con un «interesse sufficiente». Per quanto concerne i permessi di pianificazione dello sviluppo possono ricorrere alla Corte soltanto dopo aver esaurito i mezzi di ricorso amministrativi e solo su un punto di diritto. In una sentenza recente la Corte ha nondimeno interpretato il loro interesse sufficiente esigere che essi si sono registrate come obiettori di coscienza.

Altri soggetti giuridici

X

Ma devono iscriversi come obiettori di coscienza.

Solo se hanno un mandato che è applicabile al caso di specie.

Gruppi ad hoc

Solo se a titolo personale e se procedono alla registrazione come obiettori di coscienza.

Solo se a titolo personale e se vi è un interesse diretto

Le ONG straniere

Solo le NGO sono registrate nell’UE.

A parte quanto sopra re ONG le ONG straniere devono essere registrate nell’UE.

Per ogni altro uso

In una sentenza recente la Corte ha respinto un motivo formulato da un’ONG per un credito nei confronti di un privato per difetto di legittimazione se l’ONG ha sostenuto che questa persona aveva rispettato le condizioni di autorizzazione per lo sviluppo (land use) danno dalla MEPA. La posizione che le ONG hanno strettamente nell’ambito dei parametri previsti dalla legge per l’accesso all’informazione ambientale VIA e IPPC diritti di legge. L’ONG in questione non rivalersi nei confronti dell’autorità, ma contro un privato. Le norme procedurali sono gli stessi per tutti i settori in cui i singoli possono ricusare un permesso ambientale o della pianificazione dello sviluppo. Qualora sia rilasciato un permesso chiunque può contestare un opponente e se l’autorizzazione è concessa solo gli opponenti può adire l’ambiente e la pianificazione dello sviluppo a. Dinanzi a un tribunale, un ricorso per la stessa questione può avvenire solo su un punto di diritto e dopo il ricorso amministrativo è esaurito. È improbabile che il giudice avrebbe accettato perché gli organi giurisdizionali accettano soltanto l’accesso alla giustizia dei singoli se è presentato ai sensi della procedura di cui al punto 5. L’unico caso di actio popularis che può essere fatta da qualsiasi persona in nome di un’altra è la violazione dei diritti umani fondamentali elencati nella costituzione. Altre istituzioni statali o organismi (ad esempio, i difensori civici, i pubblici ministeri) sono privi di valore giuridico. A meno che non sia espressamente indicato nella legislazione applicabile, come nel caso dell’accesso all’informazione ambientale, legislazione VIA e IPPC non vi è alcun diritto di accesso alla giustizia per i singoli individui che non hanno un interesse diretto. Mezzi di ricorso amministrativo dinanzi al Tribunale e la pianificazione dello sviluppo in materia di ambiente devono essere preventivamente esaurito e, successivamente, di un ricorso può essere effettuata solo su un punto di diritto.

VIII. Assistenza legale

Consulente legale è obbligatorio. Non esiste una procedura diversa per i casi in materia ambientale. Avvocato segue procedure abituali dinanzi a tribunali civili e penali. Non vi è alcun sistema specifico, solitamente ogni avvocato può richiedere un aiuto ambientale. Specializzazione in diritto ambientale, non è possibile realizzare economie di scala di Malta non consentono di avvocati e consulenti legali di occuparsi esclusivamente di diritto ambientale, che sono molto rari. Vi è un maggiore coinvolgimento nella professione forense con permessi di pianificazione dello sviluppo anziché ad autorizzazioni ambientali. L’unico gruppo di maltese avvocati specializzati in diritto dell’ambiente si trovano nel mondo accademico, vale a dire nell’ambito del Dipartimento del diritto ambientale e risorse legge presso la facoltà di legge. Il dipartimento ha talvolta dato il suo parere anche pro bono Analogamente è possibile che gli avvocati assistere le ONG ambientali pro bono, ma non vi è alcun soggetto giuridico/ONG che fornisce pareri giuridici gratuiti in materia ambientale.

IX. Prove

La presentazione delle prove nei procedimenti giudiziari in materia ambientale è la stessa nel sistema giudiziario. Parere di esperti non è vincolante per i giudici nel senso che, benché essi possono ricorrere ad esperti che hanno la facoltà di decidere in modo autonomo. L’ordinamento giuridico maltese dà assoluta discrezione per i giudici; Anche precedente giurisprudenza non è vincolante anche se i giudici occuparsene. Sebbene le decisioni giudiziarie hanno un titolo esecutivo non sono «diritto».

Provvedimenti ingiuntivi X.

Il Tribunale può ordinare provvedimenti ingiuntivi in base al suo potere discrezionale. Non ci sono le condizioni in cui le decisioni amministrative possono essere immediatamente eseguita, a prescindere dal ricorso o azione giudiziale. La Corte può accettare un mandato di azione inibitoria in procedimenti giudiziari solo. Il codice di organizzazione e procedura civile all’articolo 873 prevede un mandato di azione inibitoria che viene usata per trattenere una persona dal compiere alcunché che potrebbero essere pregiudizievoli per la persona che agisce al di fuori del mandato. La Corte non rilascia tali giustificano, a meno che non accerti che è necessario salvaguardare i diritti della persona che intenta un’azione nei confronti del mandato, e che, prima facie, tale persona sembra possedere tali diritti. La domanda è notificata o comunicata alla parte contro la quale è stata rilasciata. Tale parte deve depositare una risposta entro un termine di dieci giorni. Il Tribunale può, in caso di urgenza, ridurre tale termine a tale Sottoarticolo. Se l’altra parte non si oppone, la Corte può accogliere la domanda. Il giudice può inizialmente oggetto di un mandato provvisorio per alle condizioni ritenute necessarie secondo il caso, e successivamente decide nel merito in modo definitivo. La Corte, dopo la nomina della domanda di audizione, decidere nel merito dopo aver ricevuto le prove ritenute idonee, nel più breve tempo possibile, entro e non oltre un mese dal giorno in cui il mandato depositato e confermato il giuramento e le parti sono stati debitamente notificati. Vi è un appello contro la decisione del Tribunale per quanto riguarda provvedimenti inibitori.

XI. Sulle spese

Non esistono specifiche categorie di costi dovrebbe far fronte a un richiedente per l’accesso alla giustizia in materia ambientale solo. Le spese di giudizio può variare tra 100 e 300 EUR, ha essa stessa costa circa 170 EUR, e ogni notifica costa 7 EUR. Una stima approssimativa di onorari di esperti comprenderà un tasso del 70 di 100 EUR per un’ora di lavoro. Il mandato dell’azione inibitoria per EUR 47 e EUR 7 ogni notifica. Un deposito o una garanzia può essere fissato dal Tribunale. Non vi è assoluta applicazione del principio «chi perde paga» anche se la persona responsabile ha di solito al pagamento delle spese sostenute per il procedimento con l’altra parte. La Corte, tuttavia, può decidere di ripartire le spese.

XII. I meccanismi di assistenza finanziaria

Il giudice non può prevedere esenzioni dalle spese procedurali, dazi, tasse di registrazione, liquidazione delle spese, ecc. in materia ambientale. Non vi sono altri meccanismi finanziari a disposizione per fornire assistenza finanziaria ai richiedenti. Non vi è alcun patrocinio legale in materia di diritto civile, completi solo per le cause penali. Pertanto non vi è alcun patrocinio legale in materia ambientale, a meno che la persona abbia commesso un reato. Ufficialmente non è pro bono l’assistenza legale fornita dagli studi legali, ma le ONG MAT hanno tale assistenza giuridica se le imprese scelgono di lavorare a loro favore in questione a titolo gratuito. Non vi sono le cliniche legali che si occupano di questioni ambientali. Non esistono organizzazioni di diritto pubblico interesse ambientale o avvocati a Malta.

XIII. Tempestività

Il termine per giungere ad una decisione da parte di un organo di amministrazione è di tre mesi ma può essere prorogata. Non sono previste sanzioni contro le cui decisioni di organi amministrativi in ritardo. Non esistono limiti di tempo stabiliti per legge per le procedure giudiziarie in materia ambientale, sia per la Corte sia per le parti. Le autorità giudiziarie non sono tenute a decidere, entro un limite di tempo. Le autorità giurisdizionali maltesi a volte intraprendere lunghe a decidere in merito a una causa: a volte anche venti, dieci o cinque anni. Non vi è alcuna tendenza in quanto la durata tipica di una causa in vari tipi di procedura e non vi è alcuna indicazione nel momento in cui la decisione sarà resa. Non vi è alcun termine stabilito per il giudice di pronunciare la sentenza. Non sono previste sanzioni contro i giudici le cui decisioni in ritardo.

XIV. Altre questioni

In genere, la popolazione in discussione decisioni durante la fase di consultazione pubblica, ma può altresì contestare nel momento in cui la decisione è stata adottata. Non vi sono stati molti casi giudiziari solo manifestazioni di protesta. Non vi sono informazioni sull’accesso alla giustizia in materia ambientale forniti al pubblico in maniera strutturata e accessibile a Malta. Esiste un sistema di arbitrato, ma ciò non vale per l’accesso alla giustizia in materia ambientale, solo per le controversie in materia di diritto civile. L’ambiente e la pianificazione dello sviluppo in atto un accordo stragiudiziale esiste, ma ciò vale solo per i procedimenti penali contro le persone accusate di aver violato la normativa ambientale. La situazione non si applica all’accesso alla giustizia in materia. Invece di mediazione in quanto tale, che può avvenire, la MEPA e i richiedenti e gli opponenti può tenere riunioni informali.

XV. Uno straniero

È un diritto costituzionale, nessuna discriminazione in base alla razza o di nazionalità può essere effettuato. Uso di lingue diverse è consentito nei procedimenti giudiziari e in questi casi viene assicurata l’assistenza di un interprete, se necessario. Il diritto al contraddittorio garantisce che la traduzione viene fornita e pagata dal governo nei procedimenti giudiziari, se necessario.

XVI. Casi transfrontalieri

  1. Descrivere le norme procedurali per i casi che riguardano le questioni ambientali in un altro paese. (5 sentenze)

Il regolamento via LN 114/2006 prevedono consultazioni transfrontaliere. Nel caso in cui il ministro competente per l’ambiente sia a conoscenza che un progetto a Malta possa avere effetti significativi sull’ambiente in un altro Stato membro, o qualora uno Stato membro esposto a tali effetti lo richieda, il ministro indirizza allo Stato colpito il più presto possibile e comunque non oltre il momento in cui il pubblico è informato maltese, le seguenti informazioni:

Una descrizione del progetto corredata di tutte le informazioni disponibili circa il suo eventuale impatto transfrontaliero

(b) informazioni pertinenti relative alla procedura di valutazione di impatto ambientale

(c) informazioni sulla natura della decisione che può essere adottata e fornisce al paese colpito un ragionevole lasso di tempo per far sapere se desidera partecipare alla procedura di valutazione dell’impatto ambientale.

Se lo Stato interessato che riceve informazioni segnala al ministro che intende partecipare alla procedura di valutazione di impatto ambientale, il ministero trasmette le informazioni raccolte sulla realizzazione, proposta, allo Stato colpito; Lo Stato colpito deve avviare consultazioni con il Ministro riguardante, tra l’altro,

A) l’eventuale impatto transfrontaliero del progetto e le misure previste per ridurre o eliminare tale impatto

B) sulle parti concordano un termine ragionevole per la durata del periodo di consultazione.

(c) lo Stato colpito può presentare le informazioni da mettere a disposizione, entro un termine ragionevole, alle proprie autorità e il pubblico nel suo territorio, entro la scadenza stabilita di comune accordo tra le parti,

D) il paese colpito trasmette il proprio parere al ministro che la inoltra all’attenzione della MEPA

La trasmissione di informazioni sui potenziali impatti transfrontalieri e il ricevimento di informazioni da parte del paese colpito, sono soggetti alla legislazione maltese. Il Minister fornisce allo Stato colpito la decisione finale riguardo al progetto proposto, nonché i motivi e le considerazioni ivi comprese le informazioni circa il processo di partecipazione del pubblico su cui essa si basa e le condizioni che eventualmente l’accompagnano. È inoltre presente una descrizione, ove necessario, delle principali misure al fine di evitare, ridurre e se possibile compensare i più rilevanti effetti negativi. Il ministro informa immediatamente lo Stato colpito e avviare consultazioni in merito alle misure necessarie che possono essere intraprese per ridurre o eliminare importanti effetti negativi a livello transfrontaliero. La MEPA è tenuto a presentare il ministro con tutta la documentazione e le informazioni che essa può richiedere. LN 126/2008 i regolamenti in materia di risarcimento danni ambientali contiene anche disposizioni concernenti il risarcimento dei danni ambientali transfrontalieri in cui il danno ambientale incida o possa incidere su altri Stati membri dell’UE. Quando si è verificato un danno ambientale, Malta dovrebbe fornire informazioni sufficienti affinché gli Stati membri dell’UE potenzialmente interessati. La nozione di pubblico interessato in un contesto transfrontaliero è la stessa per i cittadini, le persone fisiche o giuridiche e le ONG attive nel settore ambientale. Non esiste un elenco specifico dei casi in cui gli individui o le ONG, possano scegliere tra giudici di paesi diversi. La scelta dipenderà dal risultato dei giudici conoscere della causa.

Link correlati


Questa è una traduzione automatica del contenuto. ll proprietario della pagina non si assume alcuna responsabilità circa la qualità della traduzione automatica del testo.

Ultimo aggiornamento: 14/09/2016