Bezárás

MÁR ELÉRHETŐ A PORTÁL BÉTA VERZIÓJA!

Látogasson el az európai igazságügyi portál béta verziójának felületére, és mondja el nekünk, milyennek találja!

 
 

Navigációs útvonal

  • Főoldal
  • Hozzáférés az igazságszolgáltatáshoz környezeti ügyekben

menu starting dummy link

Page navigation

menu ending dummy link

Accesso alla giustizia per questioni ambientali - Polonia

Ez az oldal gépi fordítás eredménye – a fordítás minőségét nem áll módunkban garantálni.

Az értékelés alapján ennek a fordításnak a minősége: közepes

Ön szerint használható ez a fordítás?


  1. Le fondamenta costituzionali
  2. Sistema giudiziario
  3. #II
  4. L’accesso alle informazioni sui casi
  5. L’accesso alla giustizia nella partecipazione pubblica
  6. L’accesso alla giustizia nei confronti degli atti o delle omissioni
  7. Altri mezzi di accesso alla giustizia
  8. Legittimazione ad agire
  9. Assistenza legale
  10. Prove
  11. Provvedimenti inibitori
  12. Sulle spese
  13. I meccanismi di assistenza finanziaria
  14. Tempestività
  15. Altre questioni
  16. Uno straniero
  17. Casi transfrontalieri

I. Le fondamenta costituzionali

La Costituzione polacca non prevede il diritto di (pulito, sano, favorevole all’ambiente, ecc.).

  • L’art. 5 della Costituzione stabilisce la norma generale che la Repubblica di Polonia non garantisca il livello di tutela ambientale secondo il principio dello sviluppo sostenibile.
  • A norma dell’articolo 86 della Costituzione, ogni individuo è l’attenzione per la qualità dell’ambiente e sono responsabili di aver causato il degrado. I principi di tale responsabilità è stabilita per legge.
  • Art. 74, paragrafo 1,2, e 4 della Costituzione prevede l’obbligo generale per le autorità pubbliche in materia di protezione dell’ambiente.
    • Le autorità pubbliche devono attuare politiche che garantiscano la sicurezza ecologica delle generazioni attuali e future.
    • La tutela dell’ambiente è il dovere delle autorità pubbliche.
    • Le autorità pubbliche devono sostenere le attività dei cittadini di proteggere e migliorare la qualità dell’ambiente.
  • L’articolo 68, paragrafo 4, della Costituzione stabilisce che le autorità pubbliche devono combattere le malattie epidemiche e prevenire le conseguenze negative sulla salute del degrado ambientale.
  • Articolo 74 paragrafo 3 assicura a tutti il diritto di ottenere informazioni sulla qualità dell’ambiente e la sua tutela.

Non sarebbe sufficiente invocare solo le disposizioni costituzionali in procedure amministrative o giudiziarie, poiché le suddette disposizioni costituzionali di cui agli articoli 86 e 74 devono essere indicati nello Statuto (v. art. 81 e l’ultima frase dell’art. 86 della Costituzione). Essi possono essere tuttavia valere come argomenti supplementari al fine di rafforzare l’argomentazione del credito.

Si può invocare accordi internazionali direttamente nei procedimenti giudiziari e amministrativi poiché, a norma dell’articolo 91, paragrafi 1 e 2 della Costituzione, ai trattati ratificati, dopo la loro pubblicazione nella Gazzetta ufficiale delle leggi, una volta diventati parte integrante dell’ordinamento giuridico nazionale ed è direttamente applicabile. In pratica, tuttavia, è inoltre raccomandate per invocare sia dell’accordo internazionale e del diritto nazionale applicabile.

La convenzione di Aarhus possa essere direttamente applicata dagli organi amministrativi e giurisdizionali se soddisfa il criterio di applicabilità diretta — soddisfa le condizioni di cui all’articolo 91 della Costituzione.

In un caso, la Corte ha riscontrato la convenzione di Aarhus non soddisfano questo standard a causa delle sue disposizioni che richiedono alle parti di «adottare le necessarie misure legislative, regolamentari e di altro genere», mentre in un’altra serie di sentenze dei tribunali, senza valutare la sua diretta applicabilità, hanno invocato la convenzione di Aarhus in aggiunta alle norme nazionali pertinenti (e non come l’unica o principale, base giuridica).

II. Sistema giudiziario

Ai sensi dell’articolo 175 comma 1 della Costituzione, il sistema giudiziario polacco è composto dalle seguenti principali tipi di giudizio:

  1. Detto Tribunale, suddivisi a loro volta in:

a) il giudice civile, nell’ambito del quale — a prescindere da «considerazioni generali» — vale a dire civile esistono succursali, filiali commerciali della famiglia e del lavoro;

b) i giudici penali;

  1. Tribunali amministrativi;
  2. I tribunali militari.

Tali giudici sono suddivise in livelli (gradi di giudizio). Vi sono tre casi di tribunali, il più alto grado è la Corte suprema (Sąd Najwyższy). Tuttavia non tutti i casi possono adire la Corte suprema (per taluni casi, vi sono solo due casi disponibili).

I tribunali amministrativi sono suddivisi in due casi, la seconda (e la più elevata), ad esempio, è il principale tribunale amministrativo (Naczelny Sąd Administracyjny). A norma dell’articolo 184 della Costituzione, il loro ruolo è fornire un controllo giudiziario delle attività della pubblica amministrazione.

In pratica, la maggior parte dei casi relativi all’ambiente sono soggetti a giurisdizione amministrativa (come le questioni ambientali sono in genere decise a seguito di una decisione amministrativa o altri atti amministrativi).

Il giudice civile esaminare casi di diritto privato (controversie tra due parti private, segnatamente nei casi di danni ambientali.

I giudici penali esaminare casi relativi ai reati ambientali o contravvenzioni previste dal codice penale o dalla normativa ambientale.

In Polonia, i casi in materia ambientali vengono decisi dagli organi e tribunali di competenza generale, non esistono tribunali ambientali specifici o commissioni.

Il cosiddetto «forum shopping» (scelta del foro competente da una parte del procedimento) non è possibile in Polonia. Ciò significa che deve presentare il caso nel diritto amministrativo generale (ad esempio o), del livello giusto e nel luogo giusto (città).

Il sistema dei ricorsi varia a seconda del tipo di organo giurisdizionale.

In caso di decisioni amministrative (comprese le decisioni in materia ambientale in caso di controversie), il regime ordinario si articola in tre fasi:

  • Prima di presentare una denuncia all’autorità amministrativa di secondo grado (superiore rispetto all’autorità che ha emesso la decisione contestata). Ad esempio le autorità locali per il secondo esempio autorità locali la commissione di appello (samorządowe Kolegium odwoławcze), al prefetto del voivodato (wojewoda), il ministro competente ecc.
  • nel caso in cui la decisione dell’autorità di secondo grado, non è in favore dell’attore, egli/ella può presentare una denuncia presso il tribunale amministrativo di primo grado, vale a dire presso il tribunale amministrativo del voivodato (Wojewódzki Sąd Administracyjny)
  • nel caso in cui la sentenza della Corte non è a favore del ricorrente, può presentare una denuncia presso il tribunale amministrativo di secondo grado, ossia il principale tribunale amministrativo (Naczelny Sąd Administracyjny)

I ricorsi straordinari possono essere adottate nei procedimenti amministrativi (ossia dinanzi alle autorità amministrative) nel caso in cui:

  • La decisione amministrativa è già definitiva (non vi è alcuna possibilità di impugnare entro il regime ordinario)
  • Le decisioni sono certo, grave vizio — una di quelle di cui agli articoli 145 e 156 del codice di procedura amministrativa (Kodeks postępowania administracyjnego), per esempio quando la persona che doveva essere considerata quale parte del procedimento, e che dispone di un diritto a partecipare al procedimento, è stata privata di tale diritto dalla autorità (ad esempio perché l’Autorità non ha notificato tale persona correttamente).

Tutte le denunce di cui sopra può essere presentata soltanto dagli aventi diritto (si veda il capo VII sulla legittimazione ad agire).

La Corte non ha il diritto di modificare la decisione in sé.

Nel caso in cui il tribunale amministrativo constata che il reclamo contro una decisione amministrativa è giustificata, essa annulla la decisione, il che significa che il procedimento risale all’autorità amministrativa che lo ha rilasciato. L’Autorità, nel riesaminare il caso, sono vincolati dall’interpretazione fornita dalla Corte.

In Polonia vi sono particolari procedure o tribunali giudiziari specifiche ambientali applicabili alle questioni ambientali.

Di norma, i tribunali amministrativi, sono vincolati al contenuto delle proposte presentate dalle parti in causa (non agiscono di propria iniziativa).

Pertanto il giudice esaminare soltanto le violazioni di diritto o di altri aspetti che sono stati sollevati dalle parti, ma talune infrazioni più gravi dovrebbe essere presa in considerazione dal Tribunale, anche se non indicato dall’avente diritto.

Tribunali amministrativi relay soltanto ai documenti del procedimento amministrativo in questione e gli elementi di prova presentati dalle parti, ha il diritto di richiamare gli esperti).

III. L’accesso alle informazioni sui casi

Il rifiuto di divulgare le informazioni che deve avere la forma di una decisione amministrativa. Pertanto il regolare sistema di impugnare tale decisione (come descritto nel capitolo II), vale a dire:

  • una denuncia all’autorità amministrativa di secondo grado,
  • Se l’autorità di secondo grado conferma la registrazione — una denuncia presso il tribunale amministrativo di primo grado, vale a dire presso il tribunale amministrativo del voivodato (Wojewódzki Sąd Administracyjny)
  • Se il verdetto della Corte è insoddisfacente — Voivodato una denuncia presso il tribunale amministrativo principale

Nel caso in cui la decisione di rigetto è stata adottata dall’autorità superiore (ovvero un’autorità che non è «di secondo grado», ad esempio un ministro), la persona che è stata negata l’informazione, deve presentare a tale autorità una richiesta di riesaminare il caso. Quando l’Autorità conferma il suo iniziale rifiuto, l’interessato può presentare la domanda al tribunale amministrativo del voivodato (Tribunale e, quindi, alla Corte amministrativa.

Il rifiuto della richiesta di informazioni deve includere le informazioni sui mezzi di ricorso disponibili (come tutte le decisioni amministrative). In pratica, le autorità talvolta (nonostante l’obbligo) non includono tali informazioni, il che tuttavia non significa che i rimedi non sono disponibili.

  • Denuncia all’autorità amministrativa di secondo grado (o la richiesta di riesaminare il caso) deve essere presentata entro 14 giorni dalla decisione di diniego è stato trasmesso alla persona interessata.
  • Denuncia presso il tribunale amministrativo di primo grado — deve essere presentato (attraverso le rispettive autorità amministrative) entro 30 giorni dalla decisione dell’autorità di secondo grado (o la conferma del rifiuto) è stato eseguito.
  • Denuncia al tribunale amministrativo di secondo grado — deve essere presentato entro 30 giorni dopo la sentenza del giudice di primo grado è stata pronunciata.

Per quanto attiene all’accesso alle informazioni (in generale l’accesso alle informazioni e l’accesso alle informazioni ambientali, si applicano le norme procedurali speciali, inteso ad accelerare la procedura e fornire un rapido controllo da parte del Tribunale di primo grado. Pertanto, l’autorità amministrativa attraverso il quale la denuncia è depositata presso il tribunale amministrativo, è tenuta a trasmettere al Tribunale sia la denuncia e la risposta al reclamo entro 15 giorni. La Corte è tenuta ad esaminare la denuncia entro 30 giorni. Ciò garantisce un esame tempestivo da parte del Tribunale di primo grado rispetto al tempo usuale per altri casi in cui la sentenza del Tribunale di primo grado è diversi mesi.

Ciascun reclamo:

  • per includervi i dati del richiedente,
  • Indicare a quale autorità (o della Corte) è destinata,
  • per indicare che la decisione (sentenza) si riferisce,
  • per indicare che il ricorrente chiede l’annullamento del rifiuto (ad esempio),
  • per essere sottoscritto a mano.

I reclami inviati alla Corte devono contenere una giustificazione delle accuse. Le denunce presentate all’autorità di secondo grado non formalmente, ma in pratica la giustificazione aumentare notevolmente le possibilità di vincere la causa.

Solo le censure mosse al Tribunale amministrativo di secondo grado (giudice amministrativo principale) devono essere preparate e firmate da un avvocato che rappresenti la parte ricorrente; Per le restanti censure non esiste un tale obbligo.

Di solito i tribunali non dispongono delle informazioni di cui l’accessibilità è contestata.

Decidono sulla base della descrizione delle informazioni del richiedente e le argomentazioni delle autorità che rifiuta l’informazione.

Quando la Corte constata la denuncia giustificata, ha annullato la decisione di diniego e fornisce la giustificazione del rifiuto non era corretta.

L’autorità sia vincolato dalla sua interpretazione e quindi, indirettamente, l’obbligo di fornire le informazioni. Tuttavia, non è escluso che l’Autorità faccia valere nuovi motivi di rifiuto (eccezioni che consentono di rifiutare l’informazione) che non sono stati indicati in precedenza e, pertanto, non considerata dalla Corte.

IV. L’accesso alla giustizia nella partecipazione pubblica

Le questioni ambientali possono essere decise dalle autorità:

  • in forma di decisione amministrativa — quando un singolo caso, come ad esempio un permesso per emissioni di un impianto, una «decisione via» la conclusione della procedura di valutazione d’impatto ambientale per un nuovo progetto (programma), o una decisione che infligge un’ammenda ad un impianto che causi l’inquinamento illegale;
  • nella forma di una risoluzione (uchwała) adottato da un organismo collettivo, quali il Consiglio delle Comunità locali (Rada Gminy); Le risoluzioni possono riguardare, ad esempio, l’adozione di piani di utilizzo del suolo o di altri piani o programmi.

Gli aspetti procedurali di decisioni amministrative individuali sono disciplinati dal codice di procedura amministrativa — APC (Kodeks postępowania administracyjnego).

Nell’ambito di tali procedure, di determinate persone (aventi un interesse nel caso) hanno il diritto di partecipare e di impugnare la decisione di conseguenza. Tali persone sono «parti in causa» . Il CCA e disposizioni specifiche prevedono regole che devono essere considerati una parte in un determinato caso (si veda il capo VII sulla legittimazione ad agire).

La decisione amministrativa può essere contestata dinanzi all’autorità amministrativa di secondo grado.

In caso l’autorità superiore ha emesso la decisione (es. un’autorità che non è «di secondo grado», ad esempio un ministro), la persona interessata può presentare all’Autorità una richiesta di riesaminare il caso.

Il primo grado delle decisioni amministrative possa essere citata in giudizio direttamente.

Di norma, perché si ricorre a un tribunale amministrativo) da passare attraverso procedimenti amministrativi. Ciò significa che un’azione o un’omissione di un’autorità pubblica (anche) una decisione amministrativa va impugnata nel procedimento amministrativo prima (più frequentemente, dinanzi ad un organo di secondo grado), e solo dopo che il procedimento è terminato, può la vertenza sia portata davanti ad un tribunale amministrativo.

I tribunali amministrativi, tenendo conto al contempo del caso, verificare tanto la legalità procedurale e sostanziale della decisione. Ciò significa che il loro compito è verificare se l’organo amministrativo che ha emesso la sua decisione in conformità della normativa applicabile o meno.

Pertanto, il Tribunale può esaminare la documentazione tecnica, solo in quanto la legge prevede requisiti specifici che devono essere soddisfatti da tale documentazione (ad esempio, elenco di questioni da affrontare nella relazione VIA). Le autorità giudiziarie possono verificare se tutti gli elementi richiesti, e di solito non intendono esaminare l’esattezza dei dati tecnici forniti (in particolare che i tribunali amministrativi non rimettono agli esperti e ai giudici se stesso non dispongono di conoscenze tecniche pertinenti).

Dei proprietari dei terreni oggetto di un piano regolatore, come pure i vicini di tali proprietà, può impugnare il piano.

A tal fine, è necessario:

  • a presentare al Consiglio comunale che ha adottato il piano una richiesta di riesaminare il caso;
  • Se il Consiglio conferma la precedente posizione — ad adire le vie legali presso il tribunale amministrativo di primo grado, vale a dire presso il tribunale amministrativo del voivodato (Wojewódzki Sąd Administracyjny)
  • Se il verdetto della Corte è insoddisfacente — Voivodato di una causa principale il Tribunale amministrativo.

Nella causa un interessato deve dimostrare di avere «interesse giuridico» nel caso (vale a dire che egli è proprietario dei beni che possono essere interessati dal piano).

Nel corso della procedura VIA per i cosiddetti progetti «Gruppo II» un’autorità competente rilascia una prima decisione ‘verifica di VIA’ (postanowienie w sprawie obowiązku przeprowadzenia oceny oddziaływania na środowisko) in cui si decide se una procedura VIA deve essere effettuato per il progetto o meno.

Detta decisione (in prosieguo: la «decisione o środowiskowych uwarunkowaniach») è il prossimo passo.

Tali «decisioni di indagine via» (postanowienia), possono essere impugnate separatamente dalle parti in causa (ossia la «zażalenie») quando sono «positivi», vale a dire quando le autorità decidono di effettuare una procedura VIA.

Nel caso in cui la decisione di screening» («via postanowienie) è negativo (l’autorità decidere di non procedere a procedura VIA) può essere contestata nell’ambito di un’impugnazione (odwołanie) contro la decisione VIA o środowiskowych uwarunkowaniach (in prosieguo: la «decisione»).

Definizione dell’ambito di applicazione («le decisioni» postanowienia dotyczące zakresu raportu) sono le decisioni emesse nell’ambito della procedura di VIA in cui l’autorità competente fissa il campo di applicazione di una relazione VIA (dichiarazione, uno studio di impatto ambientale che sarà preparato da uno sviluppatore.

Per «gruppo II progetti» la decisione di screening positivo (postanowienie nakładające obowiązek przeprowadzenia oceny oddziaływania na środowisko) stabilisce al tempo stesso la portata della relazione. Tale decisione (postanowienie) può essere contestata dalle parti del procedimento.

Per «gruppo i progetti» l’autorità competente emana una decisione preliminare (postanowienie dotyczące zakresu raportu) solo su richiesta di un committente. Una siffatta decisione di definizione dell’ambito di applicazione (postanowienie) non possono essere impugnate separatamente (mediante reclamo — zażalenie). Possono tuttavia essere contestata dalle parti del procedimento nell’ambito di un ricorso (odwołanie) contro la decisione VIA o środowiskowych uwarunkowaniach (in prosieguo: la «decisione»).

Parti nel procedimento, nonché le ONG partecipanti al procedimento con il diritto di una parte può impugnare le decisioni VIA»: prima dinanzi all’autorità amministrativa di secondo grado e, successivamente, dinanzi al giudice amministrativo.

Nei loro ricorsi le parti e le ONG possono sollevare questioni procedurali e sostanziali.

Parti del procedimento per quanto riguarda una decisione VIA (vale a dire persone i cui interessi possono essere lesi dalla decisione, di solito proprietari di beni adiacenti), nonché le ONG partecipanti al procedimento può impugnare la decisione: prima dinanzi all’autorità amministrativa di secondo grado e, successivamente, dinanzi al giudice amministrativo.

Il giudice amministrativo, nel prendere in considerazione il caso e verificare tanto la legalità procedurale e sostanziale della decisione. Ciò significa che il loro compito è verificare se l’organo amministrativo che ha emesso la sua decisione in conformità della normativa applicabile o meno.

Pertanto, il Tribunale può esaminare gli aspetti tecnici del caso (ad es. la documentazione tecnica), solo in quanto la legge prevede requisiti specifici che devono essere soddisfatti da tale documentazione (ad esempio, elenco di questioni da affrontare nella relazione VIA). Le autorità giudiziarie possono verificare se tutti gli elementi richiesti, e di solito non intendono esaminare l’esattezza dei dati tecnici forniti (in particolare che i tribunali amministrativi non rimettono agli esperti e ai giudici se stesso non dispongono di conoscenze tecniche pertinenti).

Parti del procedimento per quanto riguarda la decisione via via e le ONG ambientali possono impugnare la decisione, a prescindere dalla loro partecipazione, in fase di consultazione pubblica.

L’introduzione di un ricorso all’autorità amministrativa di secondo grado abbia un effetto sospensivo, il che significa che la decisione VIA non può essere eseguito da uno sviluppatore. In pratica ciò significa che il committente non può richiedere il permesso di costruzione o di un’altra decisione necessaria per lo sviluppo del progetto.

Tuttavia, le autorità competenti a un «ordine di immediata applicabilità» nella decisione VIA, in particolare per quanto riguarda i progetti di infrastrutture quali strade ecc. Tali «ingiunzione» comporta che il committente può chiedere il rilascio di un permesso di costruzione, una volta che egli ottiene la decisione VIA.

L’avvio di un’azione legale presso il tribunale amministrativo di primo grado non sospenda automaticamente l’esecuzione della decisione amministrativa oggetto della denuncia. Tuttavia, il giudice amministrativo può sospendere l’esecuzione della decisione, su proposta dell’attore, nel caso in cui vi sia una minaccia che l’esecuzione può causare un danno significativo o effetti di difficile inversione. In tal caso il richiedente è tenuto a dimostrare che il rischio è plausibile.

Parti nel procedimento, nonché le ONG partecipanti al procedimento con il diritto di una parte» può impugnare autorizzazione IPPC: prima dinanzi all’autorità amministrativa di secondo grado e, successivamente, dinanzi al giudice amministrativo.

Il giudice amministrativo, nel prendere in considerazione il caso e verificare tanto la legalità procedurale e sostanziale della decisione. Ciò significa che il loro compito è verificare se l’organo amministrativo che ha emesso la sua decisione in conformità della normativa applicabile o meno.

Pertanto, il Tribunale può esaminare gli aspetti tecnici del caso (ad es. la documentazione tecnica), solo in quanto la legge prevede requisiti specifici che devono essere soddisfatti da tale documentazione (ad esempio, elenco di questioni da affrontare nell’autorizzazione IPPC). Le autorità giudiziarie possono verificare se tutti gli elementi richiesti, e di solito non intendono esaminare l’esattezza dei dati tecnici forniti (in particolare che i tribunali amministrativi non rimettono agli esperti e ai giudici se stesso non dispongono di conoscenze tecniche pertinenti).

Parti del procedimento per quanto riguarda le autorizzazioni IPPC e le ONG ambientali possono impugnare le licenze a prescindere dalla loro partecipazione, in fase di consultazione pubblica.

V. l’accesso alla giustizia nei confronti degli atti o delle omissioni

Gli atti o le omissioni dei privati o di persone giuridiche» che incidono sull’ambiente possono essere impugnate dinanzi ai tribunali civili soltanto nel caso in cui esse causano al contempo un danno materiale o morale nel proprio interesse (ad esempio, in caso di inquinamento delle acque causati nella propria azienda). In tali casi, le persone interessate possono chiedere un risarcimento al principio «chi inquina (ma non può richiedere un risarcimento dell’ambiente in quanto tale).

Nel caso in cui un atto o un’omissione ha ripercussioni sull’ambiente come un «bene comune», ONG del settore ambientale può adire le vie legali al giudice civile contro qualsiasi entità (persona) che determina il danno o la minaccia di danno da illecito del suo impatto sull’ambiente. Nel procedimento possono chiedere il ripristino della situazione conforme alla legge o che intraprendono misure preventive (art. 323 della legge sulla protezione dell’ambiente, legge del 2001).

La denuncia può essere presentata nei confronti degli «privato» (ad esempio, una società che gestisce un impianto industriale) e un’autorità pubblica — nel caso in cui esso non agisce in qualità di organo di regolamentazione ma, ad esempio, in qualità di proprietario o amministratore di alcuni beni o come operatore di un impianto.

Le decisioni dell’Autorità possono essere impugnate da persone aventi diritto (parti del procedimento, ecc.).

Atti o omissioni di organismi di Stati membri, come ad esempio una decisione di ispezione per la tutela dell’ambiente (Inspekcja Ochrony Środowiska) di non far valere il rispetto dei requisiti ambientali da un inquinatore (o di infliggergli sanzioni troppo blande, non può essere contestata da parte di membri del pubblico.

Le ONG possono tuttavia chiedere alle autorità pubbliche di intervenire in casi in cui il diritto ambientale, è violato da una terza persona e abbiano il diritto di contestare l’inerzia dell’autorità amministrativa (art. 31 del codice). Nel caso in cui un’autorità pubblica (ad esempio, ispettore per la protezione dell’ambiente) riconosce la domanda dell’organizzazione come giustificato, essa può decidere di avviare il procedimento ex officio. Una decisione di diniego di avvio del procedimento può essere impugnata dall’Organizzazione per l’autorità di secondo grado e — di conseguenza — al Tribunale amministrativo.

Direttori regionali per la protezione ambientale (regionalni dyrektorzy Ochrony Środowiska) sono le autorità responsabili in materia di questioni di responsabilità ambientale (quelli disciplinati dalla legge del 2007, in materia di prevenzione e riparazione del danno ambientale; attuazione della direttiva 2004/35).

In caso di danni causati da OGM, l’autorità competente è il Ministero dell’ambiente (ministro Środowiska).

Ogni persona può informare tali autorità circa un danno ambientale constatato chiedendo loro di intraprendere azioni pertinenti. La persona che presenta la notifica di tutti i dati e le informazioni pertinenti a sostegno delle osservazioni relative al danno ambientale (articoli 24.1 e 2 della legge del 2007 relativa alla prevenzione e alla riparazione del danno ambientale).

Se l’autorità competente si rifiuta di intraprendere un’azione, la persona che ha presentato una richiesta di Azione hanno la facoltà di contestare il rifiuto dinanzi al Tribunale amministrativo.

Le ONG ambientali o gli organi statali che hanno notificato un danno all’autorità competente può anche partecipare al procedimento e di adire le vie legali avverso una decisione «positiva» rilasciato dall’autorità (vale a dire una decisione che impone obblighi a una persona che abbia causato un danno). La decisione può essere anche contestata dalla persona a cui è destinata la presente decisione («chi inquina»). Altre persone che hanno notificato un danno non possono farlo.

Non vi sono ulteriori mezzi oltre a quelli sopra descritti.

VI. Altri mezzi di accesso alla giustizia

A prescindere dalle suddette amministrativo, civile e penale, vi sono anche strumenti che possono essere utilizzati nel caso in cui l’atto o l’omissione costituisce al tempo stesso un reato.

In tal caso, tutti i soggetti (incluse le ONG) che è a conoscenza del fatto che l’infrazione è stata commessa ha l’obbligo di informare il pubblico ministero o la polizia (art. 304 del codice di procedura penale del 1997).

Il pubblico ministero ha quindi l’obbligo di agire d’ufficio. Tuttavia, nel caso in cui decida di non avviare l’inchiesta (perché considera ingiustificato), il diritto di contestare tale decisione è consentito soltanto a:

  • la persona lesa (e si deve ricordare che in casi ambientali tipiche di solito vi è nessuno che potrebbero sostenere di essere danneggiato),
  • L’ONG (così come autorità pubbliche o organismi) notificato il reato.

Le persone fisiche (cittadini) notificare il reato non è legittimato ad impugnare il rifiuto da parte del pubblico ministero.

La decisione del pubblico ministero di mettere fine all’indagine avviata (nel caso in cui non trova una giustificazione sufficiente o prove di presentare un atto di accusa) possono essere impugnate soltanto dal danneggiato (le ONG non dispongono di tale diritto).

In Polonia, non esistono specifici difensori civici e pubblici ministeri che si occupano di casi in materia ambientali; pertanto, questi casi sono esaminati con i difensori civici e pubblici ministeri.

I difensori civici e pubblici ministeri siano legittimati a intervenire nel procedimento amministrativo: Esse possono avviare il procedimento o intervenire nei procedimenti in corso (comprese impugnare le decisioni). Anche se agire d’ufficio, che spesso svolgono la loro azione dopo aver ricevuto informazioni/denuncia da parte di un individuo o una ONG.

I pubblici ministeri sono ovviamente anche la competenza di avviare un procedimento penale, compresi i casi di reati ambientali (descritti al capo XXII del codice penale o in altri atti giuridici).

Un’azione penale privata non sono disponibili in materia ambientale.

Nel caso in cui l’autorità non consegna la decisione nel tempo o di informare le parti delle ragioni del ritardo, le parti di un procedimento (ma non di terzi) può presentare reclamo all’autorità amministrativa di secondo grado e poi al Tribunale amministrativo.

Le denunce possono essere presentate anche nel caso in cui il procedimento è troppo lunga (przewlekłość postępowania), vale a dire se la proroga del termine da parte dell’autorità appare ingiustificata.

L’autorità di secondo grado, e quindi il giudice amministrativo di primo grado, il potere di fissare il caso (emissione di una decisione).

VII. Legittimazione ad agire

Legittimazione ad agire

Procedimento amministrativo

Procedimento dinanzi al Tribunale

Persone

In un procedimento amministrativo in materia di decisioni amministrative individuali, che è concesso alla «parte» nel procedimento amministrativo, mentre una parte — secondo l’articolo 28 del codice di procedura amministrativa — può essere una «persona il cui interesse o dazio è influenzato dal procedimento o che richiede attività di autorità per questo interesse legale o di servizio». La definizione di «parte nel procedimento amministrativo» diventa pertanto fondamentale capire chi può impugnare le decisioni dell’amministrazione.

Pertanto permanente è concesso a persone (fisiche o giuridiche) che dispongono di «interesse giuridico» (che comprende anche mansioni amministrative). Una persona ha un interesse giuridico nel caso in cui gli interessi sono protetti da qualsiasi disposizione di (amministrativa, civile o altro) legge. Ad esempio quando una decisione amministrativa potrebbe incidere sulla propria proprietà (ad esempio, in caso di costruzione di un nuovo oggetto dei proprietari delle proprietà adiacenti possono essere interessati). Una persona che ha presentato una domanda di decisione amministrativa impugnata poi dinanzi al tribunale amministrativo o un destinatario è sempre «interesse giuridico» nel caso e, di conseguenza, hanno un interesse ad agire. Tali persone sono considerate «parti» al procedimento amministrativo.

Dato che i procedimenti dinanzi ai tribunali amministrativi THA in caso di decisioni amministrative individuali sono un seguito dei procedimenti dinanzi all’autorità di secondo grado, il numero di persone aventi diritto a presentare una denuncia al Tribunale di primo grado è determinato dalla fase amministrativa del procedimento.

Tuttavia, una persona che non ha preso parte al procedimento amministrativo, ma il cui interesse è interessata dal procedimento può inoltre presentare un reclamo (articolo 50.1 della legge in materia di procedura dei tribunali amministrativi; PACLA). Ma per un ente sociale per avere diritto a presentare una denuncia, deve aver partecipato al precedente procedimento amministrativo.

A parte il diritto di presentare denuncia, vi è la possibilità di partecipare al procedimento con il diritto di una parte per le seguenti persone:

  • persone che hanno partecipato al precedente procedimento amministrativo (entrambe le parti nel procedimento amministrativo e organizzazioni con i diritti di una parte, ma non è stato in grado di presentare un reclamo presso il tribunale amministrativo (partecipazione di tali persone è garantito ex officio, senza che questi debba presentare alcuna proposta — articolo 33.1 del pacla);
  • persone il cui interesse è influenzato dal diritto amministrativo; il procedimento, ma che non hanno preso parte al procedimento amministrativo precedente (partecipazione di tali persone può essere accolta dalla Corte, su loro proposta; il rifiuto dei giudici possono essere impugnate dinanzi al Tribunale amministrativo di secondo grado — articolo 33.2 del pacla); Questa situazione può riguardare ad esempio il coniuge di una persona che ha impugnato la decisione dell’amministrazione fiscale di secondo grado, nel caso in cui tale decisione era stata inviata a entrambi i coniugi.

ONG

Le organizzazioni sociali godono permanente sulle singole decisioni amministrative nei casi in cui esse rappresentano un interesse comune. L’organizzazione può partecipare ai lavori con i diritti di una parte, il che significa che essa goda degli stessi diritti in qualità di parte del procedimento, incluso il diritto di ricorso in appello. Per essere ammesse a partecipare, un’organizzazione deve presentare una relativa proposta.

L’autorità pubblica valuta poi la proposta e decide se ritenga giustificata. La valutazione non si limita alla verifica di requisiti formali, ma riguarda anche la giustificazione di merito (necessità) della partecipazione dell’organizzazione in un determinato caso (in altre parole: L’autorità decide se ritenga utile per consentire l’organizzazione di partecipare). Le decisioni di rifiuto possono essere impugnate dall’organizzazione (art. 31 del Codice provvedimento amministrativo).

Le ONG possono agire «nei casi riguardanti gli interessi legali di altre persone», ma non necessariamente per tutelare tali interessi. Per esempio in questioni ambientali, una ONG atti a proteggere l’ambiente e non l’interesse della persona che incidono sull’ambiente (ad esempio, un operatore industriale), tuttavia il caso riguarda l’interesse di detto operatore.

In alcuni casi, ambientali, le ONG ambientali beneficiano di diritti più ampie (cfr. risposta alla domanda 2).

Le ONG che non hanno preso parte al procedimento amministrativo precedente anche i giudici amministrativi hanno permanente prima.

Le ONG che non hanno preso parte al procedimento amministrativo precedente diritto amministrativo; se il procedimento riguarda l’ambito di attività (partecipazione di tali organizzazioni può essere accolta dalla Corte, su loro proposta; il rifiuto dei giudici possono essere impugnate dinanzi al Tribunale amministrativo di secondo grado. Secondo la giurisprudenza, la Corte deve anche verificare se l’ «interesse pubblico» parla della partecipazione delle ONG.

Nel settore dell’ambiente il certainn le ONG ambientali beneficiano di diritti più ampie (cfr. risposta alla domanda 2).

Altri soggetti giuridici

Le persone giuridiche hanno gli stessi diritti di persone fisiche

Le persone giuridiche hanno gli stessi diritti di persone fisiche

Gruppi ad hoc

Non permanente

Non permanente

Le ONG straniere

Identico alle ONG polacche, tuttavia, esse possono avere problemi di provare che la loro partecipazione sia giustificata (che protegge l’interesse comune in un determinato caso).

Identico alle ONG polacche.

Altri [1]#_ftn1

Le autorità pubbliche in taluni casi specifici possono avviare azioni amministrative nei confronti di un’altra autorità pubblica. Per esempio il prefetto (capo dell’amministrazione pubblica nella regione), garantisce la supervisione — a certi limiti — l’attività delle autorità locali e, in alcuni casi, ha il diritto di annullare gli atti di tali autorità o di presentare una denuncia contro tali atti dinanzi al Tribunale amministrativo.

Inoltre, il pubblico ministero e il difensore civico può anche avviare un procedimento amministrativo o in un procedimento dinanzi al Tribunale amministrativo.

Le autorità pubbliche in taluni casi specifici possono avviare azioni amministrative nei confronti di un’altra autorità pubblica. Per esempio il prefetto (capo dell’amministrazione pubblica nella regione), garantisce la supervisione — a certi limiti — l’attività delle autorità locali e, in alcuni casi, ha il diritto di annullare gli atti di tali autorità o di presentare una denuncia contro tali atti dinanzi al Tribunale amministrativo.

Inoltre, il pubblico ministero e il difensore civico può anche avviare un procedimento amministrativo o in un procedimento dinanzi al Tribunale amministrativo.

Le ONG ambientali beneficiano di diritti più ampi rispetto ad altre organizzazioni sociali nel settore dell’ambiente per i quali la partecipazione del pubblico è richiesta (ossia VIA e IPPC [2] [3]).#_ftn2#_ftn3 Tuttavia, il diritto di impugnare una decisione di una pubblica autorità non è limitata alle questioni di partecipazione pubblica. Una volta che la partecipazione dei cittadini, delle ONG ambientali ottenere il diritto di contestare tutte le questioni procedurali e sostanziali per quanto riguarda la decisione. La differenza tra le norme generali di partecipazione delle ONG (come previsto dall’Art. 31 del codice di procedura amministrativa) e le ONG ambientali» (come previsto dall’art. 44 della legge) può essere spiegata come segue:

  • Art. 31 del CCA stabilisce che una ONG possono partecipare al procedimento con il diritto di una parte (il che significa che essa goda degli stessi diritti in qualità di parte del procedimento, ivi incluso il diritto di ricorso) solo nel caso in cui l’autorità pubblica ritiene che l’interesse della società richiede la partecipazione delle ONG (in altre parole: L’autorità decide se ritenga utile per consentire l’organizzazione di partecipazione);
  • Ai sensi dell’art. 44 di detta legge, le ONG ambientali possono partecipare al procedimento con il diritto di una parte, ma, contrariamente ad altre organizzazioni sociali — che non è necessario provare che «il pubblico interesse richiede che la loro partecipazione». In altre parole: In tal caso l’Autorità esamina solo se un’organizzazione ambientale soddisfa i requisiti formali (si veda sotto), ma non può decidere se la partecipazione di tale organizzazione sia «necessario» e «giustificato» dal punto di vista dell’interesse pubblico. I diritti più favorevoli nei procedimenti amministrativi tradursi automaticamente in una più ampia legittimazione, nel procedimento dinanzi al giudice amministrativo.

Inoltre, una ONG ambientale può proporre un ricorso contro la decisione di autorità di secondo grado, anche se non aveva partecipato al procedimento amministrativo di primo grado.

Non esiste una actio popularis in Polonia.

L’unico meccanismo che possono assomigliare l’actio popularis è la «procedura di reclamo e proposte», disciplinato dal codice di procedura amministrativa del 1960 (articoli da 221 a 260), ma hanno un campo d’applicazione generale. In base a tale procedura, chiunque può presentare un reclamo o di presentare una proposta nell’interesse pubblico o nel loro stesso interesse (di fatto alcun interesse sostanziale o i diritti legali siano qui richieste). Entrambe le denunce e le proposte possono riguardare ogni attività (o omissione) di qualsiasi autorità o istituzione pubblica (e di fatto anche di altre istituzioni come ad esempio sindacati, ecc.). La denuncia deve essere esaminato da un’autorità superiore all’autorità di cui nella denuncia. Una proposta deve essere esaminata dall’autorità responsabili di determinate questioni. Nel caso in cui una denuncia sia presentata una proposta o organismo, tale organismo dovrebbe trasmetterla al caso (competente). L’adeguata (organismo competente) deve esaminare una denuncia o una proposta e rispondervi entro un mese. Le denunce e le proposte nell’ambito di questa procedura sono considerati «mezzi giuridici imperfetta», perché l’utilizzatore non ha uno status ufficiale per quanto riguarda il merito della causa, non è previsto il diritto di adire il Tribunale, e a dare ad essa una domanda di un giudice.

Mediatore europeo e i pubblici ministeri non sono «organo di ricorso», tuttavia essi sono legittimati ad agire nei procedimenti amministrativi: Esse possono avviare il procedimento o intervenire nei procedimenti in corso (anche di impugnare le decisioni). Anche se agire d’ufficio, che spesso svolgono la loro azione dopo aver ricevuto informazioni/denuncia da parte di un individuo o di un’organizzazione.

Le modalità di accesso alla giustizia in questioni ambientali differiscono per le decisioni strategiche (ad esempio piani di qualità dell’aria o altri documenti strategici) e per decisione amministrativa individuale (quali la decisione VIA, autorizzazione, permesso di emissione settoriali).

Per le decisioni strategiche dell’accesso alla giustizia è molto limitata.

Nel caso in cui la legge gli atti giuridici specificare il loro status di diritto «locali», possono essere impugnate da parte di persone i cui interessi possono essere lesi dall’applicazione del piano.

Tuttavia, non è sempre chiaro se un determinato tipo di piano, si legge «locale» o meno.

Ad esempio utilizzo locale del terreno Piani di qualità dell’aria o piani d’azione sono considerati «leggi locali», rispettivamente dalla legge in materia di pianificazione del territorio o dalla legge in materia di tutela ambientale.

Al tempo stesso, lo status di tali atti, per esempio quello della tutela dell’ambiente non è chiara, dal momento che i programmi per la protezione ambientale non definisce la legge sul diritto e la giurisprudenza è in contrasto inoltre al riguardo (ad esempio il Tribunale amministrativo regionale di Cracovia ha affermato che i piani di gestione dei rifiuti — che fanno parte dei programmi di protezione ambientale — non sono la legge locale; Tuttavia questo parere non è sempre considerato).

Tale differenza di status delle decisioni strategiche è importante in quanto l’accesso alla giustizia è garantito solo per le decisioni strategiche che sono considerate «leggi locali».

Non vi sono diritti speciali per le organizzazioni non governative di impugnare le decisioni strategiche.

Per le decisioni amministrative individuali, la legittimazione attiva dei singoli e delle ONG può dipendere dal tipo di decisione. Le norme generali sono stati descritti in una tabella di cui sopra e ai diritti speciali di ONG ambientali, nella risposta alla domanda n. 2.

Vi sono anche alcune modifiche della legittimazione attiva dei singoli:

  • La legge sul diritto di costruzione) afferma che le parti del procedimento in relazione a un permesso di costruzione sono solo il richiedente e i proprietari o gli amministratori degli immobili situati nella zona interessata dalla struttura dell’edificio, mentre «l’area interessata» è definita come zona speciale di disposizioni che prevedono limitazioni all’uso dello spazio (articolo 28, punto 2 e articolo 3, punto 20 della legge sul lavoro). Tale disposizione limita notevolmente la cerchia delle parti, come «disposizioni speciali che prevedono limitazioni all’uso del territorio» sono piuttosto rare.

La cerchia dei soggetti a permesso di costruzione è stabilito secondo le norme generali (vale a dire sulla base del CCA) solo quando all’interno di tali procedimenti di valutazione dell’impatto ambientale il «reiterate» viene effettuata.

  • Legge sulla protezione dell’ambiente (EPLA) limita la cerchia delle parti del procedimento per quanto riguarda «settoriali» per le emissioni nell’aria o nell’acqua, nonché i permessi per la produzione di rifiuti. Secondo le disposizioni dell’accordo EPLA, solo l’operatore che richiede l’autorizzazione e i proprietari dei terreni situati all’interno dell’area «uso limitato», se tale superficie è stata stabilita per l’impianto sono parti.

La cerchia dei soggetti a procedure per i permessi di emissione è stabilito secondo le norme generali (vale a dire sulla base del CCA) solo per quanto riguarda le autorizzazioni IPPC (come richiesto dalla direttiva IPPC).

  • Legge in materia di acque stabilisce che «parte nel procedimento di autorizzazione dell’acqua sono: (1) persona che presenta domanda di autorizzazione; (2) proprietario dell’acqua; (3) il proprietario della rete fognaria per le acque reflue industriali che devono essere introdotti; (4) l’attuale proprietario del fondo per l’acqua situate nell’ambito dell’impatto dell’attività soggetta all’acqua lo consentano; (5) proprietario dei terreni collocata nell’ambito dell’impatto dell’attività soggetta all’acqua lo consentano; (6) persona avente diritto di pesca sull’area ai sensi dell’impatto dell’attività soggetta all’autorizzazione dell’acqua» (art. 127.7 della legge in materia di acque).

Tuttavia, a differenza dei due esempi sopra riportati, l’art. 127 della legge in materia di acque non sembra limitare la cerchia dei partecipanti al procedimento, ma solo lo impone, ancora in linea con l’art. 28 del CCA.

  • Legge sul diritto geologico e minerario che stabilisce che le parti nel procedimento di concessione per l’estrazione di risorse minerarie sono i proprietari dei terreni su cui l’attività mineraria deve essere svolta (art. 41 della legge sul diritto geologico e minerario).

VIII. Assistenza legale

Non esiste l’obbligo di essere rappresentati da un avvocato dinanzi alle autorità amministrative e dinanzi al Tribunale amministrativo di primo grado. Tale obbligo concerne solo controversie dinanzi al Tribunale amministrativo di secondo grado — cassazione conformi deve essere preparato da un avvocato («Adwokat) o un procuratore legale (Radca prawny).

Alcuni studi legali specializzati in diritto ambientale. Una persona in cerca di un tale studio dovrebbe consultare i siti web per verificare la loro esperienza in questo campo.

Può succedere che talune ONG ambientali di fornire consulenza legale (gratuitamente o a prezzi ridotti), ma sono in genere basati sui progetti (ad esempio opere se una ONG svolge un progetto nell’ambito del quale la consulenza giuridica per i cittadini è previsto). Pertanto, in pratica, le ONG non fornire consulenza su base permanente.

IX. Prove

Il giudice amministrativo decidere casi sulla base di documenti raccolti durante il procedimento amministrativo precedente la fase giurisdizionale, il procedimento giudiziario si concentra sulla verifica della correttezza del procedimento condotto dalle autorità amministrative.

Quando la Corte dispone degli elementi di prova raccolti nella fase amministrativa, erano insufficienti, ha annullato la decisione, per la causa all’autorità amministrativa di ripetere la procedura di prova.

Come indicato in precedenza, il giudice amministrativo valuta gli elementi di prova raccolti nel corso del procedimento amministrativo e quindi non condurre proprie prove in giudizio.

I tribunali amministrativi esaminano i casi in materia ambientale (che di solito) non richiedono esperti. Le loro decisioni sono basate sui documenti raccolti durante il procedimento amministrativo. Le parti del procedimento possono presentare le loro proposte e argomentazioni e in teoria potrebbero accompagnarli con i pareri di esperti, ma la Corte non è vincolata da queste ultime.

Provvedimenti ingiuntivi X.

L’introduzione di un ricorso all’autorità amministrativa di secondo grado abbia un effetto sospensivo.

In casi eccezionali l’autorità di primo grado può concedere la sua decisione sul cosiddetto ordine di esecuzione immediata («via libera»). La concessione di un tale provvedimento stabilisce che la decisione di primo grado può essere direttamente applicata, a prescindere dal fatto che sia stato promosso ricorso o meno (nel caso di specie il ricorso non ha effetto sospensivo). Le condizioni in base alle quali un ordine di esecuzione immediata possono essere concessi: protezione della vita o della salute umana, altri interessi pubblici rilevanti o di particolare importanza gli interessi di una delle parti.

Se l’ordinanza è emessa, non esistono altri strumenti a livello amministrativo di sospendere l’esecutività della decisione, tuttavia, l’ordine (che è parte della decisione amministrativa) possono essere impugnate in tribunale amministrativo.

Per le decisioni via dei permessi di emissione e per le decisioni ambientali (comprese le autorizzazioni IPPC), può essere concesso secondo le regole generali — alle condizioni descritte sopra.

Tuttavia, nel caso di taluni progetti di infrastrutture (come strade, aeroporti, le infrastrutture) il regime speciale di atti giuridici che disciplinano il loro processo di costruzione che prevedono possibilità molto ampie per gli sviluppatori di ottenere l’ordine di esecuzione immediata delle autorizzazioni di costruzione (zezwolenie na realizację) di un determinato progetto. In pratica sotto tali atti giuridici, l’ordine di esecuzione immediata di tale consenso viene concessa quasi automaticamente — su richiesta del committente.

Presentare una denuncia presso il tribunale amministrativo di primo grado non sospenda automaticamente l’esecuzione della decisione amministrativa oggetto della denuncia. Tuttavia, il giudice amministrativo può sospendere l’esecuzione della decisione, su proposta dell’attore, nel caso in cui vi sia una minaccia che l’esecuzione può causare un danno significativo o effetti di difficile inversione. In tal caso il richiedente è tenuto a dimostrare che il rischio è plausibile.

Di norma, la parte ricorrente non è tenuta a depositare una somma forfetaria (bond), come garanzia, tuttavia tale obbligo può essere imposto da parte della Corte in un procedimento riguardante il permesso di costruzione. Nel caso in cui il reclamo è respinto, l’obbligazione è trasferito al committente al fine di coprire il proprio credito.

Nei casi in cui è stato concesso un ordine di esecuzione immediata a livello amministrativo (e nessuno ha contestato dinanzi al giudice o la Corte ha confermato l’ordinanza), la Corte avrebbe probabilmente anche respingere l’istanza di sospensione dell’esecuzione della decisione (v. sentenza del Tribunale amministrativo del 1º marzo 2011 (i OSK 289/11) in cui la Corte ha precisato che tale sospensione sia contraria all’istituzione di «applicazione immediata» e il suo obiettivo).

XI. Sulle spese

L’introduzione di un ricorso all’autorità amministrativa di secondo grado (e — al tempo stesso la procedura di appello) è gratuito.

In teoria, una parte nel procedimento di impugnazione (compresi) e le persone con i diritti di una parte può tuttavia essere imputate le spese di giudizio che (1) sono stati causati da colpa del partito, ad esempio quando l’autorità deve ripetere alcuni atti nel corso del procedimento in quanto la parte interessata ha omesso di prendere parte al presente atto; (2) si è verificato nell’interesse o a una proposta della parte e, al tempo stesso, non dia luogo a regolamentare i compiti delle autorità, ad esempio quando la parte che chiede di convocare un’ulteriore expert-witness. I costi dei procedimenti possono comprendere, ad esempio, le spese di viaggio dei testimoni e dei periti o spese di ispezione in loco, nonché — Spese di traduzione nel caso di cittadini stranieri che hanno presentato osservazioni nel procedimento. Non sono disponibili dati statistici sul modo in cui spesso autorità si avvalgono di tali disposizioni; Tuttavia, gli autori di tale relazione sono mai venuti in tal caso nella prassi giuridica.

Nel caso in cui una persona decida di un avvocato (avvocato) o noleggio di un perito in un procedimento amministrativo, egli è tenuto a coprire le loro spese. Nell’ambito del procedimento amministrativo, ciascuna parte copre le proprie spese (le autorità amministrative non decidere sui costi).

Per quanto riguarda le spese di giudizio di denuncia presso il tribunale amministrativo di primo grado, il sistema giuridico polacco gli usi che variano in base al «valore del caso», ma solo nei casi in cui il valore della controversia in questione può essere misurata (se il caso riguarda obbligo pecuniario, come, ad esempio, il pagamento di un canone per l’utilizzo dell’ambiente o l’ammenda amministrativa per il mancato rispetto dei requisiti ambientali). In tali casi, un tributo giudiziario è:

  • per i casi in cui il valore in questione fino a 10.000 PLN (2 500 EUR) — il 4 % del valore in questione, ma non inferiore a 100 PLN (EUR 25);
  • per i casi del valore del contenzioso tra 10.000 PLN (2 500 EUR) e 50.000 PLN (12,500 EUR) — il 3 % del valore in questione, ma non inferiore a 400 PLN (EUR 100);
  • per i casi del valore del contenzioso tra 50.000 PLN (12,500 EUR) e 100.000 PLN (25,000 EUR) — il 2 % del valore in questione, ma non inferiore a 1500 PLN (EUR 375);
  • per i casi di valore superiore a 100.000 PLN (25,000 EUR) — il 1 % del valore in questione, ma non inferiore a 2000 PLN (500 EUR) né superiore a 100.000 PLN (25,000 EUR).

Tuttavia, nella maggior parte dei casi, il valore ambientale del caso in questione non può essere misurata. In tali casi, le spese di giudizio di denuncia presso il tribunale amministrativo di prima istanza in questioni ambientali è fissato per un importo di 200 PLN (circa 50 EUR). Si tratta di un importo relativamente modesto e non può essere considerata come un ostacolo all’accesso alla giustizia.

Le spese di giudizio per denuncia presso il tribunale amministrativo di secondo grado è il Tribunale di primo grado 50 % del canone ad un determinato caso — ma non inferiore a 100 PLN (25 EUR).

A parte le spese di giudizio devono coprire le proprie spese (quali la procura della Corte), compresi i costi (se decidono di avere un avvocato).

Né l’autorità amministrativa di secondo grado, il giudice amministrativo, né di citare testimoni o esperti, pertanto non vi sono costi legati alla loro partecipazione.

Tuttavia, le parti possono decidere di ordinare e presenta all’autorità un parere qualificato a sostegno della parte. Costo di tale parere non viene rimborsato dalla parte soccombente.

La «base» gli onorari di avvocato sono stabilite dalla legge. I tassi minimi nei procedimenti dinanzi ai tribunali amministrativi (in questioni ambientali) sono i seguenti:

a) al giudice di primo grado — di 240 PLN (EUR 60)

b) al giudice di secondo grado — 75 % dell’importo di cui sopra.

I prezzi suddetti possono essere aumentati in un dato caso dalla Corte fino al 600 % del tasso minimo. E fissa l’importo finale di un avvocato, la Corte tiene conto della complessità del caso, della quantità di lavoro occorrente ecc.

Nella pratica, tuttavia, la vera onorari degli avvocati superare gli importi di cui sopra (sono calcolati in ore o a giornata) e sono oggetto di contratto individuale tra l’avvocato e il cliente. La sopratassa tuttavia non saranno rimborsati dalla perdita di parte avversa.

I compensi degli esperti sono sempre oggetto di contratto individuale tra l’esperto e il cliente.

Nel caso di specie, le autorità hanno perso il caso, devono pagare il vincitore i suoi costi (Corte e gli onorari di avvocato non superiore a quanto sopra le aliquote previste per legge, ma non le spese di eventuali esperti), ma se le autorità Win — non hanno diritto di rivendicare i loro costi.

XII. I meccanismi di assistenza finanziaria

Persone (fisiche e giuridiche, comprese le ONG) che non sono in grado di sostenere le spese processuali o ad assumere un avvocato può rivolgersi al tribunale amministrativo per la concessione di aiuto legale che in Polonia è denominato «diritto di aiuto» (Prawo pomocy). La domanda deve essere corredata di prove sulla situazione finanziaria del richiedente. Il diritto di aiuto comprende l’esenzione per le spese di giudizio e di nomina del procuratore che — a titolo gratuito — rappresenterà il ricorrente davanti al giudice. Il diritto dell’aiuto può essere eliminata in caso i motivi della sospensione. Tuttavia non esistono statistiche relative alla frequenza di accordare o rifiutare l’aiuto da parte dei tribunali. Organizzazioni piuttosto raramente si applicano per tali aiuti, che i costi del procedimento non siano troppo elevati.

Le ONG ambientali possono ricevere finanziamenti pubblici per i progetti che svolgono. Il finanziamento pubblico può coprire anche le spese connesse ad azioni giudiziarie (di solito le ONG devono includere questo tipo di spese in bilancio del progetto).

Alcune ONG svolgono le attività di advocacy per altre ONG o privati, comprese l’assistenza in procedimenti giudiziari. Le ONG possono inoltre ottenere denaro pubblico per tali attività. In quanto tale attività è imperniata sui progetti, non esiste un elenco di tali ONG che si occupano di diritto dell’ambiente la promozione.

In Polonia esistono Law School cliniche, tuttavia essi non si preoccupano generalmente della legislazione ambientale.

XIII. Tempestività

Il limite di tempo base pronunciata da un organo amministrativo è di un mese e in casi particolarmente complessi, un termine di due mesi.

Tuttavia, l’Autorità può prorogare questo termine, informando le parti del procedimento riguardo a questo fatto, le ragioni del ritardo e indica la nuova data limite per la fissazione del caso.

Nel caso in cui l’autorità non consegna la decisione in tempo o di informare le parti delle ragioni del ritardo, può presentare una denuncia all’autorità amministrativa di secondo grado e poi al Tribunale amministrativo.

Le denunce possono essere presentate anche nel caso in cui il procedimento è troppo lunga (przewlekłość postępowania), vale a dire quando la proroga del termine previsto dall’autorità appare ingiustificata.

L’autorità di secondo grado, e quindi il giudice amministrativo di primo grado, il potere di fissare il caso (emissione di una decisione).

Un funzionario che abbia omesso di fissare nel tempo senza adeguata giustificazione, devono essere sottoposte a disciplinare. Le disposizioni della legge non specifica quali tipi di sanzioni possono essere imposte al lavoratore (ufficio è una questione interna di un dato organismo amministrativo).

Le persone che intendono contestare una decisione amministrativa (una persona fisica o strategica) presso il tribunale amministrativo ha presentato una denuncia entro 30 giorni da quando è stata loro consegnato o pubblicato.

Di solito non esistono limiti di tempo fissati dalla legge per i giudici si pronunciano. Solo in alcuni casi, indicati dalla legge esistono tali termini — ad esempio nell’accesso all’informazione (cfr. sezione III).

Di norma la procedura giudiziaria dinanzi al Tribunale di primo grado ha pochi mesi (circa 3-7 mesi). La procedura giudiziaria dinanzi al giudice di secondo grado che dura circa 6-12 mesi.

Come indicato sopra, di norma non vi sono scadenze stabilite dalla legge per i giudici ad emettere una sentenza. Solo in alcuni casi, indicati dalla legge esistono tali termini — ad esempio nell’accesso all’informazione (cfr. sezione III).

Non sono previste sanzioni contro i giudici le cui decisioni in ritardo.

XIV. Altre questioni

Le decisioni in materia ambientale sono contestati dalle parti dopo l’emanazione da parte della autorità di primo grado. Poi, la decisione dell’autorità di secondo grado possono essere impugnate dinanzi alla Corte amministrativa

Non è stato possibile individuare informazioni sull’accesso alla giustizia in materia ambientale forniti al pubblico in maniera strutturata e accessibile.

Nella fase del procedimento amministrativo un caso amministrativo possono essere risolte dal modo di «transazione» concordato tra le parti (che può essere considerato come la risoluzione alternativa delle controversie). Il regolamento può essere convenuto in primo e secondo grado del procedimento.

Tuttavia, solo le parti del procedimento principale, e non di ONG («partecipanti con il diritto della parte») possono partecipare a tale soluzione.

Nell’ambito del procedimento giurisdizionale dinanzi al giudice amministrativo, le parti possono avviare una mediazione con l’obiettivo di risolvere la controversia.

In pratica la transazione nei procedimenti amministrativi, nonché di mediazione presso il tribunale amministrativo sono utilizzati di rado.

XV. Uno straniero

Clausole sulla lotta alla discriminazione in materia di lingua o del paese di origine non sono direttamente forniti dal diritto procedurale polacco.

Tuttavia, il fatto che le leggi non escludono i cittadini stranieri di mezzi di ricorso giudiziario disponibili che siano riconosciuti gli stessi diritti ai cittadini polacchi.

Tuttavia, tutte le pratiche presso le autorità e i tribunali polacchi sono eseguite in lingua polacca. Ciò significa che gli stranieri che non parlano polacco deve disporre di un interprete.

I costi della traduzione nei procedimenti dinanzi al Tribunale amministrativo sono sostenuti dall’operatore straniero e — qualora egli vinca la causa, può far valere i costi dalla parte soccombente.

La questione delle spese di traduzione nei procedimenti dinanzi alle autorità amministrative non è specificamente disciplinato, le norme in merito risultino poco chiare.

XVI. Casi transfrontalieri

Nei casi in cui la Polonia è il paese d’origine, l’attività svolta in Polonia produce effetti in un altro paese) le norme procedurali polacco non siano discriminatorie e non escludano cittadini stranieri.

Tuttavia, non vi sono neppure disposizioni generali in merito a questo punto. Il problema è regolamentato solo nei casi in cui — secondo le disposizioni della convenzione di Espoo o direttive UE (via, IPPC) — il diritto polacco prevede una cosiddetta procedura di transfrontalieri. In caso di procedura, i governi di entrambi i paesi (paese di origine e paese colpito) sono responsabili dell’attuazione del programma.

Nel diritto polacco, non esiste una specifica definizione di «pubblico interessato» in un contesto transfrontaliero. Solo nei casi in cui un procedimento transfrontaliero in virtù della convenzione di Espoo o di altri accordi internazionali è obbligatorio e, di individuare il pubblico interessato in un altro paese sono forniti da tali accordi.

Non esistono normative specifiche concernenti la partecipazione delle ONG straniere, nelle procedure in materia ambientale, tuttavia, la legge polacca non escludono ONG provenienti da altri Stati della possibilità di partecipare al procedimento con il diritto di una parte. Pertanto, si può concludere che le ONG ambientali beneficiano degli stessi diritti di ONG nazionali.

Gli autori della presente relazione non sono a conoscenza di qualsiasi tentativo da parte di altre organizzazioni sociali o ambientali straniere di entrare in un procedimento amministrativo in Polonia, non sono pertanto in grado di valutare la prassi in materia (probabilmente non c’è alcuna prassi).

Se un caso rientra nella competenza dei tribunali polacchi, non vi è la possibilità di scegliere l’autorità giurisdizionale diverso (il cosiddetto «forum shopping» non esiste in diritto polacco).

Link correlati

  • La legislazione nazionale in materia di ambiente (in lingua polacca):

Il link si apre in una nuova finestrahttp://www.gdos.gov.pl/Articles/view/1916/Akty_prawne

Il link si apre in una nuova finestrahttp://www.ekoportal.gov.pl/opencms/opencms/ekoportal/prawo_dokumenty_strategiczne/PodstawoweAkty/

  • Principali autorità ambientali nazionali:

Il link si apre in una nuova finestrahttp://www.mos.gov.pl/ http://www.gdos.gov.pl/
Il link si apre in una nuova finestrahttp://www.gdos.gov.pl/

Il link si apre in una nuova finestrahttp://www.ekoportal.gov.pl/opencms/opencms/ekoportal/home/index.html (l’organo specializzato in informazione ambientale)

  • Gli ordini degli avvocati:

Il link si apre in una nuova finestrahttp://www.nra.pl/nra.php

Il link si apre in una nuova finestrahttp://www.kirp.pl

  • Ufficio del difensore civico:

Il link si apre in una nuova finestrahttp://www.rpo.gov.pl/

  • La procura:

Il link si apre in una nuova finestrahttp://www.pg.gov.pl/


Questa è una traduzione automatica del contenuto. ll proprietario della pagina non si assume alcuna responsabilità circa la qualità della traduzione automatica del testo.

Ultimo aggiornamento: 14/09/2016