Chiudi

LA VERSIONE BETA DEL PORTALE È DISPONIBILE ORA!

Visita la versione BETA del portale europeo della giustizia elettronica e lascia un commento sulla tua esperienza sul sito!

 
 

Percorso di navigazione

menu starting dummy link

Page navigation

menu ending dummy link

Mediazione familiare transfrontaliera - Germania

Una breve introduzione alla mediazione familiare in Germania

Estratto dell’opuscolo "Eherecht" (diritto matrimoniale) pubblicato dal Bundesministerium der Justiz und für Verbraucherschutz (ministero federale della Giustizia e della tutela dei consumatori), pag. 73:

"6.2.5 Mediazione familiare

Le coppie che attraversano una separazione o un divorzio spesso vogliono gestire le proprie relazioni familiari in maniera amichevole. In casi come questo, la mediazione rappresenta un’ottima alternativa a un procedimento giudiziario.

Il quadro giuridico per la mediazione è stato creato tramite la Mediationsgesetz (legge in materia di mediazione) che è entrata in vigore il 26 luglio 2012.

La mediazione aiuta le parti a trovare una soluzione amichevole al loro conflitto con l’aiuto di una persona neutrale (il mediatore). I partecipanti si assumono la responsabilità di addivenire a una soluzione e il mediatore non ha il potere di prendere decisioni.

Ciò significa che, a differenza di un caso giudiziario, gli interessi e le esigenze effettivi di coloro che sono coinvolti possono essere determinati e utilizzati come base per una soluzione personalizzata per lo specifico conflitto. La probabilità che le decisioni giurisdizionali tengano conto degli interessi di coloro che sono coinvolti è inferiore. Di conseguenza, dette soluzioni vengono accettate più facilmente dalle persone coinvolte e risultano essere solitamente più efficaci nel lungo termine. La mediazione può portare alla redazione di accordi contrattuali relativi, ad esempio, al mantenimento, ai beni, alla proprietà, alla responsabilità genitoriale o ai diritti di accesso.

Nell’ambito di una causa di divorzio, il giudice può ordinare che i coniugi partecipino, separatamente o congiuntamente, a una sessione informativa gratuita sulla mediazione, oppure prendano parte a un’altra forma di risoluzione delle controversie extragiudiziale per questioni correlate in sospeso [1] con l’aiuto di una persona o di un organismo nominato dal tribunale, e che forniscano conferma della loro partecipazione (articolo 135 della Gesetz über das Verfahren in Familiensachen und in den Angelegenheiten der freiwilligen Gerichtsbarkeit (FamFG) (legge sulla procedura in materia familiare e in materia di giurisdizione volontaria). Tale ordinanza non può essere resa esecutiva per legge. Tuttavia, il tribunale può prendere in considerazione il mancato rispetto di tale ordinanza al momento di decidere su come ripartire i costi (articolo 150, paragrafo 4, della FamFG).

Lo stesso vale per le questioni relative ai figli ai sensi dell’articolo 156, paragrafo 1, frasi 3 e 5, e dell’articolo 81, paragrafo 2, n. 5 della FamFG. In casi analoghi, il tribunale può anche ordinare ai genitori di partecipare a una sessione informativa sulla mediazione oppure di prendere parte a un’altra forma di risoluzione delle controversie extragiudiziale. Tale ordinanza non può essere resa esecutiva per legge, tuttavia, il giudice può prendere in considerazione il mancato rispetto di tale ordinanza al momento di decidere su come ripartire i costi relativi alla causa.

Collegamenti a siti web tedeschi sui quali si possono trovare mediatori per questioni familiari

Mediation bei internationalen Kindschaftskonflikten (MiKK e. V.), Fasanenstraße 12, 10623 Berlino, Germania (mediazione per i casi internazionali che coinvolgono minori)

Il link si apre in una nuova finestrahttps://www.mikk-ev.de/

- Zentrale Anlaufstelle für grenzüberschreitende Kindschaftskonflikte beim Internationalen Sozialdienst im Deutschen Verein (ZAnK), Michaelkirchstraße 17/18, 10179 Berlino, Germania (mediazione per casi transfrontalieri che coinvolgono minori)

Il link si apre in una nuova finestrahttps://www.zank.de/en-website/index.php

Collegamenti a siti web tedeschi sui quali si possono trovare informazioni sulla mediazione familiare oppure sulla mediazione in generale

- Bundesverband Mediation e.V. (BM), Wittestr. 30 K, 13509 Berlino

Il link si apre in una nuova finestrahttp://www.bmev.de/

- Bundes-Arbeitsgemeinschaft für Familien-Mediation e.V. (BAFM), Spichernstraße 11, 10777 Berlino

Il link si apre in una nuova finestrahttp://www.bafm-mediation.de/

Collegamenti relativi alla legislazione tedesca in materia di mediazione familiare

- Ministero federale della giustizia e della tutela dei consumatori, Mohrenstraße 37, 10117 Berlino

Il link si apre in una nuova finestrahttp://www.bmjv.de/EN/Home/home_node.html;jsessionid=65AC198664E5495D7ECD7F3AE0CF3BB2.1_cid324

- Gesetz zur Förderung der Mediation und anderer Verfahren der außergerichtlichen Konfliktbeilegung (Legge sulla promozione della mediazione e di altre forme di conciliazione extragiudiziale) (BGBl. -Bundesgesetzblatt, Gazzetta ufficiale della Repubblica federale di Germania) 2012, Parte I, n. 35 del 25 luglio 2012)

Il link si apre in una nuova finestrahttps://www.bmjv.de/SharedDocs/Gesetzgebungsverfahren/Archiv/Gesetz_zur_Foerderung_der_Mediation_und_anderer_Verfahren_der_au%C3%9Fergerichtlichen_Konfliktbeilegung.html

 


[1] Questioni correlate includono controversie in materia di regimi patrimoniali tra coniugi, adeguamenti dei diritti alla pensione, pagamenti di alimenti, costi della residenza coniugale e spese familiari.


La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata al rispettivo punto di contatto della Rete giudiziaria europea (RGE). Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea e l'RGE declinano ogni responsabilità per quanto riguarda le informazioni o i dati contenuti nel presente documento. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Ultimo aggiornamento: 04/11/2019