menu starting dummy link

Page navigation

menu ending dummy link

Divorzio - Finlandia

La versione originale in lingua finlandese di questa pagina è stata modificata di recente. La versione linguistica visualizzata è attualmente in fase di traduzione.
Il nuovo testo è stato già tradotto nelle lingue seguenti: inglese.

INDICE

1 Quali sono le condizioni per ottenere il divorzio?

Le istanze di divorzio sono trattate dai käräjäoikeus (tribunali di circoscrizione). L'istanza di divorzio può essere presentata da uno dei coniugi o da entrambi i coniugi.

Il divorzio può essere concesso dopo un periodo di riflessione di sei mesi. Tale periodo non è richiesto quando i coniugi hanno vissuto separatamente per almeno due anni prima della presentazione dell'istanza di divorzio.

2 Quali sono le cause del divorzio?

L'istanza non deve indicare le ragioni della richiesta di divorzio. I tribunali di circoscrizione non esaminano i rapporti tra i coniugi o i motivi alla base dell'istanza di divorzio. V. la risposta alla domanda n. 1.

3 Quali sono gli effetti giuridici di un divorzio per quanto riguarda:

3.1 i rapporti personali tra coniugi (ad esempio, il cognome)?

I coniugi mantengono i loro cognomi dopo il divorzio. Se uno dei coniugi ha cambiato cognome a seguito del matrimonio, lui o lei può chiedere di modificarlo dopo il divorzio.

3.2 la divisione dei beni dei coniugi?

La concessione del divorzio e la divisione dei beni sono questioni distinte. Sciolto il matrimonio, i coniugi possono concordare come dividere tra loro i beni o possono chiedere al giudice di nominare un esecutore. La regola generale prevede che tutti i beni dei coniugi siano divisi equamente. È possibile derogare alla regola generale sulla base di un accordo prematrimoniale. La divisione può anche essere rivista qualora il risultato possa altrimenti risultare irragionevole. Si può dare avvio alla divisione del patrimonio coniugale con l'inizio del periodo di riflessione.

3.3 i figli minori dei coniugi?

Questioni quali la custodia, l'abitazione, il mantenimento e i diritti di visita agli eventuali figli minori comuni dei coniugi possono essere definite congiuntamente alla richiesta di divorzio. V. le voci "Responsabilità dei genitori – Finlandia" e "Crediti alimentari– Finlandia".

3.4 l’obbligo alimentare nei confronti dell’altro coniuge?

Nel disporre il divorzio il giudice può, se richiesto, prevedere che uno dei coniugi sia tenuto a garantire il mantenimento all'altro, se ciò è reputato ragionevole. (V. la voce "Crediti alimentari – Finlandia".) Tuttavia, ciò accade di rado.

4 Cosa significa "separazione legale" in termini pratici?

L'ordinamento giuridico finlandese non riconosce la separazione giudiziale. In pratica, separazione significa che i coniugi vivono separatamente, a indirizzi diversi.

5 Quali sono le condizioni per la separazione legale?

V. la risposta alla domanda n. 4.

6 Quali sono gli effetti giuridici della separazione legale?

V. la risposta alla domanda n. 4.

7 Cosa significa "annullamento del matrimonio" in termini pratici?

Il diritto finlandese non comprende disposizioni relative all'annullamento del matrimonio. Tuttavia, il pubblico ministero ha il dovere d'intentare un'azione legale perché venga concesso immediatamente il divorzio, se risulta che i coniugi sono parenti stretti o se uno dei due, al momento della celebrazione delle nozze, era già vincolato da un altro matrimonio valido.

8 Quali sono le cause di annullamento del matrimonio?

V. la risposta alla domanda n. 7.

9 Quali sono gli effetti giuridici dell’annullamento del matrimonio?

V. la risposta alla domanda n. 7.

10 Vi sono procedure alternative stragiudiziali per risolvere questioni relative al divorzio senza adire l’autorità giudiziaria?

Le istanze di divorzio devono sempre essere presentate al tribunale di circoscrizione. La legge prevede però che i coniugi debbano anzitutto tentare di risolvere il loro conflitto mediante trattative, cercando di raggiungere un accordo; a tal fine, i coniugi possono chiedere l'assistenza di un consulente familiare della sosiaalilautakunta (commissione per gli affari sociali) del comune di residenza. Anche il giudice deve informare i coniugi che è disponibile un servizio di conciliazione familiare. Il consulente familiare cercherà di aiutare i coniugi a trovare un'intesa reciproca su come risolvere il conflitto familiare nel modo più soddisfacente per tutti i membri della famiglia. Il consulente familiare può anche assistere i coniugi nella conclusione di accordi e nell'avvio di altre procedure intese a comporre il conflitto. Il consulente è tenuto in particolare a salvaguardare la situazione di eventuali figli minori dei coniugi. La conciliazione ha sempre carattere volontario.

11 A quale autorità va presentata una domanda di divorzio/separazione legale/annullamento di matrimonio? Quali sono le formalità da rispettare e i documenti da allegare alla domanda?

I coniugi possono presentare un'istanza congiunta di divorzio o possono presentare istanza singolarmente. La richiesta di divorzio deve essere presentata per iscritto dinanzi al tribunale di circoscrizione del luogo in cui uno dei due coniugi ha la propria residenza. Le richieste di divorzio possono essere presentate personalmente o mediante un rappresentante. Esse possono essere trasmesse al tribunale di circoscrizione anche a mezzo posta, fax o e-mail.

12 Posso ottenere il patrocinio a spese dello Stato a copertura dei costi del procedimento?

È previsto il patrocinio a spese dello Stato per i casi di divorzio (V. la voce "Patrocinio a spese dello Stato – Finlandia".)

13 È possibile ricorrere in appello contro una decisione relativa alla pronuncia di divorzio/separazione legale/annullamento di matrimonio?

Le sentenze di divorzio possono essere impugnate dinanzi alla hovioikeus (corte d'appello).

14 Che cosa occorre fare per ottenere il riconoscimento in questo Stato membro, di una decisione di divorzio/separazione legale/annullamento di matrimonio pronunciata da un’autorità giudiziaria di un altro Stato membro?

Di regola, il riconoscimento di una sentenza di divorzio pronunciata in un altro Stato membro è disciplinato dal regolamento (CE) n. 2201/2003 del Consiglio. V. la voce "Divorzio - Diritto comunitario".

A norma di tale regolamento, le decisioni pronunciate in uno Stato membro sono riconosciute negli altri Stati membri senza che sia necessario il ricorso ad alcun procedimento. Tuttavia, ogni parte interessata può far dichiarare che la decisione deve essere o non può essere riconosciuta.

Le domande di delibazione delle sentenze sono trattate dai tribunali di circoscrizione.

Tuttavia, nelle cause di divorzio presentate nei paesi nordici, si applica la convenzione nordica sul matrimonio del 1931. I paesi dell'Unione europea firmatari di tale convenzione sono la Finlandia, la Svezia e la Danimarca. Una sentenza di divorzio pronunciata ai sensi di tale convenzione è valida in tutti i paesi nordici senza che ne sia necessaria una separata delibazione.

15 Qual è il giudice competente per l'opposizione al riconoscimento di una decisione relativa alla pronuncia di divorzio/separazione legale/annullamento di matrimonio pronunciata in un altro Stato membro? Quali procedure si applicano in questi casi?

La procedura è la stessa indicata nella risposta alla domanda n. 14.

16 Qual è la legge applicabile da parte del giudice nel quadro di una procedura di divorzio tra coniugi che non vivono in questo Stato membro o che sono di nazionalità diversa?

La legge finlandese si applica a tutte le istanze di divorzio presentate in Finlandia.


La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata al rispettivo punto di contatto della Rete giudiziaria europea (RGE). Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea e l'RGE declinano ogni responsabilità per quanto riguarda le informazioni o i dati contenuti nel presente documento. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Ultimo aggiornamento: 02/03/2018