Sulje

UUSI BETA-VERSIO ON NYT KÄYTETTÄVISSÄ!

Tutustu Euroopan oikeusportaaliin uuteen beta-versioon ja anna siitä palautetta!

 
 

menu starting dummy link

Page navigation

menu ending dummy link

Professioni legali - Estonia

Tämän sivun teksti on konekäännös, eikä sen laatua voida taata.

Konekäännöksen arvioitu laatutaso: Heikko

Onko käännös mielestäsi hyödyllinen?

Questa pagina contiene una panoramica dell'organizzazione delle professioni legali in Estonia.


Professioni legali

Professioni giuridiche — introduzione

Le professioni giuridiche in Estonia sono composte da:

  • pubblico ministero;
  • giudici;
  • giudice profuso;
  • giudici assistenti e cancellieri;
  • i sostenitori;
  • un notaio;
  • ufficiali giudiziari;
  • curatori fallimentari

Procuratori

Organizzazione

Il link si apre in una nuova finestraLa procura è un'agenzia governativa di competenza del ministero della Giustizia. Si compone di due livelli: l'ufficio del procuratore generale (in qualità di procuratore superiore) e quattro procure distrettuali.

L'area di lavoro dell'Ufficio del procuratore generale copre l'intera Estonia e le aree di lavoro delle procure distrettuali coincidono con quelle delle prefetture di polizia. La procura è guidata dal procuratore generale, nominato per cinque anni dal governo estone su proposta del ministro della Giustizia, sentito il parere della commissione giuridica del parlamento estone.

Ogni anno, in occasione della sessione primaverile del Parlamento, il procuratore generale presenta alla commissione costituzionale del Parlamento una panoramica dei risultati conseguiti nell'anno civile precedente riguardo ai compiti assegnati per legge alla procura.

Una procura distrettuale è diretta da un procuratore capo, che è anche nominato in carica per cinque anni dal ministro della Giustizia su proposta del procuratore generale.

In totale, in Estonia esistono otto tipi di procuratori: I procuratori della procura sono il procuratore capo, i procuratori principali, i procuratori e i procuratori aggiunti; i procuratori delle procure distrettuali sono procuratori di primo grado, procuratori superiori, procuratori specializzati, procuratori distrettuali e procuratori aggiunti.

Cfr. anche la Il link si apre in una nuova finestralegge sulla procura.

Ruolo e funzioni

Ai sensi della legge sulla procura:

  • partecipare alla pianificazione degli inseguimenti per la prevenzione e l'individuazione dei reati;
  • conduce procedimenti penali preliminari al processo, garantendone la legittimità e l'efficacia;
  • rappresenta la procura in tribunale;
  • assolve gli altri obblighi imposti per legge alla procura.

La procura svolge le sue funzioni ai sensi della legge sul pubblico ministero in modo indipendente.

In qualità di responsabile del procedimento penale, il procuratore guida l'organismo investigativo nella raccolta delle prove e decide se avviare un'azione penale nei confronti di una persona sulla base dei fatti accertati.

Ai sensi dello statuto della procura:
L'Ufficio del procuratore generale:

  • garantire la legalità e l'efficacia dei procedimenti penali preliminari e rappresentare l'azione penale dinanzi a tutti i tribunali a tutti i livelli di reati professionali, economici, militari, ambientali, antigiudiziari e di criminalità organizzata che sono transfrontalieri o che presentano un elevato interesse pubblico, crimini contro l'umanità e la sicurezza internazionale, crimini più gravi contro lo Stato, crimini commessi da pubblici ministeri e altri crimini ordinati dal procuratore generale;
  • analizza, controlla e consiglia le attività delle procure distrettuali, analizza e diffonde le pratiche giudiziarie e di azione penale;
  • adempie gli obblighi derivanti dalla cooperazione internazionale, compresa la partecipazione ai lavori di Eurojust;
  • partecipare all'elaborazione di progetti di atti, progetti di regolamenti e decreti governativi, nonché progetti di regolamenti e direttive del ministro della Giustizia che disciplinano le attività della procura;
  • partecipare all'elaborazione dei piani di sviluppo relativi alla procura e ai suoi compiti;
  • organizza le attività di pubbliche relazioni della Procura e informa il pubblico in merito alle attività della Procura;
  • organizza il personale e la formazione della procura e la questione della salute e della sicurezza sul lavoro per i funzionari e il personale, tiene registri del personale;
  • organizzare la gestione dei concorsi dei pubblici ministeri;
  • elabora il progetto di bilancio della Procura e garantisce un uso mirato delle risorse di bilancio;
  • organizzare l'amministrazione dei beni statali in possesso della procura;
  • svolge altre funzioni attribuitele dalla legge, una decisione del Riigikogu, un decreto del presidente della Repubblica, un regolamento e un'ordinanza del governo della Repubblica, nonché un regolamento e un'ordinanza del ministro della Giustizia.

Giudici

Organizzazione

Un giudice deve essere un cittadino estone che abbia conseguito un diploma di laurea magistrale in giurisprudenza riconosciuto a livello nazionale, una qualifica equivalente ai sensi dell'articolo28 (22) della legge sull'istruzione della Repubblica di Estonia o una qualifica straniera equivalente, abbia una buona padronanza dell'estone di livello avanzato, abbia un elevato carattere morale e possieda le capacità e le caratteristiche personali necessarie per esercitare la funzione di giudice. I giudici sono nominati a vita. Il ministro della Giustizia non ha alcun diritto di comando o di autorità disciplinare nei confronti dei giudici. Un giudice può essere rimosso dalle sue funzioni solo sulla base di una decisione giudiziaria entrata in vigore. I giudici possono esercitare le loro funzioni fino all'età di 67 anni, ma possono essere prorogati.

Non possono essere nominati giudici:

  • chiunque sia stato condannato per un reato;
  • persone rimosse dalla carica di giudice, notaio o ufficiale giudiziario;
  • persone espulse dall'ordine degli avvocati estone;
  • le persone che sono state dispensate dal servizio pubblico per un illecito disciplinare;
  • le persone in stato di fallimento;
  • persone le cui attività professionali di revisore contabile sono cessate, ad eccezione della cessazione su richiesta di un revisore;
  • persone che sono state private della qualifica di consulente in materia di brevetti, ad eccezione della privazione di qualifica sulla base della domanda di un consulente in materia di brevetti.
  • che sono stati privati della professione di traduttore giurato sulla base della clausola 28 (3) 3) della legge sui traduttori giurati.

Può essere nominata giudice di una contea o di un tribunale amministrativo una persona che, dopo aver conseguito il titolo pertinente, abbia maturato almeno cinque anni di esperienza giuridica o abbia svolto la funzione di consigliere o avvocato generale per almeno tre anni e sia passata o sia stata esentata dall'esame di un giudice.

Chiunque sia un avvocato esperto e riconosciuto e abbia superato l'esame di giudice può essere nominato giudice di un tribunale distrettuale. Chiunque abbia lavorato come giudice immediatamente prima della nomina non deve sostenere l'esame del giudice.

All'ufficio di giustizia della Corte suprema possono essere nominati avvocati esperti e riconosciuti.

I giudici sono nominati mediante concorso generale.

Un giudice può essere assunto solo in qualità di giudice, se non in qualità di insegnante o di ricerca. Un giudice deve informare il presidente del Tribunale di qualsiasi impiego diverso da quello di giudice. Qualsiasi impiego diverso da quello di giudice non deve compromettere l'esercizio delle funzioni ufficiali del giudice né l'imparzialità del giudice nell'amministrazione della giustizia. Un giudice non può essere membro del Riigikogu o membro di un consiglio comunale o comunale; un membro di un partito politico; fondatore, socio amministratore, membro del consiglio di amministrazione o di sorveglianza di una società o amministratore di una succursale di una società straniera; curatore fallimentare, membro della commissione per l'insolvenza o amministrazione obbligatoria di beni immobili; arbitro scelto dalle parti della controversia.

Un giudice può essere rimosso dalle sue funzioni solo con decisione giudiziaria. Le accuse penali a carico di un giudice di un tribunale di primo o di secondo grado possono essere promosse nel corso del suo mandato solo su proposta della Corte suprema en banc con il consenso del presidente della Repubblica. Le accuse penali contro una giustizia della Corte suprema possono essere intentate nel corso del suo mandato solo su proposta del Cancelliere della giustizia con il consenso della maggioranza del parlamento estone.

I requisiti applicabili ai giudici, ai loro servizi preparatori e ai loro obblighi sono stabiliti nella Il link si apre in una nuova finestralegge sui tribunali.

Ruolo e funzioni

La professione giudiziaria è disciplinata dalla legge. Un codice etico è stato adottato da tutti i giudici estoni riuniti (en banc). Maggiori informazioni sono disponibili sul sito dei Il link si apre in una nuova finestratribunali estoni e sul sito della Il link si apre in una nuova finestraCorte suprema.

Il ruolo di un giudice è amministrare la giustizia conformemente alla Costituzione e agli atti giuridici, in base ai quali il giudice decide una soluzione equa per le parti in causa. Un giudice elabora la legge interpretando gli atti giuridici e svolgendo attività di ricerca.

Il giudice esercita le sue funzioni ufficiali in modo imparziale senza interesse personale e osserva gli interessi di servizio anche al di fuori delle sue attività professionali. Un giudice deve comportarsi impeccabilmente sia all'interno che all'esterno delle sue attività professionali e astenersi da atti che possono nuocere alla reputazione del giudice. Un giudice non può divulgare informazioni di cui sia venuto a conoscenza nel corso di un'udienza tenutasi in privato o in discussioni tenute al momento del raggiungimento di una transazione. L'obbligo di riservatezza si applica in qualsiasi momento, anche dopo il pensionamento del giudice. Il giudice deve istruire i giudici di primo grado con meno di tre anni di servizio, quelli che svolgono un programma preparatorio per i giudici assistenti e gli studenti in formazione. Un giudice non può avere contemporaneamente più di due tutori. Un giudice è tenuto a sviluppare regolarmente le proprie conoscenze e competenze professionali e a partecipare alla formazione.

Garanzie sociali per i giudici

I giudici godono di diverse garanzie sociali per legge: stipendi, gratifiche, pensioni dei giudici, congedo dei giudici, vestiario e altre garanzie sociali.

La retribuzione di un giudice è stabilita Il link si apre in una nuova finestranella legge sugli stipendi ufficiali degli alti funzionari dello Stato.

La base per la determinazione della pensione del giudice è stabilita nella Il link si apre in una nuova finestralegge sui tribunali.

La pensione di un giudice è la pensione di anzianità di un giudice, la pensione di anzianità di un giudice, la pensione di invalidità di un giudice e la pensione di reversibilità di un membro della famiglia del giudice. La pensione di un giudice non è versata durante l'attività lavorativa di giudice. Se un giudice in pensione è impiegato altrove percepisce integralmente la pensione del giudice, indipendentemente dal reddito percepito. La pensione di un giudice non è versata a chiunque sia espulso dall'incarico per un reato disciplinare o condannato per un reato commesso intenzionalmente. La pensione di un giudice è revocata a chiunque sia stato condannato per un reato contro l'amministrazione della giustizia.

Il giudice ha diritto alle ferie annuali. Il congedo annuale è di 35 giorni di calendario e un congedo supplementare è concesso per un totale di sette giorni di calendario per il periodo di lavoro giudiziario alle condizioni descritte nella legge sui tribunali.

Giudici onorari

I giudici onorari partecipano all'amministrazione della giustizia nei tribunali provinciali solo nelle cause penali riguardanti un reato di primo grado. I giudici onorari hanno lo stesso status, diritti e doveri di un giudice nell'amministrazione della giustizia. Un cittadino estone di età compresa tra i 25 e i 70 anni, residente in Estonia, che abbia una conoscenza dell'estone di livello C1 o equivalente conformemente alla legge linguistica e possieda le caratteristiche morali adeguate per l'esercizio di un giudice profano può essere nominato giudice togato per un periodo di quattro anni. Un giudice non può essere nominato per più di due mandati consecutivi.

Nessuno può essere nominato giudice togato se: condannato per un reato; fallito; inidoneo per motivi di salute; avere la residenza permanente, vale a dire il cui indirizzo è iscritto nel registro anagrafico, per meno di un anno nel territorio del comune che lo ha nominato giudice togato; un tribunale, una procura o un servizio di polizia di sicurezza; servizio militare; avvocato, notaio o ufficiale giudiziario; Membro del governo della Repubblica; Membro di un governo comunale o comunale; Presidente della Repubblica; Deputato al parlamento estone. Chiunque sia accusato di un reato non può essere nominato giudice togato durante il procedimento penale.

In sostanza, il ruolo di un giudice profano è quello di rappresentare, nell'amministrazione della giustizia, la prospettiva di una persona ordinaria che considera un procedimento giudiziario più da un punto di vista umanitario che giuridico. I consigli degli enti locali sono responsabili dell'elezione dei candidati alla carica di giudice esperto.

Giudici assistenti e cancellieri

Un giudice aggiunto è un funzionario del tribunale che svolge le funzioni previste dalla legge. Il giudice assistente è indipendente, ma deve attenersi alle istruzioni di un giudice nella misura prevista dalla legge. Un giudice aggiunto è competente per l'iscrizione nei registri (ad esempio, il registro fondiario, il registro delle imprese) e per l'emanazione di regolamenti sulla tenuta dei registri, compresi i provvedimenti sanzionatori. I giudici assistenti possono attuare una procedura accelerata per gli ordini di pagamento. Le restrizioni all'esercizio della funzione di giudice si applicano anche ai giudici assistenti.

Una persona che abbia conseguito un titolo di master in diritto riconosciuto a livello nazionale, una qualifica corrispondente ai sensi dellasezione 28 (22) della legge sull'istruzione della Repubblica di Estonia, o una corrispondente qualifica straniera, una conoscenza dell'estone di livello C1 o equivalente conformemente alla legge linguistica, abbia un elevato carattere morale, abbia completato un programma preparatorio per giudici assistenti e non sia stata esentata dalla commissione giudicatrice, può essere nominata giudice aggiunto. Una persona che abbia superato l'esame di un giudice può anche essere nominata giudice aggiunto.

Non possono essere nominati giudici aggiunti: chiunque sia stato condannato per un reato; persone rimosse dalla carica di giudice, notaio o ufficiale giudiziario; persone espulse dall'ordine degli avvocati estone; le persone che sono state dispensate dal servizio pubblico per un illecito disciplinare; le persone in stato di fallimento; persone le cui attività professionali di revisore contabile sono cessate, ad eccezione della cessazione su richiesta di un revisore; persone che sono state private della qualifica di consulente in materia di brevetti, ad eccezione della privazione di qualifica sulla base della domanda di un consulente in materia di brevetti. alla quale è stato ritirato l'invito di un traduttore giurato sulla base della sezione 28 (3) (3) della legge sui traduttori giurati; chiunque sia stato rimosso dalle funzioni di giudice a causa della sua inidoneità all'esercizio delle funzioni, per tre anni dalla nomina.

I giudici assistenti sono nominati mediante concorso generale.

I requisiti per i giudici assistenti sono stabiliti nella Il link si apre in una nuova finestralegge sui tribunali.

Un cancelliere è un funzionario giudiziario che partecipa, in modo indipendente o sotto la supervisione di un giudice, alla preparazione e al trattamento delle cause nei limiti previsti dalla legge che disciplina la procedura giudiziaria. Un cancelliere ha il potere di compiere tutti gli stessi atti e di emettere le stesse sentenze di un giudice aggiunto o di un altro funzionario giudiziario ai sensi della legge che disciplina la procedura giudiziaria. Un cancelliere è indipendente nell'esercizio delle sue funzioni, ma deve attenersi alle istruzioni di un giudice nella misura prevista dalla legge.

I requisiti imposti ai cancellieri sono gli stessi di quelli imposti ai giudici assistenti. Un posto vacante di cancellieri è coperto mediante concorso pubblico.

Non possono essere nominati cancellieri: chiunque sia stato punito per un reato commesso intenzionalmente; chiunque sia stato punito per un reato commesso intenzionalmente contro lo Stato, indipendentemente dal fatto che gli estremi della condanna siano stati espuniti; qualsiasi persona il cui diritto di lavorare in qualità di assistente giudiziario sia stato revocato in forza di una sentenza giudiziaria avente forza di legge; chiunque sia il parente o il partner successivo di una persona che esercita direttamente il controllo su un cancelliere.

Oltre all'avvocato generaleParola(521 Kb) e algiudiceITaggiunto (373 Kb),iPDFcancellieri comprendono il direttoreITdella Corte (367 Kb) e il cancellierePDFper l'udienza (364ITKb). fileDownload.do?id=79497cee-fb0b-444e-94a0-401347158b4f

Avvocati

Gli avvocati comprendono gli avvocati e i loro assistenti.

Gli avvocati sono membri dell'ordine degli avvocati estone e sono disciplinati dalla legge sull'ordine degli avvocati. Chiunque soddisfi i requisiti previsti dalla legge sull'ordine forense e abbia superato l'esame dell'ordine degli avvocati può essere iscritto all'ordine degli avvocati estone.

L'ordine degli avvocati estone è un ordine professionale autonomo istituito per fornire servizi legali di interesse sia pubblico che privato e tutelare i diritti professionali degli avvocati. L'ordine degli avvocati estone controlla le attività professionali dei suoi membri e il rispetto dei requisiti di deontologia professionale. L'ordine degli avvocati estone organizza anche la formazione professionale continua degli avvocati e la concessione del patrocinio a spese dello Stato. Attraverso i suoi iscritti, l'ordine degli avvocati garantisce la concessione del patrocinio a spese dello Stato.

L'ordine degli avvocati estone agisce attraverso i suoi organi. Tra cui l'assemblea generale, il consiglio di amministrazione, il presidente, il comitato per il controllo interno e per la revisione contabile, il tribunale dell'onore e il comitato di valutazione dell'idoneità professionale.

Gli avvocati hanno l'autorità:

  • rappresentare e difendere i clienti in giudizio e in fase istruttoria e in altri procedimenti, sia in Estonia che all'estero;
  • raccogliere elementi di prova;
  • selezionare a proprio piacimento e utilizzare mezzi e misure leciti per la prestazione di servizi legali;
  • ottenere dalle autorità nazionali e locali le informazioni necessarie per prestare servizi legali, avere accesso ai documenti e ottenere copie ed estratti degli stessi, a meno che la legge vieti agli avvocati di ottenere tali informazioni e documenti;
  • tratta i dati personali di una persona diversa dal cliente ottenuti per contratto o per legge, comprese categorie particolari di dati personali, senza il suo consenso, qualora ciò sia necessario per la prestazione di un servizio giuridico;
  • verificare le firme e le copie dei documenti presentati al tribunale e ad altri organi ufficiali nell'ambito dei servizi legali forniti a un cliente;
  • prestare il servizio di una persona di contatto;
  • agire in qualità di arbitri o di conciliatori nell'ambito della procedura stabilita nell'atto di conciliazione;
  • agire in qualità di curatori fallimentari, se sono membri della Camera.

Gli assistenti degli avvocati hanno il potere di agire nei limiti previsti dalla legge.

Gli assistenti legali non sono autorizzati ad agire in qualità di arbitri o conciliatori nell'ambito della procedura stabilita nell'atto di conciliazione. Essi non hanno il potere di rappresentare o difendere i clienti dinanzi alla Corte suprema, salvo disposizione contraria prevista dalla legge. Gli assistenti legali non possono agire in qualità di amministratori fiduciari in caso di fallimento.

Un assistente legale può prestare servizi legali solo sotto la supervisione del suo patrocinatore, che è un avvocato.

Quando presta servizi giuridici, un avvocato agisce in modo indipendente e conformemente alla legge, agli atti giuridici e alle decisioni adottati dagli organi dell'ordine degli avvocati estone, ai requisiti di deontologia professionale degli avvocati, alle buone prassi e alla loro coscienza.

Le informazioni comunicate a un avvocato sono riservate. Un avvocato o un dipendente dell'ordine o di un ufficio legale che viene ascoltato in qualità di testimone non può essere interrogato o invitato a fornire spiegazioni su questioni di cui sia venuto a conoscenza nel corso della prestazione di servizi legali.

I supporti di dati relativi alla prestazione di servizi legali da parte di un avvocato sono inviolabili.

L'esercizio da parte di un avvocato delle sue funzioni professionali non può comportare l'identificazione di quest'ultimo con un cliente o con il procedimento giudiziario del cliente.

Un avvocato non può essere trattenuto, perquisito o arrestato per motivi professionali, se non sulla base di un'ordinanza emessa dal tribunale distrettuale. Un ufficio legale tramite il quale un avvocato presta servizi legali non può essere perquisito per motivi connessi all'attività professionale dell'avvocato.

Un elenco degli avvocati e degli uffici legali e altre informazioni utili sono disponibili sul sito web dell' Il link si apre in una nuova finestraordine degli avvocati estone. Lafunzione di "trovare un avvocato" consente tuttaviadi trovare un avvocato in tutta l'Unione europea.

Banche dati giuridiche

Non esistono banche dati diverse da quelle sopra elencate.

Consulenti legali

L'Estonia non dispone di avvocati o consulenti legali disciplinati dalla legge.

Notai

Organizzazione

Tutti i notai in Estonia hanno pari competenze. La professione di notaio è disciplinata Il link si apre in una nuova finestradalla legge sui notai. Il ministero della Giustizia e la Camera dei notai sono entrambi responsabili della regolamentazione e della gestione delle attività professionali dei notai. La Camera notarile è un'entità giuridica di diritto pubblico e tutti i notai nominati sono membri. I compiti di cui è responsabile comprendono il controllo dell'esercizio della professione da parte dei notai secondo criteri di coscienza e correttezza, l'armonizzazione delle attività professionali dei notai, l'organizzazione della formazione dei notai, l'organizzazione del servizio candidato, l'amministrazione e lo sviluppo del sistema elettronico di informazione sui notai, l'assistenza al ministro della Giustizia per quanto riguarda le attività di vigilanza, ecc. Il sito Internet della Camera dei notai fornisce informazioni sui notai e sulle Il link si apre in una nuova finestrafunzioni notarili.

Ruolo e responsabilità

Il notaio è titolare di una carica di diritto pubblico. Lo Stato ha il potere di attestare, su richiesta di persone, fatti e fatti aventi un significato giuridico, e di compiere altri atti notarili al fine di garantire la certezza del diritto.

I notai devono essere imparziali, affidabili e indipendenti nelle loro attività. Essi sono tenuti a verificare le reali intenzioni delle parti di un'operazione e le circostanze necessarie per l'esecuzione di un'operazione corretta e a spiegare alle parti le diverse modalità di esecuzione dell'operazione e le conseguenze dell'operazione.

I notai effettuano, su richiesta, i seguenti atti notarili:

  • fornire la certificazione notarile (vari contratti, atti di delega, testamenti) e l'autenticazione notarile (copie, firme, documenti stampati, ecc.);
  • regolare le questioni successorie;
  • Il rilascio, sulla base dell'articolo 60 e dell'allegato II del regolamento (UE) n. 1215/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio concernente la competenza giurisdizionale, il riconoscimento e l'esecuzione delle decisioni in materia civile e commerciale (GU L 351 del 20.12.2012, pag. 1-32), di un attestato relativo alla redazione di un atto notarile esecutivo in Estonia;
  • L'emissione, sulla base dell'articolo 59, paragrafo 1, e dell'allegato II del regolamento (UE) n. 650/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo alla competenza, alla legge applicabile, al riconoscimento e all'esecuzione delle decisioni e all'accettazione e all'esecuzione degli atti pubblici in materia di successioni e alla creazione di un certificato successorio europeo (GU L 201 dell' 27.07.2012, pagg. 107-134), il rilascio di un certificato relativo all'efficacia giuridica di un atto notarile in Estonia e il rilascio di un certificato relativo alla redazione di un atto notarile esecutivo in Estonia a norma dell'articolo 60, paragrafo 2, e dell'allegato II;
  • emissione, sulla base dell'articolo 48, paragrafo 3, e degli allegati III e IV del regolamento (CE) n. 4/2009 del Consiglio relativo alla competenza, alla legge applicabile, al riconoscimento e all'esecuzione delle decisioni e alla cooperazione in materia di obbligazioni alimentari (GU L 007 dell' 10.01.2009, pagg. 1-79), di un estratto dell'atto notarile da eseguire in Estonia;
  • dichiarare invalidi i documenti di autorizzazione ai sensi della legge sulla "Notarizzazione";
  • dichiarare esecutive le convenzioni concluse tramite un avvocato che agisce in qualità di conciliatore o tramite un altro notaio;
  • rilasciare certificati (apostille);
  • su richiesta delle persone giuridiche, presentare le loro relazioni finanziarie annuali al tribunale che tiene il registro;
  • confermare i matrimoni e i divorzi e preparare le iscrizioni al matrimonio e al divorzio;
  • accettare depositi di denaro, titoli e documenti;
  • consentire l'accesso ai dati iscritti nel registro del dipartimento catastale o del dipartimento di registrazione o a un documento conservato nel registro;
  • presentare avvisi e domande su richiesta di un'impresa, ricevere documenti o altre informazioni dalle autorità amministrative economiche e trasmettere un atto amministrativo a un'impresa;
  • iscrizione nel registro dei dati su richiesta dell'operatore economico;
  • fornitura di dati sulla titolarità effettiva su richiesta di una persona giuridica o di un fiduciario.

Il cliente deve pagare al notaio l'onorario previsto dalla legge per tali operazioni.

I notai possono offrire i seguenti servizi ufficiali:

  • consulenza legale al di fuori della procedura di attestazione;
  • consulenza in materia fiscale e di diritto straniero, nell'ambito o meno di una procedura di attestazione;
  • offrire la conciliazione ai sensi della legge sulla conciliazione;
  • Agire in qualità di arbitro sulla base del codice di procedura civile;
  • svolgimento di aste, votazioni, lotterie e aggiudicazione di lotti e verifica dei risultati;
  • assunzione di giuramento e autenticazione dei certificati giurati;
  • trasmettere le petizioni e le comunicazioni non attinenti alle funzioni ufficiali e rilasciare certificati relativi alla trasmissione o all'impossibilità di trasmettere tali petizioni e/o comunicazioni;
  • la prestazione del servizio di una persona di contatto;
  • accettare depositi di denaro — ad eccezione del contante — titoli, documenti e altri elementi se non si tratta di un atto notarile o di un compito ufficiale derivante da un atto notarile;
  • rispondere a una richiesta di spiegazione presentata da un'impresa

Informazioni sui servizi ufficiali offerti dai notai sono disponibili sul sito web dell'Ordine dei Il link si apre in una nuova finestranotai. Gli onorari dei notai sono concordati tra il cliente e il notaio prima della prestazione del servizio.

Altre professioni giuridiche

Ufficiali giudiziari

In Estonia si tratta di una professione legale liberale: gli ufficiali giudiziari agiscono per conto proprio e sono responsabili delle loro azioni. L'ufficiale giudiziario deve essere imparziale e responsabile nell'esercizio delle sue funzioni. Le attività ufficiali degli ufficiali giudiziari sono disciplinate dalla Il link si apre in una nuova finestralegge sugli ufficiali giudiziari.

Un'organizzazione professionale comune per gli ufficiali giudiziari e i curatori fallimentari, la Camera degli ufficiali giudiziari e i curatori fallimentari (in appresso "la Camera"), è operativa dal gennaio 2010. Le attività ufficiali degli ufficiali giudiziari, la loro supervisione, la loro responsabilità disciplinare e le attività delle associazioni professionali sono disciplinate dalla legge sugli ufficiali giudiziari. La Camera ha il compito di sviluppare e promuovere libere professioni legali, tra cui lo sviluppo e il controllo di buone prassi professionali e professionali, l'elaborazione di raccomandazioni per l'armonizzazione delle prassi professionali, l'organizzazione della formazione continua, lo sviluppo di sistemi di informazione, ecc. La Sezione dispone anche di una Corte di giustizia onoraria. Ulteriori informazioni sulle attività dell'emiciclo sono disponibili sul suo Il link si apre in una nuova finestrasito web.

Le mansioni professionali dell'ufficiale giudiziario sono:

  1. espletare le procedure di esecuzione conformemente al codice di procedura esecutiva;
  2. notificare o comunicare gli atti conformemente ai codici procedurali;
  3. effettuare inventari degli immobili e amministrare gli immobili conformemente alla legge sulle successioni;
  4. nei casi e secondo le modalità previste dalla legge, su richiesta di un organo giurisdizionale o amministrativo, lo svolgimento di un'asta al di fuori del procedimento esecutivo;
  5. intermediazione di alimenti esteri ai sensi della legge sulle prestazioni familiari (Family Benefits Act).

L'onorario dell'ufficiale giudiziario per l'espletamento di tali funzioni ufficiali è stabilito nella legge sugli ufficiali giudiziari.

Su richiesta di una persona, l'ufficiale giudiziario può prestare i seguenti servizi professionali:

  1. svolgimento di aste di beni mobili e immobili
  2. consegnare documenti;
  3. fornire consulenza giuridica e redigere documenti giuridici se la sua formazione è conforme alle disposizioni della sezione 47 (1) (1) della legge sui tribunali;
  4. fornire un servizio legale di accertamento dei fatti al di fuori dei procedimenti giudiziari;
  5. Agire in qualità di conciliatore conformemente all'atto di conciliazione;
  6. esercitare la funzione di arbitro ai sensi del codice di procedura civile.

Gli ufficiali giudiziari hanno il diritto di rifiutarsi di prestare un servizio professionale.

Le condizioni per la prestazione di servizi professionali e le modalità di remunerazione sono concordate per iscritto con il richiedente prima della prestazione del servizio. Le condizioni e la remunerazione concordate sono conformi alla buona pratica professionale.

Nell'ambito della prestazione di servizi professionali, gli ufficiali giudiziari non possono esercitare i diritti conferiti loro dalla legge per l'esercizio delle loro funzioni professionali o derivanti dalla loro funzione.

Le informazioni relative ai servizi prestati dagli ufficiali giudiziari sono disponibili sul sito web della Camera. Il link si apre in una nuova finestrahttp://www.kpkoda.ee/

Il controllo amministrativo delle attività degli ufficiali giudiziari è esercitato dal ministero della Giustizia e dalla Camera.

Gli ufficiali giudiziari sono responsabili dei danni causati illecitamente nell'esercizio delle loro attività professionali, anche nel caso in cui il danno sia stato causato da un dipendente del suo ufficio. Se le richieste di risarcimento dei danni causati dall'atto professionale di un ufficiale giudiziario non possono essere soddisfatte dal patrimonio di un ufficiale giudiziario o di qualsiasi altra persona responsabile del danno o se tali richieste non possono essere soddisfatte integralmente, la sezione è responsabile del danno causato. Lo Stato è responsabile in ultima istanza delle azioni degli ufficiali giudiziari. Sia la Camera che lo Stato hanno il diritto di regresso nei confronti del responsabile del danno; lo Stato ha anche il diritto di regresso nei confronti della Camera.

Curatori fallimentari

Il curatore fallimentare è una persona designata dal giudice che, in base al suo ruolo, effettua operazioni e altri atti relativi a un fallimento e rappresenta il debitore in giudizio nelle controversie relative a un fallimento. L'obbligo principale di un curatore fallimentare è quello di difendere i diritti e gli interessi di tutti i creditori e del debitore e di garantire procedure fallimentari legittime, rapide e finanziariamente ragionevoli. Il curatore fallimentare svolge personalmente le proprie funzioni. Possono agire in qualità di trustee in caso di fallimento le persone fisiche alle quali è stato conferito il mandato di amministratore in caso di fallimento da parte della Camera, degli avvocati, dei revisori legali dei conti e degli ufficiali giudiziari. La Camera tiene un elenco dei curatori fallimentari. L'elenco comprende dati su tutti coloro che sono legittimati ad agire in qualità di curatori fallimentari ed è accessibile al pubblico sul sito Internet della Camera. Un fiduciario iscritto nell'elenco deve assicurarsi che i dati siano esatti.

I principali compiti di un curatore fallimentare sono i seguenti:

  1. determinare i crediti dei creditori, amministrare la massa fallimentare e organizzare la costituzione e la vendita dell'eredità e il soddisfacimento dei crediti dei creditori al di fuori della massa fallimentare.
  2. determinare i motivi e la data dell'insolvenza del debitore;
  3. provvedere, ove necessario, al proseguimento delle attività commerciali del debitore;
  4. procedere, se necessario, alla liquidazione del debitore, se quest'ultimo è una persona giuridica;
  5. fornire informazioni ai creditori e al debitore nei casi previsti dalla legge;
  6. riferire in merito alle loro attività e fornire informazioni sulla procedura fallimentare al tribunale, al funzionario di vigilanza e al comitato fallimentare.

Il controllo amministrativo delle attività dei curatori fallimentari è esercitato dal ministero della Giustizia sulla base di reclami o di altri dati ad esso trasmessi riguardanti il fiduciario e che danno motivo di ritenere che il fiduciario non abbia adempiuto ai propri obblighi. Il ministero della Giustizia, quando controlla le attività di un fiduciario, ha il diritto di verificare l'adeguatezza e la legittimità delle attività professionali del fiduciario. Il Ministro della Giustizia può adottare misure disciplinari nei confronti di un trustee che non ottemperi agli obblighi derivanti dagli atti giuridici che stabiliscono l'attività professionale dei trustees fallimentari. Il ministro della Giustizia non può adottare misure disciplinari nei confronti degli avvocati che agiscono in qualità di trustee in caso di fallimento. Tuttavia, il Ministro ha il diritto di adire l'ordine degli avvocati.

Oltre al controllo amministrativo, le attività dei curatori fallimentari sono controllate anche dal comitato fallimentare, dall'assemblea generale dei creditori, dal tribunale e dalla sezione nella loro sfera di competenza.

Link correlati

Il link si apre in una nuova finestraMinistero della giustizia

Il link si apre in una nuova finestraOrganizzazione senza scopo di lucro Alleanza degli avvocati

Il link si apre in una nuova finestraFondazione Ufficio Servizi Giuridici

Il link si apre in una nuova finestraOrdine forense estone

Il link si apre in una nuova finestraProcura

Il link si apre in una nuova finestraCamera dei notai

Il link si apre in una nuova finestraRuolo degli ufficiali giudiziari e degli amministratori giudiziari


Questa è una traduzione automatica del contenuto. ll proprietario della pagina non si assume alcuna responsabilità circa la qualità della traduzione automatica del testo.

Ultimo aggiornamento: 02/10/2020