Chiudi

LA VERSIONE BETA DEL PORTALE È DISPONIBILE ORA!

Visita la versione BETA del portale europeo della giustizia elettronica e lascia un commento sulla tua esperienza sul sito!

 
 

menu starting dummy link

Page navigation

menu ending dummy link

Professioni legali - Irlanda

La versione linguistica visualizzata è attualmente in fase di traduzione.
Il nuovo testo è stato già tradotto nelle lingue seguenti: inglese.

La presente pagina contiene una panoramica delle professioni giuridiche in Irlanda.


Professioni legali

Professioni giuridiche - introduzione

Ai sensi dell’articolo 34 della Costituzione e di talune leggi speciali – in primis il Courts (establishment and Constitution) Act del 1961 e il Courts (Supplemental Provisions) Act del 1961 e successive modifiche – il potere giudiziario dello Stato è esercitato dalla magistratura. I giudici, che vengono nominati tra aspiranti candidati che già esercitano una professione giuridica, svolgono le proprie funzioni in completa autonomia. Tale indipendenza è garantita dalla Costituzione. La professione è esercitata dai solicitors (che curano il rapporto diretto con il cliente) e i barristers (che si occupano del contenzioso ed esercitano la professione di avvocato).

1. Giudici

Il comitato consultivo per la nomina dei giudici (Judicial Appointments Advisory Board) identifica e informa il governo dell’idoneità dei candidati ad essere nominati giudici. Il suddetto comitato è stato istituito ai sensi del Court and Courts Officers Act 1995. Il comitato svolge un ruolo di mera consulenza e la decisione sulla nomina spetta al governo. Esso è formato dal Chief Justice, dai presidenti della High Court, della Circuit Court, e della District Court, dal Procuratore generale, da rappresentanti designati del Consiglio generale forense (Bar Council) e dell’ordine professionale (Law Society), nonché da tre persone indicate dal ministro della Giustizia. I giudici sono nominati dal Presidente previo parere espresso dal Governo. I giudici sono indipendenti e sono soggetti soltanto alla Costituzione e alla legge. In base alla Costituzione, il numero di giudici viene stabilito di volta in volta dal legislatore.

La Supreme Court comprende il Chief Justice, che presiede la Corte e sette giudici ordinari col titolo di ‘Judge of the Supreme Court’. Il presidente della High Court è anche un membro ex officio della Supreme Court. La High Court comprende il presidente della High Court che è responsabile per l’organizzazione generale del lavoro della High Court e i giudici ordinari con il titolo di ‘giudice della High Court’. Il Chief Justice e il presidente della Circuit Court sono anche membri ex officio della High Court. La High Court comprende un presidente e 35 giudici. La Circuit Court comprende il presidente della Circuit Court e i giudici ordinari con il titolo di ‘Giudice della Circuit Court’. Il Presidente della District Court è inoltre ex officio membro della Circuit Court. La District Court comprende il presidente e altri giudici con il titolo di ‘giudice della District Court’. Gli stipendi dei giudici vengono fissati in base alla legislazione emanata di volta in volta.

I giudici sono nominati da professionisti (solicitors o barristers che esercitano da alcuni anni, ma non nella ricerca). Per la District Court, l’articolo 29 secondo comma del Courts Act 1961 (Supplemental Provisions) prevede che una persona che esercita come barrister o solicitor da almeno 10 anni può essere nominato giudice della District Court. L’articolo 30 del Courts and Courts Officers Act 1995 prevede che un solicitor o un barrister che ha esercitato per almeno 10 anni possa essere nominato giudice della Circuit Court. Il Courts and Courts Officers Act 2002 prevede che una persona che esercita come barrister o solicitor da almeno 12 anni possa essere nominato presso la High Court o la Supreme Court. Come affermato in precedenza i giudici sono indipendenti in quanto sono soggetti soltanto alla Costituzione e alla legge e al momento di assumere l’incarico dichiarano solennemente in base all’articolo 34.5.1 della Costituzione quanto segue:

“Al cospetto di Dio onnipotente prometto e dichiaro solennemente e sinceramente che eserciterò debitamente e fedelmente la funzione di Chief Justice (o secondo il caso) bene, fedelmente e al meglio della mia conoscenza e dei miei poteri senza timore, né favori, né sentimenti o animosità verso gli altri e che applicherò la Costituzione e le leggi. Che Dio mi guidi e mi sostenga.”

In base alla Costituzione i giudici della High Court e della Supreme Court possono essere rimossi dall’ufficio solo per comprovato abuso o incompetenza dopo che le risoluzioni siano passate attraverso entrambe le camere dell’Oireachtas (il parlamento irlandese ). Il Courts of Justice Act del 1924 e il Courts of Justice (District Court) Act del 1946 stabilisce analoghe disposizioni di legge per i giudici delle Circuit e District Courts.

2. L’Attorney General (procuratore generale) e il direttore della pubblica accusa

L’Attorney General è “il consigliere del Governo in materia di diritto e di questioni giuridiche” come stabilito all’articolo 30 della Costituzione. L’Attorney General è nominato dal Presidente su designazione del Taoiseach (il Premier irlandese) ed è tenuto a lasciare il suo incarico quando il Taoiseach si dimette. L’Attorney General è in genere un barrister che esercita e un Senior Counsel (avvocato “principale”). Non esiste una norma che stabilisce che l’Attorney General debba cessare l’esercizio della libera professione, ma è avvenuto così negli anni più recenti.

Nelle vesti di consigliere giuridico del governo l’Attorney General esamina tutti i progetti di legge che il governo intende sottoporre ad entrambe le Oireachtas (camere del Parlamento) in modo da essere convertite in legge. L’Attorney General inoltre dà il suo parere al governo su questioni internazionali come la ratifica di accordi internazionali. Un’altra funzione dell’Attorney General è quella di rappresentare il pubblico nella difesa dei diritti di quest’ultimo. Ciò avviene avviando procedimenti giudiziari o intervenendo opponendosi a determinate azioni. Anche se nominato dal Taoiseach, l’avvocato generale è indipendente dal governo. In base alla Costituzione, l’avvocato generale è sempre il principale difensore nei casi in cui venga contestata la costituzionalità delle leggi.

Prima del 1976, tutti i reati gravi venivano perseguiti in nome dell’Attorney General. La Costituzione prevede che tale incarico possa essere svolto da un’altra persona autorizzata per legge ad agire a tal fine. Le funzioni del direttore della pubblica accusa sono state istituite pertanto dall’articolo 2 del Prosecution of Offences Act 1974 che è entrato in vigore nel 1976 (con l’idea di dare a un funzionario indipendente da connessioni politiche questo tipo di incarico). Il direttore viene nominato dal governo, ma si tratta di un funzionario pubblico e come tale, a differenza dell’Attorney General, il direttore non decade dalla sua carica quando cade il governo. Ciò assicura continuità nel perseguimento dei reati. Anche la suddetta legge del 1974 prevede che il direttore della pubblica accusa sia indipendente nell’assolvimento delle proprie funzioni. Il direttore può essere rimosso dal governo, ma ciò avviene soltanto dopo che sia stata prodotta una relazione sulla sua salute o sul suo comportamento da un comitato che comprende il Chief Justice, un giudice della High Court e il direttore della pubblica accusa.

Il link si apre in una nuova finestraIl direttore della pubblica accusa (DPP: Director of Public Prosecutions) pertanto decide se una persona debba essere accusata di un grave reato e quale sia l’imputazione. Tutti i reati vengono perseguiti in nome del DPP ma la maggior parte dei reati meno gravi può essere perseguito dal Il link si apre in una nuova finestraGardaí (polizia irlandese) senza dover inviare il fascicolo al DPP. In questi casi, il DPP ha facoltà di dare il suo parere al Gardaí sul modo di agire nel caso in questione. Sebbene il DPP abbia assunto il ruolo dell’Attorney General nella persecuzione dei reati, quest’ultimo mantiene le sue funzioni in relazione ai casi di diritto internazionale come ad es. l’estradizione.

3. Funzionari del servizio giudiziario

I cancellieri (Court Registrars o Court Clerks) sono funzionari del servizio giudiziario (Courts Service).

I Court Clerks sono responsabili dell’amministrazione generale degli organi giudiziari. La funzione principale dei Court Registrars è di assistere il giudice nel corso delle udienze, garantendo l’efficacia della gestione amministrativa necessaria al funzionamento efficiente degli organi giudiziari.

Il servizio giudiziario (Courts Service) è un ente indipendente che ha iniziato la sua attività nel novembre 1999 ed è stato istituito dal Governo in base al Courts Service Act, 1998. Il Courts Service deve render conto al ministero della Giustizia (Minister for Justice and Equality) e, attraverso il Ministero, al Governo.

Il servizio giudiziario ha cinque incarichi:

  • gestire gli organi giudiziari;
  • fornire servizi ausiliari ai giudici;
  • informare il pubblico sul sistema giudiziario;
  • fornire, gestire e provvedere alla manutenzione degli edifici giudiziari;
  • fornire strutture e impianti per gli utenti degli organi giudiziari.

4 Lo Sheriff

In Irlanda ogni distretto (county) ha uno Sheriff : si tratta di un funzionario pubblico e parte delle sue funzioni consiste nel prelevare e vendere beni per pagare un debito in esecuzione di una sentenza emessa da un giudice. Gli Sheriff sono nominati in base al Court Officers Act 1945 e l’articolo 12, quinto comma, di tale legge limita la possibilità di nomina agli avvocati (barristers o solicitors) che hanno esercitato per cinque anni o a quelli che per almeno cinque anni hanno svolto le funzioni di coadiutore (managing clerk) o di assistente principale di un vice-sheriff o di uno sheriff. L’articolo 12, sesto comma, lettera g) della suddetta legge stabilisce che le condizioni in base alle quali ogni Sheriff svolge le sue funzioni (secondo le suddette disposizioni del Court Officers Act 1945) siano stabilite di volta in volta dal ministro delle finanze dopo aver consultato il ministro della giustizia.

5. Solicitors

The Law Society of Ireland ha il dovere di monitorare la formazione degli studenti che intendono diventare solicitors ed ha poteri dal punto di vista disciplinare sui solicitors abilitati. Per diventare solicitor, è necessario svolgere un tirocinio di tre anni ed aver seguito i corsi organizzati dalla Law Society of Ireland. Per essere ammessi ai corsi, è necessario avere un diploma di laurea o il suo equivalente (cosiddetto Preliminary Examination requirement: criterio di preselezione per l’ammissione all’esame). Per soddisfare tali requisiti, è necessario superare l’esame finale (Society’s Final Examination), che è diviso in tre parti: FE-1, FE-2 e FE-3. L’esame FE-1 consiste in otto materie fondamentali: Company Law, Constitutional Law, Contract Law, Criminal Law, Equity, European Community Law, the Law of Real Property and Tort Law (diritto societario, diritto costituzionale, diritto dei contratti, diritto penale, regole dell’Equity, diritto dell’UE, diritto immobiliare, diritto della responsabilità civile) Le altre due parti consistono in corsi specifici di orientamento professionale. L’ FE-2 è un corso di orientamento professionale della durata di 14 settimane e consiste in lezioni intensive seguite da un esame e 18 mesi di formazione in-house che fanno parte dell’apprendistato di uno studente. Il corso FE-3 o corso avanzato dura sette settimane e consiste in lezioni intensive seguite da un esame. Una volta completata questa parte, l’aspirante ha diritto ad essere ammesso all’albo dei solicitors. Ai sensi del S. 51 of the Solicitors (Amendment) Act 1994, i barristers possono diventare solicitors senza seguire l’intero programma di formazione prescritto per i praticanti solicitors.

Ogni solicitor che esercita è sottoposto ai poteri disciplinari della Law Society. Ai sensi dei Solicitors Acts emanati nel 1954 e 1994, il Disciplinary Tribunal of the Law Society ha facoltà di indagare sulle accuse di reati come ad esempio l’appropriazione indebita ed è prevista la possibilità di trasmettere gli atti al presidente della High Court che ha il potere di sospendere un solicitor dall’esercizio della professione e di revocare la sospensione. Il Disciplinary Tribunal ha il potere di esigere il rimborso dei fondi ai clienti nel caso in cui accerti che un solicitor abbia applicato tariffe eccessive.

Lo Statutory Instrument 732 of 2003, recependo la normativa delle Comunità europee del 2003 ha stabilito che gli avvocati di uno Stato membro che intendono esercitare attività professionali come barrister o solicitor devono presentare domanda d’iscrizione presso il Bar Council o la Law Society. La domanda viene presa in considerazione e se accolta può essere rilasciato un certificato d’iscrizione. Sull’eventuale ricorso contro il provvedimento di rigetto di una domanda emesso dal Bar Council o dalla Law Society si pronuncerà la High Court.

6. Barristers

La Honorable Society of King’s Inns organizza una formazione giuridica postuniversitaria sancita da un diploma di barrister-at-law, per coloro che intendono esercitare nel Bar (foro) termine che designa collettivamente tale professione. La King’s Inns è un’organizzazione senza scopo di lucro che funziona con la supervisione dei Benchers della Honorable Society of King’s Inns membri della magistratura e senior barristers. Presupposto dell’accesso alla formazione è un esame per i titolari del diploma di studi giuridici della King’s Inns o di un diploma di laurea in giurisprudenza. Il ciclo di formazione al termine del quale viene rilasciato il diploma di studi giuridici dura due anni (a tempo parziale) e quello che si conclude con il rilascio del certificato d’abilitazione di avvocato è un corso a tempo pieno o è organizzato in moduli della durata di due anni. Dopo aver completato con successo il ciclo, gli studenti sono invitati al “Bar” presso la Corte suprema dal “Chief Justice” e i barristers invitati sottoscrivono l’albo dei membri del foro dopo la cerimonia. Tuttavia, occorre espletare ulteriori formalità prima di poter esercitare un’attività remunerata.

I barristers devono essere membri della Law Library per poter esercitare. La Law Library è una biblioteca ove si possono consultare atti giuridici previo versamento di una quota per l’iscrizione annuale. Prima di diventare membro il barrister deve scegliere un “master” (si tratta di un barrister affermato con almeno cinque anni di esperienza). Nel periodo in cui viene seguito dal master (generalmente per un anno) il nuovo barrister ha l’appellativo di devil. Il master introduce il devil alle attività vere e proprie da barrister e chiederà in genere al devil di assisterlo nella redazione di atti giudiziari, o di effettuare ricerche giurisprudenziali e di rappresentarlo in udienza.

Il link si apre in una nuova finestraIl Consiglio generale del Foro d’Irlanda (che non è ente di diritto pubblico) supervisiona il comportamento dei barristers. Il Consiglio viene eletto annualmente dai membri del “Bar” e pubblica un codice di deontologia professionale, che viene modificato di volta in volta dai membri del Bar. Tale Codice definisce gli obblighi dei barristers.

Nel caso in cui un barrister venga accusato di violazioni del suddetto codice il comitato delle pratiche professionali (Professional Practices Committee of the Bar Council), che comprende anche personalità che non sono membri del Bar, apre un’inchiesta. Il Comitato ha il potere di infliggere ammende e note di biasimo e di sospendere o escludere un membro dalla Law Library. I ricorsi contro le suddette decisioni possono essere presentati presso l’Appeals Board, che comprende un giudice della Circuit Court e un membro non giurista.

Tradizionalmente un barrister doveva ricevere istruzioni da un solicitor e l’accesso diretto ai barristers era vietato. Tale prassi è stata esaminata dalla Fair Trade Commission la quale nella sua relazione del 1990 ha ritenuto che il divieto globale dell’accesso diretto costituisse una prassi restrittiva e dovesse essere eliminato dal codice deontologico. Tuttavia, tale commissione ha riconosciuto che in alcuni casi l’intervento di un solicitor restava auspicabile. Essa ha raccomandato che non ci fosse nessuna regola di diritto o di altro tipo che imponesse la presenza fisica di un solicitor presso il tribunale per dare istruzioni a un barrister. Tali raccomandazioni non sono state integralmente attuate, ma diverse modifiche sono state apportate al codice di deontologia per permettere un accesso diretto a talune associazioni professionali riconosciute.

I barristers possono essere avvocati junior o senior. La tradizione prescrive che i membri del foro possono esercitare in qualità di avvocati junior per diversi anni prima di poter divenire avvocati principali. Non si tratta di una promozione automatica e alcuni avvocati junior preferiscono non diventare mai avvocati senior. In genere la maggior parte dei barristers possono diventare avvocati senior dopo 15 anni di esercizio della professione. Coloro che intendono diventare avvocati senior presentano domanda presso l’Attorney general ma la nomina effettiva viene effettuata dal governo previo parere dell’Attorney general che garantisce altresì le connessioni con il Chief Justice, il Presidente della High Court e il presidente del Consiglio dell’ordine.

In generale, gli avvocati junior redigono e preparano le difese e rappresentano e difendono i clienti in alcune cause (essenzialmente dinanzi ai giudici di livello inferiori, ma non esclusivamente). Le funzioni di un avvocato senior comprendono l’esame delle bozze degli atti difensivi preparati da un avvocato junior e le difese delle cause più complesse dinanzi alla High e Supreme Court.

7. I county Registrars

I Il link si apre in una nuova finestraCounty registrars (ausiliari di cancelleria) sono solicitors affermati e sono nominati dal governo. Essi eseguono compiti di natura quasi giudiziaria legati all’attività di una Circuit court e sono responsabili dell’amministrazione degli uffici delle Circuit court.

Agiscono anche come County Sheriff (salvo che a Dublino e Cork).

8. Notai

I Notaries Public (notai) sono nominati dal Chief Justice nel corso di un’udienza pubblica. Il notaio assolve essenzialmente alle seguenti funzioni:

  • autenticazione degli atti;
  • attestazione e verifica delle firme sugli atti;
  • esecuzione dei protesti notarili rispetto ai documenti commerciali come ad es. tratte e pagherò cambiari, nonché atti concernenti il settore del diritto marittimo;
  • registrazione di deposizioni, dichiarazioni e (salvo che nell’ambito di azioni avviate dinanzi ai giudici irlandesi) affidavits.

Le candidature devono comprendere l’indicazione del luogo di residenza e la professione del candidato, il numero di notai nel distretto, la popolazione del distretto e le circostanze che dimostrano la necessità di un notaio e/o che comportano l’esistenza di una sede vacante. La domanda dev’essere verificata da una dichiarazione sotto giuramento del candidato alla quale viene allegato un certificato di idoneità generalmente firmato da sei solicitors locali e sei responsabili delle comunità commerciali locali. La candidatura viene presentata al Chief Justice con un Notice of Motion e si procede alla notifica da parte del Supreme Court Office on the Registrar of the Faculty of Notaries Public in Ireland, alla segreteria della Law Society e a tutti i notai che esercitano nei distretti del candidato, nonché ai distretti contigui.

La prassi generalmente è di nominare esclusivamente solicitors come Notaries Public. Quando una persona che non è un solicitor, presenta domanda per divenire notaio, la Law Society chiede che il candidato si impegni dinanzi al Chief Justice a non redigere atti immobiliari o ad esercitare attività che generalmente competono ai solicitors. Tutti i candidati devono anzitutto superare un esame organizzato dalla Facoltà irlandese dei notai prima di essere nominati notai.

Note:

Qualsiasi questione relativa al regime attuale di remunerazione dell’ Attorney General, del Director of Public Prosecutions, dei cancellieri e degli Sheriffs può essere sottoposta:

  • Il link si apre in una nuova finestraper email o
  • spedita per posta al seguente indirizzo:
    Human Resources,
    Department of Finance,
    Merrion Street,
    Dublin 2.

I barristers sono lavoratori autonomi e con redditi che variano notevolmente.

I solicitors possono essere lavoratori autonomi nel caso in cui possiedano il proprio studio legale o stipendiati e i loro redditi variano ugualmente in modo significativo.

I notai fatturano le spese per ciascun atto autenticato. Non esiste una normativa che regola tali spese ma i notai fatturano (generalmente su base oraria) le spese per spostamenti e l’importo che un professionista fatturerebbe per il servizio offerto.


La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Ultimo aggiornamento: 20/11/2018