Percorso di navigazione

menu starting dummy link

Page navigation

menu ending dummy link

Controversie in materia di alimenti

Se si intende fare domanda per gli assegni alimentari, ad esempio chiedendo un pagamento mensile per le prestazioni alimentari versate ai figli di un genitore che non vive con il figlio, il diritto dell'UE permette di rivolgervi ai giudici del vostro Stato di residenza per determinare l'obbligo del debitore di corrispondere gli alimenti e fissarne l'importo. La decisione del giudice sarà facilmente riconosciuta negli altri Stati membri dell'Unione europea.


Rete Giudiziaria Europea in materia civile e commerciale

Per maggiori informazioni, selezionare una delle bandierine a destra dello schermo.

Nuove disposizioni dal giugno 2011

Dal 18 giugno 2011, si applicano Il link si apre in una nuova finestranuove disposizioni in materia di assegni alimentari. Esse continuano a garantire la tutela giurisdizionale del creditore di alimenti consentendogli di citare il debitore davanti al giudice del proprio Stato di residenza. Inoltre, nella maggior parte dei casi, il Il link si apre in una nuova finestraprotocollo dell'Aia del 2007 determina la legge applicabile alle obbligazioni alimentari e qualunque decisione in materia di alimenti emessa dai giudici degli Stati membri circolino liberamente all'interno dell'Unione europea potrà essere eseguita in tutti gli Stati membri senza ulteriori formalità. Infine, i creditori e debitori di alimenti beneficiano di un'assistenza amministrativa fornita dagli Stati membri.

Le nuove disposizioni si applicano in tutti i 28 Stati membri, Danimarca compresa sulla base dell'accordo tra la Comunità europea e il Regno di Danimarca concernente la competenza giurisdizionale, il riconoscimento e l'esecuzione delle decisioni in materia civile e commerciale, firmato il 19 ottobre 2005. Tuttavia, alla Danimarca non si applicano alcune norme, in particolare, quelle sulla legge applicabile e sulla cooperazione tra autorità centrali.

Se l'assegno alimentare è dovuto o va a beneficio di un soggetto che vive in un paese al di fuori dell'UE la Il link si apre in una nuova finestraConvenzione sull'esazione internazionale di prestazioni alimentari nei confronti di figli e altri membri della famiglia e il Il link si apre in una nuova finestraProtocollo dell'Aia relativo alla legge applicabile alle obbligazioni alimentari può essere di aiuto nell'ottenere l'assegno alimentare in paesi al di fuori dell'UE che sono parti contraenti di questi strumenti internazionali. La convenzione è entrata in vigore per l'UE nei confronti di paesi terzi sono parti di tale convenzione il 1º agosto 2014.

Modulo facoltativo per dichiarare gli assegni alimentari arretrati

Al fine di facilitare l'applicazione pratica del regolamento sulle obbligazioni alimentari, e l'effettivo esercizio dei diritti dei cittadini in tutta l'UE, la rete giudiziaria europea in materia civile e commerciale ha elaborato un modulo standard non obbligatorio sulla dichiarazione degli arretrati degli assegni alimentari.

Questo modulo non obbligatorio intende facilitare il recupero di assegni alimentari arretrati ed è disponibile in 23 lingue. Il modulo è accompagnato da una guida pratica per la sua compilazione in allegato. Il modulo è disponibile nei seguenti formati: PDFPDF(878 Kb)it, PDF modificabilePDF(1025 Kb)it e XLSExcel(209 Kb)it.


Questa pagina è a cura della Commissione europea. Le informazioni contenute in questa pagina non riflettono necessariamente il parere ufficiale della Commissione europea. La Commissione declina ogni responsabilità per quanto riguarda le informazioni o i dati contenuti nel presente documento. Si rinvia all'avviso legale per quanto riguarda le norme sul copyright per le pagine europee.

Ultimo aggiornamento: 13/04/2015