Percorso di navigazione

menu starting dummy link

Page navigation

menu ending dummy link

Controversie in materia di alimenti

Versione massimizzata Stampa

Per ottenere gli alimenti, ad esempio per richiedere a carico di un genitore che non vive con i figli un assegno mensile per prestazioni alimentari nei confronti dei figli, la normativa dell'UE prevede che si possa ricorrere a un giudice del proprio Stato di residenza per determinare l'obbligo del debitore di corrispondere gli alimenti e fissarne l'importo. La decisione del giudice sarà facilmente riconosciuta negli altri Stati membri dell'Unione europea.


Per maggiori informazioni cliccare Il link si apre in una nuova finestraqui (sarete indirizzati alla pagina corrispondente della rete giudiziaria europea in materia civile e commerciale).

Nuove disposizioni dal giugno 2011

Dall'18 giugno 2011 si applicheranno Il link si apre in una nuova finestranuove disposizioni in materia di alimenti. Esse continueranno a garantire la tutela giurisdizionale del creditore di alimenti consentendogli di citare il debitore davanti al giudice del proprio Stato di residenza. Inoltre, qualunque decisione in materia di alimenti emessa dai giudici degli Stati membri circolerà liberamente all'interno dell'Unione europea e potrà essere eseguita in tutti gli Stati membri senza ulteriori formalità. Infine, i creditori e i debitori di alimenti beneficeranno di un'assistenza amministrativa fornita dagli Stati membri.

Se gli alimenti sono dovuti da o a una persona residente in uno Stato non appartenente all'UE, la Il link si apre in una nuova finestraconvenzione sull'esazione internazionale di prestazioni alimentari nei confronti di figli e altri membri della famiglia e il Il link si apre in una nuova finestraprotocollo relativo alla legge applicabile alle obbligazioni alimentari possono permettere l'esazione degli alimenti in Stati non appartenenti all'UE che siano parti contraenti della suddetta convenzione.


Questa pagina è a cura della Commissione europea. Le informazioni contenute in questa pagina non riflettono necessariamente il parere ufficiale della Commissione europea. La Commissione declina ogni responsabilità per quanto riguarda le informazioni o i dati contenuti nel presente documento. Si rinvia all'avviso legale per quanto riguarda le norme sul copyright per le pagine europee.

Ultimo aggiornamento: 07/06/2013