Chiudi

LA VERSIONE BETA DEL PORTALE È DISPONIBILE ORA!

Visita la versione BETA del portale europeo della giustizia elettronica e lascia un commento sulla tua esperienza sul sito!

 
 

Percorso di navigazione

menu starting dummy link

Page navigation

menu ending dummy link

Giurisprudenza degli Stati membri - Irlanda

La versione originale in lingua inglese di questa pagina è stata modificata di recente. La versione linguistica visualizzata è attualmente in fase di traduzione.

La presente sezione contiene una panoramica della giurisprudenza irlandese, nonché una descrizione delle banche dati giurisprudenziali pertinenti con i relativi link


La giurisprudenza si costruisce sui precedenti, ossia sulla prassi decisionale anteriore. In talune circostanze, se i fatti del caso di specie sono simili, le decisioni precedenti possono essere vincolanti per un altro giudice. Di regola accade che le pronunce dei tribunali inferiori si uniformino a quelle dei tribunali di grado più elevato. La giurisprudenza si basa su due principi, quello dello stare decisis e quello della res judicata. Lo stare decisis è un principio in forza del quale il giudice è obbligato a conformarsi alla decisione adottata in una precedente sentenza, mentre quello della res judicata indica la definitività della pronuncia. La giurisprudenza è pubblicata in Internet.

Giurisprudenza on line

Presentazione delle decisioni

I cittadini possono accedere a gran parte delle sentenze pronunciate dai tribunali irlandesi

consultando gratuitamente la giurisprudenza pubblicata sul sito Internet del Il link si apre in una nuova finestraServizio di cancelleria dei tribunali irlandesi.,

per quanto riguarda le sentenze emesse dalla Corte suprema, dalla Corte d’appello penale e dall’Alta Corte. La giurisprudenza della Corte suprema irlandese è disponibile anche sul sito Internet della Corte stessa (Il link si apre in una nuova finestrahttp://www.supremecourt.ie/).

La giurisprudenza della Corte suprema è disponibile a partire dal 2001, mentre quella della Corte d’appello penale e dell’Alta Corte a decorrere dal 2004.

Inoltre, è possibile consultare gratuitamente le sentenze emesse dalla Corte suprema, dalla Corte d’appello penale e dell’Alta Corte accedendo alla banca dati del Il link si apre in una nuova finestraBAILII (British and Irish Legal Information Institute – Istituto britannico e irlandese di informazioni giuridiche) e dell’Il link si apre in una nuova finestraIRLII (Irish Legal Information Initiative – Iniziativa irlandese di informazione giuridica).

La giurisprudenza pubblicata sul sito Internet del BAILII comprende:

Norme in materia di pubblicazione

Sia a livello nazionale che a livello dei tribunali mancano norme vincolanti relative alla pubblicazione della giurisprudenza. Per quanto riguarda la Corte suprema, la pubblicazione è prevista per tutte le sentenze rinviate (ossia per quei casi in cui il giudice/tribunale ha effettuato una sospensione per un certo periodo di tempo per considerare e scrivere la sentenza).

Le sentenze ex tempore sono pubblicate solo se contengono uno specifico punto di diritto o se il giudice dispone specificamente in tal senso. In questi casi il tribunale non dispone alcuna sospensione della sentenza prima di emetterla.

I contenuti delle pronunce giudiziali disponibili su Internet non sono pubblicati in forma anonima, salvo diversamente previsto dalla legge o disposto dal giudice. La legge prevede che alcune cause non siano esaminate pubblicamente e determinate disposizioni legislative vietano di rivelare il nome della vittima. Nelle sentenze relative a tali cause i nomi restano anonimi.

Restano anonime anche tutte le sentenze relative alle cause giudicate in camera di consiglio e contenenti i dati personali di una delle parti o di un testimone.

Prima di essere pubblicate su Internet le sentenze venivano distribuite su carta:

  • a tutti i giudici
  • alle raccolte giuridiche
    • del procuratore generale
    • dell’avvocato generale
  • a una serie di pubbliche amministrazioni.

Link correlati

Il link si apre in una nuova finestraServizio di cancelleria dei tribunali irlandesi


La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Ultimo aggiornamento: 12/01/2012