Chiudi

LA VERSIONE BETA DEL PORTALE È DISPONIBILE ORA!

Visita la versione BETA del portale europeo della giustizia elettronica e lascia un commento sulla tua esperienza sul sito!

 
 

Percorso di navigazione

menu starting dummy link

Page navigation

menu ending dummy link

Diritto degli Stati membri - Bulgaria

La versione originale in lingua bulgaro di questa pagina è stata modificata di recente. La versione linguistica visualizzata è attualmente in fase di traduzione.

Questa pagina offre informazioni sull'ordinamento giuridico bulgaro e una panoramica del diritto bulgaro.


Fonti del diritto

Fonti del diritto nazionale

Le fonti del diritto comprendono

  • la Costituzione della Repubblica di Bulgaria (prom. GU n. 56/13 luglio 1991, modif. GU n. 85/26 settembre 2003, GU n. 18/25 febbraio 2005, GU n. 27/31 marzo 2006, GU n. 78/26 settembre 2006 - sentenza della Corte costituzionale n. 7/2006, GU n. 12/6 febbraio 2007),
  • atti legislativi e
  • regolamenti.

La giurisprudenza non è una fonte formale del diritto, ma costituisce un punto di riferimento autorevole.

Fonti del diritto europee e internazionali

Una delle principali fonti del diritto in Bulgaria è la normativa dell'Unione europea.

I trattati internazionali negoziati tra la Bulgaria e Stati terzi fanno parte dell'ordinamento giuridico interno.

I trattati internazionali ratificati conformemente alla procedura costituzionale, promulgati e entrati in vigore in Bulgaria diventano parte della legislazione nazionale. Tali atti hanno la preminenza su eventuali disposizioni contrarie della legislazione nazionale.

Tutti gli atti legislativi devono essere promulgati ed entrare in vigore tre giorni dopo la data di pubblicazione, salvo se diversamente previsto negli atti stessi.

Tipi di atti normativi - descrizione

Gli strumenti scritti comprendono la Costituzione della Repubblica di Bulgaria, i trattati internazionali, gli strumenti legislativi e i regolamenti (decreti, regolamenti, ordinanze, norme, istruzioni e ordini).

La Costituzione della Repubblica di Bulgaria è la norma di grado più elevato. Stabilisce l'organizzazione, i principi, le competenze e i doveri delle istituzioni statali, oltre che i diritti e i doveri dei cittadini.

Una legge è un atto normativo che disciplina o interpreta (sulla base della Costituzione) le relazioni sociali suscettibili di regolamentazione duratura, secondo l'oggetto o gli oggetti di uno o più istituti giuridici o loro suddivisioni. Per maggiori informazioni si veda l'articolo 3 della legge sugli atti normativi della Repubblica di Bulgaria.

Tutti gli atti legislativi devono essere promulgati ed entrare in vigore tre giorni dopo la data di pubblicazione, salvo se diversamente previsto negli atti stessi.

Il Consiglio dei ministri emana un decreto quando approva regolamenti, ordinanze o istruzioni e quando emana regolamenti intesi a stabilire disposizioni sociali non disciplinate nell'ambito della sua attività esecutiva e normativa. Per maggiori informazioni si veda l'articolo 6 della legge sugli atti normativi della Repubblica di Bulgaria.

Un regolamento è un atto normativo emanato per dare attuazione a una legge nella sua integralità. Provvede all'organizzazione degli enti statali e locali o all'organizzazione interna delle loro attività.

Un'ordinanza è un atto normativo emanato per dare attuazione ad alcune disposizioni o altre sezioni di un atto normativo di rango superiore.

Un'istruzione è un atto normativo con il quale un organo superiore impartisce istruzioni a organi subordinati in merito all'attuazione di un atto normativo di cui è tenuto ad assicurare l'applicazione.

Sono altresì importanti altre fonti non scritte, quali la consuetudine e i principi generali del diritto.

Le decisioni interpretative delle corti supreme possono essere considerate fonti secondarie del diritto.

Le sentenze della Corte costituzionale devono essere pubblicate nella gazzetta ufficiale entro quindici giorni dalla data alla quale sono state emesse. Una sentenza deve entrare in vigore tre giorni dopo la sua promulgazione. Ogni atto dichiarato incostituzionale cessa di applicarsi alla data di entrata in vigore della corrispondente sentenza. Le parti di un atto normativo non dichiarate incostituzionali restano in vigore.

Gerarchia delle fonti

La Costituzione della Repubblica di Bulgaria è la legge suprema. La Costituzione non stabilisce espressamente la preminenza del diritto dell'UE, sebbene quest'ultimo sia considerato superiore alla legislazione nazionale.

A norma dell'articolo 5, paragrafo 4 della Costituzione, i trattati internazionali ratificati conformemente alla procedura costituzionale, promulgati e entrati in vigore nella Repubblica di Bulgaria diventano parte della legislazione nazionale. Tali trattati hanno la preminenza su eventuali disposizioni contrarie della legislazione nazionale.

Gli strumenti legislativi si collocano al livello successivo.

Il potere esecutivo ha la facoltà di emanare atti normativi quali decreti, ordinanze, risoluzioni, norme, regolamenti, istruzioni e ordini.

Quadro istituzionale

Istituzioni preposte all'adozione degli atti normativi

Il potere legislativo è conferito all'Assemblea nazionale che può approvare, modificare, integrare e abrogare le leggi.

Per dare attuazione alle leggi, il Consiglio dei ministri adotta decreti, ordinanze e risoluzioni. I ministri emanano norme, regolamenti, istruzioni e ordini.

Riguardo gli strumenti internazionali, il Consiglio dei ministri conclude trattati internazionali se autorizzato in tal senso dalla legge. L'Assemblea nazionale ratifica (o respinge) i trattati internazionali che:

  • sono di carattere politico o militare;
  • riguardano la partecipazione della Repubblica di Bulgaria a organizzazioni internazionali;
  • prevedono modifiche dei confini della Repubblica di Bulgaria;
  • contengono obblighi per il Tesoro;
  • prevedono la partecipazione dello Stato ad arbitrati o procedimenti giudiziari internazionali;
  • riguardano i diritti umani fondamentali;
  • incidono sull'azione di legge o richiedono nuovi atti legislativi per essere applicati;
  • richiedono espressamente una ratifica;
  • conferiscono all'Unione europea competenze derivanti dalla Costituzione.

Processo decisionale

Adozione della Costituzione

Una Grande Assemblea nazionale, composta da 400 membri, adotta, se necessario, una nuova Costituzione.

Per maggiori informazioni si veda l'articolo 158, paragrafo 1 della Costituzione della Repubblica di Bulgaria.

L'Assemblea nazionale ha la facoltà di modificare tutte le disposizioni della Costituzione fatta eccezione per quelle che sono di competenza esclusiva della Grande Assemblea nazionale. Una modifica costituzionale richiede la maggioranza dei tre quarti dei voti di tutti i membri dell'Assemblea nazionale, in tre votazioni effettuate in tre giorni diversi. Una modifica della Costituzione è firmata e pubblicata nella gazzetta ufficiale dal presidente della Grande Assemblea nazionale entro sette giorni dalla sua approvazione.

Iniziativa legislativa

A norma dell'articolo 87 della Costituzione, ogni membro dell'Assemblea nazionale o del Consiglio dei ministri ha diritto di presentare un progetto di legge.

La procedura di adozione di un progetto di legge da parte dell'Assemblea nazionale prevede due letture. Durante la prima lettura, il progetto di legge è discusso nella sua integralità. I parlamentari possono presentare per iscritto, entro il termine stabilito dall'Assemblea nazionale, proposte di emendamento di un progetto di legge adottato in prima lettura. L'Assemblea nazionale discute il progetto di legge in modo dettagliato e lo adotta in seconda lettura. Il progetto di legge adottato è inviato al Presidente della Repubblica di Bulgaria che firma un decreto per la sua promulgazione. L'atto è pubblicato nella gazzetta ufficiale ed entra in vigore dopo tre giorni, a meno che il relativo testo non stabilisca un termine diverso.

Banche dati giuridiche

La gazzetta ufficiale è disponibile gratuitamente sul sito Internet della Il link si apre in una nuova finestraGazzetta ufficiale. L'edizione on-line contiene le leggi promulgate dall'Assemblea nazionale, i decreti del Consiglio dei ministri, i trattati internazionali, altri atti giuridici, nonché tutti gli avvisi di appalti pubblici e concessioni.

Le banche dati giuridiche di tipo commerciale, quali Il link si apre in una nuova finestraApis, Il link si apre in una nuova finestraCiela e la Il link si apre in una nuova finestraJuridical Encyclopaedia, offrono un'ampia gamma di informazioni giuridiche, ma non sono gratuite.


La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Ultimo aggiornamento: 17/12/2018