Sulge

PORTAALI BEETAVERSIOON ON NÜÜD KÄTTESAADAV!

Külastage Euroopa e-õiguskeskkonna portaali beetaversiooni ja andke meile selle kohta tagasisidet!

 
 

Navigatsioonitee

menu starting dummy link

Page navigation

menu ending dummy link

Diritto degli Stati membri - Spagna

See lehekülg on masintõlgitud ja selle kvaliteet ei ole tagatud.

Tõlke hinnanguline kvaliteet: keskmine

Kas Teie arvates on see tõlge kasulik?

Questa pagina fornisce informazioni sull'ordinamento giuridico spagnolo e una panoramica del sistema giuridico spagnolo.


Fonti dell'ordinamento giuridico spagnolo

Le fonti del diritto spagnolo sono definite all'articolo 1 del codice civile:

  1. Le fonti del sistema giuridico spagnolo sono la legge, i principi doganali e i principi generali del diritto.
  2. Le disposizioni che sono in contrasto con una norma di rango superiore non sono valide.
  3. L'usanza si applica solo in assenza di una legge applicabile, a condizione che non sia contrario al buon costume o all'ordine pubblico e sia dimostrata.
  4. Una pratica giuridica che non si limiti ad un'interpretazione di una dichiarazione di dolo è considerata consuetudine.
  5. I principi generali del diritto si applicano in mancanza di leggi o consuetudini, ferma restando la loro natura giuridica.
  6. Le norme giuridiche contenute nei trattati internazionali non possono essere applicate direttamente in Spagna fino a quando non siano divenute parte del diritto nazionale mediante la pubblicazione integrale nella Gazzetta ufficiale dello Stato.
  7. La giurisprudenza completerà l'ordinamento giuridico con la dottrina che la Corte suprema definisce costantemente nell'interpretazione e nell'applicazione delle leggi, dei principi doganali e dei principi generali del diritto.
  8. I giudici e i giudici, che sono soggetti unicamente alla Costituzione e allo Stato di diritto, hanno un dovere imperativo di risolvere i casi dinanzi ad essi pendenti, secondo il sistema di fonti stabilito".

Tipi di norme

Costituzione: La legge suprema dello Stato, alla quale sono soggette tutte le autorità pubbliche e i cittadini. Qualsiasi disposizione o atto contrario alla Costituzione non è valido. Esso si articola in due parti distinte quanto al suo contenuto: la parte dogmatica e b) la parte organica.

Trattati internazionali: un accordo scritto concluso tra talune persone di diritto internazionale e disciplinato da tale legge, che può consistere in uno o più strumenti giuridici correlati, il cui nome è irrilevante. I trattati internazionali validamente conclusi, una volta formalmente pubblicati in Spagna, fanno parte della legislazione nazionale.

Statuti di autonomia: Norma istituzionale di base spagnola di una comunità autonoma, riconosciuta dalla Costituzione spagnola del 1978 e approvata dalla legge organica. Contiene almeno il nome della Comunità, la definizione dei territori, il nome, l'organizzazione e la sede delle istituzioni autonome e i poteri assunti. Gli statuti di autonomia non sono espressione di sovranità o di Costituzione, in quanto non derivano da un potere costituzionale originario (privo dei territori costituiti nelle comunità autonome), ma devono essere riconosciuti dallo Stato senza poter opporsi in alcun modo al principio di autonomia.

  • Diritto: esistono vari tipi di leggi.
  • Diritto biologico: quelli relativi allo sviluppo dei diritti fondamentali e delle libertà pubbliche, di quelli adottati dagli statuti di autonomia e del regime generale ed elettorale previsti dalla Costituzione.
  • Il diritto comune. Quelli che disciplinano questioni che non sono soggette al diritto biologico.
  • Decreto legislativo: essi comportano la delega da parte delle Cortes Generales del governo del potere di stabilire norme con lo status di legge su questioni specifiche.
  • Decreto legge: le disposizioni legislative provvisorie emesse dal governo in caso di eccezionale e urgente necessità e non possono pregiudicare la legislazione delle istituzioni statali di base, i diritti, i doveri e le libertà dei cittadini disciplinati dal titolo I della Costituzione, il regime delle comunità autonome o il diritto elettorale generale. Devono essere immediatamente discusse e votate in modo completo dal Congresso dei deputati entro 30 giorni dalla promulgazione.
  • Regolamento: Stato di diritto emesso dal potere esecutivo. Il suo grado nell'ordine gerarchico è immediatamente inferiore alla legge, e di solito lo sviluppa.
  • Dogana: esso è definito come "il complesso delle norme derivanti dalla ripetizione di eventi più o meno costanti di atti uniformi". Affinché l'usanza rappresenti una volontà collettiva e spontanea, l'usanza dovrebbe essere costante, costante, uniforme e duratura.
  • Principi generali del diritto: infatti, tali affermazioni normative di carattere generale che, senza essere incorporate nel sistema giuridico mediante procedure formali, devono essere intese come facenti parte di essa, in quanto fungono da base per altre clausole del diritto o indicano in modo astratto il contenuto di un gruppo di esse. Essi servono a integrare le lacune giuridiche o a interpretare norme giuridiche.
  • Giurisprudenza: esso si fonda su due sentenze che interpretano una norma dello stesso tipo, emessa dal Tribunal Supremo (Corte suprema) e, per taluni casi di competenza limitata alla Comunità autonoma, la High Courts della Comunità autonoma interessata. Se un giudice o un tribunale si discostano dalla dottrina stabilita dalla Corte suprema, la sentenza non è automaticamente annullata, ma serve da motivo. Tuttavia, sia la Corte suprema sia la High Court of Justice interessate possono discostarsi, su base motivata, in qualsiasi momento dalla giurisprudenza costante della Corte mediante la creazione di una nuova giurisprudenza.

Gerarchia delle norme

L'articolo 1, paragrafo 2, del codice civile spagnolo prevede che le disposizioni contrarie ad altre disposizioni di rango superiore siano invalide.] Ciò significa che, necessariamente, deve essere stabilita una gerarchia delle norme e, a tal fine, la Costituzione spagnola disciplina l'interrelazione tra le diverse norme e il loro rapporto di gerarchia e di competenza.

Secondo lo stesso principio, la gerarchia delle norme nel diritto spagnolo è la seguente:

  1. La Costituzione.
  2. Trattati internazionali.
  3. Il diritto in senso stretto: Il diritto biologico, il diritto comune e le norme con lo status di legge (compreso il regio decreto-legge e il regio decreto legislativo), ma con procedure e campi di applicazione diversi.
  4. Norme emanate dal potere esecutivo con gerarchia propria a seconda dell'organo che le ha emanate (regio decreto, decreto ministeriale, ecc.).

Oltre a ciò, viene stabilito un principio di competenza per quanto riguarda le norme derivanti dalle comunità autonome attraverso i propri parlamenti (decreto regionale, ordinanze regionali, ecc.).

I giudici e i giudici non applicano i regolamenti o altre disposizioni contrarie alla Costituzione, alla legge o al principio della gerarchia delle norme.

Quadro istituzionale

Istituzioni responsabili dell'adozione delle norme giuridiche.

Il quadro istituzionale spagnolo si basa sul principio della separazione dei poteri legislativi che conferiscono poteri legislativi alle Cortes Generales (Parlamento) e alle Assemblee legislative delle comunità autonome.

Il governo, sia lo Stato che ciascuna delle comunità autonome, ha il potere di esercitare il potere esecutivo, ivi compreso il potere regolamentare, e talvolta esercita il potere legislativo con la delega delle Cortes Generales.

Le autorità locali non hanno ricevuto alcun potere legislativo, ma sono disciplinate principalmente mediante ordinanze comunali.

L'iniziativa legislativa è responsabilità del governo, del Congresso e del Senato, delle assemblee delle comunità autonome e, in alcuni casi, dell'iniziativa popolare.

Il processo decisionale

Trattati internazionali: esistono tre meccanismi di approvazione a seconda del tipo di argomento trattato dal trattato.

  • In primo luogo, la conclusione dei trattati che conferiscono ad un'organizzazione o ad un ente internazionale l'esercizio di poteri derivanti dalla Costituzione è autorizzata mediante legge organica.
  • In secondo luogo, il governo può autorizzare lo Stato a essere vincolato da trattati o convenzioni con il previo consenso delle Cortes Generales, nei seguenti casi: I trattati di natura politica, i trattati o le convenzioni di natura militare, i trattati o le convenzioni che incidono sull'integrità territoriale dello Stato o dei diritti e dei doveri fondamentali di cui al titolo 1, trattati o convenzioni che comportano obblighi finanziari per il Tesoro, i trattati o le convenzioni che implicano la modifica o l'abrogazione di qualsiasi legge o che richiedono misure legislative per la loro applicazione.
  • Infine, in altri settori, solo il Congresso e il Senato dovranno essere informati immediatamente.

Una volta validamente conclusi i trattati internazionali, questi ultimi, una volta formalmente pubblicati in Spagna, faranno parte dell'ordinamento giuridico nazionale. Le sue disposizioni possono essere abrogate, modificate o sospese solo nella forma prevista dai trattati stessi o conformemente alle norme generali del diritto internazionale. Lo stesso procedimento previsto per l'approvazione dei trattati e delle convenzioni internazionali è utilizzato per la denuncia dei trattati e delle convenzioni internazionali.

Diritto:

I progetti di legge sono approvati dal Consiglio dei ministri, che li sottopone al Congresso, corredato di una motivazione e del contesto della loro decisione.

Nel caso delle comunità autonome, il progetto di legge è approvato dal rispettivo consiglio direttivo e soggetto, di fatto, all'Assemblea legislativa della Comunità autonoma interessata.

Un disegno di legge ordinario o organico approvato dal Congresso dei deputati, approvato dal Congresso dei deputati, prenderà immediatamente in considerazione il Presidente del Senato, che lo presenterà al Senato. Il Senato può, entro due mesi dalla data di ricezione del testo, invocare il veto o introdurre modifiche. Il veto è adottato a maggioranza assoluta.

Il progetto non può essere sottoposto al re per una sanzione senza che il Congresso abbia ratificato a maggioranza assoluta, in caso di veto, il testo originale, o la maggioranza semplice, due mesi dopo la data del deferimento, o che decide in merito a emendamenti, accettandoli o meno a maggioranza semplice. Il termine di due mesi entro il quale il Senato intende bloccare o modificare il progetto è ridotto a 20 giorni di calendario per i progetti dichiarati urgenti dal governo o dal Congresso dei deputati.

Le leggi adottate dal Parlamento sono promulgate dal Re entro un termine di 15 giorni e pubblicate immediatamente e immediatamente.

  • Diritto biologico: L'adozione, la modifica o l'abrogazione delle leggi in materia di agricoltura biologica richiederà la maggioranza assoluta del Congresso, in una votazione finale sull'intero progetto.

Regolamento: I regolamenti sono redatti come segue:

  • L'avvio è effettuato dal centro di gestione competente mediante l'elaborazione del progetto corrispondente, corredato di una relazione sulla necessità e sull'adeguatezza del progetto, nonché di una relazione economica contenente il costo stimato del progetto.
  • Oltre alle relazioni obbligatorie, ai pareri e alle convalide richiesti, durante il processo di produzione devono essere raccolti tutti gli studi e le consultazioni ritenuti idonei a garantire la correttezza e la legalità del testo. In ogni caso, i regolamenti devono essere accompagnati da una relazione sull'impatto di genere delle misure ivi contenute.
  • Qualora tali disposizioni incidano sui diritti dei cittadini e sugli interessi legittimi, esse sono sentite per un periodo di tempo ragionevole e non inferiore a 15 giorni lavorativi. Analogamente, ogniqualvolta la natura della norma lo giustifichi, il testo deve essere presentato al pubblico per conoscenza durante il periodo indicato.
  • In ogni caso, i progetti di regolamento dovranno essere notificati dal segretario generale tecnico nonostante il parere del Consiglio di Stato nei casi in cui ciò sia previsto dalla legge.
  • Sarà necessaria una relazione preliminare delle amministrazioni pubbliche nei casi in cui la norma normativa potrebbe incidere sulla ripartizione delle competenze tra lo Stato e le comunità autonome.
  • L'entrata in vigore dei regolamenti adottati dal Governo richiede la pubblicazione integrale sul Bollettino ufficiale dello Stato.

Banche dati della legislazione

La Gazzetta ufficiale dello Stato contiene una base di dati contenente tutta la legislazione pubblicata dal 1960: Il link si apre in una nuova finestraIberlex.

L'accesso alle banche dati è gratuito?

L'accesso a tale banca dati è gratuito.

Breve descrizione del contenuto

Le pubblicazioni pubblicate dal 1960 sono disponibili sul sito Internet della Gazzetta ufficiale dello Stato.

Esso dispone di un motore di ricerca per la legislazione e la pubblicità, nonché delle banche dati della giurisprudenza costituzionale dal 1980, dal servizio giuridico dello Stato (relazioni e pareri dal 1997) e dal Consiglio di Stato. Fornisce inoltre l'opzione della versione consolidata, comprendente importanti modifiche delle norme.Infine, offre servizi di segnalazione legislativa, pubblicazione di avvisi e richieste di informazioni e documentazione.

Link correlati

Il link si apre in una nuova finestraIberian/Banca dati sulla legislazione spagnola


Questa è una traduzione automatica del contenuto. ll proprietario della pagina non si assume alcuna responsabilità circa la qualità della traduzione automatica del testo.

Ultimo aggiornamento: 23/10/2019