Chiudi

LA VERSIONE BETA DEL PORTALE È DISPONIBILE ORA!

Visita la versione BETA del portale europeo della giustizia elettronica e lascia un commento sulla tua esperienza sul sito!

 
 

Percorso di navigazione

menu starting dummy link

Page navigation

menu ending dummy link

Diritto degli Stati membri - Lussemburgo

La versione linguistica visualizzata è attualmente in fase di traduzione.
Il nuovo testo è stato già tradotto nelle lingue seguenti: francese.

Questa pagina fornisce una panoramica delle fonti del diritto lussemburghese.


Fonti del diritto

Gerarchia delle fonti

L'espressione "fonti del diritto" rende perfettamente l'immagine, evocando la provenienza e l'origine del diritto.

Attualmente la Costituzione e la legge possono essere considerate le principali fondi del diritto.

La Costituzione lussemburghese

La prima Costituzione lussemburghese è stata redatta nel 1841, due anni dopo l'indipendenza del Lussemburgo nel 1839, cui hanno fatto seguito le Costituzioni del 1848 e del 1856.

La Costituzione vigente del Lussemburgo è del 17 ottobre 1868, da allora il dettato costituzionale è stato più volte rivisto.

La Costituzione lussemburghese è una costituzione scritta e rigida. Considerata la sua importanza fondamentale essa è modificabile meno facilmente rispetto alla legge ordinaria.

La Costituzione nella sua formulazione vigente si compone di 121 articoli, raggruppati in tredici capi. Essa descrive le basi costitutive dello Stato, la tutela dei diritti, le libertà dei cittadini e l'organizzazione dei poteri pubblici.

  • Capo I: lo Stato, il suo territorio e il Granduca
  • Capo II: le libertà pubbliche e i diritti fondamentali
  • Capo III: poteri sovrani
  • Capo IV: la Camera dei deputati
  • Capo V: il governo del Granducato
  • Capo V bis: il Consiglio di Stato
  • Capo VI: la Giustizia
  • Capo VII: la Forza pubblica
  • Capo VIII: le Finanze
  • Capo IX: i comuni
  • Capo X: gli enti pubblici
  • Capo XI: disposizioni generali
  • Capo XII: disposizioni transitorie e supplementari.

La legge come fonte del diritto

Sistema legislativo

Nel sistema legislativo del Granducato del Lussemburgo l'iniziativa legislativa appartiene alla Camera dei deputati o al governo.

Il diritto di iniziativa legislativa del governo si chiama "iniziativa governativa" e si esercita mediante la presentazione di "progetti di legge".

Il diritto di iniziativa legislativa della Camera dei deputati è denominato "iniziativa parlamentare" e si esercita mediante l'ha presentazione di "disegni di legge".

Successivamente, i progetti o disegni di legge sono sottoposti ai differenti pareri degli organi interessati (camere professionali), ma soprattutto al parere del Consiglio di Stato. Una volta acquisito il parere di quest'ultimo, il progetto o il disegno di legge è rinviato alla Camera dei deputati.

Nel sistema unicamerale lussemburghese la Camera dei deputati deve pronunciarsi, dopo la votazione, sull'intero progetto di legge una seconda volta dopo almeno tre mesi, tranne i casi in cui la Camera e in Consiglio di Stato decidano, indipendentemente l'uno dall'altro, che non è necessaria la seconda votazione della Camera. Votata definitivamente dalla Camera dei deputati entra in vigore successivamente alla promulgazione del Granduca e alla sua pubblicazione nella Il link si apre in una nuova finestraGazzetta ufficiale.

Sistema regolamentare

Ai sensi dell'articolo 2 della legge della 12 luglio 1996 recante riforma del Consiglio di Stato, nessun progetto di regolamento di esecuzione di leggi e trattati può essere presentato alla Granduca senza il parere del Consiglio di Stato.

Il governo tuttavia può derogare a questa disposizione generale nei casi di urgenza (che dovrà essere valutata dal Granduca sulla base di una relazione debitamente motivata dal ministro proponente) e essere dispensato dal richiedere il parere del Consiglio di Stato. Il ricorso a questa procedura di urgenza è tuttavia limitato a casi eccezionali.

Del resto, se una legge prevede formalmente l'acquisizione del parere del Consiglio di Stato nel corso dell'iter procedimentale relativo a regolamenti di esecuzione della stessa, in nessun caso si può fare ricorso alla procedura d'urgenza. Lo stesso dicasi per gli emendamenti a un progetto di regolamento sui quali è già stato acquisito un parere del Consiglio di Stato.

Analogamente all'iter legislativo, il Consiglio di Stato esprime il suo parere sui progetti di regolamento sotto forma di una relazione motivata, recante considerazioni di ordine generale, l'esame del testo del progetto di regolamento e, se necessario, un controprogetto.

L'esame del Consiglio di Stato è relativo al merito e alla forma dei progetti di regolamento e alla conformità di quest'ultimo con le norme gerarchicamente adesso sovraordinate.

Le banche dati legislative

Il sito Il link si apre in una nuova finestraLégilux è il portale giuridico del governo della Granducato del Lussemburgo su Internet.

Esso consente l'accesso alla legislazione lussemburghese, sia sotto forma di testi legislativi del Mémorial A, che sotto forma di testi coordinati contenuti per lo più nei Codici e nelle raccolte della legislazione.

Il sito è suddiviso in tre parti principali:

  • La Il link si apre in una nuova finestraparte legislativa raggruppa le pubblicazioni relative alla legislazione lussemburghese oltre a ulteriori pubblicazioni e testi legislativi coordinati.
  • La Il link si apre in una nuova finestraparte amministrativa contiene le pubblicazioni cosiddette "amministrative", consistenti principalmente nelle raccolte del Mémorial B, e dell'annuario ufficiale dell'amministrazione e della legislazione.
  • La Il link si apre in una nuova finestraparte società e associazioni contiene le raccolte del Mémorial C, pubblicazioni relative alla società commerciali e alle associazioni e fondazioni prive di scopo lucrativo.

La consultazione delle banche dati è gratuita?

Sì, la consultazione è gratuita.

Link correlati

Il link si apre in una nuova finestraSite Légilux

Il link si apre in una nuova finestraMinistero della giustizia


La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Ultimo aggiornamento: 20/12/2018