Fermer

LA VERSION BÊTA DU PORTAIL EST DISPONIBLE!

Consultez la version bêta du portail européen e-Justice et faites-nous part de votre expérience!

 
 

Chemin de navigation

menu starting dummy link

Page navigation

menu ending dummy link

Diritto degli Stati membri - Slovenia

Cette page a été traduite automatiquement: sa qualité ne peut pas être garantie.

La qualité de cette traduction a été évaluée comme: mauvaise

Estimez-vous que cette traduction est utile?

Questa pagina contiene informazioni sul sistema giuridico in Slovenia.


Fonti giuridiche

Tipi di atti normativi — descrizione

Le norme giuridiche astratte nel sistema giuridico della Repubblica di Slovenia sono adottate sia a livello statale che locale. Gli strumenti giuridici a livello statale sono la Costituzione (ustova), le leggi/atti (zakoni) e i regolamenti di attuazione, che rientrano in due categorie principali: decreti (atti, talvolta tradotti occasionalmente in regolamenti) e norme (pravilniki).

I consigli comunali adottano principalmente ordinanze (odloki).

Il sistema giuridico sloveno non riconosce la supremazia giudiziaria, il che significa che i tribunali di grado inferiore (nižja sodišča) non sono formalmente vincolati dalle decisioni di tribunali di grado superiore (višja sodišča). Tuttavia, i giudici di grado inferiore tendono ad osservare e a seguire la giurisprudenza di giudici di grado superiore e la Corte suprema (Vrhovno sodišče).

La Corte suprema, riunita in sessione plenaria, può adottare pareri giuridici di principio (načelna pravna neghenja) su questioni importanti per l'applicazione uniforme di leggi/atti. Ai sensi della legge sui tribunali (Zakon o sodiščih), tali pareri giuridici di principio sono vincolanti solo per i collegi della Corte suprema e possono essere modificati soltanto nel corso di una nuova sessione plenaria. Tuttavia, i tribunali di grado inferiore tendono a osservare i pareri giuridici di principio e la Corte suprema, nella sua giurisprudenza, chiede che sia presa in debita considerazione una parte che cita un parere giuridico già adottato sulla questione in questione.

Leggi/atti e altri regolamenti devono essere conformi ai principi generalmente accettati del diritto internazionale e ai trattati vincolanti per la Slovenia (di cui all'articolo 8 della Costituzione). I trattati internazionali ratificati e pubblicati devono essere applicati direttamente. La posizione della Corte costituzionale slovena (Ustavno sodišče) è che i trattati internazionali sono gerarchicamente superiori alle disposizioni di legge nella gerarchia degli atti giuridici. I trattati internazionali ratificati sono integrati nell'ordinamento giuridico nazionale, creando in tal modo diritti e doveri per le persone fisiche e giuridiche del paese (purché siano direttamente applicabili).

Il sistema giuridico sloveno appartiene alla famiglia del diritto continentale e si tratta di un sistema di diritto civile, il che significa che il diritto consuetudinario non costituisce, in quanto tale, una parte del sistema giuridico. Tuttavia, il diritto consuetudinario gode di un certo riconoscimento da parte del diritto sloveno. Ad esempio, ai sensi dell'articolo 12 del codice delle obbligazioni (Obligacijski zakonik), che disciplina i contratti tra persone fisiche e persone giuridiche, gli usi e gli usi commerciali stabiliti tra le parti sono presi in considerazione nella valutazione dell'azione richiesta e dei suoi effetti sui rapporti obbligatori delle entità commerciali.

Nell'esercizio della sua funzione giurisdizionale, un giudice è vincolato dalla Costituzione, dalle leggi e dagli atti, dai principi generali del diritto internazionale e dai trattati internazionali ratificati e pubblicati. La legge stabilisce che, se una questione di diritto civile non può essere risolta sulla base di una normativa valida, il giudice deve tener conto dei regolamenti applicabili in casi analoghi. Se, nonostante ciò, la soluzione della questione resta giuridicamente dubbia, deve adottare una decisione basata sui principi generali dell'ordinamento giuridico nazionale. In tal caso, deve agire conformemente alla tradizione giuridica e ai principi consolidati della giurisprudenza. Il giudice deve agire sempre come se abbia a disposizione un numero indeterminato di casi della stessa natura.

Gerarchia delle fonti

Tutte le norme giuridiche devono essere conformi alla Costituzione. Le leggi e i regolamenti devono rispettare i principi generalmente applicabili del diritto internazionale e degli accordi internazionali vincolanti per la Slovenia (come previsto dall'articolo 8, paragrafo 1, della Costituzione). I regolamenti di esecuzione e le ordinanze locali devono inoltre essere conformi a leggi/atti.

Gli atti generali emanati per l'esercizio di pubblici poteri (splošni akti za izvrševanje javnih oblastetil) devono essere conformi alla Costituzione, alle leggi/atti e ai regolamenti di attuazione.

Gli atti individuali e le azioni delle autorità statali, delle comunità locali e dei portatori di poteri pubblici devono essere basati su una legge/atto adottato o su una regolamentazione legislativa.

Per quanto riguarda il primato del diritto dell'Unione europea, la Costituzione fornisce la base per l'accettazione da parte dell'ordinamento sloveno del suo primato, affermando che gli atti giuridici e le decisioni adottati in seno alle organizzazioni internazionali cui la Slovenia ha trasferito l'esercizio di una parte dei suoi diritti sovrani (in questo caso, l'Unione europea) devono essere applicati in Slovenia conformemente alla regolamentazione giuridica di tali organizzazioni.

Quadro istituzionale

Istituzioni responsabili dell'adozione delle norme

Leggi/atti sono adottati dalla camera bassa del parlamento bicamerale sloveno, l'Assemblea nazionale ( Državni zbor). In linea con gli articoli 80 e 81 della Costituzione, l'Assemblea nazionale è composta da 90 deputati che rappresentano i cittadini della Slovenia. Ott8 deputati sono eletti a livello universale, pari, diretto e segreto. Un supplente della comunità nazionale italiana e un supplente della comunità ungherese devono essere eletti dai membri di tali comunità all'Assemblea nazionale. L'Assemblea nazionale è eletta per un mandato di quattro anni.

I decreti sono emanati dal Governo (Vlada), mentre le norme sono emanate dai singoli ministri del Governo. In linea con gli articoli da 110 a 119 della Costituzione, il governo è composto da un primo ministro (predatnik vlade) e dai ministri. Nell'ambito delle loro competenze, il governo e i singoli ministri sono indipendenti e responsabili dinanzi all'Assemblea nazionale, che può mettere sotto accusa (dinanzi alla Corte costituzionale), votare sulla fiducia o porre fine al loro incarico a titolo di interpellanza. Il primo ministro è eletto dall'Assemblea nazionale e propone ai ministri di essere nominati (e revocati) dall'Assemblea nazionale.

La Corte costituzionale svolge un ruolo fondamentale nel quadro istituzionale, in quanto può annullare leggi/atti, regolamenti di attuazione e ordinanze locali che ritiene incostituzionali. Inoltre, emette pareri sulla costituzionalità dei trattati internazionali e decide in merito alle singole denunce costituzionali dei cittadini danneggiati, che possono essere presentate dopo che tutti gli altri mezzi di ricorso sono stati esperiti.

Le ordinanze locali sono adottate dai consigli comunali (občinski sveti, mestni sveti) eletti direttamente dai residenti di un comune.

Processo decisionale

L'adozione di leggi/atti può essere proposta all'Assemblea nazionale dal governo, da singoli deputati dell'Assemblea nazionale, dalla camera alta del Parlamento, dal Consiglio nazionale (Državni svet) e da 5 000 elettori. Secondo il suo regolamento interno (Poslovnik Državnega zbora), la procedura regolare nell'Assemblea nazionale è composta da tre letture della legge/atto proposto.

Inoltre, un procedimento accelerato è previsto dal regolamento di procedura. A norma dell'articolo 86, l'Assemblea nazionale può decidere se sono presenti la maggioranza dei deputati e se la legge/l'atto è adottato a maggioranza dei voti espressi dai deputati presenti, a meno che non sia stabilito un diverso tipo di maggioranza. Il Consiglio nazionale può opporsi a una legge/atto adottato e l'Assemblea nazionale può annullare tale veto a maggioranza di tutti i deputati.

Il referendum legislativo (Zakonododajni referendum) (quale definito all'articolo 90 della Costituzione) è disciplinato nell'Atto relativo al referendum e all'iniziativa pubblica (Zakon o reference-iniciativo amministrativo) e può essere istituito dall'Assemblea nazionale stessa o, su richiesta del Consiglio nazionale, da un terzo dei deputati o quarantamila elettori. Gli elettori hanno l'opportunità di confermare o respingere una legge o un atto adottato dall'Assemblea nazionale prima di essere promulgato dal Presidente della Repubblica (Predsednik republike).

Il Presidente della Repubblica deve promulgare una legge/atto adottata entro otto giorni dalla sua adozione. Ai sensi dell'articolo 154 della Costituzione, tutte le norme devono essere pubblicate prima di poter entrare in vigore. Le norme giuridiche adottate dalle istituzioni statali sono pubblicate nella Gazzetta ufficiale della Repubblica di Slovenia (Uradni list Republike Slovenije; ul RS), mentre le ordinanze e altri regolamenti locali sono pubblicati in gazzette locali.

Gli emendamenti alla Costituzione sono adottati mediante una procedura speciale stabilita dalla Costituzione. La proposta di modifica della Costituzione può essere composta da 20 membri dell'Assemblea nazionale, dal governo o da 30.000 elettori. Tale proposta è decisa dall'Assemblea nazionale con maggioranza dei due terzi dei deputati presenti, ma un emendamento può essere adottato solo previa approvazione di un voto a maggioranza dei due terzi di tutti i deputati. L'articolo 87 della Costituzione stabilisce che i diritti e doveri dei cittadini e di altre persone possono essere determinati dall'Assemblea nazionale solo per legge.

I regolamenti e le decisioni dell'UE emanati dalle istituzioni dell'UE sono direttamente applicabili nella Repubblica di Slovenia. Non devono essere ratificate e pubblicate in UL per poter essere applicate.

I trattati internazionali di cui la Repubblica di Slovenia è firmataria entrano in vigore una volta ratificati dall'Assemblea nazionale mediante una procedura specifica. I trattati internazionali sono ratificati con l'adozione di una legge presentata dal governo. Una legge sulla ratifica di un trattato internazionale è adottata se approvata a maggioranza semplice dei deputati presenti, salvo disposizioni contrarie previste dalla costituzione o dal diritto.

Banche dati giuridiche

Sistema di informazione giuridica

Il link si apre in una nuova finestraIl sistema di informazione giuridicaRegistro delle leggi della Repubblica di Slovenia è collegato ad una banca dati di altre autorità pubbliche e alla Gazzetta ufficiale.

Legislazione dell'Assemblea nazionale

La banca dati Il link si apre in una nuova finestradell'Assemblea nazionale contiene testi di tutte le leggi/atti e di altri atti che sono oggetto di discussione da parte dell'Assemblea nazionale. Tali testi comprendono:

  • Testi consolidati delle leggi — Testo unico delle leggi adottate dopo il 29 novembre 2002 e pubblicati nella Gazzetta ufficiale della Repubblica di Slovenia e testi consolidati non ufficiali a partire dal 17 giugno 2007;
  • Leggi adottate — Leggi adottate dall'Assemblea nazionale e pubblicate nella Gazzetta ufficiale della Repubblica di Slovenia dall'indipendenza il 25 giugno 1991;
  • Atti adottati — Atti adottati dall'Assemblea nazionale, pubblicati nella Gazzetta ufficiale della Repubblica di Slovenia dal 28 novembre 1996;
  • Disegni di legge — proposte di progetti di legge presentati per discussione nell'attuale mandato dell'Assemblea nazionale (la banca dati contiene anche i progetti di legge non ancora pubblicati nella Gazzetta ufficiale della Repubblica di Slovenia);
  • Letture di leggi/atti (obravavariato zakonov) (fine della procedura) — archiviazione di tutte le letture di una legge/atto sottoposto per discussione all'Assemblea nazionale dopo il 28 novembre 1996;
  • Proposte di atti — proposte di atti sottoposti a discussione nel corso dell'attuale mandato dell'Assemblea nazionale (la banca dati contiene anche proposte adottate per atti non ancora pubblicati nella Gazzetta ufficiale della Repubblica di Slovenia);
  • Letture di atti (obavagave aktov) (fine procedimento) — archivio di tutte le letture di un atto sottoposto per discussione all'Assemblea nazionale dopo il 28 novembre 1996;
  • Il progetto di decreti — proposte relative agli ordini sottoposti a discussione nel corso dell'attuale mandato dell'Assemblea nazionale (la banca dati contiene anche i progetti di decreto non ancora pubblicati nella Gazzetta ufficiale della Repubblica di Slovenia);
  • Lettura dei valori di ordine (obravave odlokov) (fine della procedura) — archiviazione di tutte le letture di un decreto trasmesso all'Assemblea nazionale dopo il 28 novembre 1996.

Gazzetta ufficiale della Repubblica di Slovenia

Tutti i regolamenti nazionali sono pubblicati ufficialmente nella Il link si apre in una nuova finestraGazzetta ufficiale della Repubblica di Slovenia. Tutti i documenti sono pubblicati online.

Link correlati

Il link si apre in una nuova finestralegislazione dell'Assemblea nazionale

Il link si apre in una nuova finestrasistema di informazione legale

Il link si apre in una nuova finestraGazzetta ufficiale della Repubblica di Slovenia


Questa è una traduzione automatica del contenuto. ll proprietario della pagina non si assume alcuna responsabilità circa la qualità della traduzione automatica del testo.

Ultimo aggiornamento: 23/10/2019