Chiudi

LA VERSIONE BETA DEL PORTALE È DISPONIBILE ORA!

Visita la versione BETA del portale europeo della giustizia elettronica e lascia un commento sulla tua esperienza sul sito!

 
 

Percorso di navigazione

menu starting dummy link

Page navigation

menu ending dummy link

Documenti pubblici


Il 6 luglio 2016 l'Unione europea ha adottato un regolamento che semplifica la circolazione di alcuni documenti pubblici tra i paesi dell'UE.


Informazioni generali

Il Il link si apre in una nuova finestraregolamento 2016/1191 ha lo scopo di ridurre le lungaggini burocratiche e i costi per i cittadini quando devono presentare un documento pubblico rilasciato da un paese europeo in un altro paese dell'UE. In base al suddetto regolamento i documenti pubblici (ad esempio, un certificato di matrimonio) rilasciato dalle autorità di un paese dell'UE devono essere riconosciuti come autentici dalle autorità di un altro paese dell'UE senza che occorra autenticare il documento (la cosiddetta "apostille"). Inoltre, il regolamento semplifica le formalità relative alle copie autenticate e alle traduzioni di documenti pubblici quando le copie autenticate o le traduzioni sono richieste dalle autorità del paese dell'UE ricevente.

I documenti pubblici presi in considerazione dal regolamento si riferiscono in particolare a vari elementi dello stato civile, come ad esempio la nascita, il nome, il matrimonio, l'unione civile registrata, la filiazione, l'adozione, il decesso e l'assenza di precedenti penali.

Il regolamento non disciplina il riconoscimento dei documenti da parte del paese dove vengono presentati, in quanto tale aspetto attualmente viene regolato dal diritto nazionale. Tuttavia, applicando il rispettivo diritto nazionale, i paesi dell'UE devono rispettare il diritto dell'Unione europea, compresa la giurisprudenza della Corte di giustizia dell'Unione europea sulla libera circolazione dei cittadini all'interno dell'Unione europea.

Inoltre, il regolamento introduce moduli standard opzionali multilingue che possono essere allegati ai documenti pubblici per evitare gli obblighi in materia di traduzione. Ciò significa che quando viene chiesto un documento pubblico presso un'autorità (ad esempio un certificato di nascita) il cittadino può chiedere un modulo standard multilingue che verrà allegato al documento pubblico.

Il modulo standard multilingue rifletterà il contenuto del documento pubblico e includerà i titoli del documento pubblico nelle lingue ufficiali del paese UE che lo ha rilasciato e del paese dell'UE che lo ha ricevuto. Con tale aiuto alla traduzione, il paese UE ricevente è tenuto a richiedere una traduzione del documento pubblico soltanto in circostanze eccezionali. Poiché tali moduli sono di aiuto alla traduzione dei documenti pubblici, nel caso in cui un modulo particolare non sia utilizzato da un paese dell'UE, il relativo modulo standard multilingue non esisterà.

Il regolamento si applica dal 16 febbraio 2019.

Qui di seguito troverete i moduli standard multilingue per ogni paese UE, nella (e) lingua (e) ufficiale (i) del paese, per alcuni o per tutti i seguenti elementi dello stato civile:

  • nascita
  • esistenza in vita
  • decesso
  • nome
  • matrimonio
  • capacità di contrarre matrimonio
  • unione registrata
  • capacità di sottoscrivere un'unione registrata
  • stato di unione registrata
  • domicilio e/o residenza
  • mancanza di precedenti penali nello Stato membro nel quale ha la cittadinanza la persona interessata

Moduli per documenti pubblici


Questa pagina è a cura della Commissione europea. Le informazioni contenute in questa pagina non riflettono necessariamente il parere ufficiale della Commissione europea. La Commissione declina ogni responsabilità per quanto riguarda le informazioni o i dati contenuti nel presente documento. Si rinvia all'avviso legale per quanto riguarda le norme sul copyright per le pagine europee.

Ultimo aggiornamento: 08/10/2018