Chiudi

LA VERSIONE BETA DEL PORTALE È DISPONIBILE ORA!

Visita la versione BETA del portale europeo della giustizia elettronica e lascia un commento sulla tua esperienza sul sito!

 
 

Percorso di navigazione

menu starting dummy link

Page navigation

menu ending dummy link

Notificazione e comunicazione degli atti - Finlandia

INDICE

1 Che cosa significa, in concreto, l'espressione "notificazione e comunicazione degli atti"? Perché vi sono delle procedure specifiche per la notificazione e la comunicazione degli atti?

Per "notificazione e comunicazione degli atti" si intendono le modalità previste dalla legge per la notificazione, verificabile, a una determinata persona fisica o giuridica. Scopo delle norme relative alla notificazione e comunicazione degli atti è garantire che la notificazione alla persona interessata sia stata effettuata in maniera credibile e che sia verificabile.

2 Quali atti devono essere ufficialmente comunicati o notificati?

Di norma, gli atti che sono notificati o comunicati sono documenti relativi a procedimenti giudiziari, come le citazioni e le convocazioni a testimoniare. Una richiesta di notificazione o comunicazione probatoria di atti può riguardare anche documenti diversi da quelli per i procedimenti giudiziari, come i testamenti.

3 A chi compete la notificazione o la comunicazione di un atto?

Per i procedimenti giudiziari, la notificazione o comunicazione degli atti spetta generalmente al tribunale. Su richiesta di una parte interessata, il tribunale può affidare ad essa la responsabilità della notificazione o comunicazione, se ritiene che vi sia un motivo fondato.

In altri casi, la notificazione o comunicazione degli atti spetta alla parte che ha interesse a eseguirla.

4 Indirizzo

4.1 Nel quadro del regolamento (CE) n. 1393/2007 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 novembre 2007, relativo alla notificazione e alla comunicazione negli Stati membri degli atti giudiziari ed extragiudiziali in materia civile o commerciale, l'autorità richiesta di questo Stato membro cerca, di propria iniziativa, di stabilire il luogo dove si trova il destinatario dell'atto da notificare o comunicare qualora tale persona non risieda più all'indirizzo noto all'autorità richiedente?

Sì. Gli ufficiali giudiziari del käräjäoikeus (tribunale distrettuale) hanno accesso al sistema di dati sulla popolazione, dove possono verificare la presenza di informazioni aggiornate relative agli indirizzi.

4.2 Le autorità giudiziarie straniere e/o le parti di un procedimento giudiziario possono, in questo Stato membro, accedere a registri o servizi che permettano di stabilire l'indirizzo attuale della persona in questione? In caso affermativo, quali sono i registri o i servizi esistenti e quale procedura va seguita? Se del caso, qual è il corrispettivo da pagare?

L'osoitepalvelu/adresstjänst (Servizio relativo agli indirizzi) consente di cercare indirizzi aggiornati per quasi tutti i residenti permanenti in Finlandia. Sono reperibili anche indirizzi dei finlandesi che vivono all'estero, laddove questi abbiano notificato a un ufficio del registro locale il loro attuale indirizzo. Le informazioni del Servizio si basano sulle informazioni contenute nel sistema di dati sulla popolazione gestito dal Väestörekisterikeskus (Centro per il registro della popolazione) e i maistraatit (uffici del registro locali). Vengono forniti indirizzi relativi a singole persone chiaramente identificate come aventi più di 15 anni di età, che non hanno negato il consenso alla divulgazione del loro indirizzo. Si procede alla ricerca degli indirizzi utilizzando il nome e cognome della persona interessata. Potrebbe trattarsi di un nome precedente o corrente. Informazioni come l'età del soggetto, data di nascita e luogo attuale o precedente di domicilio possono essere utilizzate come filtri per la ricerca.

Il servizio relativo agli indirizzi è disponibile telefonicamente e su Internet. Il servizio telefonico relativo agli indirizzi in finlandese è disponibile componendo il numero 0600 0 1000 mentre il servizio svedese componendo il numero 0600 0 1001 tutti i giorni dalle 8 am alle 10 pm. Il costo del servizio è pari a 1,70 EUR/minuto + la tariffa della rete locale/mobile e gli oneri applicati alla linea fissa/mobile per l'attesa. Il servizio può essere chiamato solo dalla Finlandia. Il sito Internet osoitepalvelu.net fornisce il servizio in finlandese all'indirizzo http://vrk.fi/en/address-service e il servizio in svedese all'indirizzo http://vrk.fi/en/address-service. Il servizio può cercare indirizzi di 1-20 persone alla volta. Un indirizzo costa 1,24 EUR e il corrispettivo viene pagato tramite un servizio di banca online. Il servizio può essere utilizzato anche dall'estero, se l'utente dispone di un conto corrente online finlandese.

Le richieste di indirizzi possono essere presentate anche all'Helsingin maistraatti (Ufficio del registro di Helsinki) via e-mail. Possono essere presentate in finlandese, svedese o inglese all'indirizzo e-mail Il link si apre in una nuova finestravtj-otteet.helsinki@maistraatti.fi. Le richieste possono essere inoltrate anche per iscritto all'Ufficio del registro di Helsinki, all'indirizzo Albertinkatu 25, 00180 Helsinki, Finlandia. Questi servizi costano 12,50 EUR per estratto.

Ulteriori informazioni sono reperibili su Internet all'indirizzo Il link si apre in una nuova finestrahttps://www.maistraatti.fi/en/ (in finlandese) e Il link si apre in una nuova finestrahttps://www.maistraatti.fi/en/ (in svedese).

Gli indirizzi sono reperibili anche attraverso la ricerca di indirizzi commerciali.

Il Patentti- ja rekisterihallitus -PRH (Ufficio finlandese per i brevetti e la registrazione) e la Verohallinto (Amministrazione fiscale finlandese) hanno un servizio condiviso all'indirizzo Il link si apre in una nuova finestrahttps://www.ytj.fi/, dove è possibile cercare le informazioni commerciali di imprese e organizzazioni. Il servizio è disponibile in finlandese, svedese e inglese. Ulteriori informazioni sono reperibili al seguente indirizzo Il link si apre in una nuova finestrahttps://www.prh.fi/fi/index.html (in finlandese), Il link si apre in una nuova finestrahttps://www.prh.fi/sv/index.html (in svedese) e Il link si apre in una nuova finestrahttps://www.prh.fi/en/index.html (in inglese).

4.3 In che modo le autorità di questo Stato membro trattano le richieste inviate a norma del regolamento (CE) n. 1206/2001 del Consiglio, del 28 maggio 2001, relativo alla cooperazione fra le autorità giudiziarie degli Stati membri nel settore dell'assunzione delle prove in materia civile o commerciale, volte a stabilire l'indirizzo attuale della persona in questione?

Il regolamento (CE) n. 1206/2001 non costituisce la procedura primaria per ottenere le informazioni riguardanti l'indirizzo.

Si prega di vedere la domanda 4.2 sulla ricerca di informazioni relative agli indirizzi per gli individui o le organizzazioni in Finlandia.

5 Come è eseguita la notificazione o la comunicazione di un atto? Possono essere utilizzate modalità alternative (diverse dalla notificazione sostitutiva di cui al punto 6)?

Secondo la sezione 3 dell'Oikeudenkäymiskaari (Codice di procedura giudiziaria finlandese, 4/1734), quando è il tribunale ad avere la responsabilità della notificazione o comunicazione degli atti in un procedimento giudiziario, tale notificazione avviene principalmente per posta. La lettera può essere inviata a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno. In alternativa, può essere inviata direttamente al domicilio del destinatario. In questo caso l'avviso di ricezione è allegato alla busta e il destinatario deve firmarlo e rispedirlo al tribunale. La notificazione o comunicazione di un atto relativo a un procedimento giudiziario diverso da un atto di citazione e una prima richiesta di risposta può essere eseguita anche inviando il documento per posta ordinaria all'indirizzo notificato al tribunale dalla parte interessata. In questo caso, la notificazione o comunicazione dell'atto al destinatario sarà considerata avvenuta sette giorni dopo il suo invio per posta ordinaria.

Secondo la sezione 4 del Codice di procedura giudiziaria (4/1734), gli atti possono essere notificati o comunicati da un ufficiale giudiziario se vi sono scarse probabilità che la notificazione o comunicazione tramite servizio postale giunga a buon fine.

Secondo la sezione 2 del Codice di procedura giudiziaria (4/1734), il tribunale può, con il consenso della parte interessata, affidare ad essa la responsabilità della notificazione o comunicazione, se ritiene che vi sia un motivo fondato per farlo. In tali casi, il tribunale informerà la parte interessata del termine per la notificazione o comunicazione degli atti e per l'invio del documento probatorio al tribunale. Secondo la sezione 4 del Codice di procedura giudiziaria (4/1734), in questi casi gli atti sono notificati o comunicati da un ufficiale giudiziario.

Secondo la sezione 4 del Codice di procedura giudiziaria (4/1734), se il tribunale ha affidato alla parte interessata la responsabilità della notificazione e comunicazione degli atti, e se quest'ultima è rappresentata da un avvocato o un consulente legale pubblico, gli atti possono anche essere notificati o comunicati di persona da quell'avvocato o consulente legale pubblico al destinatario. In questi casi, il destinatario firmerà la ricevuta dell'avvenuta notificazione degli atti. Questo metodo di notificazione o comunicazione non può essere utilizzato nei procedimenti penali.

Gli atti diversi da quelli relativi a procedimenti giudiziari saranno notificati o comunicati da un ufficiale giudiziario, su richiesta dall'autorità o di un individuo.

6 Nei procedimenti civili è autorizzata la notificazione o la comunicazione elettronica degli atti (notificazione o comunicazione degli atti giudiziari o extragiudiziali mediante mezzi di comunicazione elettronica a distanza, quali e-mail, applicazioni internet protette, fax, sms, ecc.) ? In caso affermativo, per quali tipi di procedimenti? Vi sono restrizioni alla disponibilità/accessibilità di questo metodo a seconda del destinatario dell'atto (professionista del diritto, persona giuridica, società o altro soggetto commerciale, ecc.)?

Secondo la sezione 3b del Codice di procedura giudiziaria (4/1734), nel caso in cui sia il tribunale a essere responsabile per la notificazione e comunicazione degli atti, e se il caso si riferisce alla ricezione di un determinato importo, al ripristino della gestione o di condizioni interrotte, o a uno sfratto, e l'ufficiale giudiziario non ritiene che il caso costituisca una controversia, gli atti possono essere notificati o comunicati anche per telefono. Un ulteriore requisito è che la notificazione o comunicazione telefonica sia adeguata considerata la portata e la qualità dell'atto in questione e che il destinatario sia informato sul documento e comprenda il significato legato alla relativa notifica, al di là di ogni dubbio. Una volta notificato o comunicato per telefono, l'atto deve essere immediatamente inviato a mezzo lettera o comunicazione elettronica all'indirizzo indicato dal destinatario, a meno che questa azione sia evidentemente superflua per motivi particolari. Sarà anche prodotta una prova che l'atto è stato notificato o comunicato per telefono.

Secondo la sezione 3 del Codice di procedura giudiziaria (4/1734), nel caso in cui ad esserne responsabili siano il tribunale o il pubblico ministero, la notificazione o comunicazione degli atti può avvenire mediante l'invio dell'atto alla parte interessata come comunicazione elettronica secondo le modalità specificate dal destinatario, partendo dal presupposto che il destinatario sarà informato sull'atto stesso e possa restituire una ricevuta di ritorno entro il termine.

7 Notificazione sostitutiva

7.1 La legge di questo Stato membro ammette altre modalità di notificazione o comunicazione qualora non sia stato possibile notificare o comunicare l'atto al destinatario (ad esempio notificazione o comunicazione all'indirizzo di abitazione, presso l'ufficio dell'ufficiale giudiziario, a mezzo posta o mediante affissione di manifesti)?

Secondo la sezione 7 del Codice di procedura giudiziaria (4/1734), quando un ufficiale giudiziario ha cercato, senza successo, ai fini della notificazione o comunicazione degli atti, una persona con residenza in Finlandia, o chiunque abbia il diritto di ricevere gli atti notificati per suo conto e laddove si possa presumere, sulla base delle circostanze, che la persona in questione si sta sottraendo alla notificazione o comunicazione degli atti, l'ufficiale giudiziario può eseguire la notificazione o comunicazione consegnando i documenti a un familiare di età superiore a 15 anni o, se il destinatario della notificazione gestisce un'attività commerciale, a un suo dipendente. Se non è possibile reperire nessuno di questi soggetti, i documenti possono essere consegnati all'autorità di polizia.

Quando viene seguita la procedura di cui al paragrafo 1, l'ufficiale giudiziario deve comunicare al destinatario, utilizzando il suo indirizzo, l'avvenuta consegna dei documenti. Gli atti saranno considerati notificati e comunicati quando viene inviata la notifica di cui al paragrafo 2.

Nei procedimenti penali, un atto di citazione non può essere notificato o comunicato al convenuto con la procedura di cui al presente paragrafo.

Secondo la sezione 9 del Codice di procedura giudiziaria (4/1734), in assenza di informazioni sul recapito del destinatario, il tribunale avrà il compito di notificare e comunicare gli atti mediante pubblica affissione. Nei procedimenti penali, un atto di citazione non può essere notificato o comunicato al convenuto mediante pubblica affissione.

7.2 Qualora si ricorra a tali modalità, quand'è che l'atto si considera notificato o comunicato?

Si veda la domanda 7.1.

7.3 Se la notificazione o la comunicazione è effettuata mediante deposito dell'atto in un luogo specifico (ad esempio, presso l'ufficio postale), come ne è informato il destinatario?

Si veda la domanda 7.1.

7.4 Cosa succede se il destinatario rifiuta di accettare la notificazione o la comunicazione dell'atto? Se il rifiuto è illegittimo l'atto si considera validamente notificato o comunicato?

Se il destinatario non ritira gli atti notificati e la ricevuta di ritorno dall'ufficio postale o rifiuta di riceverli, la richiesta viene restituita al mittente. In questi casi, i documenti sono considerati non notificati o comunicati (si veda, ad esempio, la decisione 50:1997 della korkein oikeus (Corte suprema). Analogamente, se l'atto che deve essere notificato e comunicato è stato inviato direttamente al luogo di domicilio, si considera come non notificato e comunicato se il destinatario non restituisce al tribunale la ricevuta di ritorno firmata.

Il destinatario può rifiutare di ricevere gli atti notificati o comunicati da un ufficiale giudiziario solo se sono soddisfatte determinate condizioni previste dalla legge. Il destinatario può rifiutare di ricevere gli atti notificati o comunicati tra l'altro quando i documenti non sono in finlandese o svedese o in un'altra lingua da lui compresa [Esempi: la Laki kansainvälisestä oikeusavusta rikosasioissa (la legge sull'assistenza giudiziaria internazionale in materia penale) o la Laki kansainvälisestä oikeusavusta sekä tuomioiden tunnustamisesta ja täytäntöönpanosta siviili- ja kauppaoikeuden alalla (la legge sull'assistenza giudiziaria internazionale e il riconoscimento e l'esecuzione delle sentenze in materia civile e commerciale)].

Se vi sono motivi stabili dalla legge per rifiutare la notificazione o comunicazione degli atti, l'ufficiale giudiziario restituirà i documenti al mittente. In questi casi, l'ufficiale giudiziario fornirà prova scritta che precisa che il destinatario ha rifiutato la notificazione degli atti nonché una spiegazione dei motivi di tale rifiuto.

8 Notificazione o comunicazione a mezzo posta di atti provenienti dall'estero (articolo 14 del regolamento sulla notificazione o comunicazione degli atti)

8.1 Se il servizio postale deve consegnare un atto inviato dall'estero a un destinatario che si trova in questo Stato membro ed è richiesta la ricevuta di ritorno (articolo 14 del regolamento sulla notificazione o comunicazione degli atti), il servizio postale è tenuto a consegnare l'atto solo al destinatario in persona o può, nel rispetto delle norme nazionali sulla consegna postale, consegnarlo anche a una persona diversa che si trova al medesimo indirizzo?

Quando i documenti vengono inviati in Finlandia per posta ai fini della notificazione o comunicazione e come ricevuta di ritorno di un'avvenuta notifica, l'ufficio postale trattiene tali documenti e invia al destinatario una notifica informandolo che può ritirare della corrispondenza presso l'ufficio postale. Solo il destinatario, o una persona da lui autorizzata, può ritirare questi documenti dall'ufficio postale. È possibile chi documenti vengano consegnati esclusivamente al destinatario brevi manu se esplicitamente richiesto dalla parte che ne richiede la notificazione o comunicazione.

8.2 In base alle norme sulla consegna postale di questo Stato membro, come può essere effettuata la notificazione o la comunicazione di un atto proveniente dall'estero, ai sensi dell'articolo 14 del regolamento (CE) n. 1393/2007 sulla notificazione o comunicazione degli atti, se né il destinatario né qualsiasi altra persona autorizzata a ricevere la consegna (se ammessa dalle norme nazionali sulla consegna postale v. sopra) viene trovato all'indirizzo di consegna?

Se il destinatario non li ritira dall'ufficio postale, i documenti sono restituiti al mittente.

In questi casi, il mittente può inviare gli atti e la richiesta di notificazione e comunicazione degli atti al käräjäoikeus (tribunale distrettuale) del luogo di domicilio o residenza del destinatario. Una volta pervenuta la richiesta, gli ufficiali giudiziari del tribunale distrettuale cercheranno di notificare e comunicare gli atti al destinatario di persona.

8.3 L'ufficio postale prevede un determinato periodo di tempo per il ritiro dell'atto prima di rinviarlo come non consegnato? In caso affermativo, come viene informato il destinatario del fatto che ha un atto da ritirare presso l'ufficio postale?

L'ufficio postale invia al destinatario una notifica informandolo che presso l'ufficio postale potrà ritirare della corrispondenza. La notifica indicherà anche il termine entro il quale il destinatario deve ritirare i documenti.

L'ufficio postale conserverà la corrispondenza per tutta la settimana in cui sono pervenuti più due (2) settimane di calendario complete.

9 Esiste una prova scritta che l'atto è stato notificato o comunicato?

L'ufficiale giudiziario fornirà prova di aver notificato e comunicato gli atti. La prova è fornita anche per la notificazione o comunicazione degli atti attraverso il servizio postale.

10 Cosa succede se si verificano problemi e il destinatario non riceve l'atto, o se la comunicazione o la notificazione sono state fatte in violazione di quanto prescrive la legge (ad esempio, l'atto è notificato o comunicato a terzi)? La notificazione o la comunicazione è comunque valida (in altri termini, si può porre rimedio alla violazione della legge), o si deve procedere a una nuova notificazione o comunicazione dell'atto?

Se gli atti sono stati notificati o comunicati in modo scorretto e la persona interessata non compare in tribunale o non fornisce la risposta scritta che le è stata richiesta, gli atti devono essere notificati nuovamente. Al contrario, se l'errore è di lieve entità, non vi è alcuna necessità di notificare o comunicare gli atti di nuovo.

Se la persona interessata sostiene che gli atti sono stati notificati o comunicati in modo scorretto, il procedimento sarà rinviato, a meno che ciò non sia necessario per via di un errore di lieve entità.

11 Occorre pagare per ottenere la notificazione o comunicazione di un atto? In caso affermativo, quanto?

La notificazione o comunicazione degli atti da parte di un ufficiale giudiziario costa 60 EUR.


La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata al rispettivo punto di contatto della Rete giudiziaria europea (RGE). Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea e l'RGE declinano ogni responsabilità per quanto riguarda le informazioni o i dati contenuti nel presente documento. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Ultimo aggiornamento: 26/09/2017