Chiudi

LA VERSIONE BETA DEL PORTALE È DISPONIBILE ORA!

Visita la versione BETA del portale europeo della giustizia elettronica e lascia un commento sulla tua esperienza sul sito!

 
 

menu starting dummy link

Page navigation

menu ending dummy link

Giurisdizioni speciali - Malta

La versione originale in lingua maltese di questa pagina è stata modificata di recente. La versione linguistica visualizzata è attualmente in fase di traduzione.

 

Non esiste una traduzione ufficiale della versione linguistica che state consultando.
Qui è possibile consultare una versione del testo tradotta automaticamente. Attenzione: la traduzione è fornita esclusivamente a titolo informativo. Il proprietario della pagina non si assume alcuna responsabilità circa la qualità della traduzione automatica.

La presente sezione contiene informazioni sull’organizzazione delle giurisdizioni speciali a Malta.


Giurisdizioni speciali

Corte costituzionale

Secondo grado

Appello

Esamina i ricorsi in appello riguardanti cause che vertono su presunte violazioni dei diritti umani, sull'interpretazione della Costituzione e sull'invalidità delle leggi. La Corte inoltre è la sola competente a decidere in cause relative all'appartenenza alla Kamra tar-Rappreżentanti e all'elezione dei suoi membri.

Presieduta dal mill-Prim'Imħallef (giudice che presiede la Corte suprema) e da altri due giudici

Prima sezione speciale del tribunale civile

Primo grado

Anche questo tribunale esamina le cause aventi ad oggetto presunte violazioni dei diritti umani e delle libertà fondamentali, protetti dalla Costituzione maltese e dalla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali.

Presieduta da un Imħallef (giudice)

Tribunale del lavoro

Primo grado

Competente per le controversie riguardanti il licenziamento senza giusta causa e il trattamento discriminatorio sul posto di lavoro.

Presieduto da un presidente

Commissione competente in materia di locazione

Primo grado

La commissione è competente per le controversie relative al cambiamento delle condizioni di locazione, compresi l'aumento del canone e la cessazione del rapporto di locazione. Le controversie devono riferirsi a contratti di locazione anteriori al 1° giugno 1995.

Presieduta da un maġistrat (magistrato di grado inferiore)

Commissione competente in materia di espropriazione di terreni

Primo grado

La commissione è competente per le controversie relative alla classificazione dei terreni espropriati, all'interesse pubblico all'espropriazione e all'importo dell'indennità dovuta al proprietario.

Presieduta da un maġistrat (magistrato di grado inferiore)

Commissione competente per il controllo dell'affitto di terreni agricoli

Primo grado

La commissione è competente per le controversie relative all'affitto di terreni agricoli e per le cause avviate dai proprietari in relazione alla cessazione di tali contratti di affitto.

Presieduta da un maġistrat (magistrato di grado inferiore)

Tribunale competente per il riesame di atti amministrativi

Primo grado

Il tribunale è competente per il riesame di atti amministrativi.

Presieduto da un imħallef (giudice) o da un maġistrat (magistrato di grado inferiore)

Tribunale competente in materia di divisione dell'eredità

Primo grado

Il tribunale è competente per le controversie riguardanti la divisione dei beni comuni tra gli eredi del defunto.

Presieduto da un arbitro

Tribunale di appello per le questioni di concorrenza e di tutela dei consumatori

Secondo grado

Il tribunale è competente in materia di ricorsi in appello avverso decisioni, ordinanze o provvedimenti emessi dal direttore generale della concorrenza e dal direttore generale per la tutela dei consumatori. Le decisioni della tribunale Corte sono definitive salvo i casi in cui è possibile impugnarle. Tali impugnazioni sono peraltro limitate a questioni di legittimità.

Presieduto da un giudice e due membri

Tribunale per il riesame degli atti notarili

Primo grado

Si tratta di un giudice speciale che controlla tutti i notai, gli archivi notarili e il registro pubblico. Ha l'autorità per visitare e ispezionare gli archivi notarili il registro pubblico e gli uffici dei notai e applicare sanzioni disciplinari. Questo organo giudiziario ha anche il potere di disporre rettifiche rispetto a dati non corretti contenuti nel Pubblico registro.

Composto da membri detti Viżitaturi (visitatori)

Giurisdizione amministrativa

Il controllo di legittimità è una procedura con la quale un provvedimento adottato da un dipartimento, un'autorità o un'agenzia governativa può essere esaminato ed eventualmente revocato da un tribunale se ritenuto illegittimo.

Tale azione può essere esercitata da chiunque si ritenga leso da un provvedimento o un'azione governativa che lo riguardi personalmente. L'articolo 469 bis del capo 12 delle Leggi di Malta è la norma che attribuisce tale competenza agli organi giudiziari. Tuttavia, anche in mancanza di tale disposizione legislativa, il controllo di legittimità può essere considerato una competenza specifica degli organi giudiziari alla luce del principio della separazione dei poteri generalmente condiviso dagli Stati democratici.

Il tribunale ordinario – ossia il Il-Prim'Awla tal-QortiĊivili (prima sezione speciale del tribunale civile) – è competente in queste cause, fermo restando il diritto di impugnazione dinanzi alla Corte d'appello.

La legge in materia di giustizia amministrativa è entrata in vigore il 1° gennaio 2009 e ha istituito il Tribunale per il riesame degli atti amministrativi. Questo tribunale indipendente e imparziale esamina gli atti amministrativi che gli vengono sottoposti dalla parte il cui interesse legittimo è stato leso e si pronuncia sulle relative cause. È presieduto da una persona che esercita o ha esercitato le funzioni di imħallef (giudice di grado superiore) o di maġistrat (giudice di grado inferiore) a Malta. La Corte d'appello è competente per i ricorsi avverso le decisioni di questo tribunale.

Altre giurisdizioni speciali

I tribunali locali

I tribunali locali sono parte integrante del sistema giudiziario maltese. Possono essere considerati come un'estensione dei tribunali e si pronunciano su reati che, pur essendo di minore gravità, arrecano pregiudizio alla società. I tribunali locali sono presieduti da un commissario per la giustizia nominato e revocato dall'incarico secondo le stesse modalità che si applicano ai membri della magistratura. Questo sistema garantisce a ogni cittadino la possibilità di far valere le proprie ragioni, assicurando al contempo il rispetto dei principi fondamentali di un giusto processo. I tribunali locali sono nove e raggruppano più comuni.

Banche dati giuridiche

Per ulteriori informazioni e per i collegamenti alle banche dati pertinenti si rimanda alla pagina internet "Organizzazione della giustizia negli Stati membri – Malta" e ai relativi link.

Link correlati

Il link si apre in una nuova finestraMinistero degli Affari interni e della Sicurezza nazionale

Il link si apre in una nuova finestraMinistero della giustizia, cultura e governo locale

Il link si apre in una nuova finestraServizi giudiziari

Il link si apre in una nuova finestraServizi giudiziari – Sentenze on line

Il link si apre in una nuova finestraServizi giudiziari – Procedimenti giudiziari

Il link si apre in una nuova finestraServizi giudiziari – Calendario delle udienze

Il link si apre in una nuova finestraServizi giudiziari – Statistiche

Il link si apre in una nuova finestraServizi giudiziari – Aste giudiziarie

Il link si apre in una nuova finestraServizi giudiziari – Modulistica (in maltese)

Il link si apre in una nuova finestraServizi giuridici (Leggi di Malta)


La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Ultimo aggiornamento: 13/05/2015