Chiudi

LA VERSIONE BETA DEL PORTALE È DISPONIBILE ORA!

Visita la versione BETA del portale europeo della giustizia elettronica e lascia un commento sulla tua esperienza sul sito!

 
 

Percorso di navigazione

menu starting dummy link

Page navigation

menu ending dummy link

Assumere prove mediante videoconferenza - Ungheria

INDICE

1 È possibile assumere prove tramite videoconferenza con la partecipazione di un’autorità giudiziaria dello Stato membro richiedente, o direttamente da parte di un’autorità giudiziaria dello Stato membro richiedente? In caso affermativo, quali sono le procedure o leggi nazionali applicabili?

La legge CXXX del 2016 sul codice di procedura civile ("legge CXXX del 2016) prevede la possibilità per l'organo giurisdizionale, su proposta di una parte o agendo di propria iniziativa, di escutere una parte, altri partecipanti al procedimento giudiziario, un testimone o un perito e, a condizione che il proprietario di un oggetto da ispezionare acconsenta, di condurre un'ispezione tramite una rete di comunicazione elettronica. È possibile che venga ordinata un'audizione tenuta tramite una rete di comunicazione elettronica qualora ciò sia pratico, ad esempio, per accelerare il procedimento o qualora sia difficile organizzare un'audizione presso il luogo in cui viene esaminato il caso o qualora ciò sia sproporzionatamente costoso oppure qualora ciò sia richiesto ai fini della protezione di un testimone.

Le norme in materia di esami tramite una rete di comunicazione elettronica sono contenute nella legge CXXX del 2016 e nel decreto 19/2017 del 21 dicembre 2017 del ministro della Giustizia sull'uso di reti di comunicazione elettronica nelle audizioni e negli esami nel contesto di procedimenti civili ("decreto 19/2017 del 21 dicembre del ministro della Giustizia").

2 Vi sono restrizioni relative alla categoria di persone che possono essere sentite in videoconferenza? Ad esempio, possono essere interrogati solo testimoni o anche altre persone, quali esperti o parti in causa?

Non vi sono limitazioni in relazione alle persone che possono essere esaminate tramite una rete di comunicazione elettronica. Questo metodo può essere utilizzato per escutere le parti e altri partecipanti ai procedimenti giudiziari, nonché testimoni, periti e proprietari di oggetti da ispezionare.

3 Quali sono le eventuali restrizioni sul tipo di prove che possono essere acquisite tramite videoconferenza?

Si può ricorrere a un'audizione, un esame o un'ispezione mediante una rete di comunicazione elettronica per esaminare le parti, i testimoni e i periti oppure per condurre un'ispezione.

4 Esistono restrizioni circa il luogo in cui la persona dev’essere sentita in videoconferenza? Deve trattarsi di un tribunale?

Gli esami tramite una rete di comunicazione elettronica possono aver luogo presso i locali dell'organo giurisdizionale o di un altro ente, in locali separati predisposti per la videoconferenza, a condizione che siano soddisfatte le condizioni necessarie per il funzionamento della rete di comunicazione elettronica.

5 È consentito registrare le audizioni mediante videoconferenza? In caso affermativo, è disponibile l’apposita apparecchiatura?

Ai sensi della legge CXXX del 2016, l'organo giurisdizionale può ordinare durante il processo, su richiesta di una delle parti o di propria iniziativa, che i verbali delle audizioni, degli esami o delle ispezioni condotti tramite una rete di comunicazione elettronica siano preparati utilizzando registrazioni video e audio continue e simultanee.

Se i verbali non vengono redatti secondo tali modalità, il giudice che esamina la controversia presso il luogo di esame della controversia può ordinare la registrazione video e audio degli eventi presso il luogo dell'audizione e presso locali separati durante un esame o un'ispezione utilizzando una rete di comunicazione elettronica.

6 In quale lingua devono essere svolte le audizioni a) in caso di richieste presentate ai sensi degli articoli 10, 11 e 12 e b) in caso di assunzione diretta di prove ai sensi dell’articolo 17?

Nel caso di richieste presentate ai sensi degli articoli da 10 a 12 del regolamento (CE) n. 1206/2001 del Consiglio, le disposizioni della legge CXXX del 2016 devono essere applicate conformemente all'articolo 10, paragrafo 2. Ai sensi della legge CXXX del 2016, i procedimenti giudiziari sono condotti in lingua ungherese, tuttavia, nessuno può essere posto in una posizione di svantaggio a causa di una mancanza di conoscenza della lingua ungherese. Nel corso del procedimento giudiziario, ognuno ha il diritto di usare verbalmente la propria lingua madre o lingua regionale o minoritaria, come previsto nelle convenzioni internazionali. Ove necessario, l'organo giurisdizionale ha l'obbligo di ricorrere ai servizi di un interprete.

Nel caso di richieste presentate ai sensi dell'articolo 17, l'audizione è condotta dall'autorità giudiziaria richiedente ai sensi dell'articolo 17, paragrafo 6, conformemente alla legge del proprio Stato membro.

7 A chi spetta la responsabilità di procurare gli interpreti, in caso di necessità, in entrambi i tipi di audizione? In quale luogo devono operare gli interpreti?

In caso di richieste presentate ai sensi degli articoli da 10 a 12, se è necessario garantire l'uso della lingua madre o di una lingua regionale o minoritaria, l'autorità giudiziaria richiesta ha l'obbligo di ricorrere a un interprete.

La legge CXXX del 2016 non contiene disposizioni specifiche in merito a dove si deve trovare l'interprete nel caso di un esame tramite una rete di comunicazione elettronica. Garantisce, tuttavia, che presso i locali allestiti per tali audizioni siano presenti interpreti. Sulla base del decreto 19/2017 del 21 dicembre 2017 del ministro della Giustizia, l'interprete deve apparire nella registrazione trasmessa.

In caso di richieste presentate ai sensi dell'articolo 17, si applicano le disposizioni dell'articolo 17, paragrafi 4 e 6.

8 Quali procedure si applicano alle intese relative alle audizioni e per quanto riguarda l’obbligo di notificare alle persone da sentire la data e il luogo del procedimento? Al momento di fissare la data dell’audizione, quanto tempo occorre prevedere affinché la persona da sentire possa essere informata con sufficiente anticipo?

L'ordinanza relativa a un'audizione tramite una rete di comunicazione elettronica viene notificata alle persone convocate contestualmente alla citazione per l'audizione, l'esame o l'ispezione. L'ordinanza relativa a un'audizione tramite una rete di comunicazione elettronica viene inviata senza indugio dall'organo giurisdizionale all'organo giurisdizionale o ad un altro ente che fornisce le strutture dedicate per l'audizione tramite rete di comunicazione elettronica.

La legge CXXX del 2016 non prevede disposizioni speciali in materia di citazioni per audizioni tramite rete di comunicazione elettronica. La citazione a partecipare a un'audizione deve essere inviata in modo da consentire la ricevuta attestante l'avvenuta notifica in conformità con la legge, che deve essere restituita all'organo giurisdizionale prima dell'audizione.

La prima audizione deve essere programmata in maniera tale da garantire che la citazione sia notificata alle parti, come norma generale, almeno quindici giorni prima della data dell'audizione. L'organo giurisdizionale può abbreviare tale termine in caso di urgenza.

In caso di richieste presentate ai sensi dell'articolo 17, si applicano le disposizioni dell'articolo 17, paragrafi 4 e 6.

9 Quali sono i costi collegati all’uso della videoconferenza e quali le modalità di pagamento?

I costi variano e sono a carico dell'autorità giudiziaria richiedente.

10 Quali sono gli eventuali requisiti applicabili per garantire che la persona sentita direttamente dall’autorità giudiziaria richiedente sia a conoscenza del fatto che l’assunzione delle prove viene eseguita su base volontaria?

Ai sensi dell'articolo 17, paragrafo 2, l'autorità giudiziaria richiedente deve informare l'interessato che l'audizione ha carattere volontario.

11 Quali procedure si applicano per verificare l’identità della persona da sentire?

L'identità della persona da interrogare tramite una rete di comunicazione elettronica viene verificata sulla base dei seguenti elementi:

- le informazioni fornite dalla persona in questione al fine di verificare la sua identità e il suo indirizzo; e

- la presentazione, mediante apparecchiature tecniche specificate dalla legge, del suo documento di identità o documento di residenza ufficiale.

Se l'organo giurisdizionale ha ordinato il trattamento riservato dei dati di un testimone, occorre garantire che, durante la presentazione del documento di identità o del documento di residenza ufficiale del testimone, mediante apparecchiature tecniche specificate dalla legge, soltanto il giudice che presiede (o il cancelliere, nel caso in cui l'audizione o l'ispezione sia condotta da un cancelliere) possa vederlo.

L'organo giurisdizionale utilizza inoltre mezzi elettronici o interrogazioni dirette in banche dati per confermare che:

- le informazioni fornite dalla persona esaminata tramite una rete di comunicazione elettronica per verificare la sua identità e il suo indirizzo corrispondono alle registrazioni; e

- il documento d'identità e il documento di residenza ufficiali presentati dalla persona come prova di identità sono validi e corrispondono ai registri.

12 Quali requisiti si applicano alla prestazione di giuramenti e quali informazioni deve fornire l’autorità giudiziaria richiedente quando è richiesto un giuramento durante l’assunzione diretta di prove ai sensi dell’articolo 17?

La legge CXXX del 2016 non prevede giuramenti nel contesto dei procedimenti giudiziari.

13 Quali sono le disposizioni in vigore per garantire che nel luogo in cui si svolge la videoconferenza vi sia una persona da contattare a cui l’autorità giudiziaria richiedente possa rivolgersi il giorno dell’audizione per mettere in funzione le apparecchiature di videoconferenza e per risolvere eventuali problemi tecnici?

La legge CXXX del 2016 prevede la presenza di una persona che abbia la competenza di garantire il funzionamento delle apparecchiature tecniche necessarie agli esami tramite una rete di comunicazione elettronica presso le strutture dedicate.

L'operatore deve assicurarsi che le apparecchiature tecniche per l'audizione siano perfettamente funzionanti prima dell'inizio dell'audizione. Qualora vi siano ostacoli al normale funzionamento delle apparecchiature tecniche, l'operatore segnala senza indugio il malfunzionamento al giudice presente presso i locali dell'audizione e si assicura che il problema sia risolto. Il problema tecnico e le misure adottate vengono quindi segnalati per iscritto al responsabile gerarchico dell'operatore. L'audizione tramite una rete di comunicazione elettronica non può essere avviata o proseguita fino a quando non viene risolto il problema. Se necessario occorre ripetere la fase procedurale in corso nel momento in cui si è verificato il problema o il malfunzionamento delle apparecchiature tecniche utilizzate per l'esame tramite una rete di comunicazione elettronica.

14 Quali eventuali informazioni aggiuntive deve fornire l’autorità giudiziaria richiedente?

In generale, non è necessaria alcuna altra informazione.


La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata al rispettivo punto di contatto della Rete giudiziaria europea (RGE). Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea e l'RGE declinano ogni responsabilità per quanto riguarda le informazioni o i dati contenuti nel presente documento. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.
Gli Stati membri stanno provvedendo ad aggiornare i contenuti delle pagine nazionali di questo sito alla luce dell'uscita del Regno Unito dall'Unione europea. L'eventuale presenza di contenuti che non riflettono tale uscita non è intenzionale e sarà corretta.

Ultimo aggiornamento: 26/10/2020