Chiudi

LA VERSIONE BETA DEL PORTALE È DISPONIBILE ORA!

Visita la versione BETA del portale europeo della giustizia elettronica e lascia un commento sulla tua esperienza sul sito!

 
 

Percorso di navigazione

menu starting dummy link

Page navigation

menu ending dummy link

Assumere prove mediante videoconferenza - Polonia

INDICE

1 È possibile assumere prove tramite videoconferenza con la partecipazione di un’autorità giudiziaria dello Stato membro richiedente, o direttamente da parte di un’autorità giudiziaria dello Stato membro richiedente? In caso affermativo, quali sono le procedure o leggi nazionali applicabili?

In Polonia, le prove possono essere acquisite tramite videoconferenza, a norma degli articoli 10-12 e dell’articolo 17 del regolamento (CE) n. 1206/2001 del Consiglio, del 28 maggio 2001, relativo alla cooperazione fra le autorità giudiziarie degli Stati membri nel settore dell’assunzione delle prove in materia civile o commerciale, nonché in conformità con la Convenzione dell’Aia del 18 marzo 1970 sull’assunzione delle prove all’estero in materia civile e commerciale [Dziennik Ustaw (Gazzetta ufficiale) del 2000, n. 50, punto 582] per gli altri paesi (non soggetti al regolamento).

La videoconferenza è disciplinata dall’articolo 235, paragrafi 2 e 3, del codice di procedura civile e dal regolamento del ministro della Giustizia del 24 febbraio 2010 relativo alle attrezzature e risorse tecniche che consentono l’assunzione delle prove a distanza nell’ambito di procedimenti civili.

2 Vi sono restrizioni relative alla categoria di persone che possono essere sentite in videoconferenza? Ad esempio, possono essere interrogati solo testimoni o anche altre persone, quali esperti o parti in causa?

La legge polacca non impone alcuna limitazione di questo genere: periti, parti e testimoni possono essere ascoltati tramite videoconferenza.

3 Quali sono le eventuali restrizioni sul tipo di prove che possono essere acquisite tramite videoconferenza?

La legge polacca non prevede alcuna particolare limitazione in merito al tipo di prove che possono essere ottenute tramite videoconferenza.

4 Esistono restrizioni circa il luogo in cui la persona dev’essere sentita in videoconferenza? Deve trattarsi di un tribunale?

La legge polacca non prevede alcuna particolare limitazione in merito a dove si deve trovare la persona da ascoltare tramite videoconferenza. Come regola generale, l’audizione si svolge presso il tribunale, fatto salvo l’articolo 17 del regolamento n. 1206/2001 in base al quale il luogo dell’audizione viene determinato dall’autorità giudiziaria richiedente.

5 È consentito registrare le audizioni mediante videoconferenza? In caso affermativo, è disponibile l’apposita apparecchiatura?

La legislazione polacca non prevede disposizioni dettagliate sulla registrazione di audizioni in videoconferenza; spetta al giudice che assume le prove decidere se registrare o meno l’audizione in videoconferenza.

6 In quale lingua devono essere svolte le audizioni a) in caso di richieste presentate ai sensi degli articoli 10, 11 e 12 e b) in caso di assunzione diretta di prove ai sensi dell’articolo 17?

Come regola generale, l’audizione si svolge in polacco. Se la persona ascoltata non capisce polacco, deve essere presente un interprete.

Non ci sono disposizioni particolari relative ad audizioni di cui all’articolo 17, tuttavia quando l’organo centrale concorda l’assunzione diretta delle prove, può imporre all’autorità giudiziaria richiedente di fornire l’interprete.

7 A chi spetta la responsabilità di procurare gli interpreti, in caso di necessità, in entrambi i tipi di audizione? In quale luogo devono operare gli interpreti?

In linea di principio, per le audizioni di cui agli articoli 10-12, l’autorità giudiziaria richiesta deve fornire l’interprete (di norma, a partire dall’elenco degli interpreti giurati). In circostanze eccezionali, tuttavia, il giudice può accettare un interprete proposto da una parte.

Per le audizioni ai sensi dell’articolo 17, quando l’organo centrale impone all’autorità giudiziaria richiedente di fornire l’interprete, l’autorità giudiziaria richiesta assicura la presenza di un interprete.

8 Quali procedure si applicano alle intese relative alle audizioni e per quanto riguarda l’obbligo di notificare alle persone da sentire la data e il luogo del procedimento? Al momento di fissare la data dell’audizione, quanto tempo occorre prevedere affinché la persona da sentire possa essere informata con sufficiente anticipo?

Per le audizioni di cui agli articoli 10-12, l’autorità giudiziaria richiesta notifica al testimone/alla parte l’ora e il luogo dell’audizione almeno 7 giorni prima della data dell’audizione. In circostanze eccezionali, l’autorità giudiziaria richiesta notifica al testimone/alla parte l’ora e il luogo dell’audizione almeno 3 giorni prima della data dell’audizione.

Per le audizioni ai sensi dell’articolo 17, l’organo centrale notifica al testimone/alla parte che ha accettato l’audizione e che quest’ultima può avvenire soltanto su base volontaria, senza l’uso di misure coercitive. Spetta all’autorità giudiziaria richiedente fornire la notifica dell’ora e del luogo dell’audizione.

9 Quali sono i costi collegati all’uso della videoconferenza e quali le modalità di pagamento?

Qualora l’assunzione delle prove utilizzando tecnologie moderne generi costi per l’autorità giudiziaria richiesta, il giudice applica l’articolo 1135¹, paragrafo 3, del codice di procedura civile, il quale prevede che, se l’esecuzione di una richiesta presentata da un tribunale o un’altra autorità di un paese straniero può dare origine a costi connessi con il ricorso a una metodologia diversa da quella prescritta dalla legge polacca, il tribunale non applicherà la richiesta fino a quando il tribunale o tale altra autorità di un paese straniero non avrà effettuato un adeguato pagamento anticipato entro il termine specificato.

10 Quali sono gli eventuali requisiti applicabili per garantire che la persona sentita direttamente dall’autorità giudiziaria richiedente sia a conoscenza del fatto che l’assunzione delle prove viene eseguita su base volontaria?

L’organo centrale notifica al testimone/alla parte che ha accettato l’audizione e che quest’ultima può avvenire soltanto su base volontaria, senza l’uso di misure coercitive.

11 Quali procedure si applicano per verificare l’identità della persona da sentire?

Il tribunale verifica l’identità della persona richiedendole di presentare un apposito documento, come ad esempio carta d’identità, passaporto o patente di guida.

12 Quali requisiti si applicano alla prestazione di giuramenti e quali informazioni deve fornire l’autorità giudiziaria richiedente quando è richiesto un giuramento durante l’assunzione diretta di prove ai sensi dell’articolo 17?

Per le audizioni ai sensi dell’articolo 17, qualora l’autorità giudiziaria richiedente informi l’organo centrale della propria intenzione di assumere delle prove da un testimone sotto giuramento, l’organo centrale può richiedere il testo del giuramento. Se il giuramento è in conflitto con i principi fondamentali della legge del paese richiesto, l’organo centrale ha il diritto di rifiutare di acconsentire all’audizione oppure di richiedere che si utilizzi il testo del giuramento sancito della legge polacca.

13 Quali sono le disposizioni in vigore per garantire che nel luogo in cui si svolge la videoconferenza vi sia una persona da contattare a cui l’autorità giudiziaria richiedente possa rivolgersi il giorno dell’audizione per mettere in funzione le apparecchiature di videoconferenza e per risolvere eventuali problemi tecnici?

Come regola generale, ogni tribunale impiega qualcuno per fare funzionare le apparecchiature tecniche. In caso di problemi è possibile contattare il punto di contatto RGE polacco.

14 Quali eventuali informazioni aggiuntive deve fornire l’autorità giudiziaria richiedente?

In generale, tali ulteriori informazioni non sono richieste ai sensi della legge polacca. Tuttavia, in alcuni casi possono essere necessarie.


La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata al rispettivo punto di contatto della Rete giudiziaria europea (RGE). Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea e l'RGE declinano ogni responsabilità per quanto riguarda le informazioni o i dati contenuti nel presente documento. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Ultimo aggiornamento: 14/03/2017