2 - I MIEI DIRITTI DURANTE IL PROCESSO

Save as PDF

Come posso partecipare al processo?

Quali sono i miei diritti in qualità di testimone?

Sono un minore. Godo di diritti particolari?

Posso ottenere il gratuito patrocinio?

Come posso essere tutelato in caso di pericolo?

Come posso chiedere il risarcimento dei danni a carico dell’imputato o dello Stato?

Esistono opportunità di giungere a una transazione/conciliazione o di avviare una mediazione tra me e l’imputato?

Sono uno straniero. Come vengono tutelati i miei diritti e i miei interessi?

Maggiori informazioni

Come posso partecipare al processo?

Potete partecipare al procedimento anche in qualità di parte civile, presentando una richiesta in tribunale. Il tribunale esamina la vostra richiesta e decide se consentirvi di costituirvi parte civile. In qualità di parte civile potete partecipare a tutte le udienze, anche a quelle private.

Durante il processo i vostri diritti variano a seconda del tribunale che giudica la vostra causa:

  • se l’azione penale viene esercitata da un ufficiale di polizia dinanzi alla Court of Magistrates, vi vengono riconosciuti quasi gli stessi diritti dell’imputato. Voi o il vostro avvocato potete presentare prove, condurre controinterrogatori dei testimoni (ponendo domande mediante l’ufficiale di polizia giudiziaria), ecc.;
  • se l’azione penale viene avviata dal procuratore generale, dal vice procuratore generale o dal pubblico ministero presso il tribunale penale, potete partecipare all’udienza e presentare argomentazioni relative alla pena inflitta solo se la giuria dichiara colpevole l’imputato.

Durante il processo è preferibile, ma non obbligatorio, avvalersi di un avvocato, i cui servizi prevedono il pagamento di un onorario. Dovrete inoltre sostenere tutte le spese legate alla vostra partecipazione al processo (come ad esempio le spese di viaggio, i permessi non retribuiti, ecc.), dato che la legge maltese non prevede il rimborso di tali spese.

Al vostro avvocato sarà consentito esaminare tutti i documenti del fascicolo giudiziario relativo alla vostra causa, prendere annotazioni da esso o chiedere le copie di alcuni documenti. Tuttavia, se la causa viene giudicata dal tribunale penale con la partecipazione di una giuria, l’accesso al fascicolo giudiziario sarà concesso solo al procuratore generale, al presunto autore del reato e al suo avvocato.

Quali sono i miei diritti in qualità di testimone?

Durante il processo sarete probabilmente chiamati a testimoniare. In tal caso riceverete una notifica indicante l’ora e il luogo dell’interrogatorio. La notifica sarà consegnata dalla polizia o verrà inviata per posta. Non siete obbligati a presentarvi all’interrogatorio ma è bene che lo facciate, poiché qualora reputi importante la vostra testimonianza, il tribunale adotterà misure atte a garantire la vostra comparsa all’udienza successiva.

Ciononostante non siete obbligati a rispondere alle domande postevi, né a produrre documenti o elementi che possano incriminarvi.

In alcuni casi potete:

  • essere interrogati senza avere un contatto diretto con l’imputato;
  • essere interrogati nel vostro luogo di residenza; e/o
  • essere inseriti in un programma di protezione dei testimoni.

Sono un minore. Godo di diritti particolari?

Se avete meno di 16 anni e dovete sostenere un interrogatorio durante un’udienza, potete chiedere di essere ascoltati tramite videoconferenza. In tal caso, non siete tenuti a recarvi in tribunale e ad essere presenti in aula.

Se siete minorenni e siete a carico del presunto autore del reato (che, ad esempio, è un vostro genitore), sarete ospitati in un ambiente sicuro, solitamente all’interno di una struttura del ministero per la Solidarietà sociale, in cui riceverete assistenza da parte di psicologi e assistenti sociali.

In quanto minori potete inoltre ricevere assistenza dall’agenzia nazionale di assistenza sociale per i minori e le famiglie in difficoltà Il link si apre in una nuova finestraAppogg. L’assistenza può comprendere consulenza psicologica, assistenza sociale, ecc. Questi servizi sono gratuiti e non sono legati al procedimento penale.

Posso ottenere il gratuito patrocinio?

Durante il processo le persone offese da un reato non possono usufruire del gratuito patrocinio.

Come posso essere tutelato in caso di pericolo?

Se l’imputato non è stato arrestato e vi incute timore, voi o il vostro avvocato potete chiedere all’ufficiale di polizia responsabile della vostra causa di impedirgli di avvicinarsi a voi. Successivamente, l’ufficiale di polizia chiederà al tribunale di emettere un’apposita ordinanza a tal riguardo. Quando il tribunale emette l’ordinanza chiederà all’imputato di versare un determinato importo (di norma compreso tra 100 e 2 300 euro) come garanzia. Se l’imputato viola l’ordinanza del tribunale, tale somma non gli sarà rimborsata.

Se siete stati chiamati a deporre durante l’udienza e ritenete di essere in pericolo, potete chiedere di essere ascoltati senza avere un contatto diretto con l’imputato. Il tribunale può accogliere la vostra richiesta nascondendovi alla vista dell’imputato (ad esempio attraverso una tenda non trasparente) o interrogandovi in videoconferenza, senza prevedere la vostra presenza in aula.

Inoltre, potete chiedere all’ufficiale di polizia responsabile della vostra causa di inserirvi in un programma di protezione dei testimoni. Dovete dichiarare che testimonierete contro l’imputato durante l’udienza in aula. Se ritiene che la vostra testimonianza o altre prove in vostro possesso siano importanti per la causa, l’ufficiale di polizia chiederà al procuratore generale di inserirvi in un programma di protezione dei testimoni. Il programma può riguardare anche i membri della vostra famiglia e altri parenti. Di norma detto programma comprende misure volte a garantire la vostra sicurezza personale e/o a proteggere i vostri beni.

Come posso chiedere il risarcimento dei danni a carico dell’imputato o dello Stato?

Conformemente alla legge maltese, avete il diritto di chiedere il risarcimento dei danni a carico dell’imputato solo se presentate una richiesta di risarcimento a un tribunale civile. Non vi è la possibilità di chiedere il risarcimento dei danni nel quadro del procedimento penale.

Tuttavia, in alcuni casi, il tribunale che giudica la vostra causa può ordinare all’imputato di risarcirvi per i danni causati. Questo può accadere nei due casi seguenti:

  • quando il tribunale condanna l’imputato a una pena detentiva ma rinvia l’esecuzione della pena, può ordinargli di corrispondervi un risarcimento per eventuali perdite o danni arrecati a causa del reato;
  • quando il tribunale dispone per l’imputato la libertà condizionata (misure obbligatorie senza pena detentiva), può ordinargli di corrispondervi un risarcimento danni fino a un importo massimo di 1 164,69 euro.

Se siete stati vittima di atti di violenza subiti dopo il 1° gennaio 2006, potete richiedere il risarcimento finanziario a carico dello Stato. A tal riguardo, consultate la nota informativa della rete giudiziaria europea relativa al risarcimento delle vittime di reati a Malta (presto disponibile in Il link si apre in una nuova finestrainglese e Il link si apre in una nuova finestramaltese).

Esistono opportunità di giungere a una transazione/conciliazione o di avviare una mediazione tra me e l’imputato?

Durante il processo non vi è la possibilità di giungere a una conciliazione o di avviare una mediazione tra voi e l’imputato. Tuttavia, se per qualsiasi motivo non volete più che l’imputato sia perseguito (perché, ad esempio, l’avete perdonato), durante l’udienza potete rilasciare una dichiarazione relativa alla vostra intenzione. Il tribunale terrà conto della vostra dichiarazione al momento di adottare una decisione relativa al vostro caso.

Sono uno straniero. Come vengono tutelati i miei diritti e i miei interessi?

Se siete cittadini stranieri godete di tutti i diritti sopra descritti. La legge maltese non prevede l’interpretazione o la traduzione gratuita dei documenti durante il processo. Tuttavia, potete avvalervi dell’assistenza di un interprete ma dovrete sostenere i costi legati all’offerta dei suoi servizi.

Se risiedete all’estero, il vostro interrogatorio in qualità di testimoni può avvenire mediante teleconferenza o videoconferenza. Inoltre, se dovete ricevere un documento all’estero, otterrete per posta una copia di esso redatta in una lingua di vostra conoscenza, insieme a una descrizione concernente i vostri diritti e i vostri obblighi in relazione a tale documento, nonché la modalità per ottenere la versione originale.

Maggiori informazioni:


La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Ultimo aggiornamento: 20/12/2016