Percorso di navigazione

menu starting dummy link

Page navigation

menu ending dummy link

Formazione giudiziaria europea


La cooperazione transfrontaliera (sia per la cause civili che penali) ha dimostrato che gli atti giuridici europei e i meccanismi ad essi connessi potrebbero essere attuati in maniera più efficiente a beneficio di cittadini e di imprese se ci fosse maggiore:

  • comprensione e fiducia reciproca tra operatori del diritto nei diversi Stati membri dell'UE;
  • conoscenza della legislazione dell'UE e degli strumenti di cooperazione; e
  • comprensione uniforme del diritto dell'UE (in modo da garantire la corretta applicazione nelle cause nazionali).

La formazione giudiziaria europea concerne la formazione degli operatori del diritto in diritto sostanziale e procedurale dell'Unione europea e la loro familiarizzazione con i sistemi giudiziari nazionali degli altri Stati membri. Ciò vale in primo luogo per i giudici e per i procuratori, in quanto responsabili dell'applicazione e del rispetto del diritto dell'Unione europea, ma la formazione giudiziaria è anche importante per altri operatori del diritto: personale di cancelleria, avvocati, ufficiali giudiziari, notai e mediatori. Tutti gli operatori del diritto devono sviluppare competenze per l'attuazione del quadro legislativo europeo, oltre ad una fiducia e comprensione reciproca, per garantire un quadro legislativo certo per le persone e le imprese in cui i diritti sono garantiti e applicati in modo chiaro e coerente.


Formazione giudiziaria

Per la prima volta il trattato di Lisbona ha fornito all'Unione europea una Il link si apre in una nuova finestrabase legale per un'azione concertata, relativa alla formazione giudiziaria europea sia nel settore civile che penale.

Tuttavia gli Stati membri restano principalmente responsabili in questo settore.

Questa sezione sarà completata progressivamente con i contributi degli Stati membri, della Commissione europea e degli operatori del diritto.

Essa fa il punto della situazione vigente relativamente ai seguenti aspetti:

Essa promuove il riutilizzo di:

  • materiale formativo per gli operatori del diritto, formatori e per coloro che forniscono attività di formazione su vari aspetti del diritto dell'UE e schede informative sulle buone pratiche per la formazione degli operatori del diritto ad utilizzo di formatori e di coloro che forniscono attività di formazione.

 

 


Questa pagina è a cura della Commissione europea. Le informazioni contenute in questa pagina non riflettono necessariamente il parere ufficiale della Commissione europea. La Commissione declina ogni responsabilità per quanto riguarda le informazioni o i dati contenuti nel presente documento. Si rinvia all'avviso legale per quanto riguarda le norme sul copyright per le pagine europee.

Ultimo aggiornamento: 12/11/2015