Chiudi

LA VERSIONE BETA DEL PORTALE È DISPONIBILE ORA!

Visita la versione BETA del portale europeo della giustizia elettronica e lascia un commento sulla tua esperienza sul sito!

 
 

Percorso di navigazione

menu starting dummy link

Page navigation

menu ending dummy link

Spese di giudizio per il procedimento per le controversie di modesta entità - Austria

La versione originale in lingua tedesco di questa pagina è stata modificata di recente. La versione linguistica visualizzata è attualmente in fase di traduzione.

 

Non esiste una traduzione ufficiale della versione linguistica che state consultando.
Qui è possibile consultare una versione del testo tradotta automaticamente. Attenzione: la traduzione è fornita esclusivamente a titolo informativo. Il proprietario della pagina non si assume alcuna responsabilità circa la qualità della traduzione automatica.


Introduzione

Quali spese si devono pagare?

Quanto dovrò pagare?

Cosa succede se non pago puntualmente le spese di giudizio?

Come posso pagare le spese di giudizio?

Cosa devo fare dopo il pagamento?

Introduzione

Ai sensi del regolamento (CE) n. 861/2007 che istituisce un procedimento europeo per le controversie di modesta entità, l'atto introduttivo di tale procedimento è denominato Klage (domanda), come previsto anche dal diritto nazionale. Pertanto, il diritto austriaco sulle spese di giudizio non contiene una disposizione nazionale distinta per le domande ai sensi di tale regolamento. La domanda e il successivo procedimento di primo grado rientrano nella Tarifpost 1 (voce di spesa 1) di cui alla Gerichtsgebührengesetz (legge austriaca sulle spese giudiziarie), che si applica a tutti i procedimenti civili nazionali.

Quali spese si devono pagare?

Nei procedimenti relativi alle controversie di primo grado nel contesto del procedimento europeo per le controversie di modesta entità, si applica la voce di spesa 1 della legge sulle spese giudiziarie, in conformità con la nota 1 alla voce di spesa 1 di tale legge. Tale spesa forfettaria è dovuta indipendentemente dal fatto che il procedimento si sia concluso o meno. Una riduzione (a un quarto) si applica soltanto se la domanda viene immediatamente ritirata o respinta prima della notificazione alla parte avversa (nota 3 alla voce di spesa 1 della legge sulle spese giudiziarie). Ai sensi del sistema austriaco delle spese di giudizio, soltanto l'atto con il quale si avvia il procedimento (in questo caso, la domanda nel contesto del procedimento europeo per le controversie di modesta entità) è soggetto ad un contributo nel contesto di procedimenti civili di primo grado. Non sono previste spese di giudizio supplementari per ulteriori procedimenti di primo grado.

A norma dell'articolo 2, primo comma, lettera a), della legge sulle spese giudiziarie, l'obbligo di pagamento delle spese di giudizio sorge quando si presenta domanda presso l'organo giurisdizionale per un procedimento europeo per le controversie di modesta entità. Se l'azione viene successivamente estesa, l'obbligo di pagamento delle spese di giudizio sorge all'atto della presentazione di atti processuali scritti. Nel caso si instauri una trattativa, l'obbligo di pagamento delle spese di giudizio sorge al momento della registrazione dell'estensione della domanda o di una transazione che va oltre l'oggetto della domanda. Le spese giudiziarie vanno pagate in tale momento. Le domande di esenzione dal pagamento delle spese di giudizio devono essere presentate anche a titolo di Verfahrenshilfe (patrocinio a spese dello Stato) al più tardi entro tale data, purché siano soddisfatte le condizioni del caso.

Le domande di riesame ai sensi dell'articolo 18 del regolamento sono gratuite.

Quanto dovrò pagare?

Il calcolo delle spese di giudizio per i procedimenti di primo grado dipende dal valore dell'oggetto della causa (l'importo della controversia come indicato nella domanda o successivamente nell'estensione della domanda) e dal numero delle parti. A titolo illustrativo, si riporta in appresso la tabella completa delle tariffe di cui alla voce di spesa 1 della legge sulle spese giudiziarie (al 1° ottobre 2013; cliccare qui per il testo attuale dell'Il link si apre in una nuova finestraarticolo 32 di tale legge):

Voce di spesa 1

Valore dell'oggetto della causa

Spese di giudizio


non superiore a

150 EUR


22 EUR



superiore a

150 EUR ma non superiore a

300 EUR

43 EUR



superiore a

300 EUR ma non superiore a

700 EUR

61 EUR



superiore a

700 EUR ma non superiore a

2 000 EUR

102 EUR



superiore a

2 000 EUR ma non superiore a

3 500 EUR

163 EUR



superiore a

3 500 EUR ma non superiore a

7 000 EUR

299 EUR



superiore a

7 000 EUR ma non superiore a

35 000 EUR

707 EUR



superiore a

35 000 EUR ma non superiore a

70 000 EUR

1 389 EUR



superiore a

70 000 EUR ma non superiore a

140 000 EUR

2 779 EUR



superiore a

140 000 EUR ma non superiore a

210 000 EUR

4 170 EUR



superiore a

210 000 EUR ma non superiore a

280 000 EUR

5 560 EUR



superiore a

280 000 EUR ma non superiore a

350 000 EUR

6 949 EUR



superiore a

350 000 EUR


1,2% dell'importo della controversia più 2 987 EUR

Se ci sono più di due parti, può essere aggiunto un supplemento per più parti il cui valore può oscillare tra il 10 % e il 50 % ai sensi dell'articolo 19 bis della legge sulle spese giudiziarie.

Cosa succede se non pago puntualmente le spese di giudizio?

In caso di ritardato pagamento, è dovuta una sanzione fissa di 21 EUR (a partire dal 1° ottobre 2013) ai sensi dell'articolo 31 della legge sulle spese giudiziarie. Tuttavia il ritardo nel pagamento delle spese di giudizio non incide in alcun modo sullo svolgimento del procedimento civile in questione. I procedimenti giudiziari non dipendono dal pagamento delle spese di giudizio in quanto si svolgono in piena autonomia.

Il recupero delle spese di giudizio da parte dell'autorità giudiziaria è disciplinato dalla Gerichtliches Einbringungsgesetz (legge austriaca sul recupero dei pagamenti a favore degli organi giurisdizionali). Se, a causa del mancato pagamento, l'autorità giudiziaria deve emettere un'ingiunzione di pagamento (un titolo esecutivo per il recupero delle spese di giudizio) ai sensi dell'articolo 6a della legge sul recupero dei pagamenti a favore degli organi giurisdizionali, si applica un contributo supplementare di 8 EUR (al 1° gennaio 2014).

Come posso pagare le spese di giudizio?

Le modalità di pagamento sono disciplinate dall'articolo 4 della legge sulle spese giudiziarie. A norma dell'articolo 4, le spese di giudizio possono essere pagate con una carta bancomat o tramite carta di credito, mediante depositobonifico bancario sul conto dell'organo giurisdizionale competente oppure mediante un deposito in contanti presso detto organo. Le coordinate bancarie dell'organo giurisdizionale in questione sono disponibili sul sito web del ministero federale della Giustizia [Il link si apre in una nuova finestrahttp://www.justiz.gv.at/, nella scheda Gerichte (organi giurisdizionali)].

Inoltre, tutte le spese di giudizio possono essere versate anche tramite addebito diretto se l'organo giurisdizionale (o, in generale, il sistema giudiziario austriaco) è stato autorizzato a riscuotere le spese di giudizio da un conto notificato dalla parte debitrice di tali spese e a depositarle su un corrente dell'organo giurisdizionale stesso. A tal fine, la domanda (la domanda nel contesto del procedimento europeo per le controversie di modesta entità) deve indicare il conto corrente dal quale riscuotere le spese di giudizio e l'autorizzazione a riscuoterle, ad esempio includendo il riferimento "Gebühreneinzug!" (riscossione di spese) o "AEV!" (regolamento sull'addebito diretto). Per un'autorizzazione limitata, la domanda può altresì indicare l'importo massimo addebitabile [articoli 5 e 6 dell'Abbuchungs- und Einziehungs-Verordnung (regolamento sull'addebito diretto)].

Se si presenta una domanda nel contesto di un procedimento europeo per le controversie di modesta entità utilizzando l'opzione Elektronischer Rechtsverkehr (ERV, sistema austriaco di giustizia elettronica), le spese di giudizio devono essere pagate tramite addebito diretto. In questo caso, non è possibile specificare l'importo massimo addebitabile.

Cosa devo fare dopo il pagamento?

Se le autorità federali hanno il diritto di esigere la corresponsione di spese di giudizio al momento della presentazione della domanda (domanda nel contesto del procedimento europeo per le controversie di modesta entità) e non esiste un'autorizzazione all'addebito diretto, occorre allegare alla domanda la prova del pagamento di tali spese (documento giustificativo del bonifico) (articolo 4 della legge sulle spese giudiziarie). Se il pagamento viene effettuato mediante carta bancomat, carta di credito, deposito o bonifico sul conto dell'organo giurisdizionale competente, oppure tramite addebito diretto sul conto della parte in questione, la Ragioneria federale austriaca informa l'autorità giudiziaria soltanto in una fase successiva della registrazione dei pagamenti effettuati sul conto dell'organo giurisdizionale. Il procedimento relativo alla notificazione delle spese di giudizio si conclude quando viene fornita la prova del pagamento (integrale).

In caso di pagamento in eccesso, è possibile presentare entro cinque giorni una domanda di rimborso delle spese di giudizio versate in eccesso (articolo 6c, primo comma, punto 1, della legge sul recupero dei pagamenti a favore degli organi giurisdizionali).


La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.
Gli Stati membri stanno provvedendo ad aggiornare i contenuti delle pagine nazionali di questo sito alla luce dell'uscita del Regno Unito dall'Unione europea. L'eventuale presenza di contenuti che non riflettono tale uscita non è intenzionale e sarà corretta.

Ultimo aggiornamento: 06/04/2020