Chiudi

LA VERSIONE BETA DEL PORTALE È DISPONIBILE ORA!

Visita la versione BETA del portale europeo della giustizia elettronica e lascia un commento sulla tua esperienza sul sito!

 
 

Percorso di navigazione

menu starting dummy link

Page navigation

menu ending dummy link

Titolo esecutivo europeo - Italia


RICERCA TRIBUNALI/AUTORITÀ COMPETENTI

Lo strumento di ricerca seguente aiuterà a identificare i tribunali/le autorità competenti per uno strumento giuridico europeo specifico. Attenzione: nonostante gli sforzi compiuti per verificare l'accuratezza dei risultati, in casi eccezionali non è stato possibile attribuire la competenza.

Italia

Riconoscimento ed esecuzione di decisioni in materia civile e commerciale - Ingiunzione europea di pagamento


1. Procedure per la rettifica o la revoca (articolo 10, paragrafo 2)

2. Procedure per il riesame (articolo 19, paragrafo 1)

3. Lingue accettate (articolo 20, paragrafo 2, lettera c)

4. Autorità designate al fine di certificare gli atti pubblici (articolo 25)

1. Procedure per la rettifica o la revoca (articolo 10, paragrafo 2)

Il procedimento previsto dalla legge italiana per la rettifica del certificato di titolo esecutivo europeo di cui all’articolo 10, paragrafo 2, è la rettifica di errore materiale. Le norme rilevanti sono gli artt. 287 e seguenti cpc.

Il procedimento di revoca del certificato di titolo esecutivo europeo di cui all’articolo 10, paragrafo 2, ai sensi della legge italiana è la revoca in camera di consiglio. Le norme rilevanti del codice di procedura civile sono gli artt. 737 e seguenti cpc e vanno iniziati con un ricorso di parte; terminano con un decreto collegiale motivato. L'udienza è eventuale.

2. Procedure per il riesame (articolo 19, paragrafo 1)

Il procedimento di riesame di cui all’articolo 19, paragrafo 1, consiste ai sensi della legge italiana nell’impugnazione ordinaria (art. 323 e seguenti cpc: appello e ricorso per cassazione) e straordinaria (art. 395 cpc).

3. Lingue accettate (articolo 20, paragrafo 2, lettera c)

La lingua ammessa ai sensi dell’articolo 20, paragrafo 2, lettera c) è l’italiano.

4. Autorità designate al fine di certificare gli atti pubblici (articolo 25)

L’autorità designata ai sensi dell’articolo 25 è il tribunale.


La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Ultimo aggiornamento: 19/11/2018